BMW F20

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BMW F20
BMW 118i-F20 Front-view.jpg
Una 118i 5 porte
Descrizione generale
Costruttore Germania  BMW
Tipo principale Berlina 2 volumi
Produzione dal 2011
Sostituisce la BMW E87
Euro NCAP 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.324 mm
Larghezza 1.765 mm
Altezza 1.421 mm
Passo 2.690 mm
Massa da 1.290 a 1.390 kg
Altro
Assemblaggio Ratisbona (Germania)
Stile Adrian van Hooydonk
Stessa famiglia BMW Serie 3 F30
Auto simili Alfa Romeo Giulietta
Audi A3
Volkswagen Golf
Lancia Delta
Opel Astra J
Renault Mégane III
BMW 118i-F20 Rear-view.JPG
Vista posteriore

F20 è la sigla che identifica la versione a 5 porte della seconda generazione della Serie 1, un'autovettura di segmento C prodotta dalla Casa automobilistica tedesca BMW a partire dal 2011. La variante a 3 porte, subentrata in un secondo momento nella gamma, ha preso la sigla di F21.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

La presentazione ufficiale al pubblico, avvenuta al Salone di Francoforte nel settembre 2011, è stata anticipata dalla presentazione alla stampa, avvenuta il 5 giugno dello stesso anno.

Design ed interni[modifica | modifica wikitesto]

In generale va detto che della precedente Serie 1 vengono mantenute le proporzioni tra i volumi della carrozzeria: si ritrovano così caratteristiche come il lungo cofano motore che fa da contraltare all'abitacolo arretrato, il tutto volto a dare slancio alla linea. Gli spigoli vivi della prima generazione della compatta bavarese si sono fatti più smussati ed arrotondati, una tendenza stilistica dettata non più da Chris Bangle, dimessosi un paio d'anni prima dalla BMW, ma dal suo successore Adrian van Hooydonk, subentrato al designer statunitense.
Il frontale della F20 rivela alcune tra le principali novità, come per esempio i gruppi ottici, sempre a doppia parabola, ma dal taglio triangolare che conferisce una particolare personalità alla vettura che fin dal suo esordio ha diviso nettamente tra sostenitori e detrattori. Un'altra particolare caratteristica del frontale della F20 sta nella calandra inclinata leggermente in avanti, un aspetto che sembra ricordare le BMW degli anni settanta. Ed ancora, il cofano motore è solcato da quattro nervature diagonali che confluiscono verso la calandra. La vista laterale offre innanzitutto una visuale più ampia del lavoro svolto dall'equipe di van Hooydonk al fine di rendere più dolci gli spigoli del precedente modello, mantenendo nel contempo quella tendenza a creare i particolari giochi di luci ed ombre che hanno reso così particolari le BMW dell'ultimo decennio. Dalla vista laterale, si osserva tra l'altro l'arrivo di una particolare stilistico e funzionale, oramai presente da anni su altri modelli, vale a dire l'indicatore di direzione integrato nel retrovisore esterno. Sono presenti elementi ormai immancabili, come l'Hofmeister-Knick e la nervatura laterale che passa in corrispondenza delle maniglie porta. La linea di cintura alta ed il tetto digradante nella zona posteriore, danno un tocco di sportività in più. Vista posteriormente, la F20 mostra la sua sportività grazie ai passaruota leggermente bombati ed al piccolo spoiler sul tetto. I fari quadrangolari dagli spigoli smussati sono a led con grafica a strisce orizzontali.
L'abitacolo della F20 è una rivisitazione in chiave modernizzata dei concetti di ergonomia, eleganza e sportività necessari in una vettura appartenente al sotto-segmento premium. Ormai tipici ed irrinunciabili sono il cockpit orientato verso il conducente e la presenza della manopola dell'iDrive in una porzione del tunnel separata stilisticamente dal resto del tunnel stesso, una soluzione che ricorda molto da vicino la ben più grande Serie 6 introdotta pochi mesi prima. Non mancano tuttavia soluzioni prettamente razionali, come il buon numero di tasche e vani portaoggetti. L'abitabilità da parte dei passeggeri è leggermente aumentata grazie al passo cresciuto di 3 cm, ma soprattutto è la capacità del bagagliaio ad aver beneficiato di un significativo aumento, portandosi a 360 litri.

Struttura, meccanica e motori[modifica | modifica wikitesto]

La seconda generazione della Serie 1 nasce su un pianale progettato e realizzato per fare da base, con opportune modifiche ed adattamenti, anche alla sesta generazione della Serie 3, siglata F30. Questa base meccanica, dall'ottimale ripartizione dei pesi, comprende carreggiate allargate di 5.1 cm anteriormente e di 7.2 cm posteriormente, sospensioni anteriori realizzate in lega di alluminio, con geometria a doppio snodo, ed un retrotreno multilink a 5 bracci. L'impianto frenante prevede dischi su tutte e quattro le ruote, ed è corredato dai dispositivi ABS, DSC ed ESP. Lo sterzo si avvale di un servocomando elettromeccanico che a richiesta può essere integrato con un dispositivo in grado di variarne l'incidenza in funzione della velocità.
Al suo debutto, la F20 è equipaggiata con cinque motorizzazioni, due a benzina e tre a gasolio, tutte con sovralimentazione di tipo twin scroll e distribuzione bialbero in testa con fasatura variabile Bi-VANOS ed alzata variabile Valvetronic:

  • 116i: motore N13 da 1598 cm³ della potenza di 136 CV;
  • 118i: stesso motore della 116i, ma con potenza portata a 170 CV;
  • 116d: motore N47D20 turbodiesel common rail da 1995 o 1598 (dal 2013) cm³ di cilindrata e con potenza massima di 116 CV;
  • 118d: stesso motore della 116d, ma con potenza portata a 143 CV;
  • 120d: stesso motore della 118d, ma con potenza portata a 184 CV.

Il cambio è normalmente manuale a 6 marce, ma in opzione è possibile avere il cambio automatico ad 8 rapporti e, come ulteriore opzione, è possibile averlo con comandi al volante.

Allestimenti e dotazioni[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, la F20 debutta in tre livelli di allestimento, tutti abbinabili a qualsiasi motorizzazione tra quelle disponibili:

  • base, allestimento di attacco la cui dotazione di serie prevede: doppio airbag frontale, airbag laterali anteriori, airbag per la testa, climatizzatore manuale, ABS, DSC, ESP, computer di bordo, retrovisori esterni regolabili elettricamente e riscaldabili, sedili anteriori regolabili in altezza, volante regolabile in altezza e in profondità, cerchi in lega da 15", divano posteriore frazionabile, autoradio con lettore CD, vetri elettrici anteriori e posteriori, poggiatesta posteriori;
  • Sport: allestimento superiore leggermente improntato in chiave sportiva, grazie ad elementi come gli inserti in nero lucido sulla carrozzeria. La sua dotazione di serie prevede: cerchi in lega da 16", volante in pelle e sedili sportivi;
  • Urban: livello di allestimento improntato maggiormente verso il lusso, ma sprovvisto di alcune caratteristiche presenti nelle versioni Sport, come i sedili sportivi e gli inserti in nero lucido, che in questo caso lasciano il posto ad inserti cromati.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Una M135 xDrive

La produzione della nuova Serie 1 è stata avviata subito dopo la presentazione alla stampa, nella sola configurazione a 5 porte, mentre la commercializzazione è stata avviata il 17 settembre del 2011. Lo stabilimento di produzione è quello di Ratisbona, come nel caso della precedente Serie 1 a 5 porte.
Nel marzo del 2012, la gamma si amplia con l'arrivo di tre modelli, sempre a 5 porte: da una parte la 125i, spinta da una variante depotenziata del 2 litri turbo N20, e che in questo caso raggiunge una potenza massima di 218 CV; un'altra novità per il marzo 2012 è rappresentata dalla 116d Efficient Dynamics, spinta dallo stesso motore 1598 della 114d, ma dotata di misure atte a contenere ulteriormente emissioni ,consumi e maggior potenza. In questo modo, tale modello diviene la prima BMW a scendere sotto la soglia dei 100 grammi di CO2 per ogni chilometro percorso. La terza novità del marzo 2012 è invece la 125d, equipaggiata con il 2 litri biturbo N47 in grado di raggiungere 218 CV di potenza massima. Inizialmente, tali novità non sono state proposte su tutti i mercati, ma solo su alcuni mercati tra cui quello tedesco e quello austriaco. In Italia, per esempio sarebbero arrivate solo tre mesi dopo. Nel mese di giugno viene avviata la produzione della F21, ossia della versione a 3 porte, che sancisce la scomparsa dai listini della precedente 3 porte conosciuta con la sigla E81. In tale occasione la gamma motori viene ampliata con l'arrivo del modello di base, la 114i (spinta da un 1.6 sovralimentato a bassa pressione e con potenza di 102 CV) e della versione di punta, la M135i (equipaggiata dal potente 3 litri turbo da 320 CV, montato anche sulle F12 ed F13. Non solo, ma anche un'altra novità tecnologica ha fatto la sua comparsa, vale a dire la trazione integrale xDrive, la quale per la prima volta va ad applicarsi ad una BMW di segmento C. I modelli previsti con tale nuova soluzione tecnica sono due: la top di gamma M135i e la 120d, le quali possono però essere sempre ordinate anche con trazione posteriore. Nell'autunno dello stesso anno, un'altra versione di base, questa volta a gasolio, è andata ad arricchire la gamma: la 114d, spinta dallo stesso motore dei modelli 116d Efficient Dynamics, ma depotenziato da 116 a 95 CV.
Gli aggiornamenti successivi si sono avuti nel luglio del 2013, quando a listino compare la 118d xDrive: con questo modello la trazione integrale fa la sua comparsa anche nella fascia bassa della gamma F20. Il motore è lo stesso della normale versione a trazione posteriore.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche delle varie versioni previste per la gamma della BMW F20.

Modello Carrozzeria Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Trazione Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0-100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Versioni a benzina
114i 3 o 5 porte N13B16 1598 102/4000 180/1100-3900 P M/6 1.285 195 11"2 5.7 132 dal 06/2012
116i 136/4400 220/
1350/4300
1.290 210 8"5 5.5 129 dal 09/2011
118i 170/4800 250/
1500-4500
1.295 225 7"4 5.9 134 dal 09/2011
125i1 N20B20 1997 218/5000 310/
1350-4800
1.345 245 6"4 6.6 154 dal 03/20121
M135i 3 porte N55B30 2979 320/5800 450/
1300-4500
1.425 250 5"1 8 188 dal 06/2012
M135i xDrive I 1.515 dal 06/2012
Versioni diesel
114d 3 o 5 porte N47D16 1598 95/4000 235/
1500-2750
P M/6 1.305 185 12"2 4.31 1121 dal 09/2012
116d
Efficient Dynamics
2
116/4000 260/
1750-2500
195 10"5 3.8 99 dal 03/20122
116d N47D20 1995 116/4000 260/
1750-2500
1.305 200 10"3 4.3 114 dal 09/2011
118d 143/4000 320/
1750-2500
1.320 212 8"9 4.4 115 dal 09/2011
118d xDrive I 1.410 210 4.8 126 dal 07/2013
120d 184/4000 380/
1900-2750
P 1.345 228 7"2 4.8 119 dal 09/2011
120d xDrive I 1.420 126 dal 06/2012
125d2 218/4400 450/
1500-2500
P 1.390 240 6"5 4.9 129 dal 03/20122
Note:
1Valori di consumi ed emissioni relativi a tutti gli allestimenti della 114d, tranne i livelli Joy ed Unique i cui valori dichiarati sono rispettivamente di 4.1 l/100 km e 109 g/km
2Nel mercato italiano a partire dal 06/2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili