Davide Ballardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Davide Ballardini
Davide Ballardini 2012.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
Cesena Cesena
Squadre di club1
 ???? Cesena Cesena  ? (?)
Carriera da allenatore
19??-19?? Bologna Bologna Giovanili
1993-1996 Cesena Cesena Giovanili
1996-1999 Ravenna Ravenna Giovanili
1999-2002 Milan Milan Giovanili
2002-2004 Parma Parma Giovanili
2004-2005 Sambenedettese Sambenedettese
2005 Cagliari Cagliari
2006 Pescara Pescara
2007-2008 Cagliari Cagliari
2008-2009 Palermo Palermo
2009-2010 Lazio Lazio
2010-2011 Genoa Genoa
2011-2012 Cagliari Cagliari
2013 Genoa Genoa
2014 Bologna Bologna
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 luglio 2014

Davide Ballardini (Ravenna, 6 gennaio 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

È un tipico allenatore di scuola sacchiana,[1] con idee tattiche equilibrate atte a valorizzare le qualità dei suoi calciatori.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista centrale, è stato tesserato del Cesena sette anni,[2] società che all'epoca aveva Arrigo Sacchi come allenatore delle giovanili e Osvaldo Bagnoli come allenatore della prima squadra, due personaggi che lo influenzeranno nella sua futura carriera da allenatore.[3][4][5]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Esordi: le giovanili, Sambenedettese, Cagliari, Pescara[modifica | modifica wikitesto]

Inizia ad allenare le giovanili del Bologna, vincendo il titolo della categoria Giovanissimi Nazionali, poi passa a quelle del Cesena, Allievi nazionali e Primavera, dal 1993 al 1996. Passa alle giovanili del Ravenna (dal 1996 al 1999), in seguito allena nel vivaio del Milan (dal 1999 al 2002). Dal 2002 al 2004 allena le giovanili del Parma, conseguendo coi giovani ducali la vittoria del Campionato Allievi Nazionali[senza fonte].

Il 1º settembre 2004 inizia la sua avventura di allenatore alla Sambenedettese che milita in Serie C1, sfiorando la promozione in Serie B eliminato in semifinale play-off dal Napoli di Edoardo Reja perdendo 3-1.

Alla terza giornata del campionato 2005-2006 è ingaggiato dal Cagliari, ma viene esonerato dopo 9 partite conquistando 5 punti e il penultimo posto in classifica, a un punto di distanza dall'ultimo, senza aver mai vinto una gara.

Il 1º luglio 2006 diventa allenatore del Pescara, che milita in Serie B, ma già a ottobre è esonerato dopo un inizio di campionato in sordina nel quale colleziona 2 pareggi e 4 sconfitte.[6] Sulla panchina pescarese ottiene una vittoria in Coppa Italia al primo turno col Pavia, venendo poi eliminato dalla competizione al 2º turno perdendo in casa con l'Atalanta (0-3).

Ritorno al Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2007-2008 è ingaggiato di nuovo dal Cagliari, subentrando dal 27 dicembre 2007 all'esonerato Nedo Sonetti con soli 10 punti.

All'esordio perde in casa con l'Udinese (0-1). Le vittorie contro Napoli (2-1), Lazio (1-0), Genoa (2-1), Torino (3-0), Atalanta (1-0), Livorno (2-1), Empoli (2-0), Fiorentina (2-1), Udinese (0-2), e i pareggi con Juventus, Parma, Roma, consentono ai rossoblù di salvarsi al 14° posto.[7] A fine stagione lascia la panchina del Cagliari.[8]

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 settembre 2008, Maurizio Zamparini lo chiama in panchina al Palermo per sostituire Stefano Colantuono dopo la sconfitta subita 3-1 con l'Udinese alla prima giornata di campionato.[9][10]

L'esordio sulla panchina rosanero avviene 9 giorni dopo, il 13 settembre, con vittoria casalinga con la Roma (3-1). Il 5 ottobre vince a Torino con la Juventus (1-2), gara che ha convinto il presidente Zamparini a rinnovargli il contratto fino al 2011.[11][12] Prosegue la stagione a Palermo con una serie di risultati altalenanti, con risultati positivi frutto del bel gioco in casa e meno positivi in trasferta, con poche vittorie esterne; la squadra ottenne il record di diciassette vittorie in campionato e si classificò all'ottavo posto finale.[13]

A maggio 2009 escono notizie su un suo possibile addio a Palermo, sensazione confermata per bocca del presidente Zamparini in conferenza stampa il 30 maggio, dove specifica, rammaricato e dispiaciuto, che la volontà di andar via è solo dell'allenatore.[14][15][16] Il presidente ha poi dichiarato che Ballardini può considerarsi libero da ogni vincolo contrattuale, accettando le sue dimissioni verbali.[17] Il 5 giugno 2009 è ufficialmente sostituito come allenatore del Palermo da Walter Zenga;[18] il 12 giugno ha dichiarato di aver risolto il contratto con la società rosanero.[19]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Davide Ballardini nel 2009.

Il 16 giugno 2009 è presentato alla stampa presso la foresteria del centro sportivo di Formello come allenatore della Lazio.[20]

L'8 agosto 2009 conquista il primo titolo della sua carriera da allenatore, la Supercoppa italiana, allo stadio Bird's Nest di Pechino contro i campioni d'Italia in carica dell'Inter, sconfitti 2-1.[21]

Nella prima parte di campionato, sotto la sua direzione, i capitolini raccolgono 13 punti in 15 match e Ballardini è messo seriamente in discussione dall'intero ambiente biancoceleste.[22] La situazione migliora dalla gara di Napoli dove Ballardini propone difesa a cinque (tre centrali guidati da Guglielmo Stendardo e due esterni) e in fase offensiva, permette ai due esterni Stephan Lichtsteiner e Aleksandar Kolarov di avanzare contemporaneamente. Nonostante dei piccoli miglioramenti, la Lazio continua a trovarsi nelle zone basse della classifica mantenendo il tecnico in una situazione a rischio esonero.[23]

Il 10 febbraio 2010, dopo tre giorni dall'ennesima sconfitta subita in casa, stavolta col Catania, Ballardini è esonerato dalla società romana, che sceglie al suo posto Edoardo Reja.[24][25] La squadra è al terzultimo posto in zona retrocessione. Il suo bilancio in campionato sulla panchina della squadra capitolina è di 4 vittorie, 10 pareggi e 9 sconfitte per un totale di 22 punti in 24 partite.

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

L'8 novembre 2010 è stato chiamato alla guida del Genoa, subentrando al tecnico Gian Piero Gasperini, esonerato dalla società ligure dopo quattro anni;[26] con lui arrivano anche il vice allenatore Carlo Regno e il collaboratore tecnico Stefano Melandri.[27] Il 10 novembre debutta sulla panchina rossoblu, nella gara Genoa-Bologna (1-0) valida per l'undicesima giornata di campionato. Dopo 5 giornate riesce a portare 10 punti al Genoa. Vince entrambi i derby di Genova (0-1 e 2-1) e porta la squadra al decimo posto in campionato. Il 4 giugno il presidente del Genoa Enrico Preziosi libera dal contratto Ballardini, ringraziandolo per il lavoro svolto;[28] l'ufficialità dell'operazione arriva il 15 luglio 2011.[27]

Terzo periodo al Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 novembre 2011 ritorna nuovamente sulla panchina del Cagliari[29] subentrando a Massimo Ficcadenti, esonerato dopo cinque partite senza vittorie.[30] Porta con sé il suo staff tecnico composto da Carlo Regno, Stefano Melandri, Nico Facciolo e Andrea Rinaldi.[31] Ha firmato un contratto biennale con compenso di 800.000 euro nel 2011-2012 e un milione nella stagione successiva.[32]

Ottiene il suo terzo debutto sulla panchina del Cagliari con la sconfitta esterna per 2-1 con l'Inter; alla sua seconda partita ottiene un pareggio interno col Bologna per 1-1, ottiene la sua prima vittoria col Catania (0-1).

L'11 marzo 2012 è licenziato insieme a tutto il suo staff e il suo posto viene preso nuovamente da Ficcadenti.[31] Contrariamente all'uso, non viene esonerato bensì licenziato per giusta causa; questa soluzione comporta che la società non sia più tenuta a pagare gli stipendi. Il presidente dell'Associazione Italiana Allenatori Renzo Ulivieri contesta il licenziamento come contrario al diritto sportivo ed invita Ballardini a rivolgersi al giudice del lavoro per valutarne la legittimità nel caso concreto secondo il diritto ordinario del lavoro.[33]

Ritorno al Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 gennaio 2013 è stato chiamato alla guida del Genoa, subentrando al tecnico Luigi Delneri esonerato dalla società ligure dopo aver ottenuto 8 punti in 13 giornate di campionato, frutto di nove sconfitte, due pareggi e due vittorie.[34][35] Il 26 gennaio debutta per la seconda volta in carriera sulla panchina genoana, ottenendo un pareggio per 1-1 a Torino con la Juventus; ottiene la prima vittoria in casa con la Lazio, sua ex squadra (3-2). Ottiene la salvezza con due gare d'anticipo.

Il 7 giugno 2013 viene rimpiazzato alla guida tecnica del Genoa dall'ex Palermo e Fiorentina nonché allenatore degli Allievi Nazionali della stessa società ligure, Fabio Liverani.

Il 30 giugno 2013 riceve il premio "Cartellino Viola" in occasione del gesto di fair play effettuato durante la partita Roma-Genoa del 4 marzo[36], dove fu espulso per essere entrato in campo e aver fermato il gioco per soccorrere il calciatore giallorosso Pablo Daniel Osvaldo, rimasto a terra[37].

Bologna[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 2014 diviene allenatore del Bologna in sostituzione dell'esonerato Stefano Pioli, firmando il contratto fino al 30 giugno dello stesso anno[38]. Alla 37 giornata, perdendo 2-1 in casa col Catania, la squadra bolognese retrocede in serie B. Il primo luglio 2014 è rimpiazzato da Diego López.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È padre di Elia Ballardini, difensore del Santarcangelo.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Cesena: 1981-1982

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1988-1989
Parma: 2003-2004

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sacchi: "Ballardini è già un maestro" Stadionews.it
  2. ^ Samb, vincere con il Rimini per far sognare i tifosi Ilquotidiano.it
  3. ^ Ballardini: "I miei figli mi...massacrano" Ilpalermocalcio.it
  4. ^ Ballardini: "Vi dico da chi accetto consigli" Mediagol.it
  5. ^ Ballardini: "Ecco a chi mi sono ispirato..." Mediagol.it
  6. ^ UFFICIALE: il Pescara esonera Ballardini Tuttomercatoweb.com
  7. ^ Ballardini: "Così ho rilanciato il Cagliari" sport.tiscali.it
  8. ^ Ballardini va via. Non è più l'allenatore del Cagliari Cagliaricalcio.net
  9. ^ ESONERATO COLANTUONO. SQUADRA AFFIDATA A BALLARDINI Ilpalermocalcio.it
  10. ^ Palermo, via Colantuono Ballardini nuovo allenatore. Gazzetta.it
  11. ^ Ballardini prolunga contratto Palermocalcio.it
  12. ^ Zamparini: "Ho blindato Ballardini" Stadionews.it
  13. ^ Maurizio Pistocchi, Ballardini vittima del "sistema" in Sport Mediaset, 23 luglio 2012. URL consultato il 27 luglio 2012.
  14. ^ Conferenza stampa Zamparini - 1ª parte Palermocalcio.it
  15. ^ Conferenza stampa Zamparini - 2ª parte Palermocalcio.it
  16. ^ Conferenza stampa Zamparini - 3ª parte Palermocalcio.it
  17. ^ Palermo, Zamparini: "Non incontrerò Ballardini vada dove vuole" Tuttomercatoweb.com
  18. ^ Walter Zenga allenatore del Palermo Palermocalcio.it
  19. ^ Ballardini: "Contratto risolto" Aquilerosanero.com
  20. ^ Ballardini alla Lazio: il nuovo tecnico è l'ex Palermo Sportlive.it
  21. ^ Supercoppa alla Lazio Inter sorpresa 2-1 Gazzetta.it
  22. ^ Lazio: a rischio la panchina di Ballardini periodicoitaliano.info
  23. ^ Lazio, ultima spiaggia di Ballardini Ilmessaggero.it
  24. ^ Calcio, Lazio: esonerato Ballardini, squadra a Reja Reuters.com
  25. ^ La S.S.Lazio comunica che Edoardo Reja, nato a Gorizia il 10 ottobre 1945, è il nuovo allenatore della squadra biancoceleste Sslazio.it
  26. ^ Ballardini: "Ho grandi motivazioni" Genoacfc.it
  27. ^ a b Risolto contratto con Ballardini Genoacfc.it
  28. ^ Preziosi dice addio a Ballardini: "L'ho sentito, da oggi è libero" repubblica.it, 4 giugno 2011
  29. ^ Davide Ballardini è il nuovo allenatore del Cagliari Cagliaricalcio.net, 9 novembre 2011
  30. ^ Massimo Ficcadenti non è più l'allenatore del Cagliari Cagliaricalcio.net, 8 novembre 2011
  31. ^ a b Ritorna Massimo Ficcadenti Cagliaricalcio.net
  32. ^ Cagliari, Cellino come Zamparini Tuttopalermo.net
  33. ^ Cellino non esonera ma licenzia: dopo Sonetti, Ballardini, Goal.com, 22 aprile 2012.
  34. ^ Comunicato stampa Genoacfc.it
  35. ^ Ballardini: "Amico Genoa" Genoacfc.it
  36. ^ Ballardini espulso usa l'ironia sugli arbitri "Bravissimi, ma dovrebbero andare all'estero"
  37. ^ Premio fair play Cartellino Viola a Ballardini
  38. ^ Bolognafc.it, http://www.bolognafc.it/news.asp?id=6193#.Us1SQvTuIrY. URL consultato l'8 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]