Lipari (comune)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lipari
comune
Lipari – Stemma Lipari – Bandiera
Panorama del centro abitato di Lipari
Panorama del centro abitato di Lipari
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Provincia Provincia di Messina-Stemma.png Messina
Amministrazione
Sindaco Marco Giorgianni (centrosinistra) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 38°28′00″N 14°57′00″E / 38.466667°N 14.95°E38.466667; 14.95 (Lipari)Coordinate: 38°28′00″N 14°57′00″E / 38.466667°N 14.95°E38.466667; 14.95 (Lipari)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 89,72[1] km²
Abitanti 12 500[2] (31-12-2013)
Densità 139,32 ab./km²
Frazioni Acquacalda, Alicudi, Canneto, Filicudi, Ginostra, Panarea, Pianoconte, Quattropani, Stromboli, Vulcano
Altre informazioni
Cod. postale 98055, 98052, 98050
Prefisso 090
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 083041
Cod. catastale E606
Targa ME
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti liparesi o liparoti
Patrono San Bartolomeo
Giorno festivo 24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lipari
Posizione del comune di Lipari nella provincia di Messina
Posizione del comune di Lipari nella provincia di Messina
Sito istituzionale

Lìpari (Lipari in siciliano) è un comune italiano di 12.500 abitanti della provincia di Messina in Sicilia.

Il suo territorio comunale si estende su sei delle sette Isole Eolie: Lipari, Vulcano, Panarea, Stromboli, Filicudi, Alicudi. Solo l'isola di Salina è amministrativamente autonoma.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isole Eolie e Vulcanismo di Lipari.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica dell'isola di Stromboli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Lipari.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il Simbolo dell'isola di Lipari è un decoro del periodo barocco, caratteristico degli angoli dei balconi in ferro battuto, a cui viene tradizionalmente attribuito un importante potere protettivo. È rappresentato da due spade normanne che tagliano i quattro venti (raffigurate nei punti cardinali da mezzelune arabe), unite da un chiodo centrale (o "grande spillo"). A quest'ultimo risale la traccia del decoro barocco che ornava gli scudi degli spagnoli.

Il centro abitato di Lipari con il castello

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Castello di Lipari e Architettura eoliana.


Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Queste sono alcune delle chiese più importanti di Lipari:

  • 1094, "Cattedrale di San Bartolomeo".
  • XVI secolo, "Chiesa di Santa Caterina d'Alessandria", Cittadella al Castello.
  • XVII secolo, "Chiesa di Maria Santissima Addolorata", Cittadella al Castello.
  • XVIII secolo, "Chiesa di Maria Santissima Immacolata", Cittadella al Castello.
  • XVIII secolo, "Chiesa di Maria Santissima delle Grazie", Cittadella al Castello.
  • XIII secolo, "Chiesa delle Anime del Purgatorio", Marina Corta.
  • 838, "Chiesa di San Bartolomeo Extra-moenia" o "Chiesa di Sant'Agatone Extra-moenia".
  • ?, "Chiesa di Sant'Antonio".
  • ?, "Chiesa del Rosario" o "Chiesa del Pozzo".
  • ?, "Chiesa di Maria Santissima di Portosalvo".
  • ?, "Chiesa dei Cappuccini".
  • ?, "Chiesa di Santa Lucia".
  • ?, "Chiesa dell'Ecce Homo".
  • ?, "Chiesa di San Pietro".
  • ?, "Chiesa di Sant'Antonio Abate".
  • ?, "Chiesa di San Giuseppe".
  • ?, "Chiesa di Sant'Anna".
  • ?, "Chiesa della Maddalena".


Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • XI secolo, "Castello di Lipari", costruito su preesistenti insediamenti preistorici del neolitico, dell'età dei metalli, dell'età del bronzo e dell'età ellenistica, greci, romani.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 701 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 183 1,62%

Distribuzione del gruppo siciliano

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua siciliana e Dialetto eoliano.

Oltre alla lingua ufficiale italiana, a Lipari si parla la lingua siciliana nella sua variante eoliana. La ricchezza di influenze del siciliano, appartenente alla famiglia delle lingue romanze e classificato nel gruppo meridionale estremo, deriva dalla posizione geografica dell'isola, la cui centralità nel mar Mediterraneo ne ha fatto terra di conquista di numerosi popoli gravitanti nell'area mediterranea.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio dell'isola di Stromboli

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Lipari[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ciascuna delle sei isole che compongono il comune di Lipari è una frazione riconosciuta a sé stante, ognuna a sua volta composta piccole borgate:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Amministrazione Comunale è composta dal Sindaco Marco Giorgianni eletto e proclamato il 7 maggio 2012 e 4 quattro Assessori nominati e attualmente in carica: Gaetano Orto, Giovanni Sardella, Tiziana De Luca e Davide Starvaggi

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Lipari fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.11 (Isole di Lipari)[4].

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2011. URL consultato il 22 maggio 2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2013.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008. URL consultato il 4 agosto 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia