United States Secret Service

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
United States Secret Service
US-SecretService-StarLogo.svg
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Istituito 5 luglio 1865
Riforme 14 settembre 1901
5 giugno 1968
26 ottobre 2001
Direttore Mark J. Sullivan
Bilancio $1,483 miliardi (2010)[1]
Sito web SecretService.gov

Lo United States Secret Service è un'agenzia federale degli Stati Uniti d'America.

Originariamente dipendente dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d'America, a partire dal 2003 dipende dal Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d'America.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Istituito il 5 luglio 1865 a Washington D.C. per combattere la contraffazione della moneta, dopo la morte del presidente William McKinley il 14 settembre 1901, il Congresso degli Stati Uniti decise di conferirgli anche l'incarico di protezione del Presidente.

Con la morte di John Fitzgerald Kennedy a Dallas il 22 novembre 1963, il Secret Service fu accusato di non aver svolto completamente il proprio compito. Il 5 giugno 1968, dopo l'assassinio di Robert Kennedy, il congressò ampliò l'ordine di protezione anche ai candidati alla Casa Bianca 120 giorni prima delle elezioni, agli ex presidenti fino a 10 anni dalla fine del loro mandato e ai loro figli fino a 16 anni. Nell'ambito della protezione di personalità e dei loro familiari, il Secret Service può contare su tutte le informazioni necessarie dalle diverse agenzie governative.

Mark Sullivan attuale direttore del Secret Service

Il servizio si occupa della frode finanziaria in tutti i campi, da quella della carta di credito alla Truffa alla nigeriana. Disponendo di mezzi scientifici importanti, il Secret Service può aiutare la polizia locale a risolvere questi crimini. Nel 1984 il Congresso approvò il Comprehensive Crime Control Act, che estese la giurisdizione del Secret Service anche alle truffe con carte di credito ed alle frodi informatiche.

Nel 1990 il Secret Service iniziò l'Operazione Sundevil, intesa a catturare alcuni hacker ritenuti responsabili di aver interferito con i servizi telefonici statunitensi. Tutti gli indagati furono in seguito assolti, ma il Secret Service fu citato da numerose persone coinvolte senza alcun motivo nell'indagine e condannato a pagare i danni relativi. Tali vicende sono narrate nel libro di Bruce Sterling Giro di vite contro gli hacker. Dopo la legge USA PATRIOT Act del 26 ottobre 2001 il ruolo del Secret Service contro la criminalità informatica è stato potenziato.

Con la creazione del Dipartimento nazionale di sicurezza interna il Secret Service dal 2003 è passato alle sue dipendenze. Al 2010, l'agenzia conta circa 6500 persone, di cui 3200 agenti speciali, 1300 agenti in uniforme e 2100 impiegati amministrativi e tecnici.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il secret service, nonostante il nome, non è da considerare come un servizio segreto nell'accezione comune del termine in quanto non si occupa di spionaggio.

Infatti venne creato principalmente per la prevenzione e investigazione della falsificazione di valuta degli Stati Uniti e per la protezione del Presidente, del vicepresidente e delle loro famiglie, dei candidati politici alla presidenza 120 giorni prima delle elezioni presidenziali e della sicurezza dei capi di Stato stranieri in visita nel Paese, nonché degli ex presidenti per un limitato arco di tempo dopo la scadenza del loro mandato.
Indaga inoltre su una varietà di reati di frode, furto finanziario ed in generale in materia di crimine informatico.

Cronologia dei direttori[modifica | modifica sorgente]

  1. William P. Wood (1865 - 1869)
  2. Herman C. Whitley (1869 - 1874)
  3. Elmer Washburn (1874 - 1876)
  4. James Brooks (1876 - 1888)
  5. John S. Bell (1888 - 1890)
  6. A.L. Drummond (1891 - 1894)
  7. William P. Hazen (1894 - 1898)
  8. John E. Wilkie (1898 - 1911)
  9. William J. Flynn (1912 - 1917)
  10. William H. Moran (1917 - 1936)
  11. Frank J. Wilson (1937 - 1946)
  12. James J. Maloney (1946 - 1948)
  13. U.E. Baughman (1948 - 1961)
  14. James J. Rowley (1961 - 1973)
  15. H. Stuart Knight (1973 - 1981)
  16. John R. Simpson (1981 - 1992)
  17. John W. Magaw (1992 - 1993)
  18. Eljay B. Bowron(1993 - 1997)
  19. Lewis C. Merletti (1997 - 1999)
  20. Brian L. Stafford (1999 - 2003)
  21. W. Ralph Basham (2003 - 2006)
  22. Mark Sullivan (dal 31 maggio 2006)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Reese, Shawn, The U.S. Secret Service: An Examination and Analysis of Its Evolving Missions, Congressional Research Service, 16 dicembre 2009.
  2. ^ SecretService.gov

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]