Montegaldella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Montegaldella
comune
Montegaldella – Stemma
Montegaldella – Bandiera
Montegaldella – Veduta
Montegaldella – Veduta
La sede del municipio
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Veneto
Provincia Vicenza
Amministrazione
SindacoCiro Piccoli (lista civica) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate45°26′N 11°40′E / 45.433333°N 11.666667°E45.433333; 11.666667 (Montegaldella)
Altitudine23 m s.l.m.
Superficie13,57 km²
Abitanti1 809[1] (30-11-2020)
Densità133,31 ab./km²
FrazioniGhizzole
Comuni confinantiCastegnero (VI), Cervarese Santa Croce (PD), Longare (VI), Montegalda (VI), Nanto (VI), Rovolon (PD)
Altre informazioni
Cod. postale36047
Prefisso0444
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT024065
Cod. catastaleF515
TargaVI
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 275 GG[3]
Nome abitantiMontegaldellesi
PatronoSan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montegaldella
Montegaldella
Montegaldella – Mappa
Montegaldella – Mappa
Posizione del comune di Montegaldella all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Montegaldella (Montegaldea in veneto[4]) è un comune italiano di 1 809 abitanti[1] della provincia di Vicenza in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situata ai confini col territorio padovano, nei pressi del fiume Bacchiglione: una posizione strategica che esponeva il paese a frequenti incursioni da parte dei padovani.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del comune deriva, secondo alcune ipotesi, dal termine tedesco Warte che significa torrione e che, secondo lo storico padovano Albertino Mussato, è da intendere come "sito posto a guardia per vigilare". Si suppone dunque che vi fosse anticamente in questa zona un presidio militare longobardo. La chiesa parrocchiale, infatti, il cui attuale edificio risale all'Ottocento, era all'origine di età longobarda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del territorio vicentino.

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

La principale parte di storia del centro di Montegaldella prende posto nell'XVI secolo quando venne edificato il grandioso complesso di Villa La Deliziosa.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Montegaldella sono stati concessi con il decreto del presidente della Repubblica del 24 settembre 1997.[5]

«Di azzurro, al grappolo d'uva, di argento, unito al tralcio, posto in banda, di verde, esso tralcio pampinoso di quattro, dello stesso, tre pampini posti a sinistra, uno a destra; al capo palato d'oro e di rosso, di quattro pezzi. Ornamenti esteriori da Comune.»

Nello stemma è rappresentato il prodotto più prestigioso del territorio: l'uva. Il riferimento ai vini bianchi (oro) e rossi è sottolineato dagli smalti del capo che sono anche un richiamo all'emblema della nobile famiglia Lampertico, che possiede nel paese una delle più gradi ville di campagna del vicentino.[6]

Il gonfalone è un drappo di rosso.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Conti Lampertico Campagnolo, detta "La Deliziosa" L’edificio risale al 1622, ma fu modificato/ampliato più volte, nel Settecento e nell'Ottocento, lasciando originali solo la loggia corinzia e le statue. Al suo interno si trovano opere scultoree attribuite a Orazio Marinali e una pala di Giambettino Cignaroli.
  • Villa Ragona a Ghizzole

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa della zucca
Manifestazione nata nel 2010 dal gruppo “Amici della Zucca di Montegaldella” che a fine settembre propone, nella frazione di Ghizzole, i piatti tipici della cultura contadina a base di zucca. L'evento, che coinvolge tutta la comunità, comincia in primavera con la consegna dei semi di zucca gigante che parteciperanno al concorso durante la manifestazione. Prosegue in estate, con la preparazione rigorosamente a mano, dei tortelli proposti nello stand gastronomico, per poi raggiungere l'apice con due weekend di ottimi piatti a base di zucca, esposizioni e concorsi a tema, mercatini e corsi di cucina.
L'edizione del 2015 ha portato nella piccola frazione circa 18.000 visitatori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Montegaldella è conosciuto anche come "il paese del saluto", ha infatti promosso una campagna per la salvaguardia del saluto come forma di civiltà, educazione ed amicizia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2019 in carica Ciro Piccoli Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Renzo Ambrogio, Nomi d'Italia: origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Istituto geografico De Agostini, 2004.
  5. ^ Montegaldella, decreto 1997-09-24 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 7 maggio 2022.
  6. ^ Montegaldella, su araldicacivica.it. URL consultato il 14 gennaio 2023.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza