Zermeghedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zermeghedo
comune
Zermeghedo – Stemma Zermeghedo – Bandiera
Zermeghedo – Veduta
Vista sul centro urbano dalla Chiesa di San Michele Arcangelo (Brendola)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Vicenza-Stemma.png Vicenza
Amministrazione
SindacoLuca Albiero (lista civica) dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate45°29′N 11°22′E / 45.483333°N 11.366667°E45.483333; 11.366667 (Zermeghedo)Coordinate: 45°29′N 11°22′E / 45.483333°N 11.366667°E45.483333; 11.366667 (Zermeghedo)
Altitudine84 m s.l.m.
Superficie2,97 km²
Abitanti1 411[1] (31-12-2015)
Densità475,08 ab./km²
Comuni confinantiMontebello Vicentino, Montecchio Maggiore, Montorso Vicentino
Altre informazioni
Cod. postale36050
Prefisso0444
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT024120
Cod. catastaleM170
TargaVI
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantizermeghedesi
PatronoSan Michele Arcangelo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zermeghedo
Zermeghedo
Zermeghedo – Mappa
Posizione del comune di Zermeghedo all'interno della provincia di Vicenza
Sito istituzionale

Zermeghedo (Xermeghédo in veneto[2]) è un comune di 1 411 abitanti[1] della provincia di Vicenza in Veneto. Per estensione è il comune più piccolo della regione Veneto[3].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Adagiato sulle ultimi propaggini meridionali dei Lessini, subito a nord di Montebello, a sud di Montorso, sulla sinistra della strada provinciale di Val di Chiampo, Zermeghedo è il più piccolo dei nove comuni della valle del Chiampo ed il più piccolo comune dell'intera regione Veneto per estensione territoriale[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Zermeghedo è un piccolo paese in provincia di Vicenza. Probabilmente il nome Zermeghedo è di origine longobarda, come testimonia la toponomastica locale, ricca di termini germanici. Si sarebbe trattato, infatti, di un dislocamento militare dell'armata del re Alboino, posto a difesa della Via Postumia contro eventuali attacchi provenienti da Nord. Zermeghedo si costituì nel 568 circa, baluardo di difesa a nord contro l'insediamento romano di Arx Janii (Arzignano).

Nell'Ottocento Zermeghedo passò sotto la dominazione dei Franchi succeduti ai Longobardi. Dopo il Mille si svilupparono nella zona i Comuni di cui poche sono le tracce rimaste, finché nel 1250 Zermeghedo fu interessato dall'attacco di Ezzelino da Romano che in quell'epoca distrusse la vicina Montorso. Questo provocò una grande scossa, tanto che i conti Maltraversi nel 1265 vendettero i comuni di Montebello e Zermeghedo alla libera città di Vicenza.

Il 23 aprile 1335 nacque il libero comune di Zermeghedo. In questa data, dopo la Messa, sotto il portego della casa di Uguccione fu Olderico si riunirono i 34 capofamiglia convocati ad sonum tabulae e alla presenza dei dovuti notai provenienti da Montorso, Grancona e Brendola solennemente stesero gli Statuti del Comune, suddivisi in 67 articoli, tuttora visibili, in ottimo stato di conservazione, presso la Biblioteca civica Bertoliana di Vicenza.

Zermeghedo rimase sempre un paese a popolazione ridottissima, per cui ogni volta che si presentò un governo centralista il paese perse la propria autonomia: ciò avvenne sia in epoca napoleonica che in epoca fascista. Dal 1947, anno della riconquistata autonomia, ricordiamo i Sindaci: Candido Biasi, Giovanni Maria Dal Maso, Floriano Mengotto, Giovanni Selmo, dr. Ruggero Castegnaro, Girolamo Selmo, Silvino Biscotto, Antonio Sterluti, prof. Giuseppe Castaman , Gianluigi Cavaliere e l'attuale Luca Albiero.

Enogastronomia[modifica | modifica wikitesto]

Il Gobeto di Zermeghedo De.Co. è un biscotto croccante prodotto di pasticceria tradizionale del territorio di Zermeghedo ed è identificato dal logo De.Co. che viene apposto su ciascuna confezione. Presenta una forma semicircolare arrotondata, di colore nocciola tostata, di un profumo dolce marsalato, di un sapore delicato con retrogusto di vino Recioto. La ricetta tradizionale secondo il disciplinari prevede: farine diverse di grano tenero "00", zucchero, vino Recioto, olio d'oliva, nocciole, zucchero di canna, lievito. Ogni anno nel primo fine settimana di inizio giugno presso a piazza del paese viene organizzata la Festa del Gobeto in onore del biscotto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

La circoscrizione territoriale ha subito le seguenti modifiche: nel 1929 il comune viene soppresso e i suoi territori aggregati al comune Montebello Vicentino; nel 1947 il comune viene ricostituito (Censimento 1936: pop. res. 787)[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 718.
  3. ^ a b Comuni-italiani.it
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vicenza Portale Vicenza: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicenza