24: Redemption

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
24: Redemption
24 Redemption.jpg
Una scena del film
Titolo originale 24: Redemption
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2008
Formato film TV
Genere azione, drammatico
Durata 89 min
102 min (Extended Version)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,78:1
Colore colore
Audio Dolby Digital
Crediti
Regia Jon Cassar
Sceneggiatura Howard Gordon
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Fox Broadcasting Company
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 23 novembre 2008
Rete televisiva Fox
Prima TV in italiano (gratuita)
Data 2 giugno 2010
Rete televisiva Rete 4
Prima TV in italiano (pay TV)
Data 18 settembre 2009
Rete televisiva FX
Opere audiovisive correlate
Originaria 24
Altre 24: The Game
24: Live Another Day
« Hope has a fighting chance. »
(Tagline del film TV[1])

24: Redemption è un film per la televisione del 2008 diretto da Jon Cassar. È tratto dalla serie televisiva 24.

Il film TV si colloca temporalmente tra la sesta e la settima stagione della serie, ed è narrato in tempo reale, più precisamente tra le 15:00 e le 17:00 del giorno d'insediamento del presidente degli Stati Uniti.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

In Sangala (un Paese africano di fantasia) Jack Bauer sta cercando di trovare la pace con sé stesso, lavorando come volontario assieme al suo vecchio amico Carl Benton, che ha costruito la scuola Okavango per aiutare gli orfani di guerra. Bauer è stato nel frattempo invitato a presentarsi davanti al Senato degli Stati Uniti, in quanto accusato di aver violato i diritti umani durante alcuni suoi interrogatori, ma si è rifiutato di andare. Contemporaneamente, una misteriosa organizzazione ombra statunitense sta segretamente aiutando il Generale Benjamin Juma e la sua milizia ad effettuare un colpo di stato.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Kiefer Sutherland intervistato alla première di 24: Redemption

L'idea di questo film TV è nata durante lo sciopero degli sceneggiatori 2007-2008, che ha ritardato la messa in onda della settima stagione di 24 di un anno, lasciando un vuoto nella stagione televisiva 2008.[3]

Il film è stato scritto dal produttore esecutivo Howard Gordon, ed è stato diretto dallo storico regista di 24 Jon Cassar. Durante la lavorazione, il titolo provvisorio del film era 24: Exile.[4]

24: Redemption è vagamente ispirato al genocidio del Ruanda del 1994.[5] La maggior parte del film è stata girata fuori da Città del Capo, in Sudafrica, per la difficoltà degli sceneggiatori a ricreare una location "africana" negli Stati Uniti d'America.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Pubblico[modifica | modifica sorgente]

La prima visione negli Stati Uniti d'America del 23 novembre 2008 è stata seguita da oltre 12.000.000 di telespettatori.[5]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ricevuto delle recensioni miste: alcune positive, altre hanno invece affermato che il film è stato realizzato soltanto in seguito alle critiche negative ricevute dalla sesta stagione della serie. Alla fine, comunque, tutte hanno lodato il tentativo di mostrare un lato più umano di Jack Bauer.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • 2009 - Premio Emmy
    • Nomination Migliore attore in una miniserie o film per la televisione a Kiefer Sutherland
    • Nomination Outstanding Music Composition for a Miniseries, Movie or a Special (Original Dramatic Score) a Sean Callery
    • Nomination Outstanding Single Camera Picture Editing for a Miniseries or a Movie
    • Nomination Outstanding Sound Editing for a Miniseries, Movie or a Special
    • Nomination Outstanding Sound Mixing for a Miniseries or a Movie
  • 2009 - NAACP Image Award
    • Nomination Outstanding Television Movie, Mini-Series or Dramatic Special

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

Il film TV è stato pubblicato in DVD negli Stati Uniti il 25 novembre 2008, e in Italia il 18 novembre 2009. L'edizione home video contiene il making of, varie scene eliminate ed in versione estesa, un'anteprima di 15 minuti del primo episodio della settima stagione di 24 ed un approfondimento sul fenomeno dei bambini soldato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) "24: Redemption" poster, movieposterdb.com. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  2. ^ Stasera su Fx 24: Redemption. E da venerdì prossimo la settima stagione in tvblog.it, 18 settembre 2009. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  3. ^ 24 diventa un film-tv, prima del day 7 in tvblog.it, 7 marzo 2008. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  4. ^ Il promo ufficiale della settima stagione di 24. E intanto il film-tv cambia nome in tvblog.it, 2 novembre 2008. URL consultato il 24 dicembre 2010.
  5. ^ a b In 12 milioni per 24: redemption, in attesa della settima stagione a gennaio in tvblog.it, 27 novembre 2008. URL consultato il 24 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione