Misinto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Misinto
comune
Misinto – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Sindaco Enrico Zanotti (PdL - LN) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°40′00″N 9°05′00″E / 45.666667°N 9.083333°E45.666667; 9.083333 (Misinto)Coordinate: 45°40′00″N 9°05′00″E / 45.666667°N 9.083333°E45.666667; 9.083333 (Misinto)
Altitudine 250 m s.l.m.
Superficie 5,14 km²
Abitanti 5 078[1] (31-12-2010)
Densità 987,94 ab./km²
Frazioni Cascina Nuova, Cascina Sant'Andrea
Comuni confinanti Cogliate, Lazzate, Lentate sul Seveso, Rovellasca (CO), Rovello Porro (CO)
Altre informazioni
Cod. postale 20826
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 108032
Cod. catastale F247
Targa MB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 524 GG[2]
Nome abitanti Misintesi
Patrono S. Siro
Giorno festivo 9 dicembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Misinto
Posizione del comune di Misinto nella provincia di Monza e della Brianza
Posizione del comune di Misinto nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Misinto (Misent in dialetto brianzolo[3]) è un comune della provincia di Monza e Brianza.

È posto a circa metà strada tra Milano e Como, dalle quali dista rispettivamente 25 e 18 km; si colloca inoltre nella parte settentrionale del Parco delle Groane, un bosco di importanza regionale che si estende fra molti comuni della zona.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Oltre al capoluogo, sono presenti due frazioni.

Cascina Nuova[modifica | modifica sorgente]

È una popolosa frazione di circa 800 abitanti situata a cavallo tra i comuni di Misinto, Cogliate e Rovellasca. Cascina Nuova dal 1925 costituisce parrocchia a sé stante, sebbene amministrativamente dipenda per 2/3 dal comune di Misinto e per 1/3 dal comune di Cogliate. Fino a giugno 2009 era sede del Comitato Locale Alte Groane della Croce Rossa Italiana che ora si è trasferita in Via Guglielmo Marconi a Misinto.

Cascina Sant'Andrea[modifica | modifica sorgente]

È una località a sud-est del comune, sede di alcune imprese artigiane e di alcune famiglie, per un ammontare di trentina di residenti. Vi si trova inoltre la storica Antiga Osteria Sant Andrea, un piccolo ristorante tradizionale lombardo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Comune autonomo fin dal medioevo, durante il regno napoleonico fu brevemente aggregata a Lazzate e poi a Lentate. Con l'unità d'Italia le parti s'invertirono, perché nel 1869 fu Misinto ad annettere Lazzate, salvo poi perderla nel 1905.

Detti popolari[modifica | modifica sorgente]

A ricordo della difficoltà di coltura della terra misintese, si ricordano questi detti:

  • Misent, grama la tera, pesg i gent (Misinto, cattiva la terra, peggio la gente).
  • Chi vòlta el cuu a Milan, ghe vòlta el cuu al pan. (Chi gira le spalle a Milano, gira le spalle al pane)

Significa che rimanendo nel sistema economico milanese, si trova lavoro e libertà. Con questo detto si limitavano quindi le spinte secessioniste in favore della provincia comasca.

Trasporti e mobilità[modifica | modifica sorgente]

A Misinto non sono presenti stazioni ferroviarie ma è presente un servizio di trasporto con autobus della Air Pullman che lo collega con i comuni limitrofi e con le più vicine sedi di scuole superiori: Saronno, Cesano Maderno e Limbiate.

Inoltre vi fa capolinea in via Europa la linea C60 per Como gestita dalla ASF Autolinee.[5]

Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di:

Da Misinto è possibile raggiungibile facilmente Milano e Como grazie alla Statale dei Giovi (SS35) che passa nel vicino comune di Lentate sul Seveso. Il tratto della statale che collega Lentate a Cormano è chiamato Superstrada Milano-Meda(SP35).

Le entrate autostradali più vicine si trovano a Turate e Lomazzo dove passa l'Autostrada dei laghi (A9 Lainate - Como - Chiasso).

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 397.
  4. ^ a b http://www.airpullmanspa.com/carico/documenti/elenco_linee_x_sito.pdf
  5. ^ http://www.sptlinea.it/LinkClick.aspx?fileticket=2mtX6WJ5SXI%3d&tabid=245&mid=2332&language=it-IT
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]