Celso Borges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Celso Borges
Celso Borges (vs. DIF, 2014, cropped).jpg
Nome Celso Borges Mora
Nazionalità Costa Rica Costa Rica
Altezza 186 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Squadra Deportivo
Carriera
Squadre di club1
2006-2009 Saprissa 86 (7)
2009-2011 Fredrikstad 72 (29)[1]
2012-2014 AIK 79 (22)
2015- Deportivo 28 (4)
Nazionale
2005 Costa Rica Costa Rica U-17 4 (1)
2007 Costa Rica Costa Rica U-20 3 (0)
2008- Costa Rica Costa Rica 88 (19)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 dicembre 2015

Celso Borges Mora (San José, 27 maggio 1988) è un calciatore costaricano, centrocampista del Deportivo La Coruña e della Nazionale costaricana.

È figlio di Alexandre Guimarães, ex calciatore e allenatore di origine brasiliana, già ct della Costa Rica ai mondiali 2002 e 2006.
Celso Borges è in grado di ricoprire sia il ruolo di centrocampista che quello di attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 18 anni debutta nel Deportivo Saprissa, con cui vincerà cinque titoli nazionali.

Durante il gennaio 2009 si accorda per passare, nel luglio successivo, a parametro zero ai norvegesi del Fredrikstad, tuttavia il trasferimento definitivo avvenne già in quella finestra di mercato dietro il pagamento di un milione di corone al club costaricano[2].

Al suo primo anno in Norvegia, la sua squadra gioca i preliminari di Europa League ma scende in seconda serie a fine campionato. Nonostante la retrocessione (seguita da una risalita immediata) Borges rimane al Fredrikstad per tre stagioni complessive.

Dal gennaio del 2012 si trasferisce, da svincolato, agli svedesi dell'AIK con cui firma un contratto di tre anni e mezzo[3]. Durante la prima metà di stagione in giallonero viene utilizzato da Andreas Alm come attaccante, ma dopo la pausa estiva viene arretrato a centrocampo. Termina l'annata 2012 come miglior marcatore della sua squadra, con 8 reti in campionato e una in Europa League contro il Lech Poznań[4]. In quell'anno l'AIK è arrivato alla fase a gruppi della competizione europea, in un girone con Napoli, PSV e Dnipro. Anche in seguito ha continuato ad essere schierato abitualmente come centrocampista.

Nel gennaio 2015 è stato ufficialmente ceduto agli spagnoli del Deportivo de La Coruña. Borges ha debuttato ne La Liga il 30 gennaio 2015, realizzando la doppietta che ha permesso al Deportivo di vincere sul campo del Rayo Vallecano (1-2)[5].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte di diverse nazionali giovanili, disputando i mondiali Under-17 nel 2005 e quelli Under-20 nel 2007. Ha debuttato con la nazionale maggiore costaricana a 20 anni, il 21 giugno 2008 in occasione del match contro Grenada. Al termine della Gold Cup 2009 è stato inserito fra gli 11 migliori giocatori del torneo[6].

Convocato per i Mondiali di Brasile 2014, Borges ha aperto la lotteria dei rigori sia nell'ottavo di finale vinto contro la Grecia che nel quarto di finale perso contro i Paesi Bassi, realizzando il penalty in entrambe le occasioni.

Viene convocato per la Copa América Centenario negli Stati Uniti.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Saprissa: 2005-2006, 2006-2007, 2007 Apertura, 2008 Clausura, 2008 Apertura

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 76 (34) se si comprendono i playout
  2. ^ FFK signerte «purung Ballack», vg.no, 18 gennaio 2009.
  3. ^ (SV) Bekräftat: AIK värvar landslagsstjärna, aftonbladet.se, 1º gennaio 2012.
  4. ^ (EN) AIK-Lech 3-0, uefa.com, 2 agosto 2012.
  5. ^ (ES) Celso Borges debuta con un doblete y mete en un lío al Rayo, as.com, 30 gennaio 2015.
  6. ^ All-Tournament Team, goldcup.org, 20 giugno 2009.
  7. ^ (ES) Estos son los convocados a la Copa América Centenario, su fedefutbolcr.com, 16 maggio 2016. URL consultato il 17 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]