Francesco Barbarano de' Mironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Francesco Barbarano de' Mironi, o Francesco da Vicenza (Vicenza, 1596Vicenza, 1656), è stato un religioso e storico italiano, cittadino della Repubblica di Venezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco nacque nel 1596 a Vicenza nella nobile famiglia Barbarano de' Mironi, da Druso, giureconsulto, e dalla nobile veneziana Laura Querini; primo figlio maschio, gli fu dato il nome di Girolamo Francesco. A quattordici anni si trasferì a Padova per frequentare i corsi di diritto civile e canonico e si laureò in utroque jure. Nel 1614, nonostante l'opposizione della madre che voleva egli assicurasse la discendenza della famiglia e la trasmissione del patrimonio ereditario, entrò nel convento dei frati cappuccini di Bassano, ove prese gli ordini con il nome di Francesco. Ritornato agli studi, divenne lettore di filosofia e teologia per prepararsi all'attività di predicatore[1].

Esercitò questo ufficio in varie città della Repubblica di Venezia e nella stessa Venezia, sempre riscuotendo grande ammirazione da parte dei fedeli. Nei conventi di Arzignano e Vicenza fu incaricato anche delle funzioni di padre guardiano. Durante l'ultima grande epidemia di peste che si abbatté sull'Italia settentrionale nel 1630-31, egli fu incaricato della cura pastorale a Castelnovo, poco fuori Vicenza.

Dopo il 1647 la salute cagionevole lo costrinse ad abbandonare la predicazione. Stabilitosi definitivamente a Vicenza, si dedicò a scrivere opere di carattere teologico e storico fino al 1656, anno della sua morte.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Le sue opere, quasi tutte scritte durante il periodo della malattia nell'ultimo decennio di vita, trattano temi di spiritualità, cultura religiosa e storia locale; nonostante la mole di opere manoscritte, poche furono pubblicate a stampa e molte altre sono irreperibili[1].

Fra i testi di carattere religioso che furono dati alle stampe quando l'autore era ancora in vita, l'Orologio spirituale (insieme di prediche per le feste della Vergine), il Direttorio della vita cristiana e spirituale, il Gioiello spirituale del cristiano formato con le preziosissime gemme delle virtù teologali e la Lucerna della confessione, quest'ultimo mai pubblicato, forse per la morte dell'autore.

La più famosa tra le opere storiche, l'unica edita, è la Historia ecclesiastica della città, territorio e diocese di Vicenza, in sei volumi, pubblicati tutti a Vicenza ma in tempi assai diversi. Il primo libro tratta dei santi vicentini e fu pubblicato nel 1649, il secondo sui beati vicentini nel 1652 e l'anno successivo il terzo dedicato alle "persone cospicue per bontà di vita". Gli ultimi tre libri dell'opera rimasero invece manoscritti per oltre un secolo e furono infine pubblicati, rispettivamente nel 1760, 1761 e 1762[1].

Restarono inediti, tra gli altri, gli Annali della città, territorio e diocesi di Vicenza, un grosso volume autografo datato 1651 e conservato presso la Biblioteca civica Bertoliana di Vicenza[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Cristina Scarpa, cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Mantese, Lo storico vicentino p. Francesco da Barbarano O.F.M. Cap. 1596-1656 e la sua nobile famiglia, in Odeo olimpico, IX-X (1970-1971), Vicenza, Accademia Olimpica, 1972
  • Gino Benzoni, Cronisti e storici del Seicento e del Settecento, in Storia di Vicenza, III/1, L'età della Repubblica veneta, Vicenza, Neri Pozza editore, 1990
Approfondimenti
  • Domenico Bortolan, Il p. Francesco Barbarano de' Mironi storico vicentino, Vicenza, San Giuseppe (tip.), 1893.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN173222961 · ISNI (EN0000 0001 2343 3448 · GND (DE100023762 · BNF (FRcb111945251 (data) · BAV ADV10284166 · CERL cnp00100850 · WorldCat Identities (EN173222961