Pandemia di COVID-19 del 2020 in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 in Europa
epidemia
COVID-19 outbreak Europe per capita cases map.svg
Mappa dei casi di Covid-19 ogni 100.000 abitanti in Europa
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
LuogoEuropa
Nazioni coinvolte48[1]
Periodo24 gennaio 2020 -
in corso
Dati statistici globali[2]
Numero di casi3 008 246[3] (8 agosto 2020)
Numero di guariti1 806 189[3] (8 agosto 2020)
Numero di morti205 613[3] (8 agosto 2020)
Non sono disponibili dati dettagliati

Con pandemia di COVID-19 del 2020 in Europa si fa riferimento a quei paesi interessati nella diffusione virale della nuova tipologia di coronavirus, che ha avuto la sua origine a Wuhan, in Cina, a partire dal dicembre 2019.

La diffusione del virus in Europa ha inizio con casi isolati, i primi 3 casi riscontrati in Francia il 24 gennaio 2020, per poi essere riscontrati in altri 11 paesi fino al 26 febbraio 2020. Tra questi, in Italia, i primi 2 casi di contagio il 31 gennaio a Roma e un altro contagiato riscontrato il 6 febbraio; dal 21 febbraio si sono scoperti i primi focolai epidemici in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, partendo da 17 casi iniziali fino a giungere al 1º marzo a 1694 casi confermati, espandendosi successivamente anche nelle altre regioni italiane.

Successivamente stati individuati anche i primi casi in Austria, Croazia, Grecia, Macedonia del Nord, San Marino[4] e Svizzera, nonché altri casi in altri paesi già colpiti dal virus in precedenza.

Tabella riassuntiva[modifica | modifica wikitesto]

Numero di morti ogni 100.000 abitanti.
Tabella riassuntiva dei casi confermati in Europa (al 8 luglio 2020)[5]
Paese Casi confermati Morti Guarigioni Casi attivi Note
Russia Russia (dettagli) 700 792 10 667 472 511 217 614 [6]
Regno Unito Regno Unito (dettagli) 286 349 44 391 [A 1] [7]
Spagna Spagna (dettagli) 252 130 28 392 150 376 73 362 [8]
Italia Italia (dettagli) 241 956 34 899 192 815 14 242 [9]
Turchia Turchia (dettagli) 207 897 5 260 185 292 17 345 [10]
Germania Germania (dettagli) 198 399 9 103 182 700 6 596 [11]
Francia Francia (dettagli) 168 810 29 933 77 655 61 222 [12]
Svezia Svezia (dettagli) 73 344 5 447 [13]
Bielorussia Bielorussia (dettagli) 64 224 443 52 854 10 927 [14]
Belgio Belgio (dettagli) 62 123 9 776 17 138 35 209 [15]
Paesi Bassi Paesi Bassi (dettagli) 50 746 6 135 [A 2] [16]
Ucraina Ucraina 50 414 1 306 23 119 25 989 [17]
Portogallo Portogallo (dettagli) 44 416 1 629 29 445 13 342 [18]
Polonia Polonia 36 689 1 542 24 878 10 269 [19][20]
Svizzera Svizzera (dettagli) 32 498 1 966 29 400 1 132 [21]
Romania Romania (dettagli) 30 175 1 817 20 799 7 559 [22]
Irlanda Irlanda 25 538 1 742 23 364 432 [23]
Austria Austria (dettagli) 18 513 706 16 721 1 086 [24]
Moldavia Moldavia 18 141 603 11 241 6 297 [25]
Serbia Serbia 16 719 330 13 366 3 023 [26]
Danimarca Danimarca 12 900 609 12 001 290 [27]
Rep. Ceca Rep. Ceca 12 685 351 7 910 4 424 [28]
Norvegia Norvegia 8 947 251 8 138 558 [29]
Finlandia Finlandia (dettagli) 7 265 329 6 800 136 [30]
Macedonia del Nord Macedonia del Nord 7 244 351 3 324 3 569 [31][32]
Bulgaria Bulgaria (dettagli) 6 102 254 3 037 2 811 [33]
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 5 869 209 2 769 2 891 [34]
Lussemburgo Lussemburgo (dettagli) 4 603 110 4 056 437 [35]
Ungheria Ungheria 4 210 589 2 885 736 [36]
Grecia Grecia 3 589 193 1 374 2 022 [37]
Kosovo Kosovo 3 508 75 1 902 1 531 [38]
Croazia Croazia 3 325 114 2 277 934 [39]
Albania Albania (dettagli) 3 106 83 1 791 1 232 [40]
Estonia Estonia (dettagli) 2 003 69 1 882 52 [41]
Islanda Islanda (dettagli) 1 880 10 1 850 20 [42]
Lituania Lituania (dettagli) 1 854 79 1 552 223 [43]
Slovacchia Slovacchia 1 798 28 1 473 297 [44]
Slovenia Slovenia (dettagli) 1 763 111 1 429 223 [45][46]
Lettonia Lettonia (dettagli) 1 141 30 1 008 103 [47]
Cipro Cipro 1 004 19 839 146 [48]
Andorra Andorra (dettagli) 855 52 800 3 [49]
San Marino San Marino (dettagli) 698 42 656 0 [50]
Malta Malta 673 9 654 10 [51]
GuernseyJersey Isole del Canale 577 47 512 18 [52][53]
Isola di Man Isola di Man 336 24 312 0 [54]
Montenegro Montenegro 324 9 315 0 [55]
Fær Øer Fær Øer 188 0 188 0 [56]
Gibilterra Gibilterra 179 0 176 3 [57]
Monaco Monaco (dettagli) 108 4 95 9 [58]
Liechtenstein Liechtenstein (dettagli) 84 1 81 2 [59][60]
Città del Vaticano Città del Vaticano 12 0 12 0 [61]
Totale 2 519 101 194 908 1 466 188 858 005

Note

     Il Paese al momento non presenta casi attivi.

"–" indica dati non ancora disponibili.

  1. ^ Per il Regno Unito, il Department of Health and Social Care riferisce solamente i dati riguardanti i casi confermati e i decessi, non le guarigioni.
  2. ^ Per i Paesi Bassi, il Rijksinstituut voor Volksgezondheid en Milieu riferisce solamente i dati riguardanti i casi confermati e i decessi, non le guarigioni.

Casi confermati (per stato)[modifica | modifica wikitesto]

Albania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Albania.
Mappa dei casi ogni 100 000 abitanti in Albania

L'8 marzo 2020, l'Albania ha confermato i suoi primi due casi di Coronavirus, padre e figlio che avevano viaggiato da Firenze, in Italia.

Andorra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 ad Andorra.

A partire dal 26 febbraio, una donna andorrana di ritorno dall'Italia con sintomi influenzali è stata messa in quarantena in ospedale, tuttavia non è risultata positiva al virus, mentre una seconda donna originaria di Shanghai è stata ricoverata presso l'ospedale Nostra Senyora de Meritxell in attesa dei risultati.[62]

Armenia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Armenia.
Mappa dei casi in Armenia (al 27 marzo):

     1-9 casi confermati

     10-49 casi confermati

     50-199 casi confermati

     200-499 casi confermati

La notte tra il 28 febbraio e il 1º marzo l'Armenia ha confermato un primo caso di COVID-19 su un uomo tornato dall'Iran.[63]

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Austria.
Mappa dei casi in Austria ogni 100 000 abitanti

Il 25 febbraio, l'Austria ha confermato i suoi primi due casi di infezione da coronavirus: due italiani, un uomo di 24 anni e una donna di 24 anni provenienti dalla Lombardia, sono risultati positivi e sono stati ospedalizzati a Innsbruck, in Tirolo.[64][65][66]

Il 27 febbraio, un uomo di 72 anni a Vienna era stato nell'ospedale Krankenanstalt Rudolfstiftung per 10 giorni con sintomi influenzali prima di essere risultato positivo. È quindi trasferito all'ospedale Kaiser-Franz-Josef.[67][68][69][70] Una coppia è risultata positiva e i loro due figli stavano manifestando sintomi sono stati ricoverati all'ospedale Kaiser-Franz-Josef. In precedenza erano stati in vacanza in Lombardia, in Italia.[67][68] Il 28 febbraio, uno dei bambini, un ragazzo di 15 anni è risultato positivo. A causa della malattia, nel suo liceo sono state prese precauzioni poiché 4 insegnanti e 23 studenti nati tra il 2003 e il 2005 sono stati mandati a casa per isolamento.[71]

Al 9 marzo, ci sono stati 112 casi confermati in Austria.[72]

Azerbaigian[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Azerbaigian.

Il 28 febbraio l'Azerbaigian ha confermato tre positivi al virus sul proprio territorio su individui provenienti dall'Iran, tra cui un cittadino russo;[73] lo stesso giorno sono stati chiusi i confini con l'Iran per due settimane.[74] Il 5 marzo sono stati confermati altri tre positivi provenienti dall'Iran, tra cui un tedesco,[75] e il 7 marzo altri tre cittadini azeri sempre provenienti dall'Iran sono risultati affetti dal virus.[76] Il 9 marzo due nuovi cittadini azeri tornati dall'Iran sono risultati positivi alla COVID-19[77] e il 10 marzo sono stati confermati altri due di contagio avvenuti sempre in Iran; nello stesso giorno sono stati dichiarati tre guariti.[78]

Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Belgio.
Mappa dei casi in Belgio ogni 100 000 abitanti

I cittadini belgi residenti nello Hubei sono stati rimpatriati su una serie di voli di evacuazione che sono arrivati ​​in Belgio il 1º febbraio, dove tutti i rimpatriati sono stati messi in quarantena ed esaminati in un ospedale militare. Le persone infette sono state trasferite in un ospedale specializzato. I voli non essenziali per la Cina, escluso Hong Kong, sono stati fortemente sconsigliati, con alcune compagnie di viaggio che hanno cancellato tutti i voli per la Cina. Le celebrazioni per il capodanno cinese sono state cancellate all'Università di Lovanio.

Il 4 febbraio il Belgio ha confermato il suo primo caso: il paziente, un maschio asintomatico di 54 anni, era uno dei nove belgi rimpatriati dalla Cina.

Bielorussia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Bielorussia.
Mappa dei casi in Bielorussia (al 20 aprile):

     2000+ casi

     1000–1999 casi

     500–999 casi

     200–499 casi

     1–199 casi

Il 28 febbraio la Bielorussia ha confermato il suo primo caso. Uno studente iraniano è risultato positivo il 27 febbraio ed è stato ricoverato in ospedale a Minsk.[79][80] L'individuo è arrivato in Bielorussia con un volo da Baku, Azerbaigian, il 22 febbraio.[79][81]

Al 4 marzo, sono stati confermati 6 casi in totale. Quattro casi a Minsk, due casi a Vicebsk.[82]

Al 29 marzo 2020, la Bielorussia è l'unico stato in Europa a non aver adottato politiche di contenimento nei confronti di Covid-19, permettendo il regolare svolgimento a porte aperte del campionato di calcio. Il presidente Lukašėnka ha inoltre dichiarato che gli unici metodi per combattere la psicosi sono fare la sauna, bere vodka e lavorare.[83] Sebbene la scelta di non intervenire sull'epidemia sembri sciagurata, gran parte degli studiosi ritengono che il presidente bielorusso sia perfettamente a conoscenza dei pericoli derivanti da questo atteggiamento negligente, ma veda in tutto ciò una via sbrigativa per ridurre un divario economico enorme tra la Bielorussia e i paesi dell'Europa occidentale. Questo perché la Bielorussia continuerebbe a produrre mentre l'Europa si è quasi totalmente immobilizzata per far fronte alla crisi sanitaria.[84]

Bosnia ed Erzegovina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Bosnia Erzegovina.
Mappa dei casi in Bosnia ed Erzegovina ogni 100 000 abitanti

Al 25 febbraio, 11 persone erano sotto sorveglianza come casi sospetti.[85] A Sarajevo, tre turisti cinesi che manifestavano sintomi sono risultati negativi per il virus.[86]

Il 5 marzo 2020, i funzionari sanitari della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina ha confermato il primo caso di COVID-19 nel paese.[87]

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Bulgaria.
Mappa dei casi in Bulgaria (al 23 giugno):

     0 Casi confermati

     1–9 Casi confermati

     10–49 Casi confermati

     50–99 Casi confermati

     100+ Casi confermati

L'8 marzo la Bulgaria ha confermato i suoi primi due casi, un uomo di 27 anni di Pleven e una donna di 75 di Gabrovo, ma nessuno dei due era stato in aree contagiate dal virus; a seguito del tracciamento degli incontri dei due, altri due test sono risultati positivi nelle due città.[88]

Cipro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Cipro.

Il 9 marzo Cipro ha confermato due casi di infezione da COVID-19, uno su un uomo di Limassol tornato dall'Italia e uno su un professionista sanitario di Nicosia tornato dal Regno Unito.[89]

Città del Vaticano[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 marzo, la Città del Vaticano ha confermato un caso nel proprio territorio.[90] Come misura per evitare affollamenti in piazza San Pietro, il Vaticano ha confermato che il papa non si affaccerà sulla folla di credenti durante l'appuntamento domenicale dell'Angelus Domini.[91] Le misure di blocco dell'Italia sono state riprese a Città del Vaticano. Pertanto, le attrazioni turistiche sono state chiuse. Per evitare incontri pubblici e la trasmissione del virus, papa Francesco ha annullato le sue apparizioni regolari in pubblico e le ha invece trasmesse in streaming su Internet[92].

Il 24 marzo Matteo Bruni, direttore della sala stampa vaticana, ha comunicato la positività di altri tre residenti della Città del Vaticano: un dipendente dell'Ufficio Merci e due dipendenti dei Musei Vaticani, i quali sono stati subito posti in isolamento.[93] Due giorni dopo, il 26 marzo, è stato riscontrato un nuovo caso di positività al virus: si tratta di un prelato in servizio presso la Segreteria di Stato della Santa Sede,[94] a cui è seguita la positività anche per un suo collaboratore.[95]

Il 7 aprile un'ottava persona, dipendente della Santa Sede, è risultata positiva al virus. Contestualmente è stata annunciata la guarigione di due persone precedentemente risultate contagiate.[96]

L'11 aprile del 2020, il direttore della Sala Stampa della Santa Sede comunica che sono guariti due cittadini vaticani e otto contagiati, nessun decesso.[97] Il 20 aprile si aggiunge un nuovo contagio, che porta il conteggio totale a nove.[98]

Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Croazia.
Mappa dei casi in Croazia ogni 100 000 abitanti

Il 25 febbraio la Croazia ha confermato il suo primo caso di coronavirus. Il paziente, un uomo di 25 anni, aveva soggiornato a Milano, in Italia, dal 19 al 21 febbraio, ed è stato ricoverato all'Ospedale Universitario per le Malattie Infettive Dr. Fran Mihaljevic di Zagabria, in Croazia.[66][99][100]

Il 26 febbraio sono stati confermati due nuovi casi. Uno riguarda il fratello gemello dell'individuo nel primo caso; questi è stato anch'esso ricoverato all'Ospedale Universitario per le Malattie Infettive Dr. Fran Mihaljevic di Zagabria.[100] Il terzo caso riguarda un uomo croato che ha lavorato di recente a Parma, in Italia; questi è stato ricoverato in quarantena in ospedale nella città di Fiume.[100]

Al 3 marzo c'erano nove casi confermati in Croazia.[101]

Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Danimarca.
Mappa dei casi in Danimarca (al 17 maggio):

     0 casi confermati

     1–19 casi confermati

     20–39 casi confermati

     40–59 casi confermati

     60+ casi confermati

Il 27 febbraio, la Danimarca ha confermato il suo primo caso da coronavirus quando un uomo di Roskilde è risultato positivo per SARS-CoV-2 all'Ospedale Universitario della Selandia. L'uomo è un editore di TV 2 che la settimana prima aveva sciato a Chiesa in Valmalenco, in provincia di Sondrio, nel Nord Italia, con la sua famiglia, ed era tornato in Danimarca il 24 febbraio.[102] Aveva sintomi minori ed è stato messo in quarantena domestica.[102] La moglie e il figlio sono risultati negativi.[102] La famiglia aveva viaggiato per e da l'aeroporto di Milano-Malpensa.[102]

Al 5 marzo, ci sono stati 15 casi confermati in Danimarca,[103] incluso uno nelle Isole Faroe.[104]

Isole Faroe[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 nelle Isole Faroe.

Il 4 marzo, le Isole Faroe (un territorio autonomo nel Regno di Danimarca) hanno avuto il primo caso confermato, un uomo che era tornato a casa da una conferenza a Parigi, in Francia. Aveva sintomi lievi ed è stato messo in quarantena domestica.[105]

Estonia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Estonia.
Mappa dei casi confermati ogni 100 000 abitanti in Estonia (al 20 giugno):

     <15

     15-50

     50-150

     150-500

     500+

Il 27 febbraio, il ministro della sanità estone Tanel Kiik ha annunciato il primo caso confermato di COVID-19 nel paese, un cittadino iraniano è risultato positivo al virus SARS-CoV-2 ed è stato ricoverato presso la Clinica di Infezione dell'Ospedale Centrale di Tallinn Occidentale.[106][107] Il soggetto, un uomo di 34 anni, è un residente permanente in Estonia[107] che era originariamente partito dall'Iran ed era volato a Riga, partendo da Istanbul, in Turchia, e aveva preso un minibus dall'Aeroporto Internazionale di Riga alla stazione centrale degli autobus della città, dove aveva preso un autobus per Tallinn alle 14:00 del 26 febbraio.[106][108] C'erano 24 persone nell'autobus, compreso il guidatore, l'infetto e sua figlia.[107]

Il 3 marzo la seconda persona è risultata positiva, il paziente era arrivato il 29 febbraio da Bergamo, in Italia, viaggiando verso l'aeroporto di Riga.[109] Un altro passeggero dello stesso volo è risultato positivo il 5 marzo.[110]

Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Finlandia.
Mappa dei casi in Finlandia

Il 27 gennaio il Ministero degli Esteri finlandese ha consigliato ai cittadini di evitare viaggi non necessari nella provincia di Hubei. Il giorno seguente, la compagnia aerea finlandese Finnair annunciò che avrebbe sospeso cinque rotte settimanali per Nanchino e l'Aeroporto Internazionale di Pechino-Daxing fino alla fine di marzo.

Il 28 gennaio, una donna cinese di 32 anni ha cercato assistenza medica a Ivalo. È stata messa in quarantena all'ospedale centrale della Lapponia a Rovaniemi. Aveva viaggiato da Wuhan. La donna si è ripresa ed è stata dimessa il 5 febbraio dopo essere risultata negativa per due giorni consecutivi.

Il 30 gennaio, funzionari sanitari finlandesi hanno stimato che fino a 24 persone erano state esposte al virus in Finlandia. Entro il 5 febbraio, tre delle persone potenzialmente esposte erano note per aver lasciato il paese e quattordici dei restanti 21 erano stati messi in quarantena e avrebbero dovuto essere rilasciati nel fine settimana successivo.

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Francia.
Mappa del numero dei morti ogni 100.000 residenti in Francia

Il 24 gennaio, il primo caso confermato in Europa è stato segnalato a Bordeaux, con altri due a Parigi; tutti e tre i soggetti erano tornati da poco dalla Cina. A Parigi, un uomo di 31 anni e il suo compagno di 30 anni, entrambi di Wuhan, risultarono infettati. Entrambi giunsero ​​in Francia il 18 gennaio. Il terzo paziente, ricoverato in ospedale a Bordeaux, è un francese di 48 anni proveniente dalla Cina, giunto sul territorio francese il 22 gennaio. Il Service d'Aide Médicale Urgente ha preso in carico il paziente e lo ha isolato in ospedale. Le autorità hanno cercato di confermare se avesse contagiato altre persone entrate in contatto con lui.

Il 28 gennaio, il quarto caso, un turista cinese di 80 anni, è stato confermato a Parigi.

Il 29 gennaio, la figlia del quarto caso, una donna di 50 anni, è stata confermata come quinto caso.

Il 30 gennaio, il sesto caso, un medico, è stato confermato a Parigi. Era entrato in contatto con un turista cinese la cui contaminazione venne confermata quando rientrò in Cina.

L'8 febbraio il ministro della sanità Agnès Buzyn ha annunciato cinque nuovi casi. I casi provenivano da un gruppo di persone che erano in vacanza nella città di Les Contamines-Montjoie in Alta Savoia. Hanno contratto l'infezione da un cittadino britannico che era stato a Singapore pochi giorni prima.

Anche la prima morte in Europa è avvenuta in Francia il 15 febbraio, quando il turista cinese 80enne della provincia di Hubei, registrato come quarto caso francese, muore all'Hôpital Bichat di Parigi. Lo stesso giorno un altro cittadino britannico viene dichiarato infetto; si trovava nello stesso chalet degli altri cinque casi in Contamines-Montjoie.

Il 18 febbraio, il nuovo ministro della sanità Olivier Véran, ha annunciato che solo quattro persone erano ancora infette in Francia e che sono state messe in quarantena in ospedale, tutte di nazionalità britannica, tre del primo gruppo di Contamines-Montjoie e un quarto caso scoperto in seguito. Sei giorni dopo, l'ultimo cittadino britannico rimasto, l'ultimo caso noto in Francia, è stato dimesso.

Il 29 febbraio, ci sono 100 casi confermati nel paese, 2 morti, 12 rilevati.

Il 4 marzo, ci sono 285 casi confermati, 4 morti, 12 rilevati.

L'9 Agosto, ci sono 235.212 casi confermati, 30.326 morti, 82.968 guariti

Georgia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Georgia.
Mappa dei casi in Georgia (al 10 maggio):

     Quarantena

     Casi confermati

Il 26 febbraio la Georgia ha confermato la positività al test del virus di un uomo proveniente dall'Iran,[111] mentre il 28 febbraio è risultata positiva una donna di ritorno dall'Italia.[112] Il 5 marzo altri cinque cittadini georgiani tornati dall'Italia sono risultati positivi al test[113] e il 9 marzo i casi confermati nel paese sono arrivati a 15.[114]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Germania.
Mappa dei casi confermati ogni 100 000 abitanti in Germania

Il 27 gennaio, il Ministro della Salute della Baviera ha annunciato che un uomo del Circondario di Starnberg è stato infettato dal virus. Il suo è stato il primo caso noto di una persona che contrae il virus al di fuori della Cina non da un parente - la prima trasmissione nota del virus al di fuori della Cina è di padre in figlio in Vietnam.

Il 28 gennaio sono stati confermati altri tre casi. Tutti e quattro i pazienti erano dipendenti della stessa azienda; sono stati monitorati e messi in quarantena dall'ospedale di Monaco di Baviera. Il 30 gennaio, un altro uomo che lavorava nella stessa azienda è risultato positivo.

Il 31 gennaio suo figlio di uno dei casi precedenti divenne il sesto caso confermato in Germania. Il fratello del bambino è stato confermato positivo il 3 febbraio. La moglie dell'uomo è risultata positiva il 6 febbraio.

Il 31 gennaio, un altro dipendente della stessa società divenne il settimo caso confermato. Il 1º febbraio, ancora un altro uomo che lavorava per l'azienda è risultato positivo, diventando l'ottavo caso della Germania. Il 3 febbraio, un altro dipendente è stato confermato positivo. Il 7 febbraio, la moglie di un uomo precedentemente diagnosticato è risultata positiva. L'11 febbraio, un altro dipendente è risultato positivo, così come un familiare di un dipendente precedentemente diagnosticato.

Il 1 ° febbraio circa 90 cittadini tedeschi hanno lasciato Wuhan su un volo organizzato dal governo tedesco. All'arrivo sono stati messi in quarantena nello stato tedesco del Renania-Palatinato per 14 giorni. Il 2 febbraio, due degli arrivi dalla Cina sono risultati positivi e sono stati trasferiti dalla sede di quarantena di Germersheim a un'unità di isolamento in un ospedale di Francoforte sul Meno.

Il 25 febbraio sono stati confermati due nuovi casi, un uomo di 25 anni che vive nel Baden-Württemberg, che da poco era tornato da Milano, è risultato positivo ed è stato curato in ospedale, l'altro caso si è attestato nel nord Reno-Westfalia. Quest'ultimo è stato regolarmente curato all'ospedale universitario di Colonia dal 13 al 19 febbraio per una condizione preesistente. È stato riportato che 41 persone, tra il personale medico e i pazienti, hanno avuto contatti con lui in ospedale. Un membro del personale medico ha mostrato sintomi ed è stato testato. I risultati sono in sospeso.

Il 26 febbraio, la moglie dell'uomo infetto nel Nord Reno-Westfalia è stata confermata positiva. Entrambi sono isolati presso l'ospedale universitario di Düsseldorf.

Al 28 febbraio, la Germania ha un totale di 60 casi confermati, 14 dei quali in Baviera.

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Grecia.
Mappa dei casi in Grecia (al 28 marzo)

Il 25 febbraio, nel porto di Patrasso sono stati segnalati 4 casi sospetti provenienti dall'Italia. Un altro caso sospetto è stato riportato nell'Ospedale Attikon.

Il 26 febbraio, a seguito dell'epidemia di COVID-19 in Italia, è stato confermato il primo caso in Grecia. Una donna di 38 anni di Salonicco, che aveva da poco visitato il Nord Italia, è risultata positiva al virus ed è stata ricoverata all'Ospedale universitario AHEPA. La sua famiglia, così come quelli che sono entrati in contatto con lei, si sono volontariamente isolati.

Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Irlanda.
Mappa dei casi in Irlanda (al 25 marzo):

     1-10 casi confermati

     11-99 casi confermati

     100+ casi confermati

La squadra nazionale d'emergenza per la sanità pubblica in Irlanda ha annunciato che un caso in Irlanda è stato confermato il 29 febbraio.[115][116] Il paziente è un uomo tornato di recente dal nord Italia.[116] Una scuola secondaria, Scoil Chaitríona a Glasnevin, Dublino, collegata al caso, verrà chiusa per quattordici giorni come misura precauzionale.[117][118] Al 4 marzo c'erano stati 6 casi confermati in Irlanda: 2 nell'est del paese e 4 nell'ovest del paese.[119]

Islanda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Islanda.
Mappa dei casi in Islanda (al 25 marzo)

Il primo caso di COVID-19 è stato confermato in Islanda il 28 febbraio 2020, un uomo islandese sulla quarantina che era stato in gita sciistica ad Andalo nel nord Italia ed è tornato a casa il 22 febbraio.[120] 26 casi sono stati confermati al 4 marzo 2020.[121]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Italia.
Mappa dei casi in Italia (al 19 giugno):

     Da 50 a 99 casi

     Da 100 a 499 casi

     Da 500 a 999 casi

     Da 1000 a 4999 casi

     Da 5000 a 9999 casi

     10 000 o più casi

Il 23 gennaio, due turisti cinesi a Roma si sono rivelati positivi al virus. I due erano arrivati ​​a Milano tramite l'aeroporto di Milano-Malpensa e si erano recati a Roma con un autobus turistico.

Il 21 febbraio sono stati segnalati due focolai di infezioni, uno in Lombardia e un altro in Veneto con un numero iniziale di 17 casi. Da allora l'epidemia si è velocemente diffusa e, al 1º marzo, sono 1694 i casi confermati, 24 casi mortali e 83 guarigioni in Italia, la maggior parte in Lombardia.[122]

Il governo italiano ha risposto, tra l'altro, con misure di quarantena per le oltre 50.000 persone residenti negli undici comuni del Nord Italia più colpiti.[123][124]

Al 9 marzo, tramite un decreto, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte proclama tutta l'Italia zona rossa. Vengono attivate le misure di contenimento per tutto il Paese.

Al 21 marzo 2020, l'Italia è il secondo paese nel mondo, dietro soltanto alla Cina, per numero di casi registrati e il primo in assoluto per numero di vittime.

Il tasso di mortalità, definito come rapporto fra i pazienti positivi al COVID-19e numero di vittime, è pari al 13,19% ed è il più alto di Europa. Il dato risente della maggiore frequenza di tamponi effettuati anche su persone decedute in età avanzata[senza fonte], nonché dalla mancata distinzione fra morti accertate per COVID-19 e persone morte con COVID-19 e comorbilità con patologie pregresse.[125]

Kosovo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Kosovo.
Mappa dei casi in Kosovo (al 24 marzo): :

     Casi confermati

     Casi sospetti

Il 13 marzo, il Kosovo ha confermato i primi due casi di positività alla COVID-19 su due uomini arrivate dall'Italia, un italiano a Klina e un kosovaro a Vitina.[126]

Lettonia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Lettonia.
Mappa dei casi in Lettonia

Il 2 marzo il Ministero della Salute ha confermato il primo caso in Lettonia, in una donna che volava da Milano a Riga attraverso Monaco.[127][128] Il giorno successivo, dopo che le sue condizioni erano migliorate considerevolmente e un test ripetuto è risultato negativo, è stata dimessa dal Centro lettone di malattie infettive.[129][130] Al 19 marzo sono stati confermati 86 casi.[131]

Liechtenstein[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 nel Liechtenstein.
Mappa dei casi in Liechtenstein (al 10 marzo):

     Casi confermati

     Casi sospetti

Il 3 marzo in Liechtenstein un uomo è risultato positivo al virus a seguito di un contatto con una persona infetta in Svizzera, mentre altri 13 test effettuati sono risultati negativi.[132]

Lituania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Lituania.
Mappa dei casi in Lituania (al 28 marzo):

     1–9 casi confermati

     10-99 casi confermati

Il 26 febbraio la Lituania ha dichiarato lo stato di emergenza come misura preventiva contro la diffusione della COVID-19.[133] Il 28 febbraio è stato confermato il primo caso di infezione su una donna di 39 anni, arrivata a Kaunas da Verona e ospedalizzata a Šiauliai.[134]

Lussemburgo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Lussemburgo.
Mappa dei casi in Lussemburgo (al 21 marzo)

Il 29 febbraio il Lussemburgo ha confermato il primo caso di infezione da COVID-19 su un uomo tornato dall'Italia passando per Charleroi, in Belgio.[135] Il 5 marzo è stato dichiarato positivo al virus un uomo tornato dal Nord Italia[136] e il 6 marzo una donna tornata dal'Alsazia.[137] Il 7 marzo un quarto individuo è risultato affetto dal virus, con una dichiarazione del Ministero della Salute del Lussemburgo che ha dichiarato il suo legame con il focolaio del Nord Italia.[138] L'8 marzo un ulteriore caso è stato confermato su un uomo, anche lui di ritorno dalla regione francese dell'Alsazia.[139]

Macedonia del Nord[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Macedonia del Nord.
Mappa dei casi in Macedonia del Nord (al 29 marzo)

Il 26 febbraio, la Macedonia del Nord ha confermato il suo primo caso: una donna, che era arrivata nel paese viaggiando dall'Italia in un furgone, è risultata positiva al coronavirus.[140]

Malta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 a Malta.
Ospedale Mater Dei a Malta, dove sono in quarantena i casi sospetti del paese.

Il 3 marzo Malta ha confermato i primi tre casi di virus sul proprio territorio: si tratta di una famiglia italiana arrivata da Roma dopo una vacanza in Trentino.[141] Nei giorni successivi i casi positivi salgono a nove mentre il 13 marzo, viene comunicata la prima guarigione sull'isola.

Moldavia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Moldavia.
Mappa dei casi in Moldavia

Il 7 marzo la Moldavia ha confermato la positività al test di COVID-19 di una propria cittadina tornata dall'Italia.[142]

Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 a Monaco.
Mappa dei casi nel principato di Monaco (al 4 marzo):

     Casi confermati

     Casi sospetti

Il 29 febbraio Monaco ha confermato la presenza di un uomo positivo al test della COVID-19 sul proprio territorio, trasferito poi all'ospedale della città francese di Nizza.[143] Un secondo caso è stato confermato il 12 marzo; il malato è stato ricoverato presso l'Ospedale Principessa Grace.[144] Un terza persona è stata trovata positiva il 13 marzo ed è stata sottoposta alla quarantena domiciliare.[145]

Montenegro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Montenegro.
Mappa dei casi confermati (in rosso) in Montenegro

Il primo caso nel paese è stato registrato il 17 marzo 2020.[146]

Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Norvegia.
Mappa dei casi in Norvegia (al 10 maggio):

     Casi confermati

     Decessi

Il 26 febbraio la Norvegia ha confermato il suo primo caso. L'Istituto norvegese di sanità pubblica ha annunciato che qualcuno è risultato positivo al SARS-CoV-2 dopo essere tornato dalla Cina la settimana precedente. La paziente era asintomatica e in buona salute. Ha subito un isolamento volontario nella sua casa a Tromsø.[147][148]

Il 27 febbraio, l'Istituto norvegese di sanità pubblica ha annunciato che altre tre persone sono state confermate positive. Due vivevano a Oslo e erano legati al focolaio in Italia. L'altro viveva a Bærum ed era legato al focolaio in Iran.[149]

Il 4 marzo, ci sono stati 56 casi confermati in Norvegia. Tutti questi casi possono essere collegati a focolai all'estero.[150]

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 nei Paesi Bassi.
Mappa dei casi ogi 100 000 abitanti nei Paesi Bassi

il 2 marzo l'Istituto nazionale per la salute pubblica e l'ambiente (RIVM) rende noti i dati sul contagio da COVID-19 nei Paesi Bassi. Questo dato viene confermato in data 3 marzo 2020:

Il numero di infezioni comprovate con il nuovo coronavirus nei Paesi Bassi è aumentato a 24. Sei nuovi casi sono stati segnalati al RIVM.[151]

Le persone risultate positive al virus sono state isolate e poste in quarantena presso le loro abitazioni.[152][153]

I rapporti dei contagi comprovati sono ​​stati ufficialmente segnalati dal RIVM lunedì 2 marzo 2020.

Il 4 marzo l'istituto RIVM ha dato l'annuncio in merito alla conferma di 15 nuovi pazienti infettati dalla COVID-19. Il numero delle pazienti contagiati nei Paesi Bassi sale a 38.[154]

Il 5 marzo l'istituto RIVM annuncia un totale di 82 persone infettate dalla COVID-19 nei Paesi Bassi.[155]

Il primo decesso da COVID-19 nei Paesi Bassi viene annunciato il 6 Marzo[156]. Il numero dei contagiati sale a 128.[157]

Il 7 marzo l'Istituto ha ufficializzato 60 nuovi pazienti infetti. Il numero dei contagiati sale a 188.[158]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Polonia.
Mappa dei casi in Polonia (al 8 giugno):

     100-999 casi confermati

     1000-9999 casi confermati

     10000+ casi confermati

I test di laboratorio su casi sospetti di infezione da SARS-CoV-2, quarantena domestica e monitoraggio sono stati ampiamente utilizzati dalle autorità sanitarie polacche a febbraio 2020.[159][160] La prima infezione da COVID-19 in Polonia, è stata quella di un uomo ricoverato in ospedale a Zielona Góra, confermata il 4 marzo 2020.[161]

Portogallo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Portogallo.
Mappa dei casi in Portogallo (al 6 giugno):

     3 000 casi o più

     300-2 999 casi

     30-299 casi

     3-29 casi

     1-3 casi

     0 casi

Il 2 marzo, due casi sono stati confermati in Portogallo, entrambi nella città di Porto. Uno era un medico tornato dalle vacanze nel nord Italia e l'altro un lavoratore spagnolo.[162]

Il 13 marzo 2020, il governo portoghese ha dichiarato lo stato d'emergenza, allertando l'esercito e la protezione civile. È stata decretata la chiusura di tutte le scuole e università e introdotto un sussidio pari al 66% della retribuzione, equamento diviso a carico dello Stato e dei datori di lavoro di quanti svolgono un'attività lavorativa qualificata come non remotizzabile.[163][164]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 nel Regno Unito.
Mappa dei casi nel Regno Unito

L'Aeroporto di Londra-Heathrow ha rafforzato la sorveglianza dei tre voli diretti che riceve da Wuhan ogni settimana; ognuno sarà accolto da un team di Port Health. Inoltre, tutti gli aeroporti del Regno Unito sono stati dotati di una guida scritta (in inglese, mandarino e cantonese) disponibile per viaggiatori malati. Il governo britannico ha rintracciato fino a 2.000 persone che sono arrivate sui voli da Wuhan. Si è discusso se il governo dovesse assistere il rimpatrio dei titolari di passaporto del Regno Unito dalle aree maggiormente colpite o limitare del tutto il viaggio dalle regioni interessate. Un volo di evacuazione da Wuhan è atterrato alla Royal Air Force Brize Norton il 31 gennaio e i passeggeri, nessuno dei quali presentante sintomi, vengono portati in quarantena, in un blocco residenziale del personale presso l'Arrowe Park Hospital di Wirral. Alcuni cittadini britannici a Wuhan erano stati informati che potevano essere evacuati, ma i loro coniugi e/o figli con passaporto cinese continentale non potevano. Ciò è stato successivamente annullato, ma il ritardo ha comportato che alcune persone hanno perso il volo.

Il 31 gennaio sono stati confermati due casi in Inghilterra, entrambi membri di una famiglia di cittadini cinesi che alloggiavano in un hotel di York che erano stati portati in strutture specializzate a Newcastle upon Tyne. Il 6 febbraio, un terzo caso, un uomo che aveva da poco viaggiato a Singapore, è risultato positivo a Brighton. Quest'ultimo caso aveva infettato sei dei suoi parenti durante un soggiorno in Alta Savoia; quest'ultimi sono stati ricoverati in ospedale in Francia. Altri quattro casi sono stati confermati il ​​10 febbraio, essendo epidemiologicamente collegati a quello riportato il 6 febbraio. Dall'11 febbraio, due dei casi confermati nel Regno Unito sono stati riportati su BBC News come medici di medicina generale. Il 12 febbraio, un nono caso è stato confermato a Londra.

Il 23 febbraio il Dipartimento della Sanità e dell'Assistenza Sociale ha confermato quattro nuovi casi, portando il totale a 13. I quattro erano stati passeggeri della nave da crociera Diamond Princess. Due sono stati trasferiti al Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, uno al Royal Liverpool University Hospital e uno alla Royal Victoria Infirmary a Newcastle upon Tyne.

Gibilterra[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 a Gibilterra.

Il territorio ha confermato il suo primo caso il 4 marzo. L'infetto era una persona che aveva viaggiato dal Nord Italia attraverso l'aeroporto di Malaga. Il paziente è in auto-isolamento.[165]

Repubblica Ceca[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Repubblica Ceca.
Mappa dei casi ogni 100.000 residenti in Repubblica Ceca

Il 5 marzo sono stati confermati 12 casi di questa malattia. 10 di questi contagiati erano stati da poco in Italia del nord.[166]

Romania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Romania.
Mappa dei casi in Romania (al 29 giugno)

Il 26 febbraio la Romania ha confermato il primo caso di COVID-19 su un uomo di Prigoria entrato in contatto con un italiano di Cattolica; il 28 febbraio l'uomo è risultato negativo ad altri due test ed è stato dichiarato guarito, mentre altri due cittadini rumeni sono risultati positivi, entrambi tornati dall'Italia, uno a Maramureș (poi trasferito nel distretto di Cluj) e l'altra a Timișoara. Il 3 marzo è stato confermato un altro caso a Timișoara, il 4 marzo uno a Timișoara e l'altro a Suceava, il 5 marzo due casi sono stati confermati come guariti a Timișoara, il 6 marzo sono stati confermati altri tre casi (a Timișoara, nel distretto di Olt e a Hunedoara), il 7 marzo altri 4 (a Timișoara, a Hunedoara, a Bucarest e a Galați), l'8 marzo altri 2 (a Bucarest e nel distretto di Mureș) e il 9 marzo altri 2 (a Bucarest e a Buzău).

Al 11 marzo in Romania sono stati così confermati 47 casi e 7 guarigioni.[167]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Russia.
Mappa dei casi in Russia (al 9 maggio):

     100–999 casi confermati

     1 000–9 999 casi confermati

     10 000–99 999 casi confermati

     100 000+ casi confermati

Il Servizio Federale per la Sorveglianza della Protezione dei Diritti dei Consumatori e del Benessere Umano (Rospotrebnadzor) ha consigliato ai turisti di astenersi dal visitare Wuhan e di stare lontano dagli zoo cinesi e dai mercati che vendono animali e frutti di mare. Il Rospotrebnadzor ha anche affermato che era in corso lo sviluppo di un vaccino contro il virus, basandosi sulle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. La città russa di Blagoveščensk, vicino al confine cinese, ha limitato l'accesso al paese. Lo scambio culturale e le visite ufficiali in Cina sono state annullate. I governatori dell'oblast' dell'Amur, Vasilij Orlov, e dell'oblast' di Penza, Ivan Belozercev, hanno invitato i residenti ad evitare del tutto i viaggi in Cina. Ai residenti di grandi città è stato detto di evitare il contatto con i turisti provenienti dalla Cina.

Il 31 gennaio sono stati confermati due casi, uno nell'oblast' di Tjumen', l'altro nel Territorio della Transbajkalia.

Il 13 febbraio, la polizia ha arrestato una donna che ha violato i protocolli di quarantena dopo essere stata espulsa dalla Cina e testata negativa al virus.

Il 2 marzo è stato confermato il primo caso nella regione di Mosca.[168][169]

San Marino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 a San Marino.

Il primo caso sammarinese, un uomo di 88 anni, è stato confermato dalle autorità il 27 febbraio,[170][171] seguito il giorno successivo dal secondo caso.[172] Il primo contagiato è poi morto il successivo 1º marzo all'ospedale di Rimini.[173]

Il 5 marzo si contavano 22 casi confermati, compresa la prima vittima.[174]

Il 21 marzo si contavano 136 casi confermati e 20 decessi, sei di questi deceduti in un giorno e 390 persone risultavano ancora in quarantena.[175]

L'1 maggio il nuovo aggiornamento dell'ISS evidenzia un aumento di nuovi casi di infezione, portando il totale dei casi a 580, con 41 decessi e 82 guarigioni. Il numero complessivo di tamponi fatti ammonta a 2386.[176]

Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Serbia.
Mappa dei casi in Serbia (al 16 maggio):

     1–35 casi

     39–138 casi

     151–1014 casi

     +1882 casi

Il 6 marzo la Serbia ha confermato che un uomo di Bačka Topola è risultato positivo al test dopo essere stato a Budapest.[177] Il 9 marzo un cittadino cinese sul territorio serbo è risultato positivo[178] e il 10 marzo altri due casi sono stati confermati.[179]

Slovacchia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Svlovacchia.
Mappa dei casi in Slovacchia ogni 100.000 abitanti

Il 6 marzo la Slovacchia ha confermato che un uomo è risultato positivo al test[180] e il 7 marzo anche la moglie e il figlio sono stati confermati come infettati. Al 9 marzo i casi in Slovacchia sono risultati 7.[181]

Slovenia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Slovenia.
Mappa dei casi in Slovenia ogni 10.000 abitanti

Il 4 marzo 2020 la Slovenia ha confermato il suo primo caso. Un paziente di circa 60 anni era tornato dal Marocco pochi giorni prima (via Italia) ed è stato ricoverato in un ospedale di Lubiana.[182][183]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Spagna.
Casi ogni 100.000 residenti in Spgna

Il 31 gennaio, il primo caso in Spagna, un paziente tedesco, è stato confermato sull'isola di La Gomera nelle Canarie.

Il 9 febbraio, il secondo caso è stato riportato essere un uomo britannico a Palma di Maiorca.

Il 24 febbraio, un medico italiano dalla Lombardia, in vacanza a Tenerife, è risultato positivo all'Hospital Universitario Nuestra Señora de Candelaria.[184]

Il 25 febbraio, quattro nuovi casi relativi al focolaio italiano sono stati confermati in Spagna. La moglie del medico lombardo, che era in vacanza a Tenerife, è risultata anch'essa positiva. Anche un'altra donna italiana di 36 anni residente in Spagna, la quale ha soggiornato a Bergamo e Milano dal 12 al 22 febbraio, è risultata positiva a Barcellona. Un uomo spagnolo di Vila-real, che di recente era stato a Milano, è risultato positivo ed è stato ricoverato all'Ospedale Universitario De La Plana. Un uomo di 24 anni, da poco tornato dal Nord Italia, è risultato positivo ed è stato ricoverato all'Ospedale Carlos III di Madrid.

Il 26 febbraio, anche altri due turisti italiani, che erano in vacanza insieme al medico italiano e sua moglie, sono risultati positivi. Il gruppo è stato trasferito all'Hospital Universitario Nuestra Señora de Candelaria e sottoposto a quarantena. A Barcellona, un uomo di 22 anni, di ritorno da una visita in Italia di pochi giorni prima, è risultato positivo. Viene riportato anche un secondo caso a Madrid. A Siviglia si conferma il primo caso in Andalusia e il 12º nel paese, un uomo di 62 anni.

Al 12 marzo, c'erano quasi 3000 casi attivi confermati e 84 morti in Spagna.[185]

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Svezia.
Mappa dei casi in Svezia

Il 31 gennaio, una paziente dell'ospedale della contea di Ryhov a Jönköping è risultata positiva al virus. Aveva visitato l'area intorno a Wuhan. Dal 5 febbraio viene tenuta in isolamento presso la clinica per le malattie infettive. La paziente non è gravemente ammalata.[186]

Il 26 febbraio, in seguito al focolaio italiano e iraniano, in Svezia sono comparsi gruppi di infezioni provenienti da questi due paesi.[187] Numerose persone a Västra Götaland, Jönköping, Stoccolma, Uppsala sono risultate positive e sono state ammesse alle unità di malattie infettive nelle rispettive contee.[188]

Al 4 marzo, ci sono stati 52 casi confermati e una guarigione in Svezia.[189][190]

La linea morbida adottata, di fronte all'epidemia di coronavirus, sembra essere finita con la prossima adozione di misure restrittive, dopo avere constatato l'aumento a 6.800 contagi e a 401 decessi complessivi (il numero più alto tra i tre paesi scandinavi, fino al 6 aprile)[191]: inoltre, si aggrava il focolaio della città di Stoccolma che sta colpendo anche le case di cura con ospiti anziani. Il governo pensa di dover chiudere temporaneamente aeroporti, trasporti pubblici, negozi, ristoranti[192]. Non è ancora convinto dell'isolamento forzato l'epidepidemiologo Anders Tegnell che resta dell'idea di fare progredire in modo naturale l'epidemia: i malati restino a casa per non sovraccaricare il sistema sanitario. Fino ad oggi gli svedesi continuano la propria normale vita sociale, a frequentare i negozi ed i bambini sotto ai 16 anni di età ad andare a scuola[193].

Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Svizzera.
Mappa dei casi in Svizzera (al 29 marzo):

     1–9 casi confermati

     10–49 casi confermati

     50–99 casi confermati

     100-499 casi confermati

     500-999 casi confermati

     1 000+ casi confermati

Il 25 febbraio, la Svizzera ha confermato il suo primo caso di coronavirus, un uomo di 70 anni nel Ticino, il cantone di lingua italiana al confine con l'Italia stessa; l'uomo aveva precedentemente visitato Milano.[66][194][195] Successivamente, sono stati scoperti più casi relativi ai focolai italiani in più cantoni, tra cui Basilea Città, Zurigo e Grigioni.[196][197][198] Sono stati inoltre confermati molteplici casi isolati non correlati ai focolai italiani.[199]

Il 28 febbraio il Consiglio federale ha annunciato un divieto immediato di tutti gli eventi con oltre 1.000 partecipanti.[200]

Al 2 marzo, c'erano 42 casi confermati in Svizzera e 1 decesso.[201][202]

Turchia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Turchia.

L'11 marzo la Turchia ha dichiarato il suo primo caso confermato di COVID-19, con annuncio del ministro della Sanità, Fahrettin Koca.[203]

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Ucraina.
Mappa dei casi in Ucraina con indicazione del numero dei contagiati

Il 27 gennaio SkyUp, una compagnia aerea charter ucraina a basso costo, ha annunciato di aver sospeso i voli per Sanya, Hainan, fino al mese di marzo.[204][205]

Il 4 febbraio, l'Ukraine International Airlines ha sospeso il suo servizio di charter per l'aeroporto internazionale di Sanya Phoenix ad Hainan. Inizialmente, la sospensione doveva durare fino al 24 febbraio,[204] sebbene la compagnia aerea non avesse ancora indicato di riprendere i voli.[206]

Il 24 febbraio, l'Aeroporto di Kiev-Boryspil' e lAeroporto di Kiev-Žuljany avrebbero dovuto implementare procedure di screening termico per i viaggiatori provenienti dall'Italia, ma il personale era o non dotato di termo-camere o ha ignorato il protocollo.[207][208]

Il 3 marzo l'Ucraina ha annunciato il suo primo caso confermato di COVID-19. Un uomo aveva viaggiato in aereo dall'Italia alla Romania e poi era arrivato in Ucraina in auto.[209]

Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 del 2020 in Ungheria.
Mappa dei casi confermati ogni 100 000 abitanti in Ungheria

Il 4 marzo, il primo ministro Viktor Orbán ha annunciato che due studenti iraniani erano stati infettati dal virus.[210] Gli studenti sono asintomatici e sono stati trasportati all'ospedale Saint Ladislaus di Budapest.[210]

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 in Europa  V · D · M )
      Morti         Guarigioni         Casi attivi

Gen Gen Feb Feb Mar Mar Apr Apr Mag Mag Giu Giu Lug Lug Ultimi 15 giorni Ultimi 15 giorni

Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero in %)
27-01-2020
4(n.a.)
28-01-2020
8(+100%)
29-01-2020
10(+25%)
30-01-2020
11(+10%)
31-01-2020
20(+82%)
01-02-2020
23(+15%)
02-02-2020
25(+8,7%)
03-02-2020
27(+8%)
04-02-2020
28(+3,7%)
05-02-2020
28(=)
06-02-2020
29(+3,6%)
07-02-2020
32(+10%)
08-02-2020
37(+16%)
09-02-2020
38(+2,7%)
10-02-2020
43(+13%)
11-02-2020
45(+4,7%)
12-02-2020
46(+2,2%)
13-02-2020
46(=)
14-02-2020
46(=)
15-02-2020
47(+2,2%) 1(n.a.)
16-02-2020
47(=) 1(=)
17-02-2020
47(=) 1(=)
18-02-2020
47(=) 1(=)
19-02-2020
47(=) 1(=)
20-02-2020
47(=) 1(=)
21-02-2020
64(+36%) 2(+100%)
22-02-2020
106(+66%) 3(+50%)
23-02-2020
199(+88%) 4(+33%)
24-02-2020
277(+39%) 8(+100%)
25-02-2020
382(+38%) 11(+38%)
26-02-2020
541(+42%) 14(+27%)
27-02-2020
805(+49%) 19(+36%)
28-02-2020
1.101(+37%) 23(+21%)
29-02-2020
1.466(+33%) 31(+35%)
01-03-2020
2.203(+50%) 36(+16%)
02-03-2020
2.730(+24%) 55(+53%)
03-03-2020
3.359(+23%) 85(+55%)
04-03-2020
4.340(+29%) 114(+34%)
05-03-2020
5.739(+32%) 160(+40%)
06-03-2020
7.514(+31%) 216(+35%)
07-03-2020
9.651(+28%) 259(+20%)
08-03-2020
12.197(+26%) 411(+59%)
09-03-2020
14.979(+23%) 522(+27%)
10-03-2020
18.494(+23%) 716(+37%)
11-03-2020
23.506(+27%) 959(+34%)
12-03-2020
24.851(+5,7%) 966(+0,73%)
13-03-2020
36.348(+46%) 1.516(+57%)
14-03-2020
46.501(+28%) 1.812(+20%)
15-03-2020
54.865(+18%) 2.295(+27%)
16-03-2020
65.656(+20%) 2.802(+22%)
17-03-2020
76.927(+17%) 3.392(+21%)
18-03-2020
90.513(+18%) 4.011(+18%)
19-03-2020
108.980(+20%) 4.876(+22%)
20-03-2020
129.618(+19%) 6.065(+24%)
21-03-2020
151.525(+17%) 7.497(+24%)
22-03-2020
170.433(+12%) 8.836(+18%)
23-03-2020
194.465(+14%) 10.263(+16%)
24-03-2020
220.645(+13%) 12.139(+18%)
25-03-2020
250.939(+14%) 14.236(+17%)
26-03-2020
286.339(+14%) 16.464(+16%)
27-03-2020
321.506(+12%) 18.833(+14%)
28-03-2020
358.633(+12%) 21.580(+15%)
29-03-2020
386.469(+7,8%) 24.051(+11%)
30-03-2020
422.714(+9,4%) 26.784(+11%)
31-03-2020
462.047(+9,3%) 30.204(+13%)
01-04-2020
501.236(+8,5%) 33.658(+11%)
02-04-2020
541.244(+8%) 38.459(+14%)
03-04-2020
579.564(+7,1%) 42.491(+10%)
04-04-2020
615.810(+6,3%) 46.545(+9,5%)
05-04-2020
649.701(+5,5%) 49.664(+6,7%)
06-04-2020
679.154(+4,5%) 52.973(+6,7%)
07-04-2020
712.107(+4,9%) 57.966(+9,4%)
08-04-2020
749.358(+5,2%) 61.811(+6,6%)
09-04-2020
786.264(+4,9%) 66.367(+7,4%)
10-04-2020
829.826(+5,5%) 70.915(+6,9%)
11-04-2020
867.006(+4,5%) 74.470(+5%)
12-04-2020
899.943(+3,8%) 77.851(+4,5%)
13-04-2020
927.621(+3,1%) 81.013(+4,1%)
14-04-2020
960.852(+3,6%) 84.724(+4,6%)
15-04-2020
994.391(+3,5%) 89.394(+5,5%)
16-04-2020
1.030.500(+3,6%) 93.570(+4,7%)
17-04-2020
1.065.012(+3,3%) 97.459(+4,2%)
18-04-2020
1.099.626(+3,3%) 101.078(+3,7%)
19-04-2020
1.132.826(+3%) 103.931(+2,8%)
20-04-2020
1.163.340(+2,7%) 106.466(+2,4%)
21-04-2020
1.194.863(+2,7%) 110.098(+3,4%)
22-04-2020
1.225.549(+2,6%) 113.486(+3,1%)
23-04-2020
1.254.649(+2,4%) 116.504(+2,7%)
24-04-2020
1.275.321(+1,6%) 119.842(+2,9%)
25-04-2020
1.303.974(+2,2%) 122.740(+2,4%)
26-04-2020
1.329.187(+1,9%) 124.600(+1,5%)
27-04-2020
1.351.924(+1,7%) 126.755(+1,7%)
28-04-2020
1.375.029(+1,7%) 129.239(+2%)
29-04-2020
1.401.006(+1,9%) 135.871(+5,1%)
30-04-2020
1.427.457(+1,9%) 138.269(+1,8%)
01-05-2020
1.455.189(+1,9%) 140.326(+1,5%)
02-05-2020
1.479.631(+1,7%) 142.135(+1,3%)
03-05-2020
1.506.199(+1,8%) 143.784(+1,2%)
04-05-2020
1.530.263(+1,6%) 145.522(+1,2%)
05-05-2020
1.555.165(+1,6%) 147.597(+1,4%)
06-05-2020
1.586.711(+2%) 150.193(+1,8%)
07-05-2020
1.615.829(+1,8%) 152.080(+1,3%)
08-05-2020
1.642.659(+1,7%) 154.137(+1,4%)
09-05-2020
1.665.991(+1,4%) 155.299(+0,75%)
10-05-2020
1.689.705(+1,4%) 156.493(+0,77%)
11-05-2020
1.714.993(+1,5%) 157.738(+0,8%)
12-05-2020
1.738.539(+1,4%) 159.620(+1,2%)
13-05-2020
1.759.901(+1,2%) 161.115(+0,94%)
14-05-2020
1.782.396(+1,3%) 162.793(+1%)
15-05-2020
1.805.712(+1,3%) 164.308(+0,93%)
16-05-2020
1.826.985(+1,2%) 165.658(+0,82%)
17-05-2020
1.846.704(+1,1%) 166.784(+0,68%)
18-05-2020
1.864.700(+0,97%) 167.650(+0,52%)
19-05-2020
1.883.325(+1%) 168.856(+0,72%)
20-05-2020
1.899.491(+0,86%) 169.871(+0,6%)
21-05-2020
1.917.867(+0,97%) 170.925(+0,62%)
22-05-2020
1.938.904(+1,1%) 172.474(+0,91%)
23-05-2020
1.957.316(+0,95%) 173.452(+0,57%)
24-05-2020
1.974.880(+0,9%) 174.073(+0,36%)
25-05-2020
1.990.094(+0,77%) 172.739(-0,77%)
26-05-2020
2.009.554(+0,98%) 173.850(+0,64%)
27-05-2020
2.025.815(+0,81%) 174.934(+0,62%)
28-05-2020
2.047.457(+1,1%) 175.906(+0,56%)
29-05-2020
2.065.761(+0,89%) 176.908(+0,57%)
30-05-2020
2.084.121(+0,89%) 177.703(+0,45%)
31-05-2020
2.100.581(+0,79%) 178.179(+0,27%)
01-06-2020
2.111.480(+0,52%) 178.389(+0,12%)
02-06-2020
2.130.499(+0,9%) 180.008(+0,91%)
03-06-2020
2.148.448(+0,84%) 180.935(+0,51%)
04-06-2020
2.166.200(+0,83%) 181.594(+0,36%)
05-06-2020
2.184.075(+0,83%) 182.479(+0,49%)
06-06-2020
2.201.763(+0,81%) 183.130(+0,36%)
07-06-2020
2.218.429(+0,76%) 183.522(+0,21%)
08-06-2020
2.234.346(+0,72%) 183.958(+0,24%)
09-06-2020
2.250.942(+0,74%) 184.792(+0,45%)
10-06-2020
2.266.676(+0,7%) 185.572(+0,42%)
11-06-2020
2.284.256(+0,78%) 186.118(+0,29%)
12-06-2020
2.302.933(+0,82%) 186.738(+0,33%)
13-06-2020
2.320.965(+0,78%) 187.275(+0,29%)
14-06-2020
2.338.318(+0,75%) 187.582(+0,16%)
15-06-2020
2.353.967(+0,67%) 187.939(+0,19%)
16-06-2020
2.370.724(+0,71%) 188.693(+0,4%)
17-06-2020
2.388.681(+0,76%) 189.423(+0,39%)
18-06-2020
2.406.292(+0,74%) 190.026(+0,32%)
19-06-2020
2.422.316(+0,67%) 191.743(+0,9%)
20-06-2020
2.438.171(+0,65%) 192.228(+0,25%)
21-06-2020
2.452.759(+0,6%) 192.490(+0,14%)
22-06-2020
2.470.479(+0,72%) 192.810(+0,17%)
23-06-2020
2.487.150(+0,67%) 193.526(+0,37%)
24-06-2020
2.503.307(+0,65%) 194.009(+0,25%)
25-06-2020
2.519.914(+0,66%) 194.452(+0,23%)
26-06-2020
2.536.204(+0,65%) 195.047(+0,31%)
27-06-2020
2.552.033(+0,62%) 195.477(+0,22%)
28-06-2020
2.565.494(+0,53%) 195.740(+0,13%)
29-06-2020
2.582.958(+0,68%) 196.069(+0,17%)
30-06-2020
2.597.425(+0,56%) 196.609(+0,28%)
01-07-2020
2.612.967(+0,6%) 197.201(+0,3%)
02-07-2020
2.628.067(+0,58%) 197.586(+0,2%)
03-07-2020
2.613.500(-0,55%) 198.198(+0,31%)
04-07-2020
2.626.669(+0,5%) 198.580(+0,19%)
05-07-2020
2.639.197(+0,48%) 198.854(+0,14%)
06-07-2020
2.655.867(+0,63%) 199.170(+0,16%)
07-07-2020
2.669.036(+0,5%) 199.760(+0,3%)
08-07-2020
2.684.001(+0,56%) 200.288(+0,26%)
09-07-2020
2.698.841(+0,55%) 200.746(+0,23%)
10-07-2020
2.714.637(+0,59%) 201.169(+0,21%)
11-07-2020
2.728.679(+0,52%) 201.660(+0,24%)
12-07-2020
2.741.585(+0,47%) 201.914(+0,13%)
13-07-2020
2.758.022(+0,6%) 202.180(+0,13%)
14-07-2020
2.771.605(+0,49%) 202.661(+0,24%)
15-07-2020
2.787.359(+0,57%) 203.159(+0,25%)
16-07-2020
2.803.113(+0,57%) 203.589(+0,21%)
17-07-2020
2.819.733(+0,59%) 204.050(+0,23%)
18-07-2020
2.834.508(+0,52%) 204.363(+0,15%)
19-07-2020
2.847.548(+0,46%) 204.589(+0,11%)
20-07-2020
2.864.817(+0,61%) 204.823(+0,11%)
21-07-2020
2.880.748(+0,56%) 205.258(+0,21%)
22-07-2020
2.898.528(+0,62%) 205.698(+0,21%)
23-07-2020
2.917.126(+0,64%) 206.090(+0,19%)
24-07-2020
2.935.264(+0,62%) 206.547(+0,22%)
25-07-2020
2.949.475(+0,48%) 206.885(+0,16%)
Fonti:
  • Ultimo aggiornamento: 25.07.2020, 18:00 GMT


Evoluzione dei casi nel tempo[modifica | modifica wikitesto]

In questa sezione vengono riportati i grafici degli andamenti dei casi di coronavirus dei principali e dei maggiormente colpiti paesi europei a partire dal 25 febbraio 2020:

Nel seguente grafico a torta viene riportata la distribuzione percentuale dei casi di coronavirus tra i dieci paesi Europei più colpiti. L'ultima fetta (in grigio) indica i casi nei rimanenti paesi europei.

CasesCoVid19EuropeByCountries.png

Dal momento che nei vari paesi la pandemia è iniziata in giorni diversi, non è corretto confrontare i grafici sopra riportati. Viene pertanto riportato un grafico che mostra l'andamento dei casi cumulativi di Covid-19 imponendo il giorno 1 come il giorno per il quale, nel relativo stato, è stata superata la soglia dei 100 casi registrati. In particolare questo è avvenuto:

  • in Italia il 23 febbraio 2020;
  • in Francia il 29 febbraio 2020;
  • in Germania il 1º marzo 2020;
  • in Spagna il 3 marzo 2020;
  • nel Regno Unito il 5 marzo 2020;
  • in Svizzera il 5 marzo 2020:
  • in Belgio il 6 marzo 2020;
  • nei Paesi Bassi il 6 marzo 2020.
EvolutionCoVid19Europe-Start.png

Viene quindi riportato il confronto di casi positivi al coronavirus per ogni stato nel tempo, a partire dal 25 febbraio 2020. Si può notare facilmente come l'Italia sia stato il primo paese a mostrare gli effetti del contagio mentre gli altri paesi europei hanno iniziato a mostrarli successivamente (Francia, Germania e Spagna circa 10 giorni dopo; Regno Unito, Svizzera, Belgio e Paesi Bassi circa 15 giorni dopo) e a diversi ritmi l'andamento esponenziale.

EvolutionCoVid19Europe-Positive.png

In data 27 marzo 2020, la Svizzera è stato il primo tra i paesi maggiormente colpiti ad avere il numero totale di positivi al coronavirus in calo rispetto al giorno precedente. L'Italia invece ha avuto un calo dei positivi per la prima volta il 20 aprile 2020.

Infine è possibile confrontare l'evoluzione dei nuovi casi nei principali paesi Europei (in questo caso solo in quelli con più abitanti ossia Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito). Dal momento che i nuovi casi sono definiti come differenza tra i casi in due giorni consecutivi è possibile considerare il grafico qui riportato come il grafico delle velocità di incremento dei casi dei singoli paesi nel tempo.

EvolutionCoVid19Europe-New.png

In particolare i punti indicano i nuovi casi giornalieri mentre la linea continua la media mobile su sette giorni. A partire da questo grafico è possibile notare il giorno in cui è avvenuto il picco dei contagi e per quale valor medio.

  • in Italia il 23 marzo 2020, con 5643 nuovi casi;
  • in Spagna il 29 marzo 2020, con 7800 nuovi casi;
  • in Germania il 30 marzo 2020, con 5837 nuovi casi;
  • in Francia il 6 aprile 2020, con 6942 nuovi casi;
  • nel Regno Unito l'10 aprile 2020, con 8681 nuovi casi.

Decisioni del Consiglio europeo[modifica | modifica wikitesto]

Da più parti la pandemia di COVID-19 è stata definita una sfida decisiva per la tenuta dell'Unione europea a causa delle minacce da essa poste alla stabilità politica ed economica dei Paesi membri[211][212] e del fatto che essa ha messo a dura prova la capacità delle autorità comunitarie di rispondere in tempi rapidi e in maniera elastica alla crisi.[213] Il Consiglio europeo, riunitosi in videoconferenza il 17 marzo, ha condiviso la proposta della Commissione europea, avanzata dalla presidente Ursula von der Leyen relativamente alla gestione dei confini. I leader europei si sono impegnati ad attuare una limitazione coordinata degli ingressi per 30 giorni, vietandoli in tutti i casi non essenziali e garantendo l'ingresso dei cittadini europei e aventi permesso di soggiorno, di ricercatori e medici, di alcune categorie di autotrasportatori (tra i quali i generi alimentari, farmaceutici e medicali).

L'esportazione di attrezzature medicali viene subordinata all'obbligo di un'autorizzazione preventiva da parte della Commissione, che gestisce l'acquisto pubblico centralizzato dei dispositivi di protezione individuale, anche mediante il circuito delle Protezioni Civili degli Stati membri. Queste ultime sono uno degli incaricati delle attività di reimpatrio dei cittadini europei presenti in tutto il mondo, nel rispettivo Paese di origine.

Oltre alla promozione dell'industria di settore, il Consiglio impegna gli Stati a condividere le informazioni e i risultati delle ricerche scientifiche per lo sviluppo di un vaccino contro la COVID-19, rendendolo universalmente disponibile a chiunque ne avesse necessità.[214]

Programma di acquisto di emergenza pandemica[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso il "Programma di acquisto di emergenza pandemica" (Pandemic emergency purchase programme, PEPP)[215], la Banca centrale europea ha concesso un'iniezione di liquidità per 750 miliardi di euro nei vari Paesi europei, acquistandone titoli con interessi passivi per quest'ultimi pressocché nulli (un Quantitative easing senza scadenze temporali)[216][217]. In sostanza, una delle decisioni principali della BCE è stata quella di rimuovere i vincoli che si era data nel precedente "Quantitative Easing" (2015-2016), ovvero il limite massimo di un terzo di acquisto di un'emissione di titoli di stato e la quantità di titoli emessi da un determinato Paese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coronavirus update (live), su worldometer.
  2. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  3. ^ a b c https://www.worldometers.info/coronavirus/
  4. ^ San Marino Rtv, Coronavirus: secondo caso a San Marino, 21 persone in quarantena precauzionale, su San Marino Rtv, 28 febbraio 2020. URL consultato il 1º marzo 2020.
  5. ^ (EN) Confirmed Cases and Deaths by Country, Territory, or Conveyance, su Worldometer.
  6. ^ (RU) Коронавирус в России сегодня, su coronavirus-control.ru. URL consultato il 27 aprile 2020.
  7. ^ (EN) Number of coronavirus (COVID-19) cases and risk in the UK, su gov.uk. URL consultato l'11 marzo 2020.
  8. ^ (ES) Enfermedad por nuevo coronavirus, COVID-19 – Situación actual, su mscbs.gob.es. URL consultato il 13 marzo 2020.
  9. ^ Covid-19 - Situazione in Italia, su salute.gov.it. URL consultato l'11 marzo 2020.
  10. ^ (TR) T.C Sağlık Bakanlığı Günlük Koronavirüs Tablosu, Turkey Ministry of Health Daily Coronavirus Table, su covid19.saglik.gov.tr. URL consultato il 27 aprile 2020.
  11. ^ (DE) RKI - Coronavirus SARS-CoV-2, su rki.de. URL consultato il 13 marzo 2020.
  12. ^ (FR) Infection au nouveau Coronavirus (SARS-CoV-2), COVID-19, France et Monde, su santepubliquefrance.fr. URL consultato l'11 marzo 2020.
  13. ^ (SV) Coronaviruset: Här är de senaste siffrorna, su aftonbladet.se. URL consultato l'11 marzo 2020.
  14. ^ (RU) В Беларуси 64 224 случаев COVID-19. За сутки снова больше 200 новых случаев, su tut.by, 8 luglio 2020. URL consultato l'8 luglio 2020.
  15. ^ (FR) Coronavirus COVID-19, su info-coronavirus.be. URL consultato l'11 marzo 2020.
  16. ^ Actuele informatie over het nieuwe coronavirus (COVID-19), su rivm.nl. URL consultato l'11 marzo 2020.
  17. ^ Coronavirus in Ukraine, su covid19.gov.ua, Cabinet of Ministers of Ukraine. URL consultato il 6 luglio 2020.
  18. ^ Ponto de Situação Atual em Portugal, su covid19.min-saude.pt. URL consultato il 25 marzo 2020.
  19. ^ Coronavirus COVID-19 Global Cases by the Center for Systems Science and Engineering (CSSE) at Johns Hopkins University (JHU), su ArcGIS, Johns Hopkins CSSE.
  20. ^ (PL) Ministerstwo Zdrowia [MZ_GOV_PL], Mamy 205 nowych i potwierdzonych przypadków zakażenia #koronawirus (Tweet), su Twitter, 6-07-2020.
  21. ^ (EN) New coronavirus, su bag.admin.ch. URL consultato l'11 marzo 2020.
  22. ^ Comunicate de presa - Buletin informativ 24.03.2020, su ms.ro. URL consultato il 25 marzo 2020.
  23. ^ Latest updates on COVID-19 (Coronavirus), su gov.ie. URL consultato il 17 aprile 2020.
  24. ^ Neuartiges Coronavirus (2019-nCov), su sozialministerium.at. URL consultato l'11 marzo 2020.
  25. ^ (RO) COVID-19 în Republica Moldova: situaţia la zi, su gismoldova.maps.arcgis.com. URL consultato il 6 luglio 2020.
  26. ^ COVID-19, su covid19.rs, Ministry of Health (Serbia). URL consultato il 6 luglio 2020.
  27. ^ (DA) Følg smittespredningen globalt, regionalt og lokalt, su politi.dk. URL consultato l'11 marzo 2020.
  28. ^ (CS) COVID-19 | Onemocnění aktuálně od MZČR, Ministry of Health (Czech Republic). URL consultato il 6 luglio 2020.
  29. ^ (NO) Live-oppdatering: coronavirusets spredning i Norge og verden, su vg.no. URL consultato l'11 marzo 2020.
  30. ^ Varmistetut koronatapaukset Suomessa (COVID-19), su experience.arcgis.com. URL consultato il 6 luglio 2020.
  31. ^ Latest information on COVID-19 and measures for prevention of spreading issued by the Government, Ministry of health (North Macedonia). URL consultato il 7 luglio 2020.
  32. ^ (MK) Real-time Coronavirus condition in North Macedonia, su gdi.net. URL consultato il 7 luglio 2020.
  33. ^ (BG) 63 са случаите на COVID-19, потвърдени у нас през последното денонощие [Total confirmed cases of COVID-19 in our country according to the National Information System], Ministry of Health (Bulgaria). URL consultato il 6 luglio 2020.
  34. ^ COVID-19 in Bosnia and Herzegovina, Ministry of Civil Affairs of Bosnia and Herzegovina. URL consultato il 6 luglio 2020.
  35. ^ Coronavirus: COVID-19, Government of Luxembourg. URL consultato il 6 luglio 2020.
  36. ^ Tájékoztató oldal a koronavírusról Aktualis, in koronavirus.gov.hu. URL consultato il 6 luglio 2020.
  37. ^ (RU) Коронавирус в России сегодня, su coronavirus-control.ru. URL consultato il 27 aprile 2020.
  38. ^ (SQ) Statistikat e fundit, su kosova.health. URL consultato il 6 luglio 2020.
  39. ^ Službena stranica Vlade, Croatian Institute of Public Health. URL consultato il 6 luglio 2020.
  40. ^ (SQ) Coronavirus Albania | Statistika, Agjencia Kombëtare e Shoqerisë së Informacionit. URL consultato il 6 luglio 2020.
  41. ^ https://www.terviseamet.ee/et/uuskoroonaviirus
  42. ^ (IS) COVID-19 á Íslandi – Tölfræði, su www.covid.is. URL consultato il 6 luglio 2020.
  43. ^ https://koronastop.lrv.lt/
  44. ^ (EN) Coronavirus in Slovakia, su korona.gov.sk, National Health Information Center. URL consultato il 6 luglio 2020.
  45. ^ Statistični pregled koronavirusa v Sloveniji, su www.rtvslo.si. URL consultato il 6 luglio 2020.
  46. ^ Coronavirus disease COVID-19, su Ministry of Health. URL consultato il 6 luglio 2020.
  47. ^ https://twitter.com/SPKCentrs
  48. ^ (EN) Coronavirus: One new case, in Cyprus Mail, 6 luglio 2020. URL consultato il 6 luglio 2020.
  49. ^ (CA) Actualitat coronavirus, su www.govern.ad, Govern d'Andorra. URL consultato il 6 luglio 2020.
  50. ^ Gruppo coordinamento emergenze sanitarie: aggiornamento 26 giugno 2020, su www.iss.sm. URL consultato il 26 giugno 2020.
  51. ^ No new COVID-19 cases or recoveries in the last 24 hours, in Times of Malta, 6 luglio 2020.
  52. ^ (EN) Public Health Services, COVID-19 Coronavirus – Testing results, su www.gov.gg, St Peter Port. URL consultato il 4 giugno 2020.
  53. ^ (EN) Coronavirus (COVID-19) cases, States of Jersey. URL consultato il 6 luglio 2020.
  54. ^ Latest updates, Isle of Man Government. URL consultato il 5 giugno 2020.
  55. ^ (Montenegrin) Virus korona COVID 19, Government of Montenegro. URL consultato il 6 luglio 2020. Lingua sconosciuta: Montenegrin (aiuto)
  56. ^ (EN) Corona í Føroyum, su Corona í Føroyum. URL consultato il 6 luglio 2020.
  57. ^ Covid-19 Government Public Notifications, HM Government of Gibraltar. URL consultato il 5 luglio 2020.
  58. ^ CORONAVIRUS – Deux nouveaux cas positifs ce dimanche, su gouv.mc, 5 luglio 2020.
  59. ^ (DE) Ministerium für Gesellschaft, su regierung.li. URL consultato il 6 luglio 2020.
  60. ^ (DE) Medienmitteilung, su regierung.li, 6 luglio 2020.
  61. ^ Dichiarazione del Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, 06.06.2020, su Officialthe Holy See website. URL consultato il 7 giugno 2020.
  62. ^ (CA) Una de les dues dones aïllades dona negatiu en les proves del coronavirus, in RTVA, 26 febbraio 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  63. ^ (EN) Armenia confirms the first case of coronavirus, su en.armradio.am. URL consultato il 9 marzo 2020.
  64. ^ (EN) Austria's 2 coronavirus cases are Italian citizens, su CNN. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  65. ^ (DE) Zwei Fälle in Tirol bestätigt, su orf.at. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  66. ^ a b c (EN) Coronavirus latest news: disease spreads across Europe into Switzerland, Croatia and Austria, su The Telegraph. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  67. ^ a b (DE) Dritter bestätigter Coronavirus-Fall in Wien - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  68. ^ a b (DE) wien ORF at/Agenturen red, Coronavirus: Drei bestätigte Fälle in Wien, su wien.ORF.at, 27 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  69. ^ (DE) birgit.seiser,katharina.zach, Coronavirus erreicht Wien: 72-Jähriger erkrankt, su kurier.at. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  70. ^ (DE) ORF at/Agenturen red, Coronavirus: Wiener Patient seit zehn Tagen im Spital, su news.ORF.at, 27 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  71. ^ (DE) Infektion in Steiermark: Bereits sieben bestätigte CoV-Fälle, su news.ORF.at, 28 febbraio 2020. URL consultato il 28 febbraio 2020.
  72. ^ (DE) Sozialministerium: Aktuelle Informationen: Neuartiges Coronavirus, su sozialministerium.at. URL consultato il 9 marzo 2020.
  73. ^ Azerbaijan reports first case of coronavirus - Ifax, su reuters.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  74. ^ COVID-19 cases jump in Iran as Italy toll rises, su aljazeera.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  75. ^ Confirmed coronavirus cases reach six in Azerbaijan, su report.az. URL consultato il 9 marzo 2020.
  76. ^ Three more Azerbaijani citizens test positive for coronavirus after returning from Iran, su en.trend.az. URL consultato il 9 marzo 2020.
  77. ^ Two more Azerbaijani citizens test positive for coronavirus after returning from Iran, su en.trend.az. URL consultato il 10 marzo 2020.
  78. ^ Operational Headquarters: Two Azerbaijani citizens test positive for coronavirus after returning from Iran, su en.trend.az. URL consultato il 10 marzo 2020.
  79. ^ a b (BE) У Беларусі зарэгістраваны завазны выпадак каронавіруса, su minzdrav.gov.by. URL consultato il 5 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2020).
  80. ^ (EN) Belarus announces first case of coronavirus: TASS, su Reuters, 28 febbraio 2020.
  81. ^ (EN) Four Lawmakers In Iran Test Positive As Coronavirus Forces Cancellation Of Friday Prayers, su Radio Free Europe/Radio Liberty, 28 febbraio 2020.
  82. ^ (RU) Шесть случаев коронавируса подтверждено в Беларуси., su minzdrav.gov.by. URL consultato il 4 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2020).
  83. ^ Sauna, allenamento e tanta vodka: in Bielorussia il calcio sfida il coronavirus, su la Repubblica, 22 marzo 2020. URL consultato il 30 marzo 2020.
  84. ^ Politica economica (BIELORUSSIA), su Infomercatiesteri.it. URL consultato il 30 marzo 2020.
  85. ^ (BS) U Federaciji BiH trenutno je 14 osoba pod zdravstvenim nadzorom zbog koronavirusa, su Klix.ba. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  86. ^ Several suspicious but not confirmed cases of coronavirus in BiH, su Independent Balkan News Agency, 25 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  87. ^ (BS) Bosnia confirms its first case of coronavirus, su N1 BA. URL consultato il 5 marzo 2020.
  88. ^ (BG) Какво знаем за заразените с коронавирус четирима българи, su news.bnt.bg. URL consultato il 9 marzo 2020.
  89. ^ (EN) Two cases of coronavirus confirmed, su cyprus-mail.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  90. ^ Vaticano, primo caso positivo al Coronavirus. Le misure per i cardinali e i diplomatici residenti, su corriere.it. URL consultato il 10 marzo 2020.
  91. ^ Coronavirus, Francesco: "Ingabbiato in biblioteca vi vedo e vi sono vicino", su repubblica.it. URL consultato il 10 marzo 2020.
  92. ^ (EN) Pope cancels main public appearances to stop crowds gathering amid coronavirus, su reuters.com.
  93. ^ Bruni, altri tre positivi in Vaticano, su ANSA, 24 marzo 2020. URL consultato il 26 marzo 2020.
  94. ^ Prelato residente a Santa Marta positivo, su ANSA, 26 marzo 2020. URL consultato il 26 marzo 2020.
  95. ^ Coronavirus: 6 casi in Vaticano, su ANSA, 28 marzo 2020. URL consultato il 28 marzo 2020.
  96. ^ Vaticano, ottavo caso di contagio, due i guariti, su vaticannews.va, Vatican News, 7 aprile 2020. URL consultato il 10 aprile 2020.
  97. ^ Vaticano, ottavo caso di contagio, due i guariti, su vaticannews.va.
  98. ^ Covid-19, nono caso di contagio in Vaticano, su vaticannews.va, 20 aprile 2020. URL consultato il 25 aprile 2020.
  99. ^ (EN) BREAKING: Croatia reports first confirmed case of coronavirus infection, su hr.n1info.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  100. ^ a b c (EN) Croatia confirms third case of coronavirus infection, su hr.n1info.com. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  101. ^ (EN) Mark Thomas, Ninth case of coronavirus in Croatia confirmed, su The Dubrovnik Times. URL consultato il 5 marzo 2020.
  102. ^ a b c d (DA) Dansker smittet med coronavirus, su TV 2. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  103. ^ (DA) Seneste tal på COVID-19 i Danmark, in Styrelsen for Patientsikkerhed (Ministero della Salute), 5 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  104. ^ (DA) Yderligere fem personer er bekræftet smittet med COVID-1, in Styrelsen for Patientsikkerhed (Ministero della Salute), 4 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  105. ^ (FO) Ingi Samuelsen, Fyrsti føroyingur smittaður av corona, in Dagur.fo, 4 marzo 2020. URL consultato il 4 marzo 2020.
  106. ^ a b (EN) First Coronavirus case found in Estonia, su news.err.ee. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  107. ^ a b c (ET) EESTIBLOGI, FOTOD JA VIDEO ⟩ Koroonaviirusesse nakatunu tõi tõve kaasa Iraanist, kus viibis töövisiidil, su Postimees.ee. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  108. ^ (ET) Terviseamet: kõikide Lux Expressis olnud reisijatega on ühendust võetud, su m.delfi.ee. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  109. ^ (ET) Eestis tuvastati teine koroonaviirusega nakatanu, ERR. URL consultato il 3 marzo 2020.
  110. ^ Third coronavirus case confirmed in Estonia, ERR. URL consultato il 5 marzo 2020.
  111. ^ Georgia Confirms First Case of Coronavirus, su civil.ge. URL consultato il 9 marzo 2020.
  112. ^ Georgia reports second case of coronavirus, su agenda.ge. URL consultato il 9 marzo 2020.
  113. ^ Georgia confirms five new cases of coronavirus, su agenda.ge. URL consultato il 9 marzo 2020.
  114. ^ Number of coronavirus cases reaches 15 in Georgia, su agenda.ge. URL consultato il 9 marzo 2020.
  115. ^ First case of Covid-19 diagnosed in east of Ireland, in RTÉ News and Current Affairs, 1º marzo 2020. URL consultato il 2 marzo 2020.
  116. ^ a b https://bnonews.com/wp-content/uploads/2020/02/ireland.png
  117. ^ Samantha Libreri, Secondary school to close for 14 days as precaution over virus case, in RTÉ News and Current Affairs, 2 marzo 2020. URL consultato il 2 marzo 2020.
  118. ^ Vivienne Clarke, Chief medical officer defends State's refusal to name Dublin school closed due to coronavirus, in Irish Examiner, 2 marzo 2020. URL consultato il 2 marzo 2020.
  119. ^ (EN) Four cases of coronavirus confirmed in west of Ireland, su rte.ie, 5 marzo 2020 sito=RTÉ.
  120. ^ (IS) Fyrsta tilfelli COVID-19 greint á Íslandi, su ruv.is.
  121. ^ (IS) Tíu COVID-19 smit greind í dag - 26 smit í heild, su ruv.is.
  122. ^ Coronavirus in Italia: aggiornamento ora per ora, su La Repubblica, 23 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  123. ^ Coronavirus, in dieci comuni lombardi: 50 mila persone costrette a restare in casa. Quarantena all'ospedale milanese di Baggio, su La Repubblica. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  124. ^ Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana del 23 febbraio 2020, su gazzettaufficiale.it.
  125. ^ In Germania mortalità allo 0,3%. Ecco perché in Italia è all'8,3%, su ilgiornale.it, 20 marzo 2020.
  126. ^ Kosovo Confirms First Two Coronavirus Cases, su balkaninsight.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  127. ^ First case of COVID-19 coronavirus confirmed in Latvia, Public Broadcasting of Latvia, 3 marzo 2020. URL consultato il 3 marzo 2020.
  128. ^ Coronavirus makes its way to Latvia, Baltic News Network, 3 febbraio 2020. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  129. ^ Latvia's first coronavirus patient to be discharged from hospital Tuesday, in Baltic Times, 3 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  130. ^ More coronavirus tests come up negative in Latvia, Public Broadcasting of Latvia, 3 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  131. ^ COVID-19 infekcijas uzliesmojums, SPKC
  132. ^ Junger Mann positiv auf Coronavirus getestet, su vaterland.li. URL consultato il 9 marzo 2020.
  133. ^ Coronavirus: Lithuania declares state emergency, su lrt.lt. URL consultato il 9 marzo 2020.
  134. ^ Koronavirusas patvirtintas Lietuvoje – 39 metų moteris izoliuota Šiaulių ligoninėje, stebimi jos šeimos nariai, su 15min.lt. URL consultato il 9 marzo 2020.
  135. ^ First case of coronavirus confirmed in Luxembourg, Charleroi Airport increasing precautionary measures, su today.rtl.lu. URL consultato il 9 marzo 2020.
  136. ^ Second case of coronavirus in Luxembourg: Ministry of Health, su today.rtl.lu. URL consultato il 9 marzo 2020.
  137. ^ Third case of coronavirus in Luxembourg: Ministry of Health, su today.rtl.lu. URL consultato il 9 marzo 2020.
  138. ^ Fourth coronavirus case confirmed in Luxembourg, su today.rtl.lu. URL consultato il 9 marzo 2020.
  139. ^ Luxembourg Ministry of Health confirms fifth coronavirus case: returned from Alsace, su today.rtl.lu. URL consultato il 9 marzo 2020.
  140. ^ (EN) Coronavirus spreads in Middle East and beyond: Live updates, su Al Jazeera. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  141. ^ Malta's first coronavirus cases are girl and parents, su timesofmalta.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  142. ^ În Republica Moldova a fost confirmat primul caz de coronavirus. Se iau măsuri pentru limitarea răspândirii virusului, su msmps.gov.md. URL consultato il 9 marzo 2020 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2020).
  143. ^ Coronavirus: un premier cas de contamination détecté à Monaco et transféré au CHU de Nice, su bfmtv.com. URL consultato il 9 marzo 2020.
  144. ^ (FR) Un deuxième cas positif de Coronavirus confirmé ce jeudi à Monaco, su Monaco-Matin, 12 marzo 2020.
  145. ^ (FR) Un troisième cas positif recensé à Monaco et confiné à domicile, su monacomatin.mc. URL consultato il 14 marzo 2020.
  146. ^ (BS) Prvi slučajevi koronavirusa zabilježeni i u Crnoj Gori, su klix.ba.
  147. ^ Staff, Updated: Norway announces first case of coronavirus, su thelocal.no, 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  148. ^ One person has tested positive for coronavirus, su Norwegian Institute of Public Health. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  149. ^ (NO) Tre nye personer har testet positivt på koronavirus, su Folkehelseinstituttet. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  150. ^ (NO) Antall smittede med koronavirus i Norge, su FHI, 4 marzo 2020.
  151. ^ Nieuw coronavirus (COVID-19), su RIVM. URL consultato il 5 marzo 2020.
  152. ^ (EN) Netherlands coronavirus total rises to 24 with new Covid-19 cases confirmed, su NL Times, 3 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  153. ^ (NL) Liveblog: 290 miljoen kinderen niet naar school door coronavirus, su RD.nl. URL consultato il 5 marzo 2020.
  154. ^ LIVE | Groot evenement in Rotterdam afgelast, nieuwe besmettingen in Nederland, su ad.nl. URL consultato il 4 marzo 2020.
  155. ^ (NL) Aantal coronapatiënten in Nederland ruim verdubbeld naar 82, su AD.nl, 5 marzo 2020.
  156. ^ (EN) First coronavirus fatality in Netherlands: Rotterdam patient dead at 86, su NLTimes, 6 marzo 2020.
  157. ^ (NL) Aantal besmettingen met coronavirus in Nederland stijgt van 82 naar 128, su NU.nl, 6 marzo 2020.
  158. ^ (NL) Actuele informatie over het nieuwe coronavirus (COVID-19), su RIVM.
  159. ^ Telewizja Polska S.A, Poles leave hospital after 2-week coronavirus observation, su polandin.com.
  160. ^ (PL) Ministerstwo Zdrowia: W Polsce wciąż nie ma koronawirusa. Żadna z badanych próbek nie jest pozytywna, in Gazeta Wyborcza, 29 febbraio 2020. URL consultato il 29 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2020).
  161. ^ Poland Reports First Coronavirus Case - Health Minister, usnews.com, 4 marzo 2020. URL consultato il 4 marzo 2020.
  162. ^ (EN) Portugal registers first two cases of coronavirus: health minister, su Reuters, 2 marzo 2020.
  163. ^ Coronavirus, Portogallo: governo proclama stato di emergenza, su sicurezzainternazionale.luiss.it, 13 marzo 2020 (archiviato il 15 marzo 2020).
  164. ^ Coronavirus: Portogallo decreta lo stato d'allerta, ferma scuola da lunedì, Roma, Radiocor, 13 marzo 2020 (archiviato il 15 marzo 2020).
  165. ^ (EN) Diexter Thomas, COVID-19: Politicians respond to Coronavirus case in Gibraltar, su Olive Press News Spain, 4 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  166. ^ (CS) ČTK, Nakažených koronavirem je v ČR dvanáct, pravidla testů se mění, su České noviny, 5 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  167. ^ (RO) Coronavirus România, INFORMAȚII OFICIALE: 17 persoane infectate, anchetă epidemiologică la spital, su digi24.ro. URL consultato il 10 marzo 2020.
  168. ^ У приехавшего из Италии россиянина обнаружили коронавирус
  169. ^ У вернувшегося из Италии россиянина выявили коронавирус - РИА Новости, 02.03.2020
  170. ^ Coronavirus: primo caso nella Repubblica di San Marino, su altarimini.it, 27 febbraio 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  171. ^ Coronavirus, primo caso di contagio a San Marino: è un anziano, su corriereromagna.it, 27 febbraio 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  172. ^ Coronavirus: secondo caso a San Marino, 21 persone in quarantena precauzionale, su sanmarinortv.sm, 28 febbraio 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  173. ^ Coronavirus: è morto il sammarinese ricoverato a Rimini, su sanmarinortv.sm, 1º marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  174. ^ Coronavirus: a San Marino 21 casi positivi di cui 6 nuovi, su sanmarinortv.sm, 5 marzo 2020. URL consultato il 5 marzo 2020.
  175. ^ Coronavirus a San Marino: 6 nuovi decessi nelle ultime 24 ore, su sanmarinortv.sm, 22 marzo 2020.
  176. ^ ISS - Istituto per la Sicurezza Sociale di San Marino, su iss.sm, 1º maggio 2020. URL consultato il 1º maggio 2020.
  177. ^ Serbia reports first case of coronavirus - health minister, su nationalpost.com. URL consultato il 10 marzo 2020.
  178. ^ (SR) Информације о корона вирусу COVID-19, 09.03.2020 у 18 часова, su covid19.rs. URL consultato il 10 marzo 2020.
  179. ^ (SR) Информације о корона вирусу COVID-19, 10.03.2020 у 8 часова, su covid19.rs. URL consultato il 10 marzo 2020.
  180. ^ Coronavirus confirmed in Slovakia, su spectator.sme.sk. URL consultato il 10 marzo 2020.
  181. ^ (SK) Koronavírus ONLINE: Počet prípadov nákazy na Slovensku stúpol na 7, su aktuality.sk. URL consultato il 10 marzo 2020.
  182. ^ First case of coronavirus infection confirmed in Slovenia, in Slovenian Press Agency, 4 marzo 2020. URL consultato il 4 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2020).
  183. ^ Slovenia confirms first case of coronavirus -health minister, 4 marzo 2020. URL consultato il 4 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2020).
  184. ^ Turista italiano positivo al test a Tenerife: mille in quarantena. Primo caso sospetto nelle Asturie, su La Repubblica. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  185. ^ (ES) Ministerio de Sanidad, su mscbs.gob.es. URL consultato il 12 marzo 2020.
  186. ^ (EN) First case of coronavirus confirmed in Sweden, su Thelocal.ch. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  187. ^ (SV) Ytterligare fall av covid-19 i flera regioner — Folkhälsomyndigheten, su folkhalsomyndigheten.se. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  188. ^ (SV) Fler fall upptäckta av covid-19 — Folkhälsomyndigheten, su folkhalsomyndigheten.se. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  189. ^ (SV) 16 nya fall i Stockholm – 52 smittade i landet, in Sveriges Radio, 4 marzo 2020. URL consultato il 4 marzo 2020.
  190. ^ (SV) Anders Abrahamsson, Första svenska coronafallet friskförklarad, in Göteborgs-Posten, 3 marzo 2020. URL consultato il 3 marzo 2020.
  191. ^ Coronavirus, i fatti principali della giornata, su ansa.it, 6 aprile 2020. URL consultato il 6 aprile 2020.
  192. ^ Jon Henley, Sweden prepares for possible tighter coronavirus measures as deaths rise, su The Guardian, 5 aprile 2020. URL consultato il 6 aprile 2020.
  193. ^ Chris Caulfield, UK’s lockdown has gone too far, claims Sweden’s leading scientist, su metro.co.uk, 5 aprile 2020. URL consultato il 6 aprile 2020.
  194. ^ (DE) Erster bestätigter Fall in der Schweiz, su Blick. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  195. ^ (EN) UPDATED: Switzerland confirms first case of coronavirus, in Thelocal.ch. URL consultato il 26 febbraio 2020.
  196. ^ S. W. I. swissinfo.ch, Coronavirus cases spreading in Switzerland, su SWI swissinfo.ch. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  197. ^ Informationen zum Coronavirus, su gr.ch. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  198. ^ Swiss coronavirus cases rise to nine as children placed in precautionary quarantine, in Reuters, 27 febbraio 2020. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  199. ^ Google employee who was at Zurich office tests positive for coronavirus, su finance.yahoo.com. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  200. ^ Geneva International Motor Show visitor numbers down in 2018, su Le News, 18 marzo 2018. URL consultato il 29 febbraio 2020.
  201. ^ Coronavirus in Svizzera, Swissinfo.ch, 2 marzo 2020.
  202. ^ Balz Rigendinger, Coronavirus: primo decesso in Svizzera, su SWI swissinfo.ch. URL consultato il 5 marzo 2020.
  203. ^ Adnkronos, 11 marzo 2020, https://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2020/03/11/coronavirus-primo-caso-turchia_zExWNQt6nUi8GSWSAsBQQK.html. URL consultato il 2 aprile 2020.
  204. ^ a b Thomas Pallini, At least 73 airlines have cancelled flights to China amid coronavirus fears — here's the full list, su Business Insider Australia, 30 gennaio 2020.
  205. ^ Туроператор Join UP, su facebook.com.
  206. ^ Ukraine's last planned plane from China to arrive in Kiev, su in.reuters.com, 4 febbraio 2020.
  207. ^ (UK) В аеропорту "Київ" досі не міряють температуру тіла пасажирів, Deutsche Welle, 25 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2020).
  208. ^ (UK) У "Борисполі" не перевіряють пасажирів з Італії, де лютує коронавірус, Depo.ua, 25 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2020).
  209. ^ Ukraine reports first coronavirus case, in man who traveled from Italy, Reuters, 3 marzo 2020. URL consultato il 3 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2020).
  210. ^ a b (HU) Két koronavírusos beteg van Magyarországon, su Magyar Hírlap, 4 marzo 2020.
  211. ^ Gabriele Ciancitto, L'Europa alla prova della storia, Osservatorio Globalizzazione, 22 aprile 2020
  212. ^ Angela Correra, Andrea Circolo e Alfredo J. Veneziani, Risoluzione del Parlamento europeo del 17 aprile 2020 sull’azione coordinata dell’Unione per lottare contro la pandemia di COVID-19 e le sue conseguenze: misure economiche, tutela dei valori fondanti, azione esterna, su comparativecovidlaw.it, 19 aprile 2020. URL consultato il 28 aprile 2020.
  213. ^ Andrea Muratore, Europa e Italia nel vortice della crisi, Osservatorio Globalizzazione, 16 giugno 2020
  214. ^ (EN) Conclusions by the President of the European Council following the video conference with members of the European Council on COVID-19, su Consiglio europeo, 17 marzo 2020 (archiviato il 18 marzo 2020).
  215. ^ (EN) ECB announces €750 billion Pandemic Emergency Purchase Programme (PEPP), su ecb.europa.eu, 8 marzo 2020. URL consultato il 2 parile 2020.
  216. ^ La BCE lancia Quantitative Easing da 750 miliardi di euro contro il Coronavirus, su eunews.it, 19 marzo 2020. URL consultato il 2 aprile 2020.
  217. ^ Coronavirus: Bce, via al piano da 750 miliardi, su ansa.it, 26 marzo 2020. URL consultato il 2 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]