BMW M73

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il BMW M73 (per esteso M73B54) è un motore a scoppio alimentato a benzina prodotto dal 1994 al 2001 dalla Casa automobilistica tedesca BMW.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questo motore ha sostituito la precedente unità M70, anch'essa frazionata in 12 cilindri a V.
Vi sono state però notevoli differenze con la precedente unità, poiché prima di tutto cambia la tecnologia costruttiva, che utilizza l'alusil trattato elettrochimicamente per il monoblocco, in modo da ottenere canne in silicio. Le due testate sono in lega di alluminio.
Cambiano inoltre le misure di alesaggio e corsa, di 85x79 mm. La cilindrata complessiva viene così portata a 5379 cc. Diversa anche la centralina elettronica, sempre una Bosch, ma stavolta una Motronic M5.2 in luogo della precedente LH-Jetronic. In alcune versioni, però, le centraline sono state due, una per bancata.
Della precedente unità viene mantenuto invece l'angolo di 60° tra le due bancate. Immutate anche le due testate a 2 valvole per cilindro e la distribuzione ad un albero a camme in testa per bancata (schema SOHC).
Anche i valori prestazionali hanno subito incrementi significativi: la potenza massima è infatti passata da 299 a 326 CV a 5000 giri/min, mentre la coppia ha raggiunto i 490 Nm a 3900 giri/min (450 N·m a 4100 giri/min nel motore M70).
Tale motore è stato montato su:

Il motore M73 ha vinto nel 1999 il titolo di Motore dell'anno nella categoria sopra i 4 litri.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]