Sport Club Internacional

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
S.C. Internacional
Calcio Football pictogram.svg
Sport Club Internacional 2009.svg
Colorado, Inter
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px SCI artistico su sfondo Rosso.png Rosso-bianco
Inno Celeiro de Ases
Nélson Silva
Dati societari
Città Porto Alegre
Paese Brasile Brasile
Confederazione CONMEBOL
Federazione Flag of Brazil.svg CBF
Campionato Brasileirão Série A
Fondazione 1909
Presidente Brasile Giovanni Luigi
Allenatore Brasile Abel Braga
Stadio José Pinheiro Borda (Gigante da Beira-Rio)
(56.000 posti)
Sito web www.internacional.com.br
Palmarès
CBF - Brazilian Championship.svgCBF - Brazilian Championship.svgCBF - Brazilian Championship.svg CBF - Brazilian Cup.svg Gold medal southamerica.svgGold medal southamerica.svg CONMEBOL - Copa Sudamericana.svg CONMEBOL recopa trophy.svgCONMEBOL recopa trophy.svg FIFA Club World Cup.svg
Titoli del Brasile 3
Coppa del Brasile 1
Trofei nazionali 43 Campionati Gaúchi
Trofei internazionali 2 Coppe Libertadores
1 Coppe Sudamericane
2 Recope Sudamericane
1 Coppe del mondo per club
1 Coppa Suruga Bank
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Sport Club Internacional, conosciuto come Internacional, Inter e in Italia come Internacional di Porto Alegre, è una società calcistica della città di Porto Alegre, nella regione del Rio Grande do Sul, in Brasile.

Fondata il 4 aprile 1909, la società gioca le partite casalinghe nello "Stadio José Pinheiro Borda", conosciuto e chiamato solitamente come "Stadio Gigante da Beira-Rio", che ha una capienza di 56.000 spettatori. I colori sociali sono il rosso e il bianco: maglia rossa, calzoncini bianchi e calzettoni bianchi

L'Internacional ha una grande rivalità con il Grêmio, squadra della stessa città, e il derby a cui danno vita è noto come "Gre-Nal".

Il maggiore successo del club risale al 2006, quando diventò campione del mondo battendo il Barcellona a Yokohama nella finale del Mondiale per club 2006. È l'unico club brasiliano – e l'unico in Sudamerica – ad avere vinto tutte e cinque le competizioni per club attualmente vigenti a livello internazionale (Copa Libertadores, Copa Sudamericana, Recopa Sudamericana, Coppa Suruga Bank e la Coppa del mondo per club FIFA).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondazione e i primi cinquant'anni[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni del XX secolo tre ragazzi di San Paolo, i fratelli Henrique e José Poppe Leão, insieme a Luiz Madeira Poppe, appena arrivati a Porto Alegre, desideravano poter giocare a calcio. Non vennero ammessi in nessuna squadra della città, e così decisero di fondare un loro club.

Henrique Poppe Leão, uno dei fondatori del club.

Nella notte di lunedì 4 aprile 1909, nel seminterrato di una casa, 40 ragazzi (il doppio delle persone attese alla riunione), guidati dai tre già nominati, fondarono lo Sport Club Internacional. Poppe Leão aveva già fondato un Internacional a San Paolo: benché avessero lo stesso nome e gli stessi colori, le due squadre non erano collegate. Gli anni Quaranta sono stati notevoli per il club: la formazione denominata Rolo Compressor (rullo compressore) dominò la scena a livello statale, ottenendo otto campionati del Rio Grande do Sul. Quella squadra incluse alcuni degli elementi di spicco della storia del club, tra cui Alfeu, Tesourinha, Abigail, Carlitos e Adãozinho. Il termine "Rolo Compressor" fu coniato per rappresentare la forza con cui l'Internacional superasse i club avversari. La società portoalegrense fornì inoltre la maggior parte dei convocati per la Nazionale che vinse il Campionato Panamericano 1956, tenutosi in Messico.

Negli anni Sessanta si decise di abbandonare lo stadio Eucaliptos, oramai inadeguato a contenere il numero di sostenitori del club: il 6 aprile 1969, dopo dieci anni di lavori, venne inaugurato lo Stadio Beira-Rio.

Anni '70 e '80[modifica | modifica sorgente]

Nel 1975, l'Internacional divenne la prima squadra di Rio Grande do Sul ad aggiudicarsi il campionato brasiliano, permettendo al calcio gaúcho di oltrepassare le frontiere statali con uno storico 1-0 (rete di Elías Figueroa) sul Cruzeiro, squadra del Minas Gerais, al Gigante da Beira-Rio. Inoltre fu al Beira-Rio che l'Internacional divenne due volte campione di Brasile, nel 1976 contro il Corinthians, vincendo per 2-0.

Nel 1979, l'Internacional divenne la prima e unica squadra a vincere il campionato brasiliano senza subire neanche una sconfitta. L'ultima gara, quella decisiva, fu una vittoria sul Vasco da Gama col punteggio di 2-1. Le vittorie proseguirono l'anno dopo a livello internazionale: nel 1980 la squadra riuscì a raggiungere le finali di Coppa Libertadores, perdendo però contro il Nacional Montevideo.

Anni '90[modifica | modifica sorgente]

Nel 1992, con una vittoria per 1-0 sulla Fluminense al Beira-Rio, l'Internacional mise in bacheca la Coppa del Brasile. Grazie a questo successo i portalegrensi guadagnarono il diritto di partecipare alla Coppa Libertadores 1993. Dopo tre pareggi, tre sconfitte e nessuna vittoria in un girone con Flamengo (Brasile), America de Cali e (entrambe squadre colombiane), l'Internacional venne però eliminato al primo turno. Sarebbero dovuti passare 13 anni prima che i Colorados tornassero a giocare nella Libertadores.

Ultimo decennio[modifica | modifica sorgente]

Il club andò vicino alla retrocessione per due volte, nel 1999 e nel 2002. Nella prima occasione, la partita della possibile salvezza era contro il Palmeiras, nello stadio Gigante da Beira-Rio. Quella partita è degna di menzione in quanto, dopo il gol dell'Internacional, sparirono quasi tutti i palloni nello stadio, il che causò numerose interruzioni e conseguenti perdite di tempo. La gara si chiuse 1-0 e l'Internacional rimase in Série A.

Nella seconda occasione, nel 2002, la squadra doveva giocare una gara decisiva contro il Paysandu a Belém; l'Internacional riuscì a vincere per 2-0, mantenendo il proprio posto in massima serie.

Nel 2005 l'Internacional giunse secondo nel campionato brasiliano, pareggiando il match decisivo con il Corinthians all'ultimo turno, dopo una stagione controversa che aveva visto annullate diverse partite truccate per uno scandalo scommesse. Nel 2006, l'Internacional si è aggiudicato i più importanti titoli della sua storia: la Coppa Libertadores e il Coppa del mondo per club 2006 (battuto il Barcellona 1-0 a Yokohama). Vincendo la Recopa Sudamericana l'anno dopo, l'Internacional si è assicurato un treble (Recopa, Mondiale e Coppa Libertadores).

La prima vittoria della Libertadores[modifica | modifica sorgente]

Il 16 agosto 2006, l'Internacional riuscì ad assicurarsi un pareggio contro i connazionali del San Paolo nella gara di ritorno della finale di Coppa Libertadores, venendo incoronato campione del Sud America per la prima volta nella sua storia.

Il cammino incluse otto vittorie, cinque pareggi e una sola sconfitta, contro gli ecuadoriani del LDU nei quarti di finale. Per vincere il titolo, l'Internacional dovette sconfiggere, tra gli altri, due club che avevano vinto il torneo tre volte - gli uruguagi del Nacional e il San Paolo, campioni in carica.

Al Morumbi, Rafael Sóbis andò a segno due volte nel secondo tempo prima che il difensore Edcarlos segnasse per il San Paolo. L'Internacional aveva bisogno soltanto di un pareggio nella gara di ritorno in casa: difatti riuscì a sfruttare al meglio il vantaggio casalingo e si qualificò per il Mondiale per club, da giocare in dicembre in Giappone.

L'attaccante Fernandão, che, insieme a Tinga, aveva segnato nella finale al Beira-Rio, fu uno dei 14 giocatori che chiusero come capocannonieri della Libertadores con cinque reti. Venne votato migliore in campo nella gara contro il San Paolo e si portò a casa la Toyota Corolla data come premio dallo sponsor Toyota. Fernandão mise l'auto all'asta e diede il denaro raccolto ad organizzazioni benefiche.

Campioni del mondo[modifica | modifica sorgente]

Il deputato Beto Albuquerque e il presidente del Brasile Lula con la maglia celebrativa della vittoria nella Coppa del mondo per club FIFA 2006

Con la vittoria nella Libertadores, l'Internacional si guadagnò un posto per i Campionato mondiale per club FIFA 2006, insieme agli altri campioni continentali del Barcellona (Spagna), del América (Messico), dell'Al-Ahly (Egitto), dello Jeonbuk Motors (Corea del Sud) e dell'Auckland City (Nuova Zelanda).

Dopo un turno preliminare tra i campioni d'Asia, d'Africa, d'Oceania e di Centro-Nord America, l'Internacional venne accoppiato per giocare la semifinale con gli egiziani dell'Ahly. I brasiliani segnarono con Alexandre Pato ma concessero il pareggio nel secondo tempo. Il sostituto Luiz Adriano riuscì però a segnare il gol della vittoria portando la squadra in finale contro il Barcellona. Gli spagnoli erano arrivati in finale dopo un 4-0 sul Club América.

A quattro anni di distanza da quel successo, l'Internacional si è assicurata la possibilità di replicarlo, ottenendo la qualificazione al Mondiale per club prima ancora di disputare la finale di Coppa Libertadores, vista l'impossibilità per gli avversari, i messicani del Chivas Guadalajara, di poter rappresentare la CONMEBOL nel Mondiale per club FIFA.[1] Il 18 agosto arriva comunque la conquista della seconda Coppa Libertadores, dopo aver battuto il Chivas sia all'andata (2-1) che al ritorno a Porto Alegre (3-2). La difesa del titolo mondiale conquistato quattro anni prima però non riesce: l'Internacional, infatti, viene eliminato dalla Coppa del mondo per club FIFA 2010 (vinta dall' Internazionale di Milano) in semifinale dal TP Mezembe per 2-0: per la prima volta nella storia, la finale di Coppa del mondo per club non viene giocata da un club sudamericano.

Il 10 aprile 2011, dopo il licenziamento di Celso Roth, viene ingaggiato come allenatore Paulo Roberto Falcão che aveva già giocato con i Colorado dal 1973 al 1979[2].

Colori e simbolo[modifica | modifica sorgente]

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma ufficiale dell'Internacional presenta le iniziali SCI in bianco, intersecate su sfondo rosso. Il logo è sormontato da sei stelle: cinque sono dorate e simboleggiano le vittorie dei tre campionati brasiliani, della Coppa di Brasile e della Coppa Libertadores, mentre la sesta, più grande e color argento, è posizionata sopra le altre e ricorda la conquista della Coppa del mondo per club 2006.[3]

Bandiera[modifica | modifica sorgente]

La bandiera ufficiale del club è rettangolare ed è divisa, dall'angolo superiore del lato dell'asta all'angolo inferiore opposto, in due triangoli rettangoli. Il triangolo con la base sull'asta è rosso, e riporta lo stemma ufficiale e la data di fondazione (1909), mentre quello con la base sul bordo esterno è bianco.[4]

Inno[modifica | modifica sorgente]

L'inno ufficiale del club e della tifoseria si intitola Celeiro de Ases (che significa "Fabbrica di Assi"). Venne composto nel 1957 da Nélson Silva, compositore carioca che abitava a Porto Alegre.[5]

Mascotte[modifica | modifica sorgente]

La mascotte della squadra è il saci, un personaggio del folclore brasiliano.[6]

Stadio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Beira-Rio.

L'attuale stadio dell'Internacional è il José Pinheiro Borda, detto Stadio Beira-Rio o Gigante da Beira-Rio. Inaugurato nel 1969, ha una capacità massima di 56.000 spettatori. Il Beira-Rio ha rimpiazzato l'Estádio dos Eucaliptos, impianto che tra l'altro ospitò due gare dei Mondiali 1950. Il Beira-Rio è ritenuto uno degli stadi che ospiterà di sicuro delle gare nell'eventualità di una Coppa del Mondo da giocare in Brasile nel 2014.

Inaugurazione[modifica | modifica sorgente]

Lo stadio Gigante da Beira-Rio venne inaugurato nel sereno pomeriggio di domenica 6 aprile 1969, con una partita vinta dall'Internacional 2-1 sui portoghesi del Benfica. I tifosi dell'Internacional aiutarono a edificare lo stadio, trasportando cemento, scatole di chiodi, barre di metallo e mattoni: la fatica della gente fu essenziale nella costruzione dell'impianto. Nei primi tempi, lo stadio poteva contenere più di 90.000 spettatori; ora, con la moderna regolamentazione FIFA, la capacità è di circa 58.306 tifosi.

Il Centro Sportivo[modifica | modifica sorgente]

Insieme allo stadio, il club possiede anche il Centro Sportivo di Beira-Rio, che include campi di allenamento, il palazzetto di Gigantinho e il centro nautico. Le squadre di ogni categoria lavorano insieme: in tal modo, per esempio, anche i giocatori under-15 possono intrattenersi con i propri idoli della prima squadra. Il centro sportivo comprende anche ristoranti, quartieri generali dei giocatori, sale per l'allenamento specifico, negozi, un museo, stanze per il consiglio di amministrazione, zone per le riunioni, per il marketing e per le telefonate, un parcheggio e una banca. Ha anche uno degli spogliatoi meglio equipaggiati del Brasile, uno dei più completi e lussuosi nel mondo, inaugurato nel 2004.

Il Gigantinho è il più grande palazzetto sportivo di proprietà di un club nel paese. Ha una capacità di 18.000 persone e perfette condizioni di sicurezza, di acustica e di luminosità per ogni tipo di evento, come concerti musicali o concorsi pubblici.


Rosa 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

N. Ruolo Giocatore
1 Brasile P Muriel
Brasile P Dida
13 Brasile P Agenor
22 Brasile P Alisson
3 Brasile D Índio
4 Brasile D Juan
14 Brasile D Fabrício
15 Brasile D Ednei
20 Brasile D Jackson
25 Brasile D Ronaldo
28 Brasile D Romário Leiria de Moura
36 Brasile D Alan
39 Brasile D Cláudio Winck
Brasile D Paulão
6 Brasile C Airton
N. Ruolo Giocatore 600px Rosso e Bianco.png
8 Brasile C Willians
10 Argentina C Andrés D'Alessandro (C)
12 Brasile C Alex
19 Brasile C Alan Patrick
21 Brasile C Ygor
27 Brasile D Josimar Jr.
33 Brasile A Otávio
7 Cile C Charles Aránguiz
Argentina C Carlos Luque
9 Brasile A Wellington Paulista
11 Brasile A Rafael
17 Brasile A Caio
29 Brasile A Jorge Henrique
32 Brasile A Maurides
37 Brasile A Mike


Staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

Prima squadra[modifica | modifica sorgente]

  • Dunga – Allenatore
  • Leomir, Robertinho – Assistenti allenatore
  • Ilo Roxo – Allenatore portieri
  • Dudu – Preparatore
  • Carlos Poisl, Luciano Ramires, Luiz Crescente – Medici sociali
  • César Abs, Túlio Menesez – Fisioterapisti
  • Paulo Renato Avis da Silva (Banha), Juarez Quintanilha – Massaggiatori

Squadra B[modifica | modifica sorgente]

  • Luiz Carlos de Lorenzi (Lisca) – Allenatore
  • Hilário Melo – Preparatore

Squadra Under-20[modifica | modifica sorgente]

  • Marcelo Estigarribia – Allenatore
  • Daniel Pavan – Allenatore portieri

Squadra Under-18[modifica | modifica sorgente]

  • Osmar Loss – Allenatore
  • André Volpe – Preparatore
  • Leonardo Corbellini – Allenatore portieri
  • André Jardine – Assistente tecnico

Rosa 2008[modifica | modifica sorgente]

N. Ruolo Giocatore
12 Brasile P Clemer
2 Brasile C Wellington Monteiro
3 Brasile D Índio
4 Uruguay D Gonzalo Sorondo
5 Argentina C Pablo Guiñazú
6 Brasile D Marcão
7 Brasile A Daniel Carvalho
8 Brasile C Edinho
9 Brasile A Nilmar
10 Brasile C Alex
11 Brasile C Magrão
13 Brasile D Bolívar
14 Brasile D Danny Morais
15 Argentina C Andrés D'Alessandro
16 Brasile D Gustavo Nery
17 Brasile C Andrezinho
18 Brasile C Rosinei
19 Brasile A Luiz Carlos
N. Ruolo Giocatore 600px Rosso e Bianco.png
20 Brasile C Taison
21 Brasile D Ricardo Lopes
22 Brasile P Ricardo
23 Brasile D Ramon
24 Brasile D Álvaro
25 Brasile A Adriano
Brasile P Agenor
Brasile P Luiz Carlos
Brasile P Muriel
Brasile D Ângelo
Colombia D Rubén Bustos
Brasile D Jonas
Colombia D Andrés Orozco
Brasile D Titi
Brasile C Derley
Brasile C Ji-Paraná
Brasile C Maycon
Brasile A Guto

Giocatori celebri[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori dello S.C. Internacional.

Elenco dei Craques Colorados dal sito ufficiale.[7]

Allenatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dello S.C. Internacional.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Titoli statali[modifica | modifica sorgente]

1927, 1934, 1940, 1941, 1942, 1943, 1944, 1945, 1947, 1948, 1950, 1951, 1952, 1953, 1955, 1961, 1969, 1970, 1971, 1972, 1973, 1974, 1975, 1976, 1978, 1981, 1982, 1983, 1984, 1991, 1992, 1994, 1997, 2002, 2003, 2004, 2005, 2008, 2009, 2011, 2012, 2013, 2014
1913, 1914, 1915, 1916, 1917, 1920, 1922, 1927, 1934, 1936, 1940, 1941, 1942, 1943, 1944, 1945, 1947, 1948, 1950, 1951, 1952, 1953, 1955, 1972

Titoli nazionali[modifica | modifica sorgente]

1975, 1976, 1979
1992

Titoli internazionali[modifica | modifica sorgente]

2006, 2010
2006
2007, 2011
2008
2009

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Coppa Libertadores 2006[modifica | modifica sorgente]

Fase a gironi
Ottavi di finale
Quarti di finale
Semifinali
Finali

Coppa Libertadores 2010[modifica | modifica sorgente]

Fase a gironi
Ottavi di finale
Quarti di finale
Semifinali
Finali

Record[modifica | modifica sorgente]

Record individuali[modifica | modifica sorgente]

Record di presenze
Record di reti


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chivas-Internacional: finale incerta, esito scontato, www.lechampions.it. URL consultato il 12 agosto 2010.
  2. ^ (PT) Falcão será apresentado nesta segunda à tarde in internacional.com.br, 10 aprile 2011. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  3. ^ (PT) Símbolos: O Escudo, www.internacional.com.br. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  4. ^ (PT) Símbolos: A Bandeira, www.internacional.com.br. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  5. ^ (PT) A História do Hino, www.internacional.com.br. URL consultato il 15 dicembre 2008.
  6. ^ (PT) O Saci, www.internacional.com.br. URL consultato il 6 novembre 2013.
  7. ^ (PT) Craques Colorados, www.internacional.com.br. URL consultato il 15 dicembre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]