Jim Carrey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James Eugene Redmond Carrey, più noto come Jim Carrey (Newmarket, 17 gennaio 1962), è un attore, comico, doppiatore e produttore cinematografico canadese naturalizzato statunitense. Interprete versatile, nella sua carriera ha interpretato una grande varietà di ruoli, in film drammatici e impegnati, oltre a quelli comici che lo hanno reso famoso. Ha raggiunto la celebrità per le sue performance in commedie come il dittico Ace Ventura - L'acchiappanimali (1994) e Ace Ventura - Missione Africa (1995), Scemo & + scemo (1994), The Mask - Da zero a mito (1994), Batman Forever (1995) e Bugiardo Bugiardo (1997). Carrey è tuttavia apprezzato anche per ruoli drammatici come in The Truman Show (1998), Man on the Moon (1999), The Majestic (2001), Se mi lasci ti cancello (2004) e Number 23 (2007).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Firma di Jim Carrey

Figlio di Percy e di Kathleen Carrey, Jim è nato nel 1962 nella città di Newmarket, non lontano da Toronto, ed ha tre fratelli più grandi: John, Patricia e Rita. La sua famiglia paterna è cattolica ed ha radici francesi (il loro cognome originario era Carré), mentre la madre ha origini scozzesi, irlandesi e francesi.

La sua carriera iniziò come commediante: all'età di dieci anni mandò il suo curriculum al The Carol Burnett Show. Perfino i suoi insegnanti di liceo alla fine di ogni giornata di scuola gli lasciavano qualche minuto per un'esibizione alla maniera dei cabaret.

Quando i suoi genitori si ritrovarono in ristrettezze economiche, la famiglia Carrey si trasferì nei sobborghi di Toronto. Jim frequentò la Blessed Trinity Catholic School di New York per due anni, per poi passare alla Agincourt Collegiate Institute. Per un certo periodo di tempo la famiglia visse addirittura in un furgone Volkswagen parcheggiato nel giardino di un parente a causa delle loro profonde difficoltà economiche.[1]

Il debutto come comico[modifica | modifica wikitesto]

La stella di Jim Carrey nella Canada's Walk of Fame

Jim lasciò la scuola all'età di 16 anni per dedicarsi alla carriera di comico nei club imitando celebrità come Michael Landon e James Stewart. Nel 1979, diciassettenne, si trasferì a Los Angeles dove lavorò nel The Comedy Store quando il comico Rodney Dangerfield lo notò. Il suo modo di recitare lo impressionò talmente che assunse Jim come comico all'inizio dei suoi spettacoli.

Jim iniziò poi a interessarsi all'industria televisiva dello spettacolo. Fece un'audizione per partecipare allo show Saturday Night Live all'epoca in cui cercavano nuovi membri del cast per la stagione 1980-1981, ma non fu preso.

Il suo primo ruolo da protagonista in televisione fu Skip Tarkenton, nel programma The Duck Factory.

Carrey continuò la sua carriera facendo piccole parti in alcuni film e in televisione che alla fine lo portarono a stringere amicizia con il comico Damon Wayans. I due parteciparono come co-protagonisti nel film Le ragazze della terra sono facili. Il fratello di Wayans, Keenen, volle inserire Carrey con uno sketch nello show ideato per la Fox intitolato In Living Color.

I suoi personaggi insoliti, inclusa la palestrata Vera de Milo e il masochistico ispettore di sicurezza Fire Marshall Bill (i cui suggerimenti per la sicurezza pericolosi e imprudenti furono bersagliati dalla censura perché potevano indurre i telespettatori più piccoli a imitarne i comportamenti), e il suo stesso modo di fare davanti alle telecamere lo hanno portato al centro dell'attenzione statunitense (e hollywoodiana).

La carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Con Introducing... Janet (1983), Jim debutta sugli schermi cinematografici. Nel 1985 interpreta Mark Kendall, un giovane adolescente vergine inseguito da una vampira di 400 anni (Lauren Hutton), nella horror/commedia Se ti mordo... sei mio.

Sempre nel 1985, ebbe una piccola parte nel film comico/drammatico di Francis Ford Coppola Peggy Sue si è sposata. Nel 1988 interpreta il ruolo del rocker Johnny Squares in Scommessa con la morte con Clint Eastwood, ultimo film della pentalogia dedicata all'ispettore Harry Callaghan.

Nel 1989 recita nel film comico/demenziale Le ragazze della terra sono facili, assieme ad altri due attori molto conosciuti: Jeff Goldblum e Damon Wayans.

Il successo internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994, con il film Ace Ventura - L'acchiappanimali ottenne il primo assaggio di popolarità a livello mondiale. Il film, stroncato dalla critica[2] tanto che Carrey ricevette una nomination al Razzie Award come peggior attore esordiente del 1994, ebbe notevoli incassi ai botteghini sia negli Stati Uniti (oltre 70 milioni di dollari)[2] che in Italia.[3]

Nello stesso anno, escono nelle sale cinematografiche altri due film:The Mask - Da zero a mito, che incassa 23 milioni di dollari nella prima settimana di programmazione solo negli Usa[4][5] e Scemo & + scemo, altro film comico-demenziale che accrebbe notevolmente la popolarità di Carrey.[6][7]

Nel 1995 Carrey interpretò l'Enigmista in Batman Forever[8] e ritornò nei panni di Ace Ventura in Ace Ventura - Missione Africa.[9]

Nel 1996 interpreta il ruolo principale nel film Il rompiscatole, diretto da Ben Stiller.

Nel 1997 con Bugiardo bugiardo, film di successo per famiglie nel quale Carrey interpreta un avvocato costretto a dire solo la verità,[10] diventa il primo attore comico a ricevere un compenso di 20 milioni di dollari per l'interpretazione.[11][12]

The Truman Show e i ruoli drammatici[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il successo nelle commedie, Carrey volle interpretare, accettando una somma molto più bassa rispetto al suo cachet, The Truman Show (1998), film drammatico[13] per il quale gli fu conferito un Golden Globe come miglior attore protagonista.[14]

Nel 1999 Carrey si aggiudica il ruolo di Andy Kaufman nel film Man on the Moon. Molti altri attori erano interessati alla parte, compreso Edward Norton, ma Carrey strabilia tutti recitando con i bonghi che Kaufman utilizzava nelle sue performance, e ottiene la parte.[15] Per coincidenza, i due sono nati lo stesso giorno (17 gennaio) e condividono uno stile di comicità simile, gestuale e sopra le righe. Con l'interpretazione nel ruolo di Kaufman, Carrey si aggiudica un secondo Golden Globe nel 2000.

Nel 2000 torna sugli schermi con i fratelli Farrelly (registi di Scemo & + scemo) nella commedia Io, me & Irene, interpretando il ruolo di un agente affetto da schizofrenia che s'innamora di una donna (Renée Zellweger). Nel novembre dello stesso anno esce il film campione d'incassi[16] Il Grinch, film-favola in cui Carrey interpreta un orco impegnato a sabotare le festività natalizie.[17]

Nel 2001 esce The Majestic, scritto da Michael Sloane, e diretto da Frank Darabont. Ambientato negli anni cinquanta, Carrey interpreta uno sceneggiatore cinematografico vittima della persecuzione di McCarthy, il quale perde la memoria e finisce in un paese dove lo scambiano per un eroe di guerra.[18] Debitore dei film di Frank Capra, il film ha ottenuto poco riscontro dal pubblico nonostante l'ottima prova recitativa di Carrey.

Le impronte delle mani di Jim Carrey alla Leicester Square di Londra

Nel 2003 Jim torna a lavorare sotto la regia di Tom Shadyac nella commedia Una settimana da Dio[19] che guadagna più di 242 milioni di dollari in USA ed altrettanto nel resto del mondo, totalizzando ben 484.592.874 dollari d'incasso.

Nel 2004 accetta di partecipare al film Se mi lasci ti cancello il cui copione poco commerciale[20] fece ottenere uno scarso riscontro di pubblico, ma è stato molto apprezzato dalla critica. Il film ottenne un Academy Award come miglior sceneggiatura originale ed altre due nomination per Kate Winslet agli Oscar come miglior attrice e Carrey ai Golden Globe come miglior attore.

Sempre nel 2004 interpreta il cattivo Conte Olaf nel film Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi, produzione da 148 milioni di dollari[21] basata sui primi tre volumi dell'omonima saga di romanzi per bambini.

Nel 2005 Carrey interpreta il divertente remake di Non rubare se non è strettamente necessario, nella parte di Dick, un marito sfortunato che perde il lavoro dopo che la sua compagnia va in bancarotta.[22] Il film, uscito in Italia come Dick e Jane - Operazione furto,[23] incassa 200 milioni di dollari in tutto il mondo.

Nel 2007 Carrey ritrova il regista di Batman Forever, Joel Schumacher, per Number 23, un thriller psicologico con Virginia Madsen e Danny Huston. Nel film, Carrey è un uomo ossessionato da un oscuro libro che ritiene in qualche modo basato sulla sua vita.[24]

Le ultime produzioni[modifica | modifica wikitesto]

Jim Carrey alla prima di Yes Man (2008)

Il 2008 riporta Carrey alla commedia: è la voce di Ortone e il mondo dei Chi (in Italia doppiato da Christian De Sica), un cartone animato uscito il 18 aprile, ed il protagonista di Yes Man, uscito negli USA il 19 dicembre 2008 e distribuito in Italia a partire dal 9 gennaio 2009.[1]

Nel 2009 era prevista l'uscita del nuovo film di Carrey, I Love You Phillip Morris, basato sulla vita dell'artista e impostore Steven Jay Russell, che vede Carrey in coppia con Ewan McGregor (nella parte di Morris) impegnato nel suo primo film con tematiche gay.[25] Proiettato in anteprima al Sundance Film Festival il 18 gennaio 2009,[26] il 19 maggio è stato proiettato al Festival di Cannes 2009,[27] ma ha avuto grossi problemi nel trovare un distributore negli Stati Uniti, e l'uscita del film, ad opera della Consolidated Pictures Group avverrà in America nell'ottobre 2010, slittando di un anno e mezzo dalla data originariamente stabilita. Esce prima in Europa e in Russia, dove esordisce nelle sale nel febbraio 2010; in Italia viene distribuito dalla Lucky Red, il 2 aprile 2010 con il titolo Colpo di fulmine - Il mago della truffa.

Nel dicembre 2009 esce A Christmas Carol, prodotto dalla Walt Disney Pictures e tratto dal famoso libro di Charles Dickens. Si tratta di un film d'animazione virtuale diretto da Robert Zemeckis e realizzato in modo analogo a Polar Express, in cui Jim Carrey ha recitato nei panni di più personaggi grazie alla tecnica del motion capture.[28][29] In A Christmas Carol Carrey interpreta 7 personaggi (Ebenezer Scrooge piccolo e grande, i 3 fantasmi dei natali presente, passato e futuro e altri due personaggi.[30][31])

Nel 2011, Carrey è stato scritturato[32] per Pierre Pierre, una commedia dove lo vedrà nel ruolo di un francese che trasporta un quadro rubato da Parigi a Londra, comportandosi in maniera oltremodo odiosa. Il film sarà diretto da Larry Charles. L'ultimo film da lui interpretato[33] è I pinguini di Mr. Popper, la trasposizione cinematografica dell'omonimo libro per ragazzi scritto nel 1938 da Richard e Florence Atwater. Il film è stato diretto da Mark Waters ed è uscito il 17 giugno 2011.[34]

Nel 2012 Carrey è stato impegnato sul set del film The Incredible Burt Wonderstone, per la regia di Don Scardino, uscito nel 2013. Commedia ambientata a Las Vegas, il film vede nel cast anche Steve Carell e Steve Buscemi.[35]

Nel 2013 è nel cast del film Kick-Ass 2 dove impersona il ruolo del colonnello Stars and Stripes; nel settembre dello stesso anno sono iniziate le riprese di Scemo & + scemo 2, a cui partecipa sempre in coppia con Jeff Daniels.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 marzo 1987 sposa Melissa Jaine Womer. Il 6 settembre dello stesso anno nasce la sua unica figlia, Jane Erin. La coppia divorzia nel 1995. Il 23 settembre 1996 sposa in seconde nozze l'attrice Lauren Holly, ma il matrimonio dura meno di un anno. Successivamente ha avuto una serie di relazioni, tra cui Laurie Holden, January Jones, Anine Bing e Renée Zellweger,[36] sua partner in Io, me & Irene. Dal 2005 all'aprile 2010 è stato fidanzato con l'attrice e modella Jenny McCarthy.[37][38]

Dal 7 ottobre 2004 ha acquisito la cittadinanza statunitense, oltre a quella canadese.[1] Nel 2009 diventa nonno.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Screen Actors Guild Award[modifica | modifica wikitesto]

People's Choice Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Favorite Actor in a Comedy Motion Picture
  • 2001 - Favorite Motion Picture Star in a Comedy
  • 2005 - Favorite Funny Male Star
  • 2010 - Favorite Comedy Star

MTV Movie Award[modifica | modifica wikitesto]

Satellite Award[modifica | modifica wikitesto]

Kids' Choice Award[modifica | modifica wikitesto]

Altri riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film Man on the Moon, Carrey sputa sul viso di Jerry Lawler. Durante le riprese però il lottatore non gradì questo gesto, sebbene previsto dal copione, e aggredì realmente Carrey.[40]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jim Carrey è stato doppiato da:

  • Roberto Pedicini in Batman Forever, Il rompiscatole, Bugiardo bugiardo, The Truman Show, Man on the Moon, The Majestic, Se mi lasci ti cancello, Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi, Dick e Jane - Operazione furto, Number 23, Yes Man, A Christmas Carol, Colpo di fulmine - Il mago della truffa, I pinguini di Mr. Popper, Kick-Ass 2, L'incredibile Burt Wonderstone, Anchorman 2 - Fotti la notizia, Scemo & più scemo 2
  • Tonino Accolla in Ace Ventura - L'acchiappanimali, Ace Ventura - Missione Africa, Io, me & Irene, Una settimana da Dio
  • Pino Quartullo in The Mask - Da zero a mito, Scemo & + scemo
  • Andrea Ward in Una vacanza fuori di testa
  • Mauro Gravina in Se ti mordo... sei mio, Le ragazze della terra sono facili
  • Loris Loddi in Peggy Sue si è sposata
  • Oreste Baldini in Scommessa con la morte
  • Stefano Benassi ne Il Grinch, 30 Rock

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Jim Carrey: Dire sempre di sì ecco il segreto della felicità, Repubblica.it, 6 gennaio 2009. URL consultato il 12 novembre 2013.
  2. ^ a b SALVA I CUCCIOLI MA COM' È VOLGARE!, Repubblica.it, 19 settembre 1994. URL consultato il 12 novembre 2013.
  3. ^ BATTAGLIA DURISSIMA PER UN BUON TITOLO - Repubblica.it » Ricerca
  4. ^ QUELLA MASCHERA HA UN MISTERO - Repubblica.it » Ricerca
  5. ^ Lastampa.It
  6. ^ Lastampa.It
  7. ^ AVVENTURE DEMENZIALI TRA POVERI DI SPIRITO - Repubblica.it » Ricerca
  8. ^ IL PIPISTRELLO CHE STRACCIO' OGNI RECORD - Repubblica.it » Ricerca
  9. ^ Lastampa.It
  10. ^ Lastampa.It
  11. ^ Lastampa.It
  12. ^ SYLVESTER STALLONE, IL DIVO PIU' PAGATO DEL MONDO - Repubblica.it » Ricerca
  13. ^ Un palcoscenico dove si recita la commedia della vita quotidiana - Repubblica.it » Ricerca
  14. ^ Golden Globe, è un trionfo per Spielberg
  15. ^ Lastampa.It
  16. ^ Carrey, mostro di bravura a Natale - Repubblica.it » Ricerca
  17. ^ Jim Carrey: Che fatica diventare un cartoon - Repubblica.it » Ricerca
  18. ^ Carrey come Stewart in una storia alla Capra - Repubblica.it » Ricerca
  19. ^ E ora vi racconto com' è vivere nei panni di Dio - Repubblica.it » Ricerca
  20. ^ Jim Carrey: non c'è niente da fare per migliorare bisogna soffrire - Repubblica.it » Ricerca
  21. ^ Torna Jim Carrey: Io? Un supermegalomane - Repubblica.it » Ricerca
  22. ^ Il sogno americano di Dick e Jane - Repubblica.it » Ricerca
  23. ^ JIM CARREY «Un nuovo Truman Show Risate contro i corrotti»
  24. ^ Una maschera horror per Jim Carrey - Repubblica.it » Ricerca
  25. ^ Carrey antieroe gay: sfido le polemiche
  26. ^ Redford: non boicottate Sundance noi siamo con gli omosessuali - Repubblica.it » Ricerca
  27. ^ Cannes/ "I Love You, Philip Morris", Storia omosex con Jim Carrey e Ewan McGregor - Affaritaliani.it
  28. ^ "A Christmas Carol" - Cinema - ANSA.it
  29. ^ Film nelle sale: A Christmas carol per a serious man - Notizie di Cinema e TV del Corriere della Sera
  30. ^ Disney's A Christmas Carol: a Natale il cinema è 3D - DonnaModerna
  31. ^ Jimmy Carrey, eclettico Scrooge svetta fra le anteprime - LASTAMPA.it
  32. ^ Larry Charles dirigerà Jim Carrey in Pierre Pierre
  33. ^ Jim Carrey protagonista di Mr. Popper's Penguin
  34. ^ http://www.jimcarreyonline.com/recent/news.php?id=1562-->]
  35. ^ >
  36. ^ Renée, la fidanzata d'America Un film per piacere alle donne - Repubblica.it » Ricerca
  37. ^ Jim Carrey & Jenny McCarthy Get Serious : People.com
  38. ^ Jim Carrey e Jenny McCarthy su Twitter, basta ci lasciamo - Spettacolo - ANSA.it
  39. ^ Lastampa.It
  40. ^ Lastampa.It

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79856906 LCCN: n95000325