Cellula staminale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cellule staminali embrionali di topo

Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate, dotate della capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo attraverso un processo denominato differenziamento cellulare[1][2]. Sono oggetto di studio da parte dei ricercatori per curare determinate malattie. Le cellule staminali possono essere prelevate da diverse fonti come il cordone ombelicale, il sacco amniotico, il sangue, il midollo osseo, la placenta, i tessuti adiposi.

Caratteristiche distintive[modifica | modifica sorgente]

Per poter essere definita come staminale una cellula deve soddisfare due proprietà: l'autorinnovamento e la pluripotenza.

  • L'autorinnovamento è stato identificato per la prima volta nel 1963 durante studi sul midollo osseo,[3] e rappresenta la capacità di tali cellule di compiere un numero illimitato di cicli replicativi mantenendo sempre il medesimo stadio differenziativo. Ciascuna cellula staminale realizza l'autorinnovamento, o tramite la divisione asimmetrica obbligata (la staminale dà origine ad un'altra staminale e ad una cellula destinata a differenziarsi) oppure mediante differenziamento stocastico (una popolazione di cellule staminali si conserva poiché esiste un numero pressoché uguale di staminali che generano altre due staminali replicandosi, accanto a staminali che invece generano due cellule destinate a differenziarsi).[4][5]
  • La pluripotenza è la capacità di dare origine a una o più linee o tipi cellulari tramite il differenziamento. All'interno di questo concetto potrebbe essere anche compreso quello di transdifferenziamento, cioè la capacità di una cellula staminale in fase di differenziamento di cambiare la propria linea cellulare modificando il suo programma di sviluppo.[6]

La potenza differenziativa[modifica | modifica sorgente]

Le cellule staminali vengono classificate in base alla loro potenza, la potenzialità di differenziarsi nei vari tipi o linee cellulari.[6]

  • Totipotenza: la capacità di una singola cellula di dividersi e produrre tutte le cellule differenziate in un organismo, compresi i tessuti extraembrionali[7]. Le cellule staminali totipotenti sono le spore (nei funghi) e gli zigoti[8].
In alcuni organismi, le cellule già differenziate possono ritrovare la totipotenza. Ad esempio nelle coltivazioni in vitro di tessuti vegetali[9][10][11][12].
Nei mammiferi è conosciuta una singola cellula totipotente, denominata zigote; già fra la terza e la quarta divisione cellulare, le cellule iniziano a perdere la loro totipotenza. A questo punto avviene la formazione della morula, così chiamata perché l’uovo fecondato assume la forma di una piccola mora, composta all’incirca da sedici cellule.
  • Pluripotenza: la capacità di una singola cellula di dividersi e di differenziarsi in uno qualsiasi dei tre strati germinali: endoderma (rivestimento interno dello stomaco, del tratto gastrointestinale, i polmoni), mesoderma (muscoli, ossa, sangue, urogenitale), o ectoderma (tessuti epidermici e del sistema nervoso)[13]. Tali cellule non possono per tanto dare origine ad un organismo adulto, perché non hanno il potenziale per contribuire ai tessuti extraembrionali, per esempio nel caso dei mammiferi placentati non possono dare origine alla placenta (tessuto extraembrionale).
  • Multipotenza: il potenziale di differenziarsi in un numero limitato di lignaggi cellulari; sono anche dette «cellule progenitrici». Un esempio di una cellula staminale multipotente è una cellula ematopoietica (una cellula staminale del sangue) la quale può svilupparsi in diversi tipi di cellule del sangue, ma non può svilupparsi in cellule cerebrali o altri tipi di cellule al di fuori dei tipi di cellule appartenenti al tessuto del sangue. Sono cellule considerate essere permanentemente impegnate ad una funzione tissutale specifica[14].
  • Oligopotenza: la capacità di differenziarsi solo in alcuni tipi di cellule. Quali ad esempio di dare origine alla linea linfoide o mieloide[15]. Altri esempi di cellule progenitrici oligopotenti sono le cellule staminali vascolari che hanno la capacità di diventare o cellule muscolari lisce oppure endoteliali.
  • Unipotenza: la capacità di differenziarsi in un singolo tipo di cellula; sono anche dette «cellule precursori». Ad esempio gli epatociti, che costituiscono la maggior parte del fegato, sono unipotenti. La capacità del fegato di rigenerarsi da un minimo del 25% della sua massa originaria è attribuita a questa proprietà[16], altri esempi sono dati dalle cellule staminali unipotenti cubiche o cilindriche presenti a livello dello strato germinativo dell'epidermide.

Ciclo cellulare[modifica | modifica sorgente]

La cellula staminale possiede le proprietà di poter entrare ed uscire dalla fase G0 del ciclo cellulare, tale proprietà assicura alle cellule di poter permanere in uno stato di quiescenza a tempo indeterminato e di mantenere il proprio stato indifferenziato. A seconda dei segnali ambientali che la cellula riceve essa potrà andare incontro ad una replicazione simmetrica, tipica dello stadio di sviluppo embrionale che aumenta il numero delle cellule staminali, o potrà andare incontro alla modalità di divisione non simmetrica, tipica della fase adulta, cioè produce due cellule figlie: una specializzata, che andrà incontro a differenziazione, l'altra staminale, cioè indifferenziata[17].

Questo tipo di divisione asimmetrica, nel tempo, garantisce la presenza di una cellula non-differenziata e quindi la possibilità di riparazione del tessuto a cui la cellula appartiene. In un muscolo, ad esempio, la presenza di cellule staminali garantisce il ricambio cellulare qualora le cellule muscolari fossero diventate troppo vecchie o comunque incapaci di riprodursi.

Non tutti i tessuti hanno la capacità di auto-ripararsi o di auto-rinnovarsi: ciò dipende o dall'assenza, in quel tessuto, di cellule non-specializzate o di cellule labili. I tessuti a parziale capacità di rinnovamento sono caratterizzati dalla presenza di cellule dette stabili. Le cellule staminali si definiscono infatti labili quando sono sempre in attiva proliferazione (cheratinociti, cellule del midollo osseo e della mucosa digestiva), stabili quando operano seppure in maniera ridotta (ad esempio gli epatociti) e perenni quando cessano la loro attività di sostituzione/creazione di cellule (ad esempio cellule del sistema nervoso).[18][19]

Classificazione in base all'origine[modifica | modifica sorgente]

Le cellule staminali possono essere classificate anche in base alla loro sorgente di derivazione:

  • Cellula staminale placentare: sono le cellule staminali contenute nella placenta. Si possono estrarre cellule staminali dai villi coriali placentari[20][21] o da altri frammenti placentari come ad esempio la membrana amniotica. Si tratta di cellule staminali ad alto potenziale, con notevoli capacità replicative e caratteristiche idonee a molti utilizzi[22], alcuni dei quali - come ad esempio il trattamento di alcune patologie della vista - sono già diventati pratica clinica consolidata[23][24].
  • Cellula staminale da villo coriale: sono contenute in quelle strutture della membrana placentare denominate villi coriali[25][26][27]. Le cellule staminali dei villi coriali sono staminali mesenchimali con prospettive applicative in medicina rigenerativa, avendo buone capacità riproduttive e ottima stabilità genomica[28][20]. È possibile conservare ad uso autologo le cellule staminali presenti in un frammento dei villi coriali prelevati durante l'esecuzione della villocentesi[29] oppure da un frammento di placenta prelevato subito dopo il parto[21][30]: in entrambi i casi una cellula staminale da villo coriale conserva le proprie capacità riproduttive tipiche delle staminali embrionali unite alla stabilità genomica delle adulte ed all'assenza di complicazioni etiche[31]
  • Cellula staminale amniotica: provengono dal liquido amniotico e possono essere ottenute tramite amniocentesi. Queste cellule hanno caratteristiche biologiche molto simili alle cellule staminali embrionali, ma non hanno le controindicazioni di tipo etico legate alla distruzione dell'embrione. Sono molte le patologie per le quali è prevista l'applicazione sull'uomo dei risultati della ricerca ottenuti: dalle malattie della retina, al diabete, alle malattie neurodegenerative, alla chirurgia ricostruttiva, alle malattie rare[32][33][34][35][36][37][38][39][40][41][42][43][44][45][46][47][48][49][50][51][52][53][54]. Inoltre è stato dimostrato che le cellule staminali amniotiche possono addirittura ridiventare cellule staminali embrionali, con tutte le caratteristiche biologiche delle staminali embrionali ma senza i problemi etici e di stabilità genomica delle embrionali stesse[55].
  • Cellula staminale ematopoietica: il sangue residuo della placenta e del cordone ombelicale costituisce una fonte di cellule staminali emopoietiche adulte (sono cellule staminali che danno origine a tutte le cellule del sangue). Dal 1988 queste cellule staminali da cordone ombelicale sono impiegate per curare il morbo di Gunther, la sindrome di Hurler, la leucemia linfocitica acuta e molte altre patologie che interessano in particolare i bambini. Il sangue è raccolto dal cordone ombelicale - sia in caso di parto spontaneo che di taglio cesareo - facendo un prelievo (in circuito chiuso sterile) dalla vena ombelicale. Una volta raccolto, ne viene calcolato il volume e la quantità di globuli bianchi, che non devono essere inferiori, rispettivamente, a 60 ml e 800 milioni (la quantità dei bianchi minimi alla raccolta è spesso diversa da banca a banca, è però comunemente accettato il fatto che ad unità congelata non debbano essere inferiori a 800 milioni)[56][57][58][59][60][61][62].
  • Cellula staminale adulta: Sono le cellule staminali presenti nell'individuo adulto; sono cellule non specializzate che si riproducono giornalmente per fornire alcune specifiche cellule: ad esempio 200 miliardi di globuli rossi sono generati ogni giorno nel corpo da cellule staminali emopoietiche adulte: questo processo è chiamato differenziazione (vedi morfogenesi). Le staminali adulte nello stroma del midollo osseo possono trasformarsi in cellule epatiche, neurali, muscolari, renali e follicolari[63][64][65]. Caratteristiche molto simili o identiche si ritrovano anche nelle cellule staminali contenute nel tessuto adiposo, presenti in abbondanza e facilmente prelevabili con una semplice lipoaspirazione. Il lipoaspirato può essere processato anche immediatamente, rappresenta pertanto la fonte maggiormente rapida per ottenere cellule staminali adulte mesenchimali.
Le cellule staminali adulte mantengono gradi di versatilità limitati, la differenziazione di un tipo di cellula staminale in un altro è stata definita transdifferenziazione[66][67][68][69][70][71][72][73][74].
  • Cellula staminale embrionale (ES): sono cellule pluripotenti ricavate dalla massa cellulare interna della blastocisti. Queste cellule, una volta estratte, possono essere messe in coltura e fatte proliferare quali linee indifferenziate oppure si può procedere facendole differenziare nella linea cellulare voluta dal ricercatore. Grazie a questo tipo di cellule è stato scoperto molto sulla segnalazione e il differenziamento delle cellule degli embrioni, ma sono state anche utilizzate in esperimenti genetici nel topo volti alla comprensione della funzione di alcuni geni, dove sono stati generati topi knockout (cioè in cui è stato volutamente inattivato o deleto un gene dal DNA) e topi knockin (dove un gene è sostituito da una sequenza di DNA mutata). Queste cellule sono il principale strumento degli studi per la rigenerazione di alcuni tessuti che nell'organismo sono quiescienti o non proliferanti come ad esempio i cardiomiociti cardiaci, i neuroni o gli epatociti[75][76][77][78][79][80][81][82][83][84][85][86][87][88][89][90][91][92][93][94][95][96][97].
  • Cellula staminale pluripotente indotta (iPS): gli scienziati giapponesi Kazutoshi Takahashi e Shinya Yamanaka sono stati i pionieri della riprogrammazione di cellule differenziate in cellule pluripotenti nel topo tramite induzione. Hanno dimostrato che la pluripotenzialità di una cellula staminale dipende dall'espressione di almeno quattro geni (Oct 3/4, c-Myc, Sox-2 e Kfl4), tutti fattori di trascrizione a cui si deve aggiungere una proteina homeobox chiamata Nanog che impedisce alle staminali di differenziarsi, anche se quest'ultima non risultò indispensabile. Per fare ciò hanno utilizzato dei fibroblasti umani che sono stati riprogrammati mediante trasfezione dei quattro geni sopra riportati, facendoli diventare cellule staminali pluripotenti.[98]. Un altro laboratorio ha condotto un esperimento simile utilizzando i geni Sox-2, Oct 3/4, Lin28 e Nanog.[99]. Le cellule riprogrammate risultato di questi esperimenti sono state chiamate cellule staminali pluripotenti indotte (iPS) e dato che sono generate a partire da cellule somatiche adulte non presenterebbero i problemi etici delle cellule staminali embrionali (ES) e potrebbero essere impiegate più diffusamente nelle terapie basate sulle cellule staminali. Un problema è che uno dei quattro geni, c-Myc e Kfl4, è un potente oncogeno, per cui si dovrebbero cercare altri geni che, pur generando iPS non siano oncogeni. Sembra che altri laboratori siano riusciti a produrre iPS facendo a meno di c-Myc.[100]

Prelievo[modifica | modifica sorgente]

Le cellule staminali che possono essere recuperate, a livello dell’embrione e del feto, durante lo sviluppo, rappresentano le cellule con una maggiore potenzialità di differenziazione.

È possibile, dall’embrione preimpianto allo stadio di blastocisti (ovuli fecondati in vitro), isolare le cellule del nodo embrionale e coltivarle: in tal modo si possono ottenere migliaia di cellule embrionali staminali la cui principale caratteristica è data dalla grande capacità di differenziarsi negli altri tipi cellulari; tale ricerca è il fulcro per lo sviluppo della medicina rigenerativa di tessuti ed organi danneggiati.

Eventi chiave della ricerca sulle staminali[modifica | modifica sorgente]

  • 1909 - Alexander A. Maximow The lymphocyte as a stem cell, common to different blood elements in embryonic development and during the post-fetal life of mammals. Lecture with a demonstration, held at a special meeting of the Berlin Hematological Society on 1 June 1909 (Tradotto dal tedesco). Folia Haematologica 8.1909, 125-134 (L'originale in tedesco)
  • 1960 - Joseph Altman e Gopal Das presentano prove di neurogenesi adulta e di attività da parte di cellule staminali nel cervello: quanto affermano contraddice il dogma di Cajal che escludeva la possibilità di formazione di nuovi neuroni
  • 1963 - Ernest McCulloch e James Till illustrano la presenza di cellule staminali autorinnovanti nel midollo osseo di topo
  • 1968 - trapianto di midollo osseo tra due fratelli tratta con successo la SCID
  • 1978 - vengono scoperte cellule staminali ematopoietiche nel cordone ombelicale umano
  • 1981 - vengono derivate cellule embrionali staminali di topo dalla massa cellulare interna
  • 1992 - cellule staminali neurali sono coltivate in vitro sotto forma di neurosfere
  • 1992 - Claudio Bordignon completa la prima procedura medica al mondo mirante alla terapia genica delle malattie ereditarie, usando cellule staminali come vettori per il materiale genetico.
  • 1995 - Bill Clinton firma una legge che rende illegali fondi federali per la ricerca su cellule staminali ottenute con la distruzione dell'embrione
  • 1997 - si dimostra che la leucemia ha origine da cellule staminali ematopoietiche: è la prima prova diretta dell'esistenza di un nesso tra cellule staminali e cancro
  • 1998 - James Thomson e i suoi collaboratori derivano la prima linea di cellule staminali embrionali presso l'Università del Wisconsin-Madison.
  • 2000 - vengono pubblicati numerosi studi sulla plasticità delle cellule staminali adulte
  • 2003 - Songtao Shi dell'NIH scopre una nuova fonte di cellule staminali adulte nei denti da latte dei bambini
  • 2004-2005 - Hwang Woo-Suk asserisce di avere creato numerose linee di cellule staminali embrionali umane da ovociti umani non fertilizzati. Si scopre che non era vero
  • 19 luglio 2006 - George W. Bush firma il veto della legge che avrebbe permesso l'uso di fondi federali per la ricerca su cellule staminali ottenute dalla distruzione dell'embrione
  • 7 gennaio 2007 - Un pool di scienziati, comprendenti l'italiano Paolo De Coppi, annuncia di aver scoperto cellule staminali nel liquido amniotico
  • 8 aprile 2008 - i fibroblasti si trasformano in cellule staminali pluripotenti, in grado di curare nei topi di laboratorio il morbo di Parkinson. Il risultato, appena pubblicato sulla rivista scientifica Pnas (Proceedings of the national academy of sciences).
  • ottobre 2008 - Nasce in Lombardia la prima banca al mondo per la conservazione delle cellule staminali del liquido amniotico
  • 9 marzo 2009 - Il presidente americano Barack Obama ha rimosso, con un ordine esecutivo, i limiti al finanziamento pubblico alla ricerca sulle cellule staminali embrionali
  • 8 marzo 2010 - Il gruppo di ospedali americano Caritas Christi (il più grande del New England) sigla con Biocell Center un'intesa per la conservazione delle cellule staminali amniotiche prelevate nei propri centri
  • 20 gennaio 2011 - Muore Ernest McCulloch (scopritore delle cellule staminali)
  • 26 agosto 2011 - Al Centro Europeo di Ricerca sulle cellule staminali di Terni (diretto dal prof. Angelo Vescovi) viene dato il via, dal comitato etico regionale dell'Umbria, la sperimentazione delle cellule staminali sull'uomo.[101]
  • 25 giugno 2012, presso l'Azienda ospedaliera santa Maria di Terni, un'equipe guidata da Angelo Vescovi ha effettuato il primo trapianto di cellule staminali neurali umane su un soggetto affetto da sclerosi laterale amiotrofica utilizzando cellule provenienti da un feto deceduto per cause naturali[102].
  • aprile 2013 - Primo trapianto di trachea su una bambina di due anni. Operazione condotta dal chirurgo italiano Paolo Macchiarini presso l’ospedale statunitense Children’s Hospital, Illinois.[103]

Banche di crioconservazione[modifica | modifica sorgente]

Le "banche di conservazione delle cellule staminali" sono strutture con elevati standard di sicurezza, in cui le unità di cellule prelevate vengono stoccate in capienti contenitori di azoto criogenico fino al momento del loro eventuale utilizzo. Le cellule staminali possono essere conservate immerse in celle di azoto liquido o di vapori di azoto a -170 / -190 °C (risospese in appropriati mezzi per la crioprotezione, come ad esempio il dimetilsolfossido o il glicerolo). La legislazione che regolamenta le Banche di cellule staminali varia da Paese a Paese, e si differenzia a seconda della fonte di prelievo delle cellule (amniocentesi, cordone ombelicale, sangue, denti....) e dell'uso previsto (autologo o allogenico): in Italia la legislazione vieta solo la conservazione delle cellule cordonali ad uso autologo presso banche private, pur consentendone la conservazione presso strutture estere. La conservazione autologa ha il vantaggio della totale assenza di fenomeni di rigetto in caso di autotrapianti di organi e tessuti, mentre lo svantaggio di tale pratica è rappresentato dal fatto che, in caso di leucemia, ad esempio, nel campione conservato siano presenti cellule tumorali leucemiche, così come nell'organismo malato del paziente: questo è il motivo per cui, principalmente, gli interventi effettuati nella pratica chirurgica sono a base di cellule staminali cordonali eterologhe, ottenute quindi da un donatore presumibilmente sano. La cellule vengono conservate perché si prevede che in futuro saranno un elemento di cura contro linfomi, leucemie e tumori, utile nella terapia genica e tissutale, nel trattamento di patologie ereditarie, ma per il momento, vengono utilizzate fondamentalmente in alternativa al trapianto di midollo osseo.[104]

In Italia sono attive banche pubbliche di cellule cordonali e banche di cellule staminali di varia natura, tra cui le amniotiche.

Banche di conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale[modifica | modifica sorgente]

In alcuni ospedali, è però possibile effettuare la donazione delle cellule staminali cordonali, le quali vengono conservate presso banche situate in strutture pubbliche (la più grande è la Milano Cord Blood Bank presso l'Ospedale Maggiore, ne esistono altre presso gli ospedali di Pavia, Verona, Padova, Torino, Bologna, Genova, Treviso, Firenze, Pisa, Pescara, Roma, Napoli, San Giovanni Rotondo, Reggio Calabria, Sciacca). Molti altri ospedali pubblici italiani, dove non esiste una struttura interna deputata alla conservazione dei campioni, fungono da centri di raccolta del sangue cordonale, che viene poi distribuito alle banche pubbliche.[105]

In Italia esistono solo banche cordonali pubbliche: infatti il decreto ministeriale del 18 novembre 2009 recita che "è vietata l'istituzione di banche per la conservazione di sangue dal cordone ombelicale presso strutture sanitarie private o presso società private";[106] Le banche pubbliche sono state istituite per conservare il sangue cordonale dei neonati per cui esiste un'elevata familiarità per alcune gravi patologie genetiche- si parla in questo caso di "conservazione autologa dedicata" - o per conservare il sangue cordonale che alcuni genitori decidono di donare affinché, in caso di compatibilità, possa essere trapiantato ad un bambino malato - si parla di "conservazione allogenica".

Nelle banche private l'unità di sangue prelevata dal cordone ombelicale di un bambino viene invece conservata a suo nome - si parla di "conservazione autologa" - e diventa a tutti gli effetti una sua proprietà; il sangue rimane così congelato fino al momento in cui dovesse servire allo stesso bambino (trapianto autologo) o eventualmente a un suo familiare compatibile.

Banche di cellule da liquido amniotico[modifica | modifica sorgente]

Vista l'alta capacità moltiplicativa, le staminali da liquido amniotico si possono conservare per se stessi autorizzando al contempo la possibilità di utilizzo per altri soggetti compatibili.

Le cellule amniotiche non rientrano concettualmente nella linea legislativa del sangue e dei suoi derivati, pertanto la loro conservazione è consentita in tutto il mondo.

Le cellule vengono estratte da un campione prelevato durante l'amniocentesi, successivamente amplificate ed espanse in laboratorio.

Presunte applicazioni cliniche e mancanza di regolamentazione[modifica | modifica sorgente]

L'attenzione dei ricercatori è focalizzata su eventuali futuri utilizzi a scopo clinico per altre patologie, per le quali le staminali potrebbero avere un potenziale d'uso, anche se al momento tali sviluppi sono ancora sostanzialmente lontani dalla pratica clinica.

Alcuni trattamenti "sperimentali" basati sulle cellule staminali, a volte presentati con toni enfatici ma senza che a questi corrisponda in realtà una solida evidenza scientifica, hanno spesso fatto leva sulla disperazione e le false speranze dei pazienti, e creato il business dei "viaggi della speranza" in diversi paesi del mondo, in cui sono sorte delle "cliniche private" che operano spesso fuori dalle regolamentazioni e dalle buone prassi cliniche internazionali[107].

L'ISSCR (la principale Società scientifica internazionale per la ricerca sulle cellule staminali) ha quindi emesso specifiche linee-guida per la ricerca e l'applicazione clinica in merito, mettendo fortemente in guardia i pazienti rispetto alla frequente presentazione di risultati volutamente esagerati e senza alcun fondamento reale nell'ambito di tali presunte "terapie", spesso accompagnate anche dall'omissione dei rischi relativi:

« "Too often rogue clinics around the world exploit patients’ hopes by offering unproven stem cell therapies, typically for large sums of money and without credible scientific rationale, oversight or patient protections" »
("Troppo spesso, al mondo, dei clinici disonesti speculano sulle speranze dei pazienti, proponendo terapie con staminali prive di riscontri oggettivi, tipicamente in cambio di grandi somme di denaro, e senza fondamento scientifico, senza controlli indipendenti, senza protezione del paziente".[108])

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scott F. Gilbert, Biologia dello sviluppo, Zanichelli, 2005(3 ed.), ISBN 88-08-07275-4.
  2. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "stem cell"
  3. ^ A.J. Becker, L. Siminovitch
  4. ^ Becker, A.J., McCulloch, E.A., Till, J.E., Cytological demonstration of the clonal nature of spleen colonies derived from transplanted mouse marrow cells in Nature, 1963, pp. 452-4.
  5. ^ Siminovitch, L., McCulloch, E.A., Till, J.E., The distribution of colony-forming cells among spleen colonies in Journal of Cellular and Comparative Physiology, nº 62, 1963, pp. 327-36.
  6. ^ a b Hans R. Schöler, The Potential of Stem Cells: An Inventory in Nikolaus Knoepffler, Dagmar Schipanski, and Stefan Lorenz Sorgner (a cura di), Human biotechnology as Social Challenge, Ashgate Publishing, Ltd, 2007, p. 28, ISBN 978-0-7546-5755-2.
  7. ^ Regenerative Medicine Glossary in Regenerative Medicine, vol. 4, 4s, luglio 2009, pp. S30 Section 3.44, DOI:10.2217/rme.09.s1, PMID 19604041.
  8. ^ Mitalipov S, Wolf D, Totipotency, pluripotency and nuclear reprogramming. in Adv Biochem Eng Biotechnol, vol. 114, 2009, pp. 185–99, DOI:10.1007/10_2008_45, PMC 2752493, PMID 19343304.
  9. ^ M. K. Razdan, Introduction to plant tissue culture, 2. ed., Enfield, NH [u.a.], oxford Publishers, 2003, ISBN 1-57808-237-4.
  10. ^ Roger J. Gautheret, Plant tissue culture: A history in The Botanical Magazine Tokyo, vol. 96, nº 4, 1º dicembre 1983, pp. 393–410, DOI:10.1007/BF02488184.
  11. ^ H.S. Chawla, Introduction to plant biotechnology, 2nd ed., Enfield, N.H., Science Publishers, 2002, ISBN 1-57808-228-5.
  12. ^ P. R. White, Potentially unlimited growth of excised plant callus in an artificial nutrient in American Journal of Botany, vol. 26, nº 2, febbraio 1939, pp. 59-4, JSTOR 2436709.
  13. ^ James Byrne, The definition and etymology of the word pluripotency in eJournal of Cellular Biotechnology, 1;eP2, 29 giugno 2011.
  14. ^ New York Times report on Dr. Catherine Verfaillie
  15. ^ Hans R. Schöler, The Potential of Stem Cells: An Inventory in Nikolaus Knoepffler, Dagmar Schipanski, and Stefan Lorenz Sorgner (a cura di), Humanbiotechnology as Social Challenge, Ashgate Publishing, Ltd, 2007, p. 28, ISBN 978-0-7546-5755-2.
  16. ^ Michael, Dr. Sandra Rose, Bio-Scalar Technology: Regeneration and Optimization of the Body-Mind Homeostasis (PDF) in 15th Annual AAAAM Conference, 2007, p. 2. URL consultato il 24 ottobre 2008.
  17. ^ Thomas D. Pollard, William C. Earnshaw. Tradotto da: S. Beninati - D. Dondi - V. Franceschini, Biologia cellulare, Elsevier, 2008 (2 ed.), ISBN 88-214-3035-9.
  18. ^ G. Bizzozero, G. Vassale, Sulla produzione e sulla rigenerazione fisiologica degli elementi ghiandolari, Loescher, Torino, 1887. - 1 v. ; in 8.
  19. ^ Giulio Bizzozero: cento anni di cellule labili, stabili e perenni in Quaderni dell'Accademia delle scienze di Torino, vol. 3, città, Accademia delle scienze di Torino, 1996.
  20. ^ a b Isolamento e caratterizzazione di staminali da villi coriali di placenta umana
  21. ^ a b Nuovo metodo per conservare staminali al parto
  22. ^ Membrana amniotica: le staminali riparano il muscolo cardiaco - Salute 24 - Il Sole 24 Ore
  23. ^ Cellule staminali placentari hanno importanti proprietà terapeutiche - Medimagazine
  24. ^ Azienda USL 5 di Pisa
  25. ^ Arakawa R, Aoki R, Arakawa M, Saito K, Human first-trimester chorionic villi have a myogenic potential in Cell Tissue Res., vol. 348, nº 1, aprile 2012, pp. 189–97, DOI:10.1007/s00441-012-1340-9, PMC 3316778, PMID 22370594.
  26. ^ Poloni A, Maurizi G, Babini L, et al., Human mesenchymal stem cells from chorionic villi and amniotic fluid are not susceptible to transformation after extensive in vitro expansion in Cell Transplant, vol. 20, nº 5, 2011, pp. 643–54, DOI:10.3727/096368910X536518, PMID 21054927.
  27. ^ Park TS, Gavina M, Chen CW, et al., Placental perivascular cells for human muscle regeneration in Stem Cells Dev., vol. 20, nº 3, marzo 2011, pp. 451–63, DOI:10.1089/scd.2010.0354, PMC 3120979, PMID 20923371.
  28. ^ Staminali da villi coriali sono stabili geneticamente e applicabili in medicina rigenerativa
  29. ^ Staminali: gruppo italiano annuncia brevetto su crioconsevazione
  30. ^ Conservare staminali al parto: oggi si può
  31. ^ Caratteristiche delle staminali amniotice e dei villi coriali
  32. ^ De Coppi P, Bartsch G Jr, Siddiqui MM, Xu T, Santos CC, Perin L, Mostoslavsky G, Serre AC, Snyder EY, Yoo JJ, Furth ME, Soker S, Atala A., Isolation of amniotic stem cell lines with potential for therapy in Nature Biotechnology, vol. 25, nº 1, data, pp. 100-106.
  33. ^ Canazi M, Atala A, De Coppi P., Stem cells derived from amniotic fluid: new potentials in regenerative medicine. in Reprod Biomed Online, vol. 18, Suppl 1, 2009, pp. 17-27.
  34. ^ Sessarego N, Parodi A, Podesta M, Benvenuto F, Mogni M, Raviolo V. Lituania M, Kunkl A, Ferlazzo G, Bricarelli FD, Uccelli A, Frassoni F. (2008). “Multipotent mesenchymal stromal cells from amniotic fluid: solid perspectives for clinical application”. Haematologica. 93(3): 339-346
  35. ^ Steigman SA, Armant M, Bayer-Zwirello L, Kao GS, Silberstein L, Ritz J, Fauza DO. (2008). “Preclinical regulatory validation of a 3-stage amniotic mesenchymal stem cell manufacturing protocol.” J Pediatr Surg. 43(6):1164-1169
  36. ^ Kaviani A, Perry TE, Dzakovic A, Jennings RW, Ziegler MM, Fauza DO. (2001). “The amniotic fluid as a source of cells for fetal tissue engineering.” J Pediatr Surg. 36(11):1162-1165
  37. ^ Zhang P, Baxter J, Vinod K, Tulenko TN, Di Muzio PJ. (2009). “Endothelial differentiation of amniotic fluid-derived stem cells; synergism of biochemical and shear force stimuli.” Stem Cells Dev. 18(9): 1299-1308
  38. ^ Walther G, Gekas J, Bertrand OF. (2009). “Amniotic stem cells for cellular cardiomyoplasty: promises and premises.” Catheter Cardiovasc Interv. 73(7): 917-924
  39. ^ Siegel N, Valli A, Fuchs C, Rosner M, Hengstschlager M. (2009). “Induction of mesenchymal/epithelial marker expression in human amniotic fluid stem cells.” Reprod Biomed Online. 19(6): 838-846
  40. ^ Siegel N, Rosner M, Hanneder M, Freilinger A, Hengstschlager M. (2008). “Human amniotic fluid stem cells: a new perspective.” Amino Acids. 35(2): 291-293.
  41. ^ Perin L, Sedrakyan S, Da Sacco S, De Filippo R. (2008). “Characterization of human amniotic fluid stem cells and their pluripotential capability.” Methods Cell Biol. 86: 85-99
  42. ^ Perin L, Giuliani S, Jin D, Sedrakyan S, Carraro G, Habibian R, Warburton D, Atala A, De Filippo RE. (2007). “Renal differentiation of amniotic fluid stem cells.” Cell Prolif. 40(6): 936-948
  43. ^ Antonucci I, Iezzi I, Morizio E, Mastrangelo F, Pantalone A, Mattioli-Belmonte M, Gigante A, Salini V, Calabrese G, Tete S, Palka G, Stuppia L. (2009). “Isolation of osteogenic progenitors from human amniotic fluid using a single step culture protocol.” BMC Biotechnol. 9: 9
  44. ^ Prusa AR, Marton E, Rosner M, Bettelheim D, Lubec G, Pollack A, Bernaschek G, Hengstschlager M. (2004). “Neurogenic cells in human amniotic fluid.” Am J Obstet Gynecol. 191(1): 309-314
  45. ^ Schmidt D, Achermann J, Odermatt B, Genoni M, Zund G, Hoerstrup SP. (2008). ”Cryopreserved amniotic fluid-derived cells: a lifelong autologous fetal stem cell source for heart valve tissue engineering.” J Heart Valve Dis. 17(4): 446-455
  46. ^ Fuchs JR, Kaviani A, Oh JT, LaVan D, Udagawa T, Jennings RW, Wilson JM, Fauza DO. (2004). “Diaphragmatic reconstruction with autologous tendon engineered from mesenchymal amniocytes.” J Pediatr Surg. 39(6): 834-838
  47. ^ Kunisaki SM, Freedman DA, Fauza DO. (2006). “Fetal tracheal reconstruction with cartilaginous grafts engineered from mesenchymal amniocytes.” J Pediatr Surg. 41(4): 675-682
  48. ^ Steigman SA, Ahmed A, Shanti RM, Tuan RS, Valim C, Fauza DO. (2009). “Sternal repair with bone grafts engineered from amniotic mesenchymal stem cells.” J Pediatr Surg. 44(6): 1120-1126
  49. ^ Parolini O, Soncini M, Evangelista M, Schmidt D. (2009). “Amniotic membrane and amniotic fluid-derived cells: potential tools for regenerative medicine?” Regen Med. 4(2): 275-291
  50. ^ Caplan AI. (2009). “Why are MSCs therapeutic? New data: new insight.” J Pathol. 217(2): 318-324
  51. ^ Le Blanc K, Frassoni F, Ball L, Locatelli F, Roelofs H, Lewis I, Lanino E, Sundberg B, Bernardo ME, Remberger M, Dini G, Egeler RM, Bacigalupo A, Fibbe W, Ringden O. (2008). “Mesenchymal stem cells for treatment of steroid-resistant, severe, acute graft-versus-host disease: a phase II study.” Lancet 371(9624): 1579-1586
  52. ^ Abdi R, Fiorina P, Adra CN, Atkinson M, Sayegh MH. (2008). “Immunomodulation by mesenchymal stem cells: a potential therapeutic strategy for type 1 diabetes.” Diabetes 57(7): 1759-1767
  53. ^ Centeno CJ, Busse D, Kisiday J, Keohan C, Freeman M. Karli D. (2008). “Increased knee cartilage volume in degenerative joint disease using percutaneously implanted, autologous mesenchymal stem cells.” Pain Physician. 11(3): 343-353
  54. ^ Hauser PV, De Fazio R, Bruno S, Sdei S, Grange C, Bussolati B, Benedetto C, Camussi G. “Stem cells derived from human amniotic fluid contribute to acute kidney injury recovery.” Am J Pathol 2010 Oct;177(4):2011-21.
  55. ^ Molecular Therapy - Valproic Acid Confers Functional Pluripotency to Human Amniotic Fluid Stem Cells in a Transgene-free Approach
  56. ^ Muller-Sieburg CE, Cho RH, Thoman M, Adkins B, Sieburg HB, Deterministc regulation of haematopoietic stem cell self-renewal and differentiation. Blood. 2002; 100; 1302-9
  57. ^ Muller-Sieburg CE, Cho RH, Karlson L, Huang JF, Sieburg HB. Myeloid-biased hematopoietic stem cells have extensive self-renewal capacity but generate diminished progeny with impaired IL-7 responsiveness. Blood. 2004; 103:4111-8
  58. ^ Schroeder, T. Haematopoietic Stem Cell Heterogeneity: Subtypes, Not Unpredictable Behavior. Cell Stem Cell 2010. DOI 10.1016/j.stem.2010.02.006
  59. ^ Dykstra, B et al. Long-Term Propagation of Distinct Hematopoietic Differentiation Programs In Vivo. Cell Stem Cell, Volume 1, Issue 2, 218-229, 16 August 2007
  60. ^ Challen, G., Boles, NC, Chambers, SM, Goodell, MA. Distinct Haematopoietic Stem Cell Subtypes Are Differentially Regulated by TGF-beta1. Cell Stem Cel 2010. DOI 10.1016/j.stem.2010.02.002
  61. ^ Bhatia, M., D. Bonnet, B. Murdoch, O.I. Gan and J.E. Dick, A newly discovered class of human haematopoietic cells with SCID-repopulating activity, 4(9), 1038, 1998.
  62. ^ Kiel et al., Cell, Vol. 121, 1109–1121, July 1, 2005, Copyright2005 by Elsevier Inc. DOI 10.1016/j.cell.2005.05.026
  63. ^ Nakagawa M. and Yamanaka S., Reprogramming of Somatic Cells to Pluripotency, The Cell Biology of Stem Cells, 2010, Volume 695, 215-224, DOI: 10.1007/978-1-4419-7037-4_14
  64. ^ Takahashi K. and Yamanaka S., Induction of Pluripotent Stem Cells from Mouse Embryonic and Adult Fibroblast Cultures by Defined Factors, Cell, Volume 126, Issue 4, 663-676, 25 August 2006
  65. ^ Thomson JA. et al., Induced pluripotent stem cell lines derived from human somatic cells, Science. 2007 Dec 21;318(5858):1917-20. Epub 2007 Nov 20.
  66. ^ A. Ditadi, M. Cavazzana-Calvo et al., Human and murine amniotic fluid c-Kit+Lin- cells display hematopoietic activity in Blood, vol. 113, nº 17, 2009, pp. 3853-3960, DOI:10.1192/blood-2008-10-102105.
  67. ^ Di Berardino, M. A. 1988. Genomic multipotentiality of differentiated somatic cells. Cell Ditf: Dev. 25(suppl.): 129-136.
  68. ^ Di Berardino, M. A., J. N. Hoffner, and L. D. Etkin. 1984. Activation of dormant genes in specialized cells. Science 224: 946-952.
  69. ^ Okada, T. S. 1991. Transdifferentiation. Clarendon Press, Oxford.
  70. ^ Schmid, V. 1992. Transdifferentiation in medusae. Int. Rev. Cytol 142: 213-261.
  71. ^ Schmid, V., and H. Alder. 1984. Isolated, mononucleated, striated muscle can undergo pluripotent transdifferentiation and form a complex regenerate. Cell 38: 80 l-809.
  72. ^ Schmid, V., M. Wydier, and H. Aider. 1982. Transdifferentiation and regeneration in vitro. Dev. Biol. 92: 476-488.
  73. ^ Tapscott, S. J., R. L. Davis, M. J. Thayer, R. F. Cheng, H. Weintraub, and A. B. Lassar. 1988. MyoD I : a nuclear phosphoprotein requiring a Myc homology region to convert fibroblasts to myoblasts. Science 242: 405-411.
  74. ^ Wilson, H. V. 1907. On some phenomena of coalescence and regeneration in sponges. J. Exp. Zool. 5: 245-258.
  75. ^ Thomson et. al; Itskovitz-Eldor, J; Shapiro, SS; Waknitz, MA; Swiergiel, JJ; Marshall, VS; Jones, JM (November 1998). "Blastocysts Embryonic Stem Cell Lines Derived from Human". Science 282 (5391): 1145–1147. doi:10.1126/science.282.5391.1145. PMID 9804556.
  76. ^ Ying et. al; Nichols, J; Chambers, I; Smith, A (October 2003). "BMP Induction of Id Proteins Suppresses Differentiation and Sustains Embryonic Stem Cell Self-Renewal in Collaboration with STAT3". Cell 115 (3): 281–292. doi:10.1016/S0092-8674(03)00847-X. PMID 14636556.
  77. ^ Thomson, James A.; Zwaka (10). "Homologous recombination in human embryonic stem cells". nature biotechnology 21 (3): 319–321. doi:10.1038/nbt788. Retrieved 19 August 2011.
  78. ^ Andrews P, Matin M, Bahrami A, Damjanov I, Gokhale P, Draper J (2005). "Embryonic stem (ES) cells and embryonal carcinoma (EC) cells: opposite sides of the same coin". Biochem Soc Trans 33 (Pt 6): 1526–30. doi:10.1042/BST20051526. PMID 16246161.
  79. ^ Martin GR (1980). "Teratocarcinomas and mammalian embryogenesis". Science 209 (4458): 768–76. doi:10.1126/science.6250214. PMID 6250214.
  80. ^ Evans M, Kaufman M (1981). "Establishment in culture of pluripotent cells from mouse embryos". Nature 292 (5819): 154–6. doi:10.1038/292154a0. PMID 7242681.
  81. ^ Martin G (1981). "Isolation of a pluripotent cell line from early mouse embryos cultured in medium conditioned by teratocarcinoma stem cells". Proc Natl Acad Sci USA 78 (12): 7634–8. doi:10.1073/pnas.78.12.7634. PMC 349323. PMID 6950406.
  82. ^ Thomson J, Itskovitz-Eldor J, Shapiro S, Waknitz M, Swiergiel J, Marshall V, Jones J (1998). "Embryonic stem cell lines derived from human blastocysts". Science 282 (5391): 1145–7. doi:10.1126/science.282.5391.1145. PMID 9804556.
  83. ^ Mountford, JC (2008). "Human embryonic stem cells: origins, characteristics and potential for regenerative therapy.". Transfus Med 18: 1–12.
  84. ^ Thomson JA, Itskovitz-Eldor J, Shapiro SS, Waknitz MA, Swiergiel JJ, Marshall VS, Jones JM (1998). "Embryonic stem cell lines derived from human blastocysts.". Science 282: 1145–1147.
  85. ^ Smith AG, Heath JK, Donaldson DD, Wong GG, Moreau J, Stahl M, Rogers D (1988). "Inhibition of pluripotential embryonic stem cell differentiation by purified polypeptides". Nature 336 (6200): 688–690. doi:10.1038/336688a0. PMID 3143917.
  86. ^ Williams RL, Hilton DJ, Pease S, Willson TA, Stewart CL, Gearing DP, Wagner EF, Metcalf D, Nicola NA, Gough NM (1988). "Myeloid leukaemia inhibitory factor maintains the developmental potential of embryonic stem cells". Nature 336 (6200): 684–687. doi:10.1038/336684a0. PMID 3143916.
  87. ^ Ledermann B, Bürki K (1991). "Establishment of a germ-line competent C57BL/6 embryonic stem cell line". Exp Cell Res 197 (2): 254–258. doi:10.1016/0014-4827(91)90430-3. PMID 1959560.
  88. ^ Takahashi K, Tanabe K, Ohnuki M, Narita M, Ichisaka T, Tomoda K, Yamanaka S. (2007). "Induction of pluripotent stem cells from adult human fibroblasts by defined factors". Cell 131 (5): 861–872. doi:10.1016/j.cell.2007.11.019. PMID 18035408.
  89. ^ Ebert, Jessica (24 January 2005). "Human stem cells trigger immune attack". News from "Nature" (London: Nature Publishing Group). doi:10.1038/news050124-1. Retrieved 2009-02-27.
  90. ^ Martin MJ, Muotri A, Gage F, Varki A (February 2005). "Human embryonic stem cells express an immunogenic nonhuman sialic acid". Nat. Med. 11 (2): 228–32. doi:10.1038/nm1181. PMID 15685172.
  91. ^ Klimanskaya I, Chung Y, Meisner L, Johnson J, West MD, Lanza R (2005). "Human embryonic stem cells derived without feeder cells". Lancet 365 (9471): 1636–41. doi:10.1016/S0140-6736(05)66473-2. PMID 15885296.
  92. ^ Paul S. Knoepfler. Deconstructing stem cell tumorigenicity: a roadmap to safe regenerative medicine Stem Cells doi:10.1002/stem.37 PMID 19415771
  93. ^ Varlakhanova, et al. myc maintains embryonic stem cell pluripotency and self-renewal Differentiation doi:10.1016/j.diff.2010.05.001
  94. ^ Keirstead HS, Nistor G, Bernal G, et al. (May 2005). "Human embryonic stem cell-derived oligodendrocyte progenitor cell transplants remyelinate and restore locomotion after spinal cord injury". J. Neurosci. 25 (19): 4694–705. doi:10.1523/JNEUROSCI.0311-05.2005. PMID 15888645.
  95. ^ Vergano, Dan (11 October 2010). "Embryonic stem cells used on patient for first time". USA Today. Retrieved 12 October 2010.
  96. ^ Brown, Eryn (November 15, 2011). "Geron exits stem cell research". LA Times. Retrieved 2011-11-15.
  97. ^ Klimanskaya I, Chung Y, Becker S, Lu SJ, Lanza R. (2006). "Human embryonic stem cell lines derived from single blastomeres". Nature 444 (7118): 481–5. doi:10.1038/nature05142. PMID 16929302.
  98. ^ Cell - Induction of Pluripotent Stem Cells from Mouse Embryonic and Adult Fibroblast Cultures by Defined Factors
  99. ^ Induced Pluripotent Stem Cell Lines Derived from Human Somatic Cells
  100. ^ Nikhil Swaminathan. Stem Cells—This Time without the Cancer in Scientific American News. 2007-11-30. URL consultato il 2007-12-11.
  101. ^ http://www.terninrete.it/headlines/articolo_view.asp? ARTICOLO_ID=298617
  102. ^ Effettuato il primo trapianto di cellule staminali cerebrali umane su paziente affetto da sclerosi laterale amiotrofica (SLA), comunicato stampa dell'associazione Neurothon
  103. ^ Salute: Primo trapianto di trachea su una bimba di due anni | Gaianews.it
  104. ^ Donazione cordone ombelicale in ADISCO.
  105. ^ Finanziamento ministeriale di 15 milioni di euro alle banche pubbliche del cordone in ADISCO, 18 marzo 2009.
  106. ^ Articolo Decreto 18 novembre 2009 in AIDO, 18 novembre 2009.
  107. ^ "The authors provide clear evidence that the vast majority of the clinics examined over-promise results and gravely underestimate the potential risks of their offered treatments.", ISSCR
  108. ^ ISSCR, Regulation needed as new study reveals clinics exaggerate claims and omit risks

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]