Giuseppe Rogoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Rogoli (Mesagne, 13 agosto 1946) è un criminale italiano. Membro di alto grado della 'Ndrangheta, affiliato ai Bellocco, è considerato uno dei fondatori della Sacra corona unita.

Già affiliato alla Nuova Camorra Pugliese (e condannato perciò a 7 anni dal Tribunale di Bari), Rogoli decise di opporsi all'espansione della camorra di Cutolo in Puglia, e così, affiliatosi alla 'Ndrangheta (dove il capobastone della 'ndrina di Rosarno Umberto Bellocco gli conferì il grado di santista), la notte di Natale del 1981, insieme a Mario Papilia ed a Vincenzo Stranieri, mentre era detenuto del carcere di Trani, col permesso di Bellocco e di Carmine Alvaro, fondò la Sacra Corona Unita[1][2][3].

Rogoli sta scontando tre condanne all'ergastolo nel carcere di Viterbo[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sciarrone, Mafie vecchie, mafie nuove, p. 174
  2. ^ Gratteri & Nicaso, Fratelli di Sangue, p. 155
  3. ^ Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, ISBN 88-8101-373-8.
  4. ^ Ieri Pino Rogoli è stato a Mesagne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie