Libro delle Porte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Libro delle Porte fa parte di quei testi funerari della religione dell'Antico Egitto, che debbono accompagnare il defunto nel suo viaggio nell'aldilà, rappresentato come un deserto, per consentirgli di "vivere" ancora nel mondo ultraterreno.
Si tratta, generalmente, di formule e di racconti incentrati sul viaggio notturno del Dio Sole sulla sua barca[1] (nelle sue diverse manifestazioni) e della sua lotta con le forze del male (tra cui il serpente Apopi) che tentano, nottetempo, di fermarlo per non farlo risorgere al mattino.

Il Libro delle Porte compare verso la fine della XVIII Dinastia[1] e viene iscritto normalmente nella camera funeraria, o nella prima camera colonnata, di molte tombe. Dalla XX dinastia alla XXVI dinastia, il libro viene raffigurato anche se parzialmente anche sui sarcofagi di legno.[2]

Il nome della composizione fa riferimento alle 12 porte della notte, ovvero al passaggio da un'ora all'altra. Le versioni più complete si trovano nella tomba di Sethy I e di Ramses VI. Il "Libro delle Porte" è riportato nelle seguenti tombe della Valle dei Re (riportate in ordine cronologico di regno dei "Titolari" –ove noti-):

Molto simile al Libro dell'Amduat si differisce da questo perché tratta della successione del potere regale dal sovrano defunto al nuovo re.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol.I, pag. 187
  2. ^ Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol.I, pag. 190
  3. ^ Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol.I, pag. 188

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol.I, Ananke, ISBN 88-7325-064-5

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri libri del medesimo tipo, con valenza funeraria, sono:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]