Giacomo Savelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo personaggio eletto papa nel 1285, vedi Papa Onorio IV.
Giacomo Savelli
cardinale di Santa Romana Chiesa
Stemma Savelli.png
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 ottobre 1523 a Roma
Ordinato presbitero19 gennaio 1560
Nominato vescovo31 luglio 1577 da papa Gregorio XIII
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Creato cardinale19 dicembre 1539 da papa Paolo III
Deceduto5 dicembre 1587 (64 anni) a Roma
 

Giacomo Savelli (Roma, 28 ottobre 1523Roma, 5 dicembre 1587) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla nobile ed antica famiglia romana dei Savelli, che aveva già dato alla Chiesa tre papi e diversi cardinali, studiò legge a Padova.

Grazie a papa Paolo III Farnese, cugino di sua madre, venne ammesso alla Corte pontificia e fu protonotario apostolico: nel concistoro del 19 dicembre 1539 venne creato cardinale diacono di Santa Lucia in Silice (passò poi alle diaconie dei Santi Cosma e Damiano, di San Nicola in Carcere e di Santa Maria in Cosmedin; promosso al rango di cardinale presbitero, ebbe il titolo di Santa Maria in Trastevere e nel 1577 venne nominato cardinale vescovo di Sabina, Frascati e Porto).

Fu amministratore apostolico delle diocesi di Nicastro (1540 - 1554), Teramo (1545 - 1546), Gubbio (1555 - 1556) e Benevento (1560 - 1574): dal 1560 fu vicario della diocesi di Roma, titolo che mantenne sino alla morte.

Con i cardinali Federico Cesi e Giovanni Girolamo Morone, nel 1561 venne chiamato a far parte di una commissione incaricata di occuparsi dell'assistenza ai poveri ed ai girovaghi di Roma.

Morto nel 1587, venne sepolto nella chiesa del Gesù.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

  • ...
  • Cardinale Giacomo Savelli

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89130746 · ISNI (EN0000 0000 6235 6169 · GND (DE130499358 · CERL cnp00681946 · WorldCat Identities (EN89130746