Free cinema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Free cinema (cinema libero) fu un movimento cinematografico inglese, culturale, sociale e politico (esplicitamente di sinistra) degli anni cinquanta e sessanta del XX secolo, di forte contestazione del cinema britannico dell'epoca, inserito nel più ampio contesto internazionale delle "nuove onde" cinematografiche emerse in molte cinematografie nazionali fra la fine degli anni cinquanta e gli anni sessanta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato verso la metà degli anni cinquanta, dal regista inglese Lindsay Anderson (che ne fu leader), dal regista e sceneggiatore ceco Karel Reisz e la scrittrice e regista italiana Lorenza Mazzetti e con la collaborazione del regista Tony Richardson.

Il 5 febbraio 1956 al National Film Theatre di Londra fu presentato il manifesto programmatico del gruppo in tre opere prime: O Dreamland di Lindsay Anderson, Together di Lorenza Mazzetti e Momma Don't Allow di Karel Reisz e Tony Richardson. I film avevano in comune un atteggiamento implicito: il credere nella libertà, nell'importanza dell'individuo e nel significato della quotidianità. Nessun film doveva essere troppo personale, le dimensioni avevano poca importanza, la perfezione non rappresentava in se stessa uno scopo, un atteggiamento significava uno stile, uno stile significava un atteggiamento (il credo del free). Questi film si riallacciavano a quello spirito che, nello stesso periodo, gli anni sessanta, costituivano l'elemento specifico delle opere letterarie e teatrali degli "Angry Young Men" (John Osborne, Harold Pinter, Dorothy Lessing, John Braine, Shelagh Delaney e Alan Sillitoe), eroi ribelli delle classi popolari che si esprimevano con l'accento della loro provincia, un fenomeno che si ritroverà più tardi nei film di Ken Loach. Questi scrittori e autori teatrali divennero infatti molto spesso sceneggiatori del free cinema.

Al movimento aderirono anche altri registi come Joseph Losey, John Schlesinger, Ken Russell, Jack Clayton, Richard Lester, Desmond Davis, Clive Donner e Ken Loach; e attori britannici del calibro di Tom Courtenay, David Warner, Malcolm McDowell, Richard Harris, Albert Finney, Dirk Bogarde, Robert Stephens, Stanley Barker, Anthony Hopkins, Richard Burton, Alan Bates, Edward Fox, James Fox, Brian Cox, Terence Stamp e le attrici Vanessa Redgrave, Julie Christie, Glenda Jackson, Rita Tushingham, Lynn Redgrave; l'attore americano Laurence Harvey e l'attore australiano Peter Finch.

Insieme, pur se ciascuno con la sua personalità, attraverso le rispettive opere, si opponevano al conformismo sclerotizzante del cinema inglese. La collera nel modo di denunciare una società di piacere senza gioia. Questa filiazione è evidente in If (distribuito in Italia con il titolo di Se...), film di Lindsay Anderson dallo spirito anarchico. Il film uscito per casualità nel 1968, in piena contestazione studentesca e ne rappresentò per un certo senso il manifesto di immagine dei giovani studenti britannici. Con If si concluse in pratica il movimento anche se Lindsay Anderson con due successivi seguiti a completamento di una trilogia, e con il film Celebrazione del 1975 ne celebrava, appunto, la consacrazione e allo stesso tempo la definitiva conclusione.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema