Riccardo Palma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Palma

Riccardo Palma (Roma, 12 maggio 1915Roma, 14 febbraio 1978) è stato un magistrato italiano, assassinato durante gli anni di piombo da un commando del gruppo terroristico Brigate Rosse.

L'assassinio[modifica | modifica sorgente]

Palma, allora direttore dell'Ufficio VIII della Direzione Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena (l'attuale Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia) deposto alle pratiche di edilizia penitenziaria, fu ucciso a Roma la mattina del 14 febbraio 1978, colpito a morte da 14 colpi di pistola (raffiche di mitra) in via Forlì, presso il Teatro delle Muse. Fu freddato vicino alla sua automobile, mentre era diretto al lavoro. Palma era sposato e aveva due figli.

Più tardi, nel corso della stessa giornata, l'attentato fu rivendicato dalle Brigate Rosse.

Le indagini[modifica | modifica sorgente]

Le successive indagini ricondussero la pianificazione e l'attuazione dell'attentato a membri della "colonna romana" delle BR.

Si comprese come a compiere materialmente l'attentato fosse inizialmente previsto l'allora ventunenne terrorista Raimondo Etro, la cui identità fu celata per molti anni sotto il nome di "Carletto". Fu appurato che in realtà a uccidere Palma fu Prospero Gallinari, sostituitosi a Etro all'ultimo momento. È stato sospettato di aver partecipato all'attentato anche il terrorista Alvaro Lojacono.

Raimondo Etro, arrestato nel giugno 1994, nel processo "Moro-quinquies", apertosi nell'aula bunker del carcere di Rebibbia il 9 maggio 1995, fu imputato oltre che di concorso nel sequestro, nell'eccidio della scorta e nell'omicidio dell'onorevole Aldo Moro, anche di concorso nell'omicidio di Palma. Il 28 ottobre 1998, la prima Corte d'assise d'appello di Roma ha condannato Etro a 20 anni e 6 mesi di reclusione.

Prospero Gallinari, condannato a varie pene, compresi tre ergastoli, per più omicidi nel corso degli anni di piombo, dopo essere stato dal 1996 agli arresti domiciliari per motivi di salute, è deceduto per cause naturali nel gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie