BMW 1600 GT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BMW 1600 GT
Descrizione generale
Costruttore Germania  Glas-BMW
Tipo principale coupé
Produzione dal 1967 al 1968
Sostituisce la Glas GT
Sostituita da BMW Touring
Esemplari prodotti 1256
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4055 mm
Larghezza 1550 mm
Altezza 1280 mm
Passo 2320 mm
Massa 970 kg
Altro
Stile Pietro Frua
Stessa famiglia Glas GT
BMW 1600-2 TI
Auto simili Alfa Romeo Giulia GT
ASA 1000 GT
Porsche 912

La 1600 GT è un'autovettura di fascia medio-alta prodotta congiuntamente dalle Case automobilistiche tedesche Glas e BMW tra il 1967 ed il 1968.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia della 1600 GT ha inizio nel momento in cui la Glas, Casa automobilistica bavarese attiva dal 1956, fu acquisita nel 1966 dalla BMW. Dal momento che la Glas in quel periodo stava già pensando ad un rimodernamento della gamma delle proprie sportive di fascia medio-alta, la BMW decise di riunire i precedenti modelli marchiati Glas, le 1300 e 1700 GT, in un unico modello con motorizzazione intermedia, alla sola condizione che quest'ultimo doveva essere marchiato BMW. In realtà, la 1600 GT è un'auto particolare perché non è chiaro ufficialmente a quale delle due marche appartenesse, e questo per vari aspetti tra loro contraddittori che caratterizzano la vettura dal punto di vista del marchio di appartenenza. Infatti, la 1600 GT nasce da una vettura puramente Glas, ossia la Glas GT, ma monta in gran parte meccanica di origine BMW ed è marchiata con lo stemma bianco-azzurro della Casa di Monaco, ma veniva venduta e distribuita tramite i concessionari Glas. Inoltre, oggigiorno, la stampa specializzata tende ad includerla nella produzione della Casa di Dingolfing. Lo stesso principio è analogamente applicabile nel caso della contemporanea ammiraglia Glas-BMW 3000 V8.
D'altro canto, non si trattava solo di una questione di marchio: se infatti la nuova vettura mantenne intatti l'avantreno e la carrozzeria dei precedenti modelli, dall'altro vide l'adozione di retrotreno, motore e cambio, mutuati dalla BMW 1600-2 TI.
Il risultato fu un nuovo modello, nell'aspetto quasi identico alle 1300 e 1700 GT, tranne che per la piccola calandra a doppio rene e per i tondi fari posteriori presi dalla 1600-2. Sottopelle, però le cose cambiavano, dal momento che la nuova vettura montava un 4 cilindri in linea da 1573 cm³ con distribuzione a valvole in testa mosse da un albero a camme, sempre in testa. L'alimentazione era affidata a due carburatori doppio corpo Solex. Era lo stesso propulsore della 1600-2 TI, che arrivava ad erogare una potenza massima di 105 CV a 6000 giri/min e a spingere la vettura ad una velocità massima di 185 km/h.
Il nuovo modello fu lanciato nel giugno del 1967 con il nome di 1600 GT e con il marchio BMW.
Le prestazioni e la grinta della linea la mettevano in diretta concorrenza con vetture come la Giulia Sprint GT 1600 e la Porsche 912, contro le quali non sfigurava di certo. La 1600 GT, però, non incontrò affatto i favori del pubblico: in poco più di un anno di produzione arrivò a totalizzare appena 1256 esemplari, probabilmente perché il pubblico non la considerava una vera BMW, date le origini più umili (è da ricordare che solo dodici anni prima, la Glas aveva esordito in campo automobilistico con la super-economica Goggomobil). Ciò bastò alla BMW perché ne venisse interrotta la produzione nell'agosto 1968. Assieme alla già citata Glas-BMW V8 3000, la 1600 GT fu l'ultimo modello che, benché marchiato BMW, vide la partecipazione della Glas: tolta di produzione, il marchio fu estinto, gli stabilimenti furono smantellati e al loro posto ne furono costruiti dei nuovi, ancor oggi attivi.

Scheda tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Motore: anteriore longitudinale
Cilindri: 4 in linea
Alesaggio: 84 mm
Corsa: 71 mm
Cilindrata: 1573 cc
Distribuzione: un asse a camme in testa
Alimentazione: due carburatori doppio corpo Solex
Potenza max: 105 CV a 6000 giri/min
Coppia max: 131 Nm a 4500 giri/min
Trazione: posteriore
Cambio: manuale a 4 marce
Avantreno: a ruote indipendenti, con quadrilateri deformabili, barra stabilizzatrice, molle elicoidali ed ammortizzatori idraulici telescopici
Retrotreno: a ruote indipendenti, con bracci obliqui, molle elicoidali ed ammortizzatori idraulici telescopici
Freni: anteriori a disco, posteriori a tamburo, servofreno
Pneumatici: 155 HR 14
Velocità max: 185 km/h
Accelerazione 0–100 km/h: 10"5
Consumo medio: 12.5 l/100 km

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili