Faida del Gargano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Faida del Gargano
Zone-Gargano-Posizione.png
La zona del Gargano, di origine ed operatività dei clan
Data1978 - in corso
LuogoGargano
CausaControllo del territorio e dei traffici illeciti
EsitoFaida in corso
Schieramenti
Clan Li Bergolis
Clan Miucci
Clan Romito
Clan Lombardi-La Torre-Ricucci
Comandanti
Francesco Libergolis
Giuseppe Libergolis
Pasquale Libergolis
Franco Libergolis
Enzo Miucci
Franco Romito✝
Michele Romito
Mario Luciano Romito
Ivan Romito
Michele Romito
Matteo Lombardi
Pasquale Ricucci✝
Pietro La Torre
Effettivi
DecineDecine
Voci di guerre presenti su Wikipedia


La cosiddetta faida del Gargano é una serie di guerre che coinvolge numerose famiglie mafiose della zona del Gargano. Nate inizialmente per questioni di abigeato e poi trasformatesi in lotta per il controllo del territorio e dei traffici illeciti: estorsione, riscossione del pizzo, riciclaggio di denaro, traffico di stupefacenti, contrabbando di sigarette, usura ed omicidio[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Litigi tra allevatori[modifica | modifica wikitesto]

La faida iniziò il 30 dicembre 1978, nel corso di un litigio viene ucciso l'allevatore Lorenzo Ricucci (il figlio tredicenne, Salvatore, rimane ferito), accusato di abigeato dai Libergolis.[2] Un anno dopo Raffaele Primosa rimase paralizzato in seguito ad uno scontro a fuoco e indicò Francesco Ciccillo Libergolis come responsabile[3]. Nel dicembre 1980 arriva la vendetta dei Primosa-Alfieri: Giuseppe Libergolis, fratello di Francesco ‘Ciccillo’, è ammazzato con colpi di lupara.[4]

Il 1º marzo del 1989 Peppino Alfieri fu ucciso, insieme al fratello Pietro Alfieri.

Il 2 marzo del 1992 il giovane minorenne Michele Alfieri, figlio di Peppino, uccise platealmente in una piazza di Monte Sant'Angelo, il boss Matteo Libergolis. Da quel marzo per circa due anni ci furono nella città dell'Arcangelo Michele circa 40 omicidi. Una vera e propria decimazione che azzerò quasi il clan Alfieri Primosa rivale della famiglia Libergolis. Successivamente il potere criminale dei Libergolis si estese su tutto il Gargano trovando nella famiglia Romito fedeli alleati. Il 13 gennaio 2010 Michele Alfieri di 35 anni, è stato ucciso[5].

Il 16 giugno 1995 Pasquale Libergolis, fratello di Francesco, cadde anche lui sotto i colpi di fucile dei suoi avversari, in un agguato a Monte Sant'Angelo[6].

Criminalità organizzata[modifica | modifica wikitesto]

I Libergolis diventano il braccio armato del «clan dei Montanari», mentre i Romito si sarebbero occupati di gestire i proventi degli affari illeciti e i rapporti con gli ambienti economici e politici. Il clan controlla i traffici di stupefacenti a Manfredonia e a Monte Sant’Angelo.

La famiglia Mangini di Manfredonia acquistò la merce (la droga) "da fornitori di Cerignola" dopo aver giudicato "non ottimale" la merce dei fornitori montanari. Per questi contrasti nel mondo dello spaccio comincia una guerra tra i Mangini e il clan Libergolis:

  • il 22 marzo 2000 Lorenzo Ferrandino, ventitreenne, viene ucciso
  • il 2 ottobre 2000 a Manfredonia Giuseppe Manzella, con la complicità di Matteo Ferrandino e Matteo Mangini tentò di uccidere Andrea Barbarino e Michele Santoro, affiliati al gruppo dei "Li Bergolis"
  • il 29 ottobre 2000 Matteo Ferrandino, fratello di Lorenzo, viene ucciso
  • il 2 settembre 2001 Matteo Mangini, ventenne, cognato di Lorenzo Ferrandino, fu crivellato di colpi di pistola sotto i portici di via Gargano a Manfredonia, nei pressi di un bar. Per quest'ultimo omicidio Franco Libergolis fu condannato come mandante; un suo famigliare, Enzo Miucci, e un affiliato, Angelo Gioacchino Grillo, come esecutori materiali.[7][8][9]

Il 25 settembre 2003 Michele Santoro, trentenne, pluripregiudicato di Monte Sant’Angelo, viene ucciso in un podere di Siponto perché aveva deciso di non spartire più con i soci, come avveniva in passato i proventi delle estorsioni imposte agli imprenditori che lavoravano nella zona. L’omicidio Santoro fu deciso e compiuto dopo l’assegnazione dei "lucrosissimi appalti per la metanizzazione di Manfredonia e di tutto il territorio garganico".[10][4]

Il 2 dicembre del 2003 in una masseria situata nelle campagne di San Giovanni Rotondo si svolse un summit di mafia cui presero parte tra gli altri i fratelli Franco e Mario Luciano Romito, i fratelli Franco e Armando Libergolis ed altri due garganici. Sembrerebbe che i Romito abbiano lasciato i Carabinieri intercettare[11]. Questo tradimento sarà la causa della guerra tra il clan Liberogolis e i Romito.

Nella retata del 23 giugno 2004 denominata operazione «Iscaro-Saburo» si arrivò all'arresto di 99 persone presunte affiliate ai clan della faida del Gargano. Tra giugno e luglio 2008, 10 imputati furono scarcerati per decorrenza termini (3 anni dal rinvio a giudizio).[12][13]

Il 7 marzo 2009, la Corte d’Assise del Tribunale di Foggia emise la sentenza con 10 condanne di primo grado per omicidi, mafia, traffico di droga, estorsioni ed armi. Furono successivamente confermate quasi per intero dalla Corte d’Assise d’Appello di Bari[8]:

  • 4 ergastoli a Franco Li Bergolis, Carmine Grimaldi di Cagnano Varano, 2 a Gennaro Giovanditto, cd Scalfon
  • 5 condanne per 89 anni di reclusione, tra cui 27 anni a Armando e a Matteo Libergolis
  • 14 assoluzioni, tra cui i Romito.

Subito dopo Franco Libergolis, diventa latitante.

Clan Libergolis contro i Romito[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 aprile 2009, il boss imprenditore Franco Romito, quarantatreenne, e il suo autista Giuseppe Trotta vennero ammazzati nella loro auto in via degli Eucalipti a Siponto.

Il 23 maggio 2009 Andrea Barbarino, ventottenne, ritenuto vicino al clan mafioso Libergolis, è stato ucciso davanti alla sua casa di Manfredonia. Era su una sedia a rotelle per le ferite riportate in un agguato compiuto nel 2003[14].

Il 18 settembre 2009 Mario Luciano Romito, fratello di Franco, sopravvive un attentato dinamitardo mentre era in auto con suo fratello Ivan Romito, ex calciatore del Manfredonia calcio e dell’Andria.[15]

Il 26 ottobre 2009[6] viene assassinato Francesco "Ciccillo" Libergolis, sessantaseienne, con un colpo di lupara alla schiena e 6 colpi di rivoltella alla testa[16], per vendicare Franco Romito.[17]

Il 27 giugno 2010 a Manfredonia ignoti, a bordo di un’auto, uccisero con colpi di arma da fuoco, l’innocente, ventitreenne incensurato Michele Romito, figlio di Franco, e ferendo il quarantaduenne Mario Luciano, fratello di Franco.

Il 30 giugno 2010 Leonardo Clemente, trentaquattrenne figlio della sorella di 'Ciccil, pregiudicato, fu ucciso in un bar di Via Gargano a Manfredonia, in risposta all'uccisione di Michele Romito[18].

Il 26 settembre 2010 viene catturato a Monte Sant'Angelo il boss Franco Li Bergolis. Scarcerato per decorrenza dei termini, era latitante dal 7 marzo 2009, tra i 30 latitanti più pericolosi d'Italia. Già condannato all'ergastolo nell'ambito del maxi processo.[19][20]

Il 27 agosto 2010 il sessantottenne Francesco Romito, alias 'Ciccill u mattinatese', muore in ospedale di diabete.[21]

Il 13 maggio 2011 viene arrestato Giuseppe Pacilli, alias "Peppe U' Montanar", prima ex autista e uomo di fiducia del capo clan Francesco Libergolis, poi braccio operativo del successore Franco Libergolis, nipote di Francesco. Anche lui era tra i 30 latitanti più pericolosi d'Italia.[22]

Nel luglio 2015 il Consiglio dei Ministri delibera lo scioglimento del Comune di Monte Sant'Angelo dopo l'accertamento di forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata. Il procedimento era stato avviato dal Prefetto di Foggia.[23]

Il 21 marzo 2017 viene ucciso nella sua autovettura a Monte Sant'Angelo, Giuseppe Silvestri detto "l'Apicanese" e vicino al clan Libergolis-Miucci.

Il 9 agosto 2017 viene compiuta la strage di San Marco in Lamis dove nei pressi della stazione dismessa sulla provinciale di Apricena viene ucciso in un agguato dopo un breve inseguimento Mario Luciano Romito al terzo tentativo ed il cognato Matteo De Palma. Insieme a loro vengono inseguiti e freddati accidentalmente due agricoltori, i fratelli Aurelio e Luigi Luciani a causa della loro presenza involontaria sul luogo.[24]

Il 21 marzo 2018 rimane ferito in seguito ad un agguato, il boss Marco Raduano, scissionista della fazione Notarangelo ed in contrasto con il clan Perna.

Il 17 ottobre 2018 vengono arrestati Giovanni Caterino e Luigi Palena, ritenuti responsabili della strage di San Marco in Lamis e vicini al clan Libergolis.[25][26] Tramite una seconda investigazione è emersa la possibile implicazione di Saverio Tucci detto "Faccia d'Angelo" e già coinvolto nell'operazione Iscaro-Saburo come terzo partecipante al commando criminale a sua volta ucciso precedentemente nel mese di ottobre del 2017 ad Amsterdam[27] da parte di un altro manfredoniano di nome Carlo Magno per questioni legate al traffico di stupefacenti.[28]

Nel 2019 per la terza volta nel giorno del 21 marzo viene ucciso con un colpo di fucile calibro 12, il pregiudicato Francesco Pio Gentile detto "Rampino" di Mattinata, ritenuto dagli inquirenti elemento di spicco del clan e cugino dei fratelli Romito.[29]

Il 18 aprile 2019 c'è una svolta nelle indagini sull'uccisione di Giuseppe Silvestri, avvenuta due anni prima, e vengono arrestati Matteo Lombardi ed Antonio Zino, elementi importanti del clan Romito-Ricucci-Lombardi. L'ordinanza fa anche il punto sulle alleanze odierne che vedono il clan Libergolis unito ai Perna di Vieste mentre i Romito al clan Raduano.[30][31]

L'11 novembre 2019 viene ucciso in un agguato a Monte Sant'Angelo il boss Pasquale Ricucci, ritenuto dagli investigatori a capo della fazione Lombardi-Ricucci-La Torre che ha sostituito i Romito[32]. L'omicidio è ritenuto dagli inquirenti probabilmente come una risposta all'uccisione di Girolamo Perna di alcuni mesi prima dopo la sopraggiunta scarcerazione di Enzo Miucci nel settembre 2019 e capo dell'opposta fazione Libergolis-Miucci[33].

Criminalità organizzata di Vieste[modifica | modifica wikitesto]

Nell’area di Vieste il forte indebolimento del clan Libergolis, conseguente alla detenzione dei vertici, avrebbe creato degli spazi operativi che potrebbero essere occupati dalle batterie organiche allo stesso clan dei Montanari[34].

Il 19 luglio 2012 nel processo “Tre Moschettieri” vengono arrestati per l'accusa di estorsione continuata ai danni di imprenditori locali ad es. imponendo il servizio di guardiania come forma di “protezione”: il capo clan Angelo Notarangelo, suo fratello Giuseppe Notarangelo, suo cugino Luigi Notarangelo e Girolamo Perna[35]. Il 16 marzo 2015 arrivano le condanne[36][37]

Il 4 febbraio 2014 nel processo “Medioevo” vengono condannati per detenzione e produzione di sostanze stupefacenti, ricettazione ed estorsione con l’aggravante delle modalità mafioso: Angelo e Giambattista Notarangelo, Marco Raduano, Domenico Colangelo e Giuseppe Germinelli[38][39].

Inizia una nuova faida a Vieste tra gli uomini fedeli alla famiglia del boss Angelo Notarangelo e gli scissionisti legati al giovane Marco Raduano, ex braccio destro di Notarangelo. Vengono uccisi:

  • il 26 gennaio 2015 Angelo Notarangelo, trentasettenne detto Cindarjidd, sulla litoranea Mattinata-Vieste[40]
  • il 30 aprile 2015 Marino Solitro viene ammazzato, già scampato ad un agguato nel 2008
  • il 3 settembre 2016 Gianpiero Vescera, ventisettenne, cognato di Marco Raduano
  • il 16 gennaio 2017 Vincenzo Vescera a colpi di fucile, vicino a Raduano
  • il 27 gennaio 2017 Onofrio Notarangelo, fratello di Angelo
  • il 24 maggio 2017 Pasquale Notarangelo, figlio di Onofrio, scompare
  • il 27 luglio 2017 Omar Trotta, affiliato ai Notarangelo, viene crivellato di colpi nel suo ristorante durante l'orario lavorativo
  • 6 aprile 2018 Gianbattista Notarangelo, cugino di Angelo
  • 25 aprile 2018 Antonio Fabbiano, vicino a Raduano, ucciso vicino alla sua abitazione a colpi di kalashnikov
  • 19 giugno 2018 Gianmarco Pecorelli, vicino a Perna/Notarangelo
  • 26 aprile 2019 Girolamo Perna, capo dell'omonimo clan viene ferito gravemente in seguito ad un agguato nei pressi della sua abitazione e morirà poco dopo in ospedale.[41][42]

Clan Libergolis[modifica | modifica wikitesto]

Il clan Libergolis (o Li Bergolis), chiamato anche clan dei Montanari, è un clan mafioso della Mafia garganica originario di Monte Sant'Angelo, attivo in provincia di Foggia[43] ed anche all'estero[44].

  • Francesco Libergolis detto "Ciccill" o "U calcarulo". All'inizio onesto allevatore, poi usuraio, era considerato il capo storico del clan dei Libergolis; era esperto nell'appropriarsi dei beni altrui facendo piccoli prestiti a un tasso elevatissimo che costringeva le vittime a cedere le proprietà e poi a pagare all'organizzazione criminale un affitto mensile per usufruire di quella che era stata la loro proprietà.
  • Armando Libergolis, nato a Monte Sant'Angelo, il 12 febbraio 1975, figlio di Pasquale,[47]. Armando Libergolis insieme alla moglie Maria Riccardo, sono stati arrestati per frode e truffa aggravata ai danni dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) ottenendo contributi europei per l'agricoltura di circa 126 mila euro[48]. Imputato per associazione a delinquere di stampo mafioso.
  • Matteo Libergolis, nato a Monte Sant'Angelo il 5 febbraio 1973, figlio di Pasquale[3].
  • Francesco Libergolis, nipote di Ciccillo e Pasquale[49]
  • Giuseppe Pacilli[22]
  • Enzo Miucci detto "u' creatur"[50]
  • Angelo Notarangelo detto Cindarjidd[51]
  • Michele Santoro, soprannominato “Mangiafave”
  • Andrea Barbarino
  • Matteo Lombardi[3]
  • Pasquale Ricucci[3], ucciso in un agguato l'11 novembre 2019
  • Antonio Miucci[3]
  • Libero Frattaruolo[52]
  • Angelo Gioacchino Grillo[9]
  • Giovanni Prencipe, elemento di spicco del clan Libergolis, è stato arrestato accusato di traffico di sostanze stupefacenti e associazione a delinquere di stampo mafioso e anche per l'omicidio di Placentino[53].

Famiglia Romito[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Romito, alias ‘Ciccill u mattinatese‘
  • Franco Romito, figlio di Francesco. Furono tre le armi utilizzate per compiere il duplice omicidio; recuperati sull'asfalto 4 bossoli di un fucile calibro 12 caricato a pallettoni, numerosissimi bossoli calibro 7.62 di una mitraglietta e 4/5 di una pistola calibro 9per21. I due sono stati raggiunti da una pioggia di proiettili in più parti del corpo. Franco Romito aveva il volto completamente sfigurato e non aveva più la mano sinistra.
  • Michele Romito, figlio di Francesco[54]
  • Mario Luciano Romito, figlio di Francesco, ucciso nel 2017
  • Ivan Romito, figlio di Francesco
  • Michele Romito, figlio di Franco, assassinato a 23 anni

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arrestato Li Bergolis, il boss del Gargano: era tra i 30 latitanti più pericolosi d'Italia, in IlSole24Ore. URL consultato il 26 settembre 2010.
  2. ^ da archivio Repubblica: “Il primo seme dell'odio tra le due famiglie di allevatori che da decenni si spartiscono il predominio illecito del territorio garganico, le famiglie Libergolis e Primosa Alfieri, fu sparso il 30 dicembre del 1978, quando fu ucciso Lorenzo Ricucci e ferito suo figlio Salvatore. La vittima, vicina a Raffaele Primosa, aveva appena avuto un litigio con la famiglia Libergolis per un pascolo abusivo di bestiame. (...) Una storia che è un vero e proprio bollettino di guerra con un numero impressionante di sparatorie, ferimenti, denunce, omicidi (...), cruente vendette. Come nel settembre del 1992, quando i sicari si spostarono fino a Nova Milanese per uccidere il figlio di Raffaele Primosa, Nicolino. Fino ad allora soci in affari, da quel giorno le strade dei Libergolis e dei Primosa si sarebbero divise per sempre. Finanche il 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti, le strade del cimitero del paese sarebbero state percorse ora dai Libergolis ora dal clan avverso, ma in momenti rigorosamente separati e concordati di volta in volta, onde evitare che le due famiglie potessero incontrarsi. Negli anni la faida assunse proporzioni gigantesche, estendendosi fino a coinvolgere almeno venti famiglie e centinaia di persone. (Archivio La Repubblica).
  3. ^ a b c d e Iscaro-Saburo: i precedenti. Mafie italiane. 4 novembre 2009.
  4. ^ a b Quella mafia di montagna ormai simile a Cosa Nostra - Bari - Repubblica.it, in Bari - La Repubblica. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  5. ^ Faida del Gargano, ucciso il figlio del boss, Michele Alfieri freddato a colpi di pistola. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 14 gennaio 2010.
  6. ^ a b Ucciso «Ciccillo», il vecchio «padrino». Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 27 ottobre 2009.
  7. ^ Foggia, omicidi 'Vodola-Mangini': fermati gli esecutori | Stato Quotidiano, in Stato Quotidiano, 3 marzo 2010. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  8. ^ a b Processo Faida, conferme ergastoli dalla Corte d'appello di Bari | Stato Quotidiano, in Stato Quotidiano, 15 luglio 2010. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  9. ^ a b Omicidio Mangini, il trentatreenne Grilli condannato a 28 anni e 6 mesi | Stato Quotidiano, in Stato Quotidiano, 9 novembre 2011. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  10. ^ Michele Santoro ucciso in un podere di Siponto. Salgono a 30 gli omicidi in provincia dall'inizio dell'anno, in Teleradioerre.it - Notizie e cronaca da Foggia e Provincia. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  11. ^ Quando il boss Libergolis accusò i «confidenti» Romito. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  12. ^ Decorrenza termini: scarcerati boss faida Gargano, in Teleradioerre.it - Notizie e cronaca da Foggia e Provincia. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  13. ^ Roma, scarcerazioni Faida Gargano per "totale inerzia di un perito" | Stato Quotidiano, in Stato Quotidiano, 11 novembre 2009. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  14. ^ Faida garganica ucciso pregiudicato su sedia a rotelle. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  15. ^ Manfredonia: auto esplode in centro Forse attentato. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  16. ^ Una fucilata e sei colpi in faccia. Così è morto il boss Li Bergolis. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 28 ottobre 2009.
  17. ^ Li Bergolis ucciso per vendicare Romito. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 29 ottobre2009.
  18. ^ Faida del Gargano, ancora sangue. Sparatoria a Manfredonia: un morto. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 30 giugno 2010.
  19. ^ Arrestato superlatitante Franco Li Bergolis, in Rai News 24, 26 settembre 2010. URL consultato il 26 aprile 2013.
  20. ^ QuotidianoNet, Roberti,in Puglia non è mafia di serie B - QuotidianoNet, in QuotidianoNet, 10 agosto 2017. URL consultato il 10 agosto 2017.
  21. ^ Morto in ospedale il boss Romito - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 1º ottobre 2017.
  22. ^ a b Arrestato Giuseppe Pacilli, il Provenzano del Gargano. Notitia criminis. 13 maggio 2011.
  23. ^ Il Tar conferma scioglimento Comune Monte Sant'Angelo. URL consultato il 6 ottobre 2017.
  24. ^ Mario Luciano Romito, il boss dell'omonimo clan garganico ucciso al terzo tentativo, in FoggiaToday.it. URL consultato il 9 agosto 2017.
  25. ^ Mafia del Gargano, due arrestati per la strage di San Marco in Lamis, in tgcom24. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  26. ^ Quella soffiata costata cara al boss, tradimenti e droga dietro la mattanza di San Marco in Lamis, in Immediato.net. URL consultato il 17 ottobre 2018.
  27. ^ Ucciso in Olanda il boss foggiano Saverio Tucci, arrestate tre persone, in Repubblica.it. URL consultato il 15 ottobre 2017.
  28. ^ Giallo di Amsterdam, c’è il nome dell’assassino di Tucci. “Ho agito per legittima difesa”, in Immediato.net. URL consultato il 18 gennaio 2018.
  29. ^ Sangue sul Gargano: dopo l'omicidio di Gentile, più controlli e stazione mobile dei carabinieri su Mattinata, in FoggiaToday.it. URL consultato il 22 marzo 2019.
  30. ^ Mafia Gargano, nuovi capi e alleanze nelle carte sul brutale omicidio Silvestri a Monte Sant’Angelo, in Immediato.net. URL consultato il 18 aprile 2019.
  31. ^ Mafia:2 arresti per omicidio sul Gargano, in Ansa.it. URL consultato il 18 aprile 2019.
  32. ^ Mafia foggiana, ucciso a fucilate sotto casa il boss di Monte Sant'Angelo: la faida non si ferma, in Repubblica.it. URL consultato l'11 novembre 2019.
  33. ^ E’ tornato in libertà il montanaro Enzo Miucci (II), in Statoquotidiano.it. URL consultato il 26 settembre 2019.
  34. ^ È guerra totale tra clan garganici, a pezzi i Notarangelo. Antimafia: "Giovani leve scalano vertici" | l'Immediato, 28 gennaio 2017. URL consultato il 3 ottobre 2017.
  35. ^ Arresti a Vieste, minacce ed estorsioni: duro colpo al clan Notarangelo, in FoggiaToday. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  36. ^ I tre moschettieri: cade l'aggravante del metodo mafioso, 6 e 5 anni ai Notarangelo, in FoggiaToday. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  37. ^ http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/09/10/mafiaarrestati-in-puglia-affiliati-clan_5b6d268b-e046-4dfa-843a-35555ab723c4.html
  38. ^ Processo Medioevo: cinque condanne, non riconosciute modalità mafiose, in FoggiaToday. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  39. ^ Processo 'Medioevo', riconosciuta l'aggravante del metodo mafioso sul Gargano, in FoggiaToday. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  40. ^ Omicidio a Vieste: ucciso il boss Notarangelo, detto "Cintaridd", in FoggiaToday. URL consultato il 30 settembre 2017.
  41. ^ VIESTE – Agguato in serata, ucciso Girolamo Perna, in garganotv.com. URL consultato il 27 aprile 2019.
  42. ^ Agguato di mafia sul Gargano, colpito il giovane boss del clan Perna, in Immediato.net. URL consultato il 27 aprile 2019.
  43. ^ Il Clan dei montanari della Puglia garganica: racket, estorsioni, traffici e una lunga scia di omicidi. Libera informazione. News.
  44. ^ Bari, sequestrati beni a esponenti clan Li Bergolis, in tg1.Rai.it. URL consultato il 13 giugno 2011.
  45. ^ Arrestato boss del Gargano Franco Li Bergolis. Era tra i 30 latitanti più pericolosi. ADN Cronos. Cronaca. 26 settembre 2010.
  46. ^ Faida garganica emesse 10 condanne, in Ondaradio. URL consultato il 7 marzo 2009.
  47. ^ Il boss in libertà: ecco perché Archiviato il 14 luglio 2008 in Internet Archive.. La Stampa. Cronaca. 28 giugno 2008.
  48. ^ Boss del Gargano riceveva fondi europei: 27 anni per mafia e aiuti per 126.000 euro. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 17 maggio 2011.
  49. ^ Monte Sant'Angelo. Sparito il nipote di Ciccillo Li Bergolis. Lupara bianca? L'auto ritrovata a Vieste. Voce di Vieste. Cronaca. 24 giugno 2012.
  50. ^ Mafia del Gargano, arrestato il boss Enzo Miucci. M. News. 2 novembre 2011.
  51. ^ Angelo Notarangelo in manette. 'Cindarjidd' arrestato dai Carabinieri. In carcere altre 7 persone per estorsione. Voce di Vieste. Cronaca. 2012.
  52. ^ Mafia del Gargano, catturato Libero Frattaruolo. Teleradioerre. Articoli. 13 agosto 2004.
  53. ^ Torna in carcere Giovanni Prencipe, il boss della faida del Gargano. Corriere della sera, Mezzogiorno. Cronaca. 2 novembre 2009.
  54. ^ Mafia del Gargano: arrestato Michele Romito, in Teleradioerre.it - Notizie e cronaca da Foggia e Provincia. URL consultato il 18 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Puglia