Kim Bauer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kim Bauer
Elisha Cuthbert in 2009.jpg
Universo 24
Autore *Robert Cochran
1ª app. in Dalle 00:00 alle 01:00
Ultima app. in Dalle 17:00 alle 18:00
Interpretato da Elisha Cuthbert
Voce italiana *Laura Latini
Specie umana
Sesso femminile
Parenti

Kimberly "Kim" Bauer è un personaggio protagonista della serie televisiva 24. È interpretato da Elisha Cuthbert.

Caratterizzazione[modifica | modifica sorgente]

Kim Bauer è la figlia dell'agente del Counter Terrorist Unit (CTU) di Los Angeles Jack Bauer e della moglie di quest'ultimo, Teri. Nasce a Santa Monica, in California, nel 1987[1]. Dopo essersi ritirata dal Santa Monica High School, ottiene un associate degree in programmazione informatica al Santa Monica College.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la prima stagione Kim viene rapita insieme alla madre Teri su ordine del terrorista serbo Victor Drazen come ritorsione verso Jack che in una precedente missione aveva ucciso la moglie e la figlia di Drazen. Jack viene ricattato con l'obbgligo di uccidere il senatore David Palmer, responsabile della missione in Serbia. Alla fine della stagione Kim e Teri saranno liberate e Drazen ucciso, ma Teri morirà per mano di Nina Myers.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la seconda stagione Kim è ancora arrabbiata col padre per la morte della madre. Lavora come babysitter presso una ricca famiglia di Los Angeles. È costretta a fuggire con la bambina che assiste perché il padre di quest'ultima è un violento. Nonostante chieda aiuto a Jack, la vicenda di Kim e quella del padre non si incrociano mai direttamente per tutta la stagione ad eccezione della prima e dell'ultima puntata, quando Kim, dopo essersi salvata da innumerevoli guai, si riconcilia col padre, promettendogli di prendersi cura di lui.

Terza stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la terza stagione Kim lavora come analista informatico del CTU di Los Angeles e ha una relazione con l'agente Chase Edmunds. Nel corso della stagione si improvvisa anche agente operativo quando il CTU deve recuperare la figlia di Stephen Saunders, per impedirgli di rilasciare un mortale virus in undici città degli Stati Uniti.

Quinta stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la quinta stagione Kim appare in due puntate, scoprendo che il padre è ancora vivo. Nonostante dichiari a Jack di essere contenta che lui sia vivo, gli dice anche che non vuole vederlo più, perché non è più disposta a soffrire per lui.

Settima stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la settima stagione Kim è sposata e ha una figlia di nome Teri, come sua madre. Compare nel finale di stagione, in 5 puntate, per ritrovare suo padre e ricominciare una nuova vita con lui. Aiuta anche l'FBI a ritrovarlo, quando questi viene sequestrato da Tony Almeida. A fine stagione accetta di aiutare Jack, che è rimasto contaminato da un agente patogeno, attraverso la cure delle cellule staminali.

Ottava stagione[modifica | modifica sorgente]

Durante la ottava stagione Kim appare nelle prime due puntate. Jack è ormai guarito e ha deciso di tornare a Los Angeles con la figlia. Gli avvenimenti di quel giorno lo obbligano però a rientrare in servizio al CTU a rimandare il suo viaggio di ritorno con la figlia. Kim torna a casa senza di lui dopo che Jack le ha promesso che la raggiungerà a fine missione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marc Cerasini, 24: The House Special Subcommittee's Findings at CTU, First, Harper Collins, 2003, p. 61, ISBN 0-06-053550-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]