Seti I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Seti I è stato un faraone della XIX dinastia egizia.

Liste Reali[modifica | modifica sorgente]

Nome Horo Lista di Abydos Lista di Saqqara Giuseppe Flavio anni di regno Sesto Africano anni di regno Eusebio di Cesarea anni di regno Altri nomi
Kha nekhet khai-m-uaset (n°76)
Hiero Ca1.svg
N5 C10 mn
Hiero Ca2.svg
mn m3ˁt rˁ - Menmaatra
(n°57)
Hiero Ca1.svg
N5 C10 mn
Hiero Ca2.svg
mn m3ˁt rˁ - Menmaatra
Sethos 51 Sethos 55 Seti I
La mummia di Seti I - foto del 1889 di Emil Brugsch.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo il periodo di Amarna e gli sconvolgimenti sociali e politici provocati da questo, Sethy I fu il primo sovrano ad occuparsi nuovamente dell'influenza egiziana nel Medio Oriente. Figlio di Ramesse I e della Grande Sposa Reale Sitre, salì al trono non giovanissimo, intorno ai trentasette anni, dopo aver ricoperto la carica di Grande sacerdote di Seth. Dai tempi della II dinastia il nome di questa divinità non compariva nella titolatura reale pur essendo il culto diffuso nella regione del delta del Nilo.

Dalla titolatura di Sethy I è possibile notare come tutte le grandi divinità dell'Egitto del Nuovo Regno vengano citate: Ra, Ptah e Amon oltre a Seth e questa circostanza sembra confermare che le cause dello scontro tra Akhenaton, il faraone eretico, ed il potente clero di Amon del tempio di Karnak, ossia l'eccessivo potere politico ed economico di quest'ultimo, non fossero state cancellate dalla restaurazione seguita ad Akhenaton. Infatti, seguendo l'esempio del padre, anche Sethy I riaffermò il primato teologico di Ra nel prenomen Menmaatra (Eterna è la giustizia di Ra). Le date dei primi anni di regno di Sethy portano l'epiteto ripetitore di nascite per sottolineare il desiderio di rinnovamento sia in politica interna che estera.

Il ristabilimento dell'influenza estera dell'Egitto richiese una serie di campagne militari che culminarono con la sconfitta di un esercito ittita sul fiume Oronte ed al successivo effimero trattato di pace stilato con il re di Hatti Muwatalli. Malgrado queste vittorie Sethy non tentò di recuperare i territori siriani che avevano fatto parte dell'impero di Thutmose III. Ad occidente Sethy dovette affrontare i Tehenu del deserto libico ed anche i Libu ed i Mashuash. Questi ultimi due popoli vengono descritti come biondi e con gli occhi chiari. A sud, in Nubia, Sethy I dovette intervenire per sedare alcune rivolte.

Rilievo recante il nome Sa-Ra di Sethy I

L'attività di costruttore di Sethy I fu notevole, tra le opere più importanti: il completamento della sala ipostila di Karnak ed il suo tempio funerario ad Abydos dove fece realizzare un rilievo in cui egli stesso compare mentre compie un omaggio nei confronti di 76 suoi predecessori; è questa la famosa Lista reale di Abydos che inizia da Narmer ed una delle fonti di maggior importanza per la cronologia dei sovrani egizi. La tomba di Sethy I, scoperta da Giovanni Battista Belzoni nel 1817, è la KV17 nella Valle dei Re; la sua mummia tuttavia, come molte altre dello stesso periodo, è stata rinvenuta nel nascondiglio di Deir el-Bahari, nella tomba DB320.

Titolatura[modifica | modifica sorgente]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
E1
D44
N28 m S40
Srxtail.jpg
k3 nḫt ḫˁ m w3s Kha nekhat kham uase
Toro possente che si manifesta a Tebe
G16
nbty (nebti) Le due Signore
F25 F31 s G43 t
Z2
S42 Aa1 p
O39
F23
D46
r
D44
T10
t
Z2ss
Z2ss
Z2ss
wḥm mswt sḫm ḫpš dr pḏt 9
G8
ḥr nbw Horo d'oro
F25 N28
Z2
wsr s r
D44
T10
T10
T10
m N17
N17
N17
V30
Z2
wḥm ḫˁw wsr pḏwt m t3w nbw
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 C10 mn
Hiero Ca2.svg
mn m3ˁt rˁ Menmaatra Stabile è la Maat (giustizia) di Ra
G39 N5
 
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
p
t
V28 C7 i i N36
n
Hiero Ca2.svg
stḫy mr n ptḥ Sethi Merenptah (Quello) di Seth, amato da Ptah

Seti I e il cinema[modifica | modifica sorgente]

La figura di Seti I è stata più volte utilizzata in produzioni cinematografiche. Nel film I dieci comandamenti Seti viene presentato come un re giusto e bonario. È interpretato da Cedric Hardwicke. Apprezza molto le capacità di Mosè, suo nipote adottivo, e lo ama molto più di quanto non ami il proprio figlio Ramesse II. Viene presentato come un sovrano generoso, che nutre gli affamati e adotta gli orfani. Detesta le trame ambiziose del figlio e lo rimprovera per non aver concluso la costruzione della città del tesoro. Affida il compito a Mosè che lo realizza nel migliore dei modi. Ramses viene invece incaricato di trovare il misterioso liberatore.

Pensa che il nipote voglia tradirlo e si reca da lui per chiedere spiegazioni ma scopre che le voci che parlavano di lui come traditore erano solo calunnie di Ramses. Nel giorno del giubileo però, quando Seti dovrà decidere quale fra Ramses e Mosè dovrà divenire nuovo sovrano, è costretto a scegliere il proprio figlio perché il nipote è stato condannato come ebreo e assassino. A malincuore lo esilia dal proprio regno e cancella il suo nome da tutti i monumenti egizi. Muore in età avanzata, pronunciando il nome di Mosè, amato più del proprio figlio.

Nel film d’animazione Il principe d'Egitto Seti viene presentato come un sovrano potente e apparentemente giusto. Intende fare dell’Egitto un impero, sfruttando però la forza degli schiavi che lavorano per lui. Per paura di una ribellione fa massacrare tutti i bambini, un’azione ritenuta orribile da lui stesso ma necessaria. In fondo sono solo “schiavi”. Ama alla stessa maniera sia Ramses che Mosè. Rimprovera spesso il primo perché vuole fortificarlo e prepararlo così al futuro di faraone. Quando Mosè scopre le sue vere origini e il massacro compiuto dagli uomini di Seti, cerca di consolare il figlio adottivo, causando però soltanto la sua fuga.

Seti I fa una breve apparizione anche nella Saga "La Mummia". Nel primo Capitolo della Saga egli viene assassinato per mano di Imhotep, la futura mummia. Nel secondo capitolo "La Mummia - Il Ritorno", oltre ad un flashback sull'assassinio già citato, l'immagine di Seti viene riproposta e contestualizzata nel corso di un combattimento tra Anek-sun-amun (sua amante prediletta e futura concubina del gran sacerdote Imhotep e sua complice nell'assassinio del Faraone) e Nefertari (sua figlia). Nel musical "I dieci comandamenti" è l'unico, fra i personaggi secondari, a non parlare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Federico Arborio Mella, L'Egitto dei faraoni, Milano, Mursia, 1976 ISBN 88-425-3328-9
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bologna, Bompiani, 2003 ISBN 88-452-5531-X
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Torino, Einaudi, 1997 ISBN 88-06-13913-4
  • Alfred Heuss et al., I Propilei. I, Verona, Mondadori, 1980
  • Università di Cambridge, Storia Antica. II, 3. Il Medio Oriente e l'area Egea 1380-1000 a.C., Milano, Il Saggiatore, 1975

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Ramses I 12891279 a.C. Ramses II