Qualificatore (Inquisizione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Qualificatore (Sant'Uffizio))
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando i qualificatori intesi come elementi con cui è possibile estendere un set di metadati., vedi Qualificatore.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Santa Inquisizione.

Il qualificatore della Santa Inquisizione era un teologo a cui era affidato il compito di valutare secondo dottrina e qualificare le proposizioni scritte o orali, da sottoporre a giudizio, come eretiche o scismatiche

Nella organizzazione della Santa Inquisizione di Roma il papa stesso era colui che lo presiedeva con il titolo di Prefetto della Sacra ed Universale Inquisizione Romana, con l'assistenza di dodici cardinali inquisitori ai quali un prelato, l'Assessore, distribuiva le cause da trattare. Vi era quindi un domenicano, con il titolo di Commissario, assistito da suoi due confratelli ("primo e secondo compagno") che presiedeva e distribuiva in primo grado le cause al parere dei "consultori", teologi e canonisti, nominati dal papa come assistenti (privi del diritto di voto) dei cardinali inquisitori.

Vi erano poi un avvocato, appartenente al clero, che doveva difendere i riti[non chiaro] della Chiesa romana e un avvocato laico, che aveva il compito di riferire alla congregazione sulle cause d'immoralità o di profanazione delle cose sacre. A un presbitero notaio era affidata la registrazione di tutti i documenti relativi ai processi.

I Qualificatori, infine, erano teologi che in prima istanza dovevano, tramite l'esame delle opere scritte o stampate o delle affermazioni orali di qualcuno che era in carcere per motivi religiosi, estrarne le proposizioni e qualificarle come eretiche o prossime all'eresia, o scismatiche, o scandalose. Il giudizio dei qualificatori passava poi ai consultori e quindi agli inquisitori.

Tutti i funzionari della Santa Inquisizione erano tenuti con giuramento alla segretezza e tutti ricevevano uno stipendio, tranne i consultori e i qualificatori. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi De Sanctis, Roma papale descritta in una serie di lettere con note, Nota 4. alla lettera tredicesima, Firenze, Tipografia Claudiana, 1865.
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo