Outside the Wall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1950, vedi La gabbia di ferro.
Outside the Wall
ArtistaPink Floyd
Autore/iRoger Waters
GenereRock progressivo
Art rock
Edito daBob Ezrin, David Gilmour, Roger Waters
Pubblicazione
IncisioneThe Wall
Data30 novembre 1979
(Regno Unito
Data seconda pubblicazione8 dicembre 1979
(USA
EtichettaHarvest Records GB
EMI (IT)
Durata1:41
The Wall – tracce
Precedente
Successiva
/

Outside the Wall è una canzone dei Pink Floyd pubblicata nel 1979, all'interno dell'album The Wall, scritta interamente da Roger Waters.

Questo brano rappresenta la conclusione dell'album, e non è incentrato sul resto della storia, la cui conclusione è effettivamente in The Trial, dato che non racconta ciò che è accaduto a Pink dopo la caduta del muro. È piuttosto una sorta di morale della storia.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano dura circa 1 minuto e 41 secondi ed è la canzone dai toni più pacati di tutto l'album.

È aperta dall'indistinguibile suono di mattoni che cadono e rovinano al suolo, mentre in sottofondo si sente una melodia accennata da un clarinetto che, non appena entra la voce di Waters, viene accompagnata da un'armonica a bocca. Durante tutta la canzone un coro di voci bianche accompagna la voce di Waters.

Il brano si conclude con la stessa melodia sentita all'inizio dell'album (nei primi quindici secondi della canzone In the Flesh?) e con una frase a metà, che dice: "Isn't this where…"[1], che si ricollega con le prime tre parole dell'album, "…we came in?", rendendo la storia, di fatto, un circolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Diversamente da tutte le altre canzoni nell'album The Wall, Outside The Wall riguarda pochissimo Pink, ma riguarda la storia nel complesso, offrendo una morale ad essa.

Demolito il muro, l'artista esprime il suo pensiero riguardo al racconto e sottolinea che l'essere umano, anche volendo, non si può isolare dal mondo esterno, perché ci sarà sempre qualcuno disposto a "sbattere il cuore contro il muro di un pazzo". Le tre parole finali, però, indicano anche che per ogni persona che esce dal proprio isolamento, un'altra si isolerà, creando un circolo vizioso.

Un'interpretazione che può essere aggiunta alla precedente, basata sul verso "alcuni barcollano e cadono"[2], indicando che alcune persone, se non la maggior parte, ti abbandonano se sei chiuso da troppo tempo nel tuo "muro" ed è questo che accade al protagonista, Pink, nella storia.

Versione video[modifica | modifica wikitesto]

Una versione più lunga del brano (poco più di 4 minuti) fu registrata per il film e fu eseguita dalla National Philharmonic Orchestra, dal The Pontarddulais Male Voice Choir e, naturalmente, da Roger Waters.

Nella scena d'apertura del video si vede il muro crollare e, oltre il muro, pompieri che cercano di far posare la polvere con degli idranti, bambini che frugano tra le macerie e persone che si soffermano a guardare. Dopodiché iniziano a scorrere lentamente sullo schermo tutte le immagini che riguardano sia l'album che il film; quindi la copertina, le locandine, alcuni screenshot, ecc.

Versioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Durante le esibizioni dal vivo, il brano veniva eseguito dalla band al completo davanti al muro demolito alla fine di The Trial (uno dei momenti migliori dei loro concerti), con Waters che cantava e suonava il clarinetto, David Gilmour il mandolino, Richard Wright la fisarmonica e Nick Mason (insolitamente) la chitarra acustica. Altri turnisti, poi, accompagnavano la band.

Personale Studio[modifica | modifica wikitesto]

Pink Floyd:

Membri aggiuntivi:

Personale Live[modifica | modifica wikitesto]

Pink Floyd

Membri aggiuntivi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In italiano: "Non è qui che…"
  2. ^ Nel testo originale: "Some stagger and fall"
  3. ^ a b c d e Vernon Fitch, Richard Mahon, Comfortably Numb - A History of The Wall 1978-1981, 1ª ed., PFA Pub, 2006, p. 115, ISBN 0-9777366-0-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vernon Fitch, The Pink Floyd Encyclopedia, 3ª ed., Collector's Guide Publishing Inc, 2005, ISBN 1-894959-24-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo