Cristian Daniel Ledesma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore del River Plate, vedi Cristian Raúl Ledesma.
Cristian Ledesma
Coppa Italia 2009 premiazione.jpg
Rocchi e Ledesma, i "due capitani" alzano al cielo la Coppa Italia 2008-2009
Dati biografici
Nome Cristian Daniel Ledesma
Nazionalità Argentina Argentina
Italia Italia (dal 2010)
Altezza 180 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Lazio Lazio
Carriera
Giovanili
1997-2001
2001-2002
Boca Juniors Boca Juniors
Lecce Lecce
Squadre di club1
2001-2006 Lecce Lecce 126 (4)
2006- Lazio Lazio 242 (12)
Nazionale
2010 Italia Italia 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 aprile 2014

Cristian Daniel Ledesma (Buenos Aires, 24 settembre 1982) è un calciatore argentino naturalizzato italiano, centrocampista della Lazio, di cui è vice-capitano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce in Argentina e precisamente a Buenos Aires, in un piccolo quartiere chiamato Moròn.[1] Vive nella capitale argentina per soli quattro anni, quando nel 1986, insieme ai suoi nove fratelli e i suoi genitori, si trasferisce a Puerto Madryn, in Patagonia, per cercare più fortuna.[1] La prima squadra, dove Cristian tira i primi calci ad un pallone, fu l'Alumni dove, grazie al suo primo allenatore Victor Padìn, ha cominciato a divertirsi giocando a calcio.[1]

A 14 anni decide di trasferirsi a Buenos Aires per continuare a giocare nelle giovanili del Boca Juniors,[2] che con il quale ha cominciato a girare il mondo per disputare vari tornei giovanili internazionali ed infatti proprio in un torneo in Svizzera nel 2001, a Bellinzona, viene notato dall'allora direttore sportivo del Lecce Pantaleo Corvino che fa di tutto per portarlo in Italia.[2]

Proprio nella città salentina ha incontrato la futura moglie Marta con la quale mette alla luce due figli.[3][4]

Nel 2012 ha aperto un Adidas Store nella città di Roma, dove risiede dal 2006, anno in cui si trasferì alla Lazio.[5]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

I primi passi nel Boca Juniors e poi a Lecce[modifica | modifica sorgente]

Nel 1997 viene ingaggiato dal Boca Juniors a soli 15 anni. In quattro anni, Ledesma non esordisce mai con la prima squadra di fatti arriva a vestire la maglia dei Xeneizes solo fino alla primavera che lo porta a disputare vari tornei internazionali.

Proprio nel 2001, in un torneo svizzero, viene notato dall'allora direttore sportivo del Lecce Pantaleo Corvino, che decide di portarlo nel Salento. Esordisce, in Serie A, il 10 marzo 2002 nella sconfitta per 2-1 contro l'Atalanta, nella quale gioca tutti i 90 minuti di gioco.[6]

La seconda stagione con il Lecce si trova a conquistare la promozione in Serie A, visto che l'anno precedente la squadra salentina era stata retrocessa in Serie B, in questa stagione Cristian diviene titolare inamovibile dello scacchiere di Delio Rossi dettando i tempi alle manovre salentine. Il Lecce torna subito in Serie A e Cristian continua ad essere una colonna portante della squadra. Il 9 novembre 2003 arriva il suo primo gol nel massimo campionato italiano, nel pareggio per 2-2 contro il Perugia, firmando il momentaneo 2-1.[7]

Nel 2004 viene prestato temporaneamente dal Lecce al Milan, con il quale Ledesma disputa una tournée estiva per poi tornare in giallorosso.[8]

Rimane in Puglia fino al 2006, quando il Lecce torna nuovamente in Serie B, anno in cui viene acquistato dalla società capitolina della Lazio per una cifra vicina ai 5 milioni di euro. Ledesma lascia il Lecce dopo aver giocato 134 partite ed aver siglato 6 gol.

Lazio[modifica | modifica sorgente]

Cristian Ledesma in azione con la maglia della Lazio
Stagione 2006-2007[modifica | modifica sorgente]

Nel luglio 2006 viene acquistato dalla Lazio, dopo la retrocessione in Serie B della squadra salentina. Con la società capitolina ha siglato un contratto che gli permetterà di guadagnare 450.000 euro a stagione fino al 2011.

Esordisce con la nuova maglia il 20 agosto nel primo turno di Coppa Italia, nella vittoria per 4-0 contro il Rende, Cristian viene sostituito al minuto 74 dal belga Gaby Mudingayi. La prima partita in campionato, arriva invece il 10 settembre, nella sconfitta per 2-1 contro il Milan, disputa tutta la partita e viene anche ammonito. Come a Lecce, diventa subito fondamentale per gli schemi di gioco della Lazio, giocando a centrocampo nel trittico composto anche da Gaby Mudingayi e Massimo Mutarelli agendo alle spalle di Stefano Mauri che aveva il compito di mandare in porta la coppia d'attacco Pandev-Rocchi.

Il primo gol con la maglia biancoceleste arriva il 10 dicembre, la squadra avversaria è la Roma, la squadra con la quale la Lazio disputa il famoso Derby di Roma. Prima del chiudersi della prima frazione di gioco, Cristian inventa un tiro dalla distanza che sorprende il portiere giallorosso Doni, firmando così il momentaneo 1-0, alla ripresa ci penseranno Massimo Oddo (su rigore) e Massimo Mutarelli a firmare il 3-0 finale.[9] La sua seconda ed ultima rete stagionale la mette a segno nella sconfitta per 4-3 in casa dell'Inter, realizza il gol su calcio di punizione, firmando così il momentaneo 3-2 per la Lazio.[10] Conclude la sua prima stagione in tinte biancazzurre disputando 36 partite, realizzando 2 gol e con il terzo posto ottenuto in campionato anche la possibilità di giocare il terzo turno preliminare di Champions League della prossima stagione.

Stagione 2007-2008[modifica | modifica sorgente]

La seconda stagione si apre il 14 agosto, con la partita d'andata per la qualificazione in Champions League, per Cristian è una nuova esperienza visto che con il Lecce non aveva mai raggiunto un traguardo così importante. Di fronte alla Lazio ci sono i romeni della Dinamo Bucarest che riescono a strappare allo Stadio Olimpico un importante 1-1 in vista del ritorno.[11] Il 25 agosto inizia il campionato e Cristian e la Lazio pareggiano per 2-2 contro il Torino. Tre giorni dopo la Lazio conquista la qualificazione ai gironi di Champions League, frutto della vittoria per 3-1 ai danni della Dinamo Bucarest, anche in questa partita gioca tutti i minuti di gioco. Il 18 settembre esordisce in Champions nel pareggio per 1-1 contro i greci dell'Olympiakos. Dopo il pareggio per 2-2 ottenuto contro gli spagnoli del Real Madrid, Cristian si ferma per tutto il mese di ottobre per dei problemi al menisco. Torna in campo il 31 ottobre nel Derby capitolino perso per 3-2, in questa partita realizza la sua prima rete stagionale, siglando il 3-2 finale su punizione.[12] In questa stagione realizza anche due gol dalla distanza contro Napoli e Udinese, entrambe pareggiate per 2-2. Chiude la stagione con 43 partite disputate nelle quali ha segnato 3 gol.

Stagione 2008-2009[modifica | modifica sorgente]

Con la cessione di Luciano Zauri alla Sampdoria, viene nominato nuovo capitano Tommaso Rocchi ed il nuovo vice-capitano sarà proprio Cristian Ledesma.

La prima partita stagionale arriva il 23 agosto, nel terzo turno di Coppa Italia contro il Benevento, partita vinta agevolmente per 5-1. Il 31 agosto invece arriva la prima giornata di campionato, dove Cristian e i biancazzurri battono il Cagliari per 4-1. La prima rete stagionale arriva nel quarto turno di Coppa Italia contro l'Atalanta, mettendo a segno su punizione il gol del momentaneo 1-0, la partita verrà vinta 2-0.[13] Gli altri due gol stagionali vengono messi a segno contro l'Udinese (3-3) e contro la Juventus (1-1).

Il 13 maggio arriva la partita più importante della stagione, dopo aver conquistato un'incolore decimo posto in campionato, la Lazio gioca la finale di Coppa Italia contro la Sampdoria davanti a 68.000 spettatori circa. Nei primi centoventi minuti la partita si chiude sull'1-1 con le reti di Mauro Zárate per la Lazio e Giampaolo Pazzini per la Sampdoria. Ledesma realizza il primo rigore della serie conclusa da Ousmane Dabo che permette ai biancazzurri di portare a casa l'ambito titolo nazionale. Il capitano della squadra Tommaso Rocchi, insieme al capitano della partita in specifico, Cristian Ledesma hanno alzato insieme il trofeo appena vinto.[14]

Stagione 2009-2010[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione successiva viene messo fuori rosa per problemi contrattuali.[15] La prima esclusione risale alla finale della Supercoppa italiana 2009, e successivamente non viene neppure inserito nella lista dei 21 giocatori convocabili per l'Europa League.[16] Il 26 gennaio il collegio arbitrale ha dichiarato "inammissibile" il ricorso di Cristian Ledesma che aveva chiesto la rescissione del contratto con la Lazio sperando di potersi trasferire all'Inter al contrario di quanto era successo invece all'ex compagno di squadra Goran Pandev. Il giocatore non può quindi svincolarsi dalla società[17]. Il 10 febbraio con l'arrivo in panchina di Edoardo Reja al posto dell'esonerato Davide Ballardini, l'argentino viene reintegrato nella rosa della squadra e il 14 febbraio viene subito schierato tra gli undici titolari dal tecnico friulano nella gara di ritorno di campionato contro il Parma, partita vinta dai biancocelesti per 2-0. Per il centrocampista argentino si tratta di un ritorno sul campo di gioco dopo un lungo periodo d'inattività. Conclude la stagione con sole 13 partite disputate.

Stagione 2010-2011[modifica | modifica sorgente]

Il 23 agosto decide di prolungare il suo contratto fino al 30 giugno 2015, anno in cui avrà 33 anni.[18] Il suo esordio stagionale arriva il 29 agosto, nella prima partita di campionato persa per 2-1 contro la Sampdoria. Il primo ed unico gol stagionale arriva tre giornate dopo, il 18 settembre contro la Fiorentina, firmando il momentaneo 1-1, la partita viene vinta 2-1, Cristian in questa occasione esulta imitando con le braccia il volo dell'aquila per segnalare l'avvenuta conciliazione con tutto il mondo biancoceleste.[19] Grazie alle sue buone prestazioni stagionali, viene convocato da Cesare Prandelli per l'amichevole Italia-Romania del 17 novembre. Chiude la stagione con 36 partite disputate ed un solo gol realizzato

Stagione 2011-2012[modifica | modifica sorgente]

Cristian gioca la sua prima partita della stagione 2011-2012 nei preliminari di Europa League, competizione nuova per lui visto che da quando è la Lazio è sceso in campo europeo solo in Champions League, contro il Rabotnički, la partita viene vinta 6-0.

Il 9 febbraio gioca la sua 200ª partita con la maglia Biancoceleste, partita vinta 3-2 contro il Cesena.[20] Il 16 febbraio gioca la sua prima partita in campo internazionale ad eliminazione diretta, grazie al superamento dei gironi di Europa League, nella sconfitta per 3-1 contro l'Atlético Madrid. In questa stagione va a segno tre volte, tutte e tre su rigore, contro Genoa, Napoli e Siena. Le partite disputate da Cristian in questa stagione sono ben 47.

Stagione 2012-2013[modifica | modifica sorgente]

Il 30 settembre realizza un calcio di rigore che permette di battere il Siena 2-1 in campionato.[21] Il 19 dicembre batte e realizza il secondo rigore della serie contro il Siena negli ottavi di Coppa Italia, il turno viene superato dai biancazzurri.[22] Il 26 maggio vince la sua seconda Coppa Italia, con la maglia della Lazio, battendo in finale la Roma per 1-0.[23] Conclude la stagione con 52 partite disputate, superando il suo record personale fissato l'anno precedente fermatosi a 47.

Stagione 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Il 18 agosto perde la Supercoppa italiana 2013 contro la Juventus per 4-0.[24] Il 30 ottobre, grazie alla presenza in campionato durante la partita contro il Milan pareggiata per 1-1, diviene il decimo calciatore ad aver disputato più partite con la maglia biancoceleste; Ledesma supera Renzo Garlaschelli fermo a 276 presenze.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Grazie al suo passaporto italo-argentino il 14 novembre 2010 Ledesma riceve la prima convocazione in Nazionale italiana, chiamato dal commissario tecnico Cesare Prandelli in vista dell'amichevole contro la Romania del 17 novembre, data del suo esordio con la maglia azzurra.[25] Il giocatore ha affermato che conosce l'inno di Mameli e di non sentirsi un oriundo.[4]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 19 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2001-2002 Italia Lecce A 1 0 CI 1 0 - - - - - - 2 0
2002-2003 B 29 1 CI 1 0 - - - - - - 30 1
2003-2004 A 30 1 CI 1 0 - - - - - - 31 1
2004-2005 A 33 0 CI 4 2 - - - - - - 37 2
2005-2006 A 33 2 CI 1 0 - - - - - - 34 2
Totale Lecce 126 4 8 2 - - - - 134 6
2006-2007 Italia Lazio A 33 2 CI 3 0 - - - - - - 36 2
2007-2008 A 32 3 CI 4 0 UCL 7 0 - - - 43 3
2008-2009 A 34 2 CI 7 1 - - - - - - 41 3
2009-2010 A 13 0 CI 0 0 UEL 0 0 SI 0 0 13 0
2010-2011 A 34 1 CI 2 0 - - - - - - 36 1
2011-2012 A 37 3 CI 2 0 UEL 8 0 - - - 47 3
2012-2013 A 36 1 CI 5 0 UEL 11 0 - - - 52 1
2013-2014 A 23 0 CI 1 0 UEL 5 0 SI 1 0 30 0
Totale Lazio 242 12 24 1 31 0 1 0 298 13
Totale carriera 368 16 32 3 31 0 1 0 432 19

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Lazio: 2008-2009, 2012-2013
Lazio: 2009[26]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c INFANZIA E PRIMI CALCI cristianledesma.com
  2. ^ a b BOCA JUNIORS cristianledesma.com
  3. ^ MARTA....ALICE E DANIEL cristianledesma.com
  4. ^ a b Ledesma: «Canterò l'inno d'Italia, non sono oriundo», Corrieredellosport.it, 15 novembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  5. ^ Ledesma calciatore ed imprenditore, apre un Adidas Store a Roma... Cittaceleste.it
  6. ^ Atalanta 2 - 1 Lecce transfermarkt.it
  7. ^ Perugia 2 - 2 Lecce worldfootball.net
  8. ^ Ledesma, milanista per pochi giorni, tuttomercatoweb.com, 8 maggio 2010. URL consultato l'8 maggio 2010.
  9. ^ Lazio 3 - Roma 0 transfermarkt.it
  10. ^ Inter 4 - Lazio 3 transfermarkt.it
  11. ^ Lazio 1 - Dinamo Bucarest 1 transfermarkt.it
  12. ^ Roma 3 - Lazio 2 transfermarkt.it
  13. ^ Lazio 2 - Atalanta 0 transfermarkt.it
  14. ^ Lazio che trionfo in Coppa Italia, Il Corriere dello Sport, 13 maggio 2009. URL consultato il 14 maggio 2009.
  15. ^ Out Pandev, Ledesma, De Silvestri, www.gazzetta.it. URL consultato il 23 ottobre 2009.
  16. ^ Lazio, Pandev-Ledesma restano fuori, Sportmediaset, 2 settembre 2009. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  17. ^ Alfredo Pedullà, Ledesma, ricorso respinto: l'argentino non si svincola, Tuttomercatoweb, 26 gennaio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  18. ^ Ledesma: il rinnovo? Un sogno realizzato, ansa.it, 23 agosto 2010. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  19. ^ Fiorentina 1 - Lazio 2 transfermarkt.it
  20. ^ 200 volte la Lazio di Ledesma: "Festeggiate nel modo più bello... E anche in difesa!"... Tare lo esalta: "Fa la differenza", lalaziosiamonoi.it, 9 febbraio 2012. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  21. ^ Lazio 2 - Siena 1 transfermarkt.it
  22. ^ Lazio-Siena 5-2, Ciani e Carrizo portano Petkovic ai quarti in la Repubblica, 19 dicembre 2012. URL consultato il 20 dicembre 2012.
  23. ^ Coppa Italia, Roma-Lazio 0-1: Lulic regala il sesto trofeo ai biancocelesti in La Repubblica, 26 maggio 2013. URL consultato il 26 maggio 2013.
  24. ^ Juventus 4 - 0 Lazio soccerway.com
  25. ^ Balzaretti, Diamanti, Ledesma e Ranocchia le novità tra i 23 azzurri, Figc.it, 14 novembre 2010. URL consultato il 2 febbraio 2012.
  26. ^ In rosa, ma non sceso in campo

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]