Pandemia di COVID-19 del 2020 in Kirghizistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 del 2020 in Kirghizistan
epidemia
COVID KG.png

     Da 10 a 99+ casi

     Da 100 a 999+ casi

     Da 1000 a 9999+ casi

     Casi sospetti

La mappa dei casi in Kirghizistan.
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaKirghizistan Kirghizistan
Periodo18 Marzo -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi26 532[2] (19 Luglio 2020)
Numero di guariti12 328 (19 Luglio 2020)
Numero di morti1 003 (19 Luglio 2020)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Kirghizistan è stato confermato il 18 marzo 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[3][4]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[5] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[6]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Il governo kirghizo ha confermato i primi tre casi di COVID-19 nel paese il 18 marzo 2020, in particolare le tre persone contagiate erano cittadini kirghizi rientrati poco tempo prima dall'Arabia Saudita, esattamente un giorno dopo che il governo aveva deciso di chiudere i propri confini agli stranieri,[7] le quali furono immediatamente poste in quarantena.[8]

Due giorni dopo, altri tre casi di COVID-19 furono registrati nel distretto di Nookat, nella regione di Oš, e anche in questo caso si trattava di persone rientrate da poco dall'Arabia Saudita, dove erano state per un pellegrinaggio religioso. Il tutto portò alla dichiarazione dello stato di emergenza nell'intero distretto.[9]

I casi si sono poi via via susseguiti, trattandosi sia di persone che erano state a contatto con i contagiati nel paese, sia di persone di ritorno da altri paesi, tanto che alla fine di marzo i casi confermati avevano raggiunto le 107 unità e alla fine di aprile erano diventati 746, con il totale delle morti, la prima delle quali si era registrata il 2 aprile, che era salito a 8.

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 in Kirghizistan  V · D · M )
      Morti         Guarigioni         Casi attivi

Mar Mar Apr Apr Mag Mag Giu Giu Lug Lug Ultimi 15 giorni

Ultimi 15 giorni
Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero in %)
18-03-2020
3(n.a.)
19-03-2020
3(=)
20-03-2020
6(+100%)
21-03-2020
12(+100%)
22-03-2020
14(+17%)
23-03-2020
16(+14%)
24-03-2020
42(+162%)
42(=)
27-03-2020
58(+38%)
28-03-2020
58(=)
29-03-2020
84(+45%)
30-03-2020
94(+12%)
31-03-2020
107(+14%)
01-04-2020
111(+3,7%)
02-04-2020
116(+4,5%) 1(n.a.)
03-04-2020
130(+12%) 1(=)
04-04-2020
144(+11%) 2(+100%)
05-04-2020
147(+2,1%) 2(=)
06-04-2020
216(+47%) 4(+100%)
07-04-2020
228(+5,6%) 4(=)
08-04-2020
270(+18%) 4(=)
09-04-2020
280(+3,7%) 4(=)
10-04-2020
298(+6,4%) 5(+25%)
11-04-2020
339(+14%) 5(=)
12-04-2020
377(+11%) 5(=)
13-04-2020
419(+11%) 5(=)
14-04-2020
430(+2,6%) 5(=)
15-04-2020
449(+4,4%) 5(=)
16-04-2020
466(+3,8%) 5(=)
17-04-2020
489(+4,9%) 5(=)
18-04-2020
506(+3,5%) 5(=)
19-04-2020
554(+9,5%) 5(=)
20-04-2020
568(+2,5%) 7(+40%)
21-04-2020
590(+3,9%) 7(=)
22-04-2020
612(+3,7%) 7(=)
23-04-2020
631(+3,1%) 8(+14%)
24-04-2020
656(+4%) 8(=)
25-04-2020
665(+1,4%) 8(=)
26-04-2020
682(+2,6%) 8(=)
27-04-2020
695(+1,9%) 8(=)
28-04-2020
708(+1,9%) 8(=)
29-04-2020
729(+3%) 8(=)
30-04-2020
746(+2,3%) 8(=)
01-05-2020
756(+1,3%) 8(=)
02-05-2020
769(+1,7%) 8(=)
03-05-2020
795(+3,4%) 10(+25%)
04-05-2020
830(+4,4%) 10(=)
05-05-2020
843(+1,6%) 11(+10%)
06-05-2020
871(+3,3%) 12(+9,1%)
07-05-2020
895(+2,8%) 12(=)
08-05-2020
906(+1,2%) 12(=)
09-05-2020
931(+2,8%) 12(=)
10-05-2020
1.002(+7,6%) 12(=)
11-05-2020
1.016(+1,4%) 12(=)
12-05-2020
1.037(+2,1%) 12(=)
13-05-2020
1.044(+0,68%) 12(=)
14-05-2020
1.082(+3,6%) 12(=)
15-05-2020
1.111(+2,7%) 14(+17%)
16-05-2020
1.117(+0,54%) 14(=)
17-05-2020
1.138(+1,9%) 14(=)
18-05-2020
1.216(+6,9%) 14(=)
19-05-2020
1.243(+2,2%) 14(=)
20-05-2020
1.270(+2,2%) 14(=)
21-05-2020
1.313(+3,4%) 14(=)
22-05-2020
1.350(+2,8%) 14(=)
23-05-2020
1.365(+1,1%) 14(=)
24-05-2020
1.403(+2,8%) 14(=)
25-05-2020
1.433(+2,1%) 16(+14%)
26-05-2020
1.468(+2,4%) 16(=)
27-05-2020
1.520(+3,5%) 16(=)
28-05-2020
1.594(+4,9%) 16(=)
29-05-2020
1.662(+4,3%) 16(=)
30-05-2020
1.722(+3,6%) 16(=)
31-05-2020
1.748(+1,5%) 16(=)
01-06-2020
1.817(+3,9%) 16(=)
02-06-2020
1.845(+1,5%) 17(+6,2%)
03-06-2020
1.871(+1,4%) 20(+18%)
04-06-2020
1.899(+1,5%) 20(=)
05-06-2020
1.936(+1,9%) 22(+10%)
06-06-2020
1.974(+2%) 22(=)
07-06-2020
2.007(+1,7%) 22(=)
08-06-2020
2.032(+1,2%) 23(+4,5%)
09-06-2020
2.055(+1,1%) 24(+4,3%)
10-06-2020
2.093(+1,8%) 26(+8,3%)
11-06-2020
2.129(+1,7%) 26(=)
12-06-2020
2.166(+1,7%) 26(=)
13-06-2020
2.207(+1,9%) 27(+3,8%)
14-06-2020
2.285(+3,5%) 27(=)
15-06-2020
2.372(+3,8%) 27(=)
16-06-2020
2.472(+4,2%) 28(+3,7%)
17-06-2020
2.562(+3,6%) 30(+7,1%)
18-06-2020
2.657(+3,7%) 31(+3,3%)
19-06-2020
2.789(+5%) 32(+3,2%)
20-06-2020
2.981(+6,9%) 35(+9,4%)
21-06-2020
3.151(+5,7%) 37(+5,7%)
22-06-2020
3.356(+6,5%) 40(+8,1%)
23-06-2020
3.519(+4,9%) 41(+2,5%)
24-06-2020
3.726(+5,9%) 42(+2,4%)
25-06-2020
3.954(+6,1%) 43(+2,4%)
26-06-2020
4.204(+6,3%) 43(=)
27-06-2020
4.513(+7,4%) 46(+7%)
28-06-2020
4.748(+5,2%) 47(+2,2%)
29-06-2020
5.017(+5,7%) 50(+6,4%)
30-06-2020
5.296(+5,6%) 57(+14%)
01-07-2020
5.735(+8,3%) 62(+8,8%)
02-07-2020
6.261(+9,2%) 66(+6,5%)
03-07-2020
6.767(+8,1%) 76(+15%)
04-07-2020
7.094(+4,8%) 78(+2,6%)
05-07-2020
7.377(+4%) 88(+13%)
06-07-2020
7.691(+4,3%) 92(+4,5%)
07-07-2020
8.141(+5,9%) 99(+7,6%)
08-07-2020
8.486(+4,2%) 112(+13%)
09-07-2020
8.847(+4,3%) 116(+3,6%)
10-07-2020
9.358(+5,8%) 122(+5,2%)
11-07-2020
9.910(+5,9%) 125(+2,5%)
Fonti:


Risposta del governo[modifica | modifica wikitesto]

Messi in allarme da quanto stava accadendo in Cina e nei paesi europei, il Kirghizistan e gli stati ad esso confinanti come Tagikistan, Kazakistan e Uzbekistan decisero di prendere alcune misure di sicurezza già prima di registrare casi all'interno dei propri confini.[7][10] Così, già ai tempi del primo contagio, avvenuto il 18 marzo 2020, il governo da tempo deciso di chiudere le frontiere agli stranieri e di limitare o di sospendere del tutto, a seconda dei distretti, le occasioni di assembramento pubblico, vietando, ad esempio, la jumuʿa, ossia la preghiera del venerdì, nelle moschee. Proprio il 18 marzo, inoltre, il premier kirghizo, Muhammetkaliy Abulgaziyev, decise le mascherine chirurgiche sia importate che esportate dal Kirghizistan non sarebbero state soggette ad alcuna imposta sul valore aggiunto.[11]

Il 21 marzo, un giorno dopo aver riscontrato i secondi tre casi positivi e con i casi raddoppiati rispetto al giorno prima, essendo arrivati a 12, il governo ha deciso di dichiarare lo stato di emergenza a partire dal 22 marzo e per il periodo di un mese.[12] Lo stesso giorno, inoltre, a Biškek, la capitale kirghiza, tutti i trasporti pubblici, ad eccezione dei filobus, hanno sospeso il servizio al fine di limitare la diffusione del contagio nella città.

il 24 marzo 2020, il governo ha confermato lo stato di emergenza fino al 15 aprile nelle tre maggiori città del paese, ossia Biškek, Oš e Žalalabad e nelle loro regioni. A Biškek, inoltre, è stato indetto il coprifuoco dalle 20:00 alle 07:00 e sono stati istituiti dei posti di blocco che controllano le entrate e le uscite dalla città.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ Official COVID-19 website in Kyrgyzstan, Ministero della sanità del Kirghizistan, aprile 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  3. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  4. ^ Novel Coronavirus Information Center, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 30 gennaio 2020).
  5. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  6. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato il 10 aprile 2020.
  7. ^ a b Coronavirus reaches Kyrgyzstan, via Saudi Arabia, in The Jakarta Post, 18 marzo 2020. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 21 marzo 2020).
  8. ^ Nazir Aliyev Tayfur, Kyrgyzstan reports 1st coronavirus cases, AA. URL consultato il 12 aprile 2020.
  9. ^ COVID-19: Central Asia Employs Additional Measures; Armenia Suspends Exports Of Medical Items, RadioFreeEurope/RadioLiberty, 20 marzo 2020. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 20 marzo 2020).
  10. ^ COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure restrittive all’ingresso in Kazakhstan e Kyrgyzstan, Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, 24 febbraio 2020. URL consultato il 10 aprile 2020.
  11. ^ Imported face masks are exempt from value added tax in Kyrgyzstan, Akipress, 18 marzo 2020. URL consultato il 10 aprile 2020.
  12. ^ Olzhas Auyezov, Central Asia tightens restrictions as coronavirus spreads, Reuters, 21 marzo 2020. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 22 marzo 2020).
  13. ^ Olga Dzyubenko, Kyrgyzstan locks down major cities, imposes curfew, Reuters, 24 marzo 2020. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato il 24 marzo 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]