Sarego

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sarego
comune
Sarego – Stemma Sarego – Bandiera
Barchesse di Villa Trissino
Barchesse di Villa Trissino
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
Sindaco Roberto Castiglion (Movimento 5 Stelle) dal 7-5-2012
Territorio
Coordinate 45°25′N 11°24′E / 45.416667°N 11.4°E45.416667; 11.4 (Sarego)Coordinate: 45°25′N 11°24′E / 45.416667°N 11.4°E45.416667; 11.4 (Sarego)
Altitudine 42 m s.l.m.
Superficie 23,92 km²
Abitanti 6 794[1] (31-12-2015)
Densità 284,03 ab./km²
Frazioni Meledo, Monticello di Fara, Meledo Alto
Comuni confinanti Brendola, Grancona, Lonigo, Montebello Vicentino
Altre informazioni
Cod. postale 36040
Prefisso 0444
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 024098
Cod. catastale I430
Targa VI
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 462 GG[2]
Nome abitanti seraticensi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sarego
Sarego
Posizione del comune di Sarego all'interno della provincia di Vicenza
Posizione del comune di Sarego all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Sarego (Sarègo in veneto) è un comune italiano di 6 794 abitanti[1] della provincia di Vicenza in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca antica[modifica | modifica wikitesto]

Sulle pendici dei colli di Sarego sono stati rinvenuti frammenti di vasellame in terracotta di età preistorica.

Tra il II e il I secolo a.C. il territorio - specialmente quello a nord ovest di Monticello di Fara, prossimo alla Via Postumia costruita nel 148 - fu marcato dalla centuriazione romana, con la quale venivano suddivise le terre date in ricompensa ai legionari veterani, che in tal modo avevano tutto l'interesse a difendere questa essenziale arteria che univa Genova ad Aquileia.

In questa zona, in località Ca' Quinta dove fu poi costruita Villa Quinto, furono scoperti nel 1904 i resti di una villa romana di campagna; gli scavi del 1927 hanno portato alla luce una pavimentazione a mosaico, oltre a vari altri reperti: rivestimenti in marmo, resti di affreschi, una struttura per il riscaldamento della villa, un torcularium (impianto produttivo)[3].

Il toponimo di Santa Giustina ricorda la presenza in zona di una chiesetta, poi scomparsa, che attesta l'evangelizzazione protocristiana del territorio.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Del periodo longobardo rimangono ancora numerosi toponimi, il più importante dei quali è Monticello di Fara.

Da antichi documenti si sa della presenza, nel territorio di Sarego, di due castelli altomedievali: il primo nel capoluogo, il secondo a Meledo.

Sull'origine del primo non si conosce nulla di preciso; considerando, però, che il Pagliarino lo definisce "antichissimo" e che la nobile famiglia dei da Sarego risiedeva sul posto sin da epoca precedente al Mille, sembra ragionevole collocarne la fondazione nel secolo X, identificandolo in tal modo con l'incastellamento della chiesa primitiva, la quale dipendeva dalla vasta giurisdizione della pieve di Santa Maria di Altavilla ma era di proprietà dei da Sarego.

Chiesa e castello dovevano dunque essere di origine gentilizia, ed i diritti vescovili devono essersi accesi solo nel 1132 quando i da Sarego assoggettarono la chiesa alla cattedrale di Vicenza[4]. I diplomi imperiali non elencano il castello di Sarego tra quelli vescovili esentati dalla tassa del fodro; ciò non significa ch'esso non dipendesse in qualche modo dai vescovi di Vicenza, ma dimostra semplicemente che non era esentato dalla prestazione[5][6].

Secondo il Pagliarino, il castello «fu gettato a terra dai Veronesi»; quando non è detto, ma è abbastanza facile pensare che ciò possa essere accaduto intorno al 1313 durante le feroci lotte tra Veronesi e Padovani conseguenti all'occupazione di Vicenza da parte degli Scaligeri.

Il secondo castello era a Meledo e probabilmente apparteneva alla meno nota famiglia dei Pan de' Campi, di cui parlano tanto il Pagliarino che il Barbarano; sulla fine del Duecento, comunque, ne vennero infeudati i da Sarego, e di ciò fanno fede gli atti d'investitura, atti che parlano sempre di castrum vetus[7][8], dizione che può avere due significati: o che questo castello era precedente a quello di Sarego oppure che, al tempo dei documenti che ne parlano, fosse ormai distrutto. Nel secondo caso, esso sarebbe stato distrutto prima dell'epoca ezzeliniana[8].

Sarego ha dato i natali a Cortesia de' Marassi detto da Sarego che, nel XIV secolo, fu consigliere di Antonio della Scala - e ne sposò la sorella Lucia - ed ebbe parte rilevante nella sua rovina. A questa nobile famiglia appartenevano anche Simone e suo figlio Gentile da Sarego, principali finanziatori nel 1386 della costruzione e decorazione della chiesa di San Vincenzo a Vicenza, nella quale vennero sepolti. Nello stesso anno 1386 Cortesia da Sarego, fratello di Simone, lasciò in testamento la somma di 1000 lire veronesi per la costruzione di una cappella nella chiesa di Santa Corona a Vicenza,[9] pur disponendo di essere sepolto nella chiesa di Santa Anastasia di Verona, città che era diventata il centro degli interessi della famiglia dei da Sarego, in quelli anni divenuta tra le più potenti del territorio vicentino grazie all'appoggio della signoria scaligera. È da notare che il nome Cortesia, che si ripeté come d'uso molte volte nella dinastia della famiglia, era l'anagramma del nome Seratico con cui la famiglia era nota a quel tempo. Proprio dalla dizione Seratico deriva l'appellativo di seraticensi con cui sono chiamati gli abitanti di Sarego.

L'arma di famiglia dei Sarego era caratterizzata da tre spade poste in banda, manicate d'oro.[10] Lo stemma attuale del comune di Sarego (che è troncato) riproduce nella sua parte superiore proprio le insegne della famiglia comitale per lungo dominante sul paese.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Barchessa di villa Trissino, circa 1567, unica parte di una villa veneta mai terminata di Andrea Palladio a Meledo di Sarego, sulle rive del fiume Guà.
  • Villa Manzoni Valcasara a Sarego. Costruita all'inizio del Cinquecento su commissione dei conti Arnaldi di Vicenza che avevano notevoli proprietà terriere nella zona. Presenta una robusta struttura orizzontale con le due facciate principali esposte una a nord, l'altra a sud. È attribuita a Antonio Francesco Olivera, discepolo dell'architetto Michele Sammicheli[11].
  • Barchesse di villa Trissino a Meledo. Costruite nel 1567 circa sulle rive del fiume Guà, sono l'unica parte superstite del progetto di Andrea Palladio, mai compiuto per una villa veneta. Il complesso è stato inserito nel 1996 nella lista dei Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO e negli anni 2010-15 è stato oggetto di restauro[12][13].
  • Villa Arnaldi a Meledo. Opera progettata da Andrea Palladio nel 1547 e rimasta incompiuta.
  • Villa Bisognini a Meledo. Risale al XVIII secolo.
  • Villa Da Porto Zordan detta "La Favorita" a Monticello di Fara. Commissionata nel 1714 da Giovanni Battista da Porto, venne progettata da Francesco Muttoni, studioso di Palladio. Dal 2012 è sede del Parlamento della Padania della Lega Nord.
  • Villa Quinto, detta "Ca' Quinta", in località Santa Giustina a Monticello di Fara[14].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[15]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto Comprensivo "Francesco Muttoni" è dotato di tre scuole per l'infanzia, tre scuole primarie e una scuola secondaria di primo grado sita in Meledo.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio si svolge la sagra della Madonna del Carmine a Monticello di Fara, nel mese di maggio si svolge la sagra di Sant'Ubaldo a Meledo e ad agosto la sagra dell'Assunta a Sarego.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Meledo[modifica | modifica wikitesto]

A Meledo Alto - dove si trovano le belle opere palladiane di Villa Trissino e di Villa Arnaldi - deturpano la soavità dei colli due enormi cave di calcare in essere dal 1980, sebbene il territorio sia quasi tutto in area SIC (sito di interesse comunitario).

Monticello di Fara[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le tracce di presenza romana, come la Villa Ca' Quinta in località Santa Giustina. L'edificio più celebre è la Villa Da Porto detta La Favorita, che domina il paesaggio su di un basso colle.

La località è sede di due grandi industrie: Cartiera Burgo Group (ex Cartiera di Sarego) e Salvagnini S.p.a. La frazione di Monticello di Fara era famosa anche all'estero per la pista di speedway, sede di gare a livello internazionale e mondiale della specialità, poi la pista è stata trasferita a Lonigo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sarego è stato il primo comune italiano ad avere un sindaco eletto nelle file del Movimento 5 Stelle.[16]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2007 2012 Vittorino Martelletto Lista Civica (centrodestra) Sindaco
2012 in carica Roberto Castiglion Movimento 5 Stelle Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico al 31 dicembre 2015
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Marina De Franceschini, Le Ville romane della X regio, Venetia et Histria, Ed. L'Erma di Bretschneider, 1998
  4. ^ A tale cessione, che non dev'essere avvenuta in termini molto chiari, vanno ricondotte le aspre ed interminabili controversie tra i nobili da Sarego ed i canonici della cattedrale di Vicenza per la nomina dei vari beneficiari della chiesa di Santa Maria Assunta a Sarego
  5. ^ In effetti, una qualche giurisdizione temporale su Sarego i vescovi dovevano esercitarla, e ne sono conferma due atti d'investitura: il primo, del 1306, con il quale il vescovo Altigrado infeudava il giudice Grailante da Sommacampagna de quibusdam bonis et possessionibus... positis tam in villa quam in castro de Serafico; il secondo, del 1311, con cui lo stesso vescovo concedeva la quarta parte di una posta di molini con otto campi di terra situati in ora castri. All'epoca di Altigrado, tuttavia, i veri castellani di Sarego erano ancora i nobili da Sarego, gli stessi di cui parla la "Cronaca di Ezzelino" del 1213
  6. ^ Canova, 1979, p. 101
  7. ^ In un'investitura fatta dal vescovo Pietro de' Saraceni nel 1288, ad esempio, viene nominata una posta molendinorum in Meledo apud castrum vetus et viam, ed in un'altra del 1322, fatta dal vescovo Francesco Temprarmi (1321-1335), si parla di terreni posti in contracta castri veteris.
  8. ^ a b Canova, 1979, pp. 102-03
  9. ^ Archivio di Stato di Vicenza, Corporazioni Religiose Soppresse, S. Corona, Annali 1243-1699, pag. 72
  10. ^ La blasonatura completa dello stemma è: Di rosso, a tre spade manicate d'oro, poste in banda, ordinate in sbarra, colle punte al basso. Vedi: S. Rumor, Il blasone vicentino descritto ed illustrato, Venezia 1899, p. 166.
  11. ^ Descrizione nel sito del Comune
  12. ^ Sito del Comune
  13. ^ Scheda dell'Istituto Regionale Ville Venete con relativo stato di conservazione
  14. ^ Sito del Comune
  15. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  16. ^ Sarego: Eletto il primo sindaco grillino

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Associazione Pro Sarego (a cura di Alberto Lembo), Sarego. Storia e vita di un paese, 1987
  • Demetrio Guarato, Meledo. Tra storia e memoria, Vicenza, Editrice veneta, 2013

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN247409097
Vicenza Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza