Monsters & Co.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Monsters & Co)
Jump to navigation Jump to search
Monsters & Co.
Monsters, Inc. logo.svg
Logo originale
Titolo originaleMonsters, Inc.
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2001
Durata91 min
Rapporto1,85:1
Genereanimazione, commedia
RegiaPete Docter, Lee Unkrich (co-regia), David Silverman (co-regia)
SoggettoJill Culton
SceneggiaturaAndrew Stanton, Daniel Gerson
Produttore esecutivoJohn Lasseter
MontaggioJames Austin Stewart
MusicheRandy Newman
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Monsters & Co. (Monsters, Inc.) è un film d'animazione della Pixar, del 2001 diretto da Pete Docter, Lee Unkrich e David Silverman, questi ultimi due in veste di co-registi. Il film è uscito il 2 novembre 2001 negli Stati Uniti[1] e il 15 marzo 2002 in Italia.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mike, Sulley e Boo, dopo che hanno bandito Randall, in una scena del film

La città di Mostropoli, abitata da mostri di ogni genere, ricava l'elettricità di cui ha bisogno dalla centrale elettrica cittadina, che converte le urla dei bambini umani in energia elettrica. I mostri che vi lavorano devono spaventare i bambini giungendo nelle loro camere di notte attraverso delle porte speciali, che conducono nel mondo degli umani. James Sullivan, detto "Sulley", insieme all'amico e assistente Mike Wazowski, è un mostro che spaventa i bambini. È uno dei due migliori spaventatori insieme a Randall Boggs. I mostri hanno a loro volta una grande paura dei bambini e degli esseri umani in generale, poiché li considerano pericolosi e infetti, e sono convinti di poter morire semplicemente venendo toccati da uno di loro. Per questo hanno il terrore che un'operazione di spavento non vada a buon fine e che loro possano entrare in contatto con i bambini o i loro oggetti.

Un giorno, finito il turno, Sulley nota una porta che non è stata ritirata e vi entra per capire se per caso non vi sia un mostro rimasto nel mondo degli umani, ma così facendo permette a una bambina, che in seguito chiamerà Boo, di introdursi nel mondo dei mostri. Cerca in tutti i modi di rimandarla indietro, ma la piccola continua a seguirlo, non essendo per niente spaventata da lui ed anzi divertendosi nel rincorrerlo. Quando finalmente riesce a rinchiuderla in una valigia e si prepara a lanciarla attraverso la porta, nota che da quest'ultima fuoriesce Randall, che si aggira con fare furtivo tra i macchinari della fabbrica e rimette a posto la porta. A questo punto Sullivan è costretto a portarla con sé dall'amico Mike, l'unico che può aiutarlo a recuperare la porta e rispedire indietro la pericolosa bambina, che viene però avvistata, così scoppia il panico e i due amici sono costretti a nasconderla a casa loro, mentre gli agenti del CDA (Child Protection Agency) sono all'affannosa ricerca dell'intrusa.

Mike e Sulley scoprono che la bimba non è affatto pericolosa o contaminata come si crede, ma in ogni caso decidono di travestirla come un piccolo mostro e riportarla in centrale l'indomani, in modo da spedirla finalmente a casa. Mentre cercano di ritrovare la porta della bambina, scoprono che anche Randall è sulle sue tracce e ha scoperto che è nelle loro mani. Quest'ultimo incontra Mike sul posto di lavoro e gli impone di riportare immediatamente la bambina nella sua camera entro mezz'ora.

I due amici trovano la porta giusta e si preparano a liberarsi di Boo; tuttavia Sulley è sospettoso e tentenna nel rimettere la bambina a letto, a causa del coinvolgimento di Randall , esplicitato da Mike stesso. Quest'ultimo, spazientito, per dimostrare che non c'è nessun pericolo, salta sul letto di Boo, ma proprio in quel momento viene afferrato e rapito da qualcuno. Sulley e Boo si nascondono e scoprono che si trattava di Randall, il quale trasporta una cassa con dentro Mike (credendo che sia Boo) in un nascondiglio segreto. Sulley e Boo lo seguono di nascosto e scoprono che Randall ha messo a punto una grossa macchina che estrae le urla dai bambini. Lo scopo per cui aveva preparato la porta di Boo fuori dall'orario di lavoro era quindi rapirla e usarla come cavia per questa macchina, e per lo stesso motivo la rivuole indietro. Sulley riesce a mettere in salvo Mike, dopodiché si reca dal proprietario della centrale, il signor Waternoose, per denunciargli il diabolico progetto di Randall, ma anche lui è complice del piano e non sta dalla parte di Sulley e Mike: sottrae loro la bambina e li caccia via nel mondo umano, sull'Himalaya, tramite una porta, per far in modo che non si diffonda alcuna notizia sul piano segreto della macchina estrattrice di urla.

Sull'Himalaya i due amici incontrano e trovano riparo presso un altro mostro in esilio, lo yeti. Dopo essere rientrati a Mostropoli grazie ad una porta aperta in un villaggio, Sulley e Mike corrono a salvare la bambina e iniziano la ricerca della porta giusta, tallonati da Randall e Waternoose. Alla fine riescono a spedire Randall nel mondo umano per sempre e a far arrestare Waternoose, rivelando il suo piano nella camera di simulazione. Sulley, che ormai si era affezionato molto alla piccola, la lascia tornare sana e salva nella sua camera e la CDA distrugge la porta. In tutta questa avventura i due amici mostri hanno capito due cose importanti: la prima è che spaventare i bambini non è una cosa bella, la seconda è che le risate dei bambini stessi contengono un'energia assai maggiore rispetto ai loro strilli di terrore, che invece producono un'energia scarsa ed instabile (infatti quando Boo piangeva o gridava c'erano degli sbalzi di corrente, mentre quando rideva si avevano dei veri e propri black-out).

Sulley, divenuto il nuovo direttore della centrale, rivoluziona quindi il sistema di produzione di energia, con i mostri che diventano pagliacci e giocolieri che entrano nelle camere dei bimbi per farli ridere, ed è proprio Mike il più divertente dei dipendenti. Lo stesso Mike riesce nel frattempo a recuperare e riassemblare tutti i frammenti della porta di Boo e, dopo che viene aggiunto l'ultimo tassello in possesso di Sulley, la porta si riattiva e Sullivan può reincontrare Boo.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • James Sullivan: è il protagonista della storia. Abilissimo spaventatore, è un enorme mostro peloso azzurro e viola. Nonostante sia alquanto impulsivo e molto bravo a fare paura, ha un cuore d'oro e alla fine si affeziona molto a Boo.
  • Mike Wazowski: è il miglior amico di Sulley, è un mostro verde a forma di sfera con un occhio solo, dal gran senso dell'umorismo. Lavora come aiutante di Sulley ed è il fidanzato di Celia. All'inizio è preoccupato per la presenza di Boo, ma alla fine ci si affeziona come Sulley.
  • Mary/Boo: è una bambina che viene dal mondo degli umani e sconvolge la tranquilla vita di Sulley e Mike.
  • Randall Boggs: è l'antagonista principale del film, è un geco camaleontico in grado di mimetizzarsi e di spostarsi così velocemente da diventare invisibile. È aggressivo e privo di scrupoli ed anche sveglio e intelligente, vuole rubare a Sulley il titolo di "miglior spaventatore" ed ha creato un diabolico macchinario per estrarre le urla dei bambini. Dopo essere stato sconfitto da Boo , viene messo al bando da Mike e Sulley nel mondo umano.
  • Henry J. Waternoose III: è l'antagonista secondario del film, è stato il proprietario della "Monsters & Co.", azienda dove lavorano Mike e Sulley. Anche lui si rivela senza scrupoli, poiché non gli importa di rapire bambini ed eseguire su di loro terrificanti esperimenti pur di far sì che la sua azienda sia salva. Alla fine viene arrestato dal CDA.
  • Celia Mae: è la centralinista alla Monsters & Co. È un affascinante mostro con dei serpenti per capelli e un occhio solo ed è la fidanzata di Mike. Probabilmente è ispirata sia a Turanga Leela che a Medusa.
  • Roz: è l'addetta all'archivio delle pratiche, ha un carattere difficile e un modo di fare misterioso. Alla fine del film si rivela essere l'agente 001 del CDA, sotto copertura, perché ha da sempre dei sospetti verso l'azienda. Nella versione originale è doppiata da un uomo (Bob Peterson), mentre in quella italiana dalla cantante e presentatrice Loretta Goggi.
  • Yeti: è un grande mostro peloso bianco, esiliato tra le sperdute vette innevate dell'Himalaya, che ha una grande passione per i gelati al limone.
  • Fungo: è l'assistente di Randall, un mostriciattolo rosso con tre occhi.
  • George Sanderson: è uno sfortunato spaventatore, che finisce sempre per entrare in contatto con elementi del mondo umano, con conseguente "decontaminazione" da parte del CDA.
  • CDA (Corpo Decontaminazione Antibambino): è l'agenzia addetta alla sicurezza di Mostropoli e alla disinfestazione di agenti nocivi, quali bambini o loro oggetti. I suoi agenti appaiono come robot gialli ed intervengono quando uno spaventatore della Monsters & Co. entra in contatto con un oggetto umano, radendo a zero il mostro in questione e facendo esplodere l'oggetto. Nella versione originale del film è chiamata Child Detection Agency. Alla fine si scoprirà che il loro agente numero 1 è Roz, che lavora per l'azienda sotto copertura.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato a livello mondiale 562 816 256$,[3] di cui 289 916 256$ nei soli Stati Uniti,[3] a fronte di un budget di circa 115 000 000$.[3]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto in maniera generalmente positiva dalla critica cinematografica. Su Rotten Tomatoes ha una percentuale del 96%

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Versione 3D[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 giugno 2013 la versione 3D del film fece da apripista al prequel Monsters University, dopo essere già approdata nelle sale statunitensi il 19 dicembre 2012. Il film è stato mostrato in anteprima al Future Film Festival di Bologna dal 12 al 17 aprile 2013.[4]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

La prima parte del manga kodomo Monsters & Co. + Lilo & Stitch (モンスターズ・インク + リロ・アンド・スティッチ Monsters, Inc. + Lilo & Stitch?), disegnato da Hiromi Yamafuji e pubblicato in Giappone nel 2002, costituisce un adattamento del film. La serie consta di un volume tankōbon[5] ed è giunta in Italia a partire dal 10 agosto 2008 nella collana Disney Manga.

Prequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monsters University.

Nel 2013 è uscito un prequel del film chiamato Monsters University che narra le avventure dei tempi in cui Mike e Sullivan andavano all'Università dello spavento di Mostropoli.[6][7] In questo prequel Mike e Sullivan sono acerrimi rivali, prima di poter diventare grandi amici.

Serie animata[modifica | modifica wikitesto]

Dal film, è in produzione, una serie televisiva, che è il seguito del film, intitolato Monsters at Work, che sarà pubblicato dalla primavera 2021 su Disney+.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monsters & Co. - Film 2001, in Movieplayer.it. URL consultato il 28 marzo 2017.
  2. ^ Monsters & Co. - Film 2001, in Movieplayer.it. URL consultato il 28 marzo 2017.
  3. ^ a b c (EN) Monsters & Co., su Box Office Mojo. URL consultato il 2 novembre 2015. Modifica su Wikidata
  4. ^ Monsters & Co 3D in anteprima al Future Film Festival di Bologna!, ScreenWeek Blog.
  5. ^ (JA) モンスターズ・インク (全1巻)
  6. ^ Monsters, Inc. 2 To Be a Prequel?, ReelzChannel, 4 gennaio 2011. URL consultato il 1º marzo 2011 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2011).
  7. ^ Will LeBlanc, Will Monsters, Inc. 2 be a prequel?, Cinema Blend, 3 gennaio 2011. URL consultato il 9 gennaio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]