Francesco Marchetti Selvaggiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Marchetti Selvaggiani
cardinale di Santa Romana Chiesa
1950 marchetti selvaggiani.jpg
Il cardinale Marchetti Selvaggiani nel 1950
Coat of arms of Francesco Marchetti-Selvaggiani.svg
Incarichi ricoperti
Nato 1º ottobre 1871, Roma
Ordinato presbitero 4 aprile 1896 dal patriarca Francesco di Paola Cassetta (poi cardinale)
Nominato arcivescovo 16 febbraio 1918 da papa Benedetto XV
Consacrato arcivescovo 14 aprile 1918 dal cardinale Pietro Gasparri
Creato cardinale 30 giugno 1930 da papa Pio XI
Deceduto 13 gennaio 1951, Roma

Francesco Marchetti Selvaggiani (Roma, 1º ottobre 1871Roma, 13 gennaio 1951) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Roma il 1º ottobre 1871 da Vincenzo Marchetti Selvaggiani e Valeria Caretti. Fu amico d'infanzia di Papa Pio XII. Lavorò per tutta la sua vita nella Curia di Roma. Fu internunzio apostolico in Venezuela dal 1918 al 1920. Nel 1918 fu consacrato arcivescovo titolare di Seleucia di Isauria dal cardinale Pietro Gasparri. Dal 1920 al 1922 fu nunzio apostolico in Austria. Nel 1922 venne promosso quale segretario della Congregazione di Propaganda Fide. Papa Pio XI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 30 giugno 1930.

Nel 1931 divenne vicario generale di Roma, arciprete della Basilica di San Giovanni in Laterano. Nel 1939 fu segretario della Congregazione del Sant'Uffizio; a proposito del conclave di quell'anno, affermò "Se avessero votato gli angeli avrebbero fatto [Papa, ndr] Elia Dalla Costa, se avessero votato i demoni avrebbero fatto me. Hanno invece votato gli uomini". Nel 1948 divenne decano del collegio cardinalizio e prefetto della Congregazione del Cerimoniale. Il 13 gennaio 1951, poco dopo aver celebrato la messa nella cappella privata del suo appartamento nel palazzo del Sant'Uffizio a Roma, entrando nel suo studio, ebbe una trombosi cerebrale. Monsignor Alfredo Ottaviani, assessore del Sant'Uffizio, lo raggiunse in tempo per amministrare l'estrema unzione. Poi si recò in Vaticano per informare il papa.

Oggi riposa nel cimitero del Verano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89291725 · ISNI (EN0000 0000 6268 3696 · SBN IT\ICCU\LIAV\093563 · GND (DE1068585153 · BNF (FRcb17141370c (data) · BAV ADV11024765