David Warner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Warner (Manchester, 29 luglio 1941) è un attore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Manchester, di origini russo-ebraiche, studiò alla Feldon School in Leamington Spa. Terminati gli studi entrò a far parte della Royal Academic of Dramatic Art di Londra.

Politicamente orientato a sinistra, negli anni sessanta fece parte attivamente del movimento politico-culturale del "Free cinema" inglese, fondato dai registi Lindsay Anderson, Tony Richardson e Karel Reisz, insieme ad altri colleghi tra i quali Tom Courtenay, Malcolm McDowell, Richard Harris, Alan Bates e Vanessa Redgrave.

Carriera teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nel gennaio 1962, all'età di 21 anni, al Royal Court, in un ruolo minore nel Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, diretto da Tony Richardson. Nel marzo dello stesso anno andò in scena al Belgrade Theatre nel ruolo di Corrado in Molto rumore per nulla, sempre opera del "Bardo", e a giugno nel ruolo di Jim ne La notte prima all'Arts Theatre di Londra.

Nel 1963 entrò a far parte della Royal Shakespeare Company, in aprile recitò ne La tempesta, nel ruolo di Trinculo, e di Cinna il poeta nel Giulio Cesare, mentre in giugno fu invece nel cast del Falstaff. Nel 1964 apparve come Enrico VI in La guerra delle rose all'Aldwych Theatre, ruolo che riprese l'anno successivo per l'emittente BBC in una trasposizione televisiva. Nel 1965 ottenne il primo ruolo da protagonista nell'Amleto, rappresentato al Royal Shakespeare Theatre. Nel 1966 fu sir Andrew Aguecheek ne La dodicesima notte. Nel 1970 interpretò Julian nello spettacolo Tiny Alice. Nel 1972 interpretò Claudius al Queen's Theatre, fino ad arrivare a tempi più recenti, quando nel 2005 diede una superba interpretazione del Re Lear al Theatre Royal di Bath.

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esordio nel 1963 con il ruolo del perfido Blifil in Tom Jones di Tony Richardson, si rivelò al grande pubblico nei panni del pittore anarchico Morgan in Morgan matto da legare (1966), film drammatico diretto da Karel Reisz, accanto a Vanessa Redgrave e Robert Stephens.

Si specializzerà poi in personaggi arguti e perversi, dallo scellerato prete nel western psicologico La ballata di Cable Hogue di Sam Peckinpah (1970), all'abietto lord di Colpo da 500 milioni alla National Bank (1970), dal pervertito sessuale in Cane di paglia (1971), al figlio illegittimo di John Gielgud in Providence (1977), fino al killer (Jack lo squartatore) in L'uomo venuto dall'impossibile (1979). Da ricordare anche la sua partecipazione all'horror Il presagio (1975), a fianco di Gregory Peck.

Sul fronte televisivo, nel 1978 prese parte allo sceneggiato Holocaust, mentre pochi anno dopo diede il volto al personaggio di Rustichello da Pisa nello sceneggiato Marco Polo (1982), diretto da Giuliano Montaldo. Ha recitato nella serie del Commissario Wallander nel ruolo del padre del Commissario.

Sarà successivamente impiegato in ruoli da caratterista, come in Star Trek V: L'ultima frontiera, Star Trek VI: Rotta verso l'ignoto e Star Trek - The Next Generation, e in Titanic (1997) di James Cameron, con Leonardo DiCaprio, in cui vestì impeccabilmente i panni di un solerte quanto spregiudicato maggiordomo inglese, al servizio di Billy Zane. Warner oggi è noto principalmente per questo ruolo (prova ne sia che il sito Internet Movie Database accosta questo film al suo nome per l'identificazione immediata dell'attore a seguito della ricerca); egli però aveva già recitato in precedenza in un film sulla tragedia del Titanic, S.O.S. Titanic (1979), in cui peraltro ricopriva il ruolo di protagonista.

L'attore è noto anche nella comunità videoludica, per aver doppiato uno dei più controversi ed apprezzati "cattivi" degli RPG: il personaggio di Jon Irenicus nel videogioco Baldur's Gate II: Shadows of Amn.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, David Warner è stato doppiato da:

Nel doppiaggio italiano delle serie animate alle quali ha partecipato, ha invece avuto la voce di:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 29723974 LCCN: n86138340