Ramses IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ramesse IV
Ushabti di Ramesse IV. Parigi, Museo del Louvre.
Ushabti di Ramesse IV. Parigi, Museo del Louvre.
Re dell'Alto e Basso Egitto
In carica Nuovo Regno
Incoronazione ca 1154 a.C.
Predecessore Ramesse III
Successore Ramesse V
Morte ca 1148 a.C.
Luogo di sepoltura Valle dei Re, tomba KV2
Dinastia XX dinastia egizia
Padre Ramesse III
Madre Isi
Consorte Tentipet

Ramesse IV (... – 1148 a.C. circa) è stato un faraone della XX dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ramesse IV, figlio di Ramesse III e della regina Isi (forse di origine accadica), salì al trono abbastanza tardi come età, in seguito al lungo regno del padre, e regno per poco più di 6 anni.
Il motivo per cui cambiò parte del prenomen nel secondo anno di regno ci è del tutto sconosciuto.

In un primo tempo non fu designato alla successione, prova di ciò è che iniziò a far scavare la sua tomba nella Valle delle Regine, ma quando il padre gli concesse il titolo di Grande Capo del Paese divenne, almeno di fatto, l'erede designato. Questa scelta fu contestata da parte della famiglia reale che giunse ad ordire un complotto per assassinare Ramesse III. Non sappiamo con esattezza l'esito di tale iniziativa che dovette comunque, almeno in parte, fallire. Di ciò rimane documentazione in un papiro conservato al Museo Egizio di Torino.
Grande Sposa Reale di Ramesse IV fu Tentipet.

Durante il regno di Ramesse IV vennero organizzate spedizioni nelle zone minerarie (Serabit el-Khadim nel Sinai e Uadi Hammamat), prova questa di una, almeno progettata, attività edilizia. Il tempio funerario, che almeno dallo studio delle fondazioni, avrebbe dovuto essere più imponente di quello del padre non fu mai realizzato.
Durante il regno di Ramesse IV si ebbe un ulteriore rafforzamento del potere del clero tebano, un Primo Profeta di Amon ricoprì, per un certo tempo, l'importante carica di visir ed ebbe il comando della spedizione allo Uadi Hammamat.

La tomba di Ramesse IV nella Valle dei Re è siglata KV2, ma la sua mummia, come molte altre, è stata rinvenuta nella tomba KV35 di Amenhotep II.

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
E1
D43
S34 m H6 nb
O23
Z3 W19 i t
f
Z1
f
p
t
V28 A52
Srxtail.jpg
k3 nḫt ՚nḫ-m-m3՚t nb-h3bw-sd-mj-jt = f pht -t3-tnn Toro possente, che vive nella Maat, Signore delle Heb Sed come suo padre Ptah-Tatenen
G16
nbty (nebti) Le due Signore
Aa11
D36
k I6 Aa15
t O49
G45 Z7
D43
T10
t Z2
Z2
Z2
mk kmt w՚f pdt 9 Protettore dell'Egitto, che sconfigge gli stranieri
G8
ḥr nbw Horo d'oro
wsr s M4 M4 M4 G36
r
n
M3
Aa1 t
D43
Z2
wsr rnpwt wr nḫtw
Potente negli anni, grande nel trionfo
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 S38 C12 U21
n
Hiero Ca2.svg
hq3 m3՚t r՚ stp.n imn Hekamaatra Setepenamon Signore della Maat di Ra, prescelto da Amon
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
N5 C2 C12 N36 S38 F31
z
H6
Hiero Ca2.svg
r՚ ms sw hq3 m3՚t mr imn Ramessu hekamaat meriamon Nato da Ra, signore della Maat, amato da Amon

In origine il prenomen risulta essere stato

Hiero Ca1.svg
N5 wsr H6 C12 S3
U21
Hiero Ca2.svg

wsr m3ˁt rˁ stp.n imn - Usermaatra setepenamon
Potente nella Maat di Ra, prescelto da Amon

Nella tomba KV2 della Valle dei Re a Tebe il nome Sa Ra compare nella forma:

Hiero Ca1.svg
F31
O34
O34
C2 C12 H6 H6
N36
Hiero Ca2.svg

Ra ms syw mr imn - Ramessiu meriamon
Ra lo ha generato (nella Maat),amato da Amon.

Datazioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Autore Anni di regno
Redford 1166 a.C. - 1160 a.C.
Arnold 1163 a.C. - 1156 a.C.
Krauss 1156 a.C. - 1150 a.C.
Malek 1153 a.C. - 1147 a.C.
Shaw 1153 a.C. - 1147 a.C.
Dodson 1153 a.C. - 1146 a.C.
von Beckerath 1151 a.C. - 1144 a.C.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Arborio Mella, L'Egitto dei faraoni, Milano, Mursia, 1976 ISBN 88-425-3328-9
  • Franco Cimmino, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bologna, Bompiani, 2003 ISBN 88-452-5531-X
  • Alan Gardiner, La civiltà egizia, Torino, Einaudi, 1997 ISBN 88-06-13913-4
  • Alfred Heuss et al., I Propilei. I, Verona, Mondadori, 1980
  • Università di Cambridge, Storia Antica. II, 3. Il Medio Oriente e l'area Egea 1380-1000 a.C., Milano, Il Saggiatore, 1975

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Ramesse III 11541148 a.C. Ramesse V