Raimondo Etro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raimondo Etro

Raimondo Etro (Roma, 2 gennaio 1957) è un brigatista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'attività terroristica[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato all'organizzazione del sequestro di Aldo Moro, che portò alla strage di via Fani. Partecipò anche all'assassinio del giudice Riccardo Palma, avvenuto il 14 febbraio 1978, ma all'ultimo momento rifiutò di sparare.

Nel 1982, dopo essersi allontanato dalle BR due anni prima, trascorre un periodo di «latitanza preventiva» a Parigi assieme a Alessio Casimirri e Rita Algranati (ai tempi legati sentimentalmente) per evitare una possibile cattura in seguito all'arresto di Antonio Savasta (arrestato durante la liberazione del generale Dozier).[1]

Processi ed esiti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985 sceglie di tornare in Italia e, in seguito alle accuse di Savasta e della sua allora compagna Emilia Libera, viene arrestato e condannato ad un anno e qualche mese, beneficiando della condizionale.[2] Nel 1994, in seguito ad alcune dichiarazione di Valerio Morucci nel processo Moro-ter che lo accusava di aver fatto parte del commando che uccise il giudice Palma, viene nuovamente arrestato.[3]

Il 16 luglio 1996, nel processo Moro-quinquies, i giudici della seconda Corte d'Assise lo condannano a 24 anni e sei mesi per concorso nel sequestro e nell'omicidio di Aldo Moro e nell'eccidio della scorta mentre Germano Maccari viene condannato all'ergastolo. Il 19 giugno 1997 la Corte d'assise d'appello riduce a 30 anni la condanna per Maccari e conferma quella per Etro a 24 anni e sei mesi. Il 28 ottobre 1998, nel processo Moro quinquies, la prima Corte d'Assise d'appello di Roma condannava Raimondo Etro a 20 anni e 6 mesi e Germano Maccari a 26 anni, riducendo le condanne precedenti.[4]

Ha terminato anticipatamente la sua pena nel 2010.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Rinnegati totalmente i propri ideali comunisti sin dalla sua uscita dalle Brigate Rosse nel 1980[5][6] il 16 febbraio 2020 è ospite del programma televisivo Non è l'Arena condotto da Massimo Giletti, per rispondere di un post scritto su Facebook nel quale criticava Rachele Mussolini, consigliere comunale di Roma. Rivolgendosi a Daniela Santanchè, Etro la apostrofa: "Volete la parità dei sessi e poi vi offendete perché uno vi dice zoccola"[7]; subito dopo, in riferimento al suo passato da brigatista afferma: "preferisco le mani sporche di sangue che di acqua come Ponzio Pilato, come gente che nella vita non c'ha mai provato"[8]. Invitato a scusarsi, si rifiuta ricorrendo anche al turpiloquio e viene immediatamente cacciato dal programma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Intervista a Maurizio Puddu, vittimeterrorismo.it. URL consultato il 19 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2007).
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie