James Sullivan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il dirigente sportivo statunitense, vedi James Edward Sullivan.
James Patrick Sullivan
Sulley Monsters & Co..png
Sulley in Monsters & Co.
UniversoMonsters & Co.
Nome orig.James Patrick Sullivan
Lingua orig.Inglese
Soprannome
  • James P. Sullivan
  • Sulley
Studio
1ª app.2001
1ª app. inMonsters & Co.
Voci orig.
Voci italiane
SpecieMostruosa (non specificata)
SessoMaschio

James Patrick Sullivan, detto Sulley, è uno dei due protagonisti dei due film Monsters & Co. del 2001 e il suo prequel Monsters University del 2013, e della serie animata Monsters & Co. la serie - Lavori in corso! del 2021, realizzati dalla Pixar Animation Studios. Durante la produzione del primo film, Sulley doveva chiamarsi Johnson ed era l'unico protagonista della storia. Gli autori della Pixar revisionarono più volte la sceneggiatura del film e, alla fine, diedero al personaggio il nome James P. Sullivan, il cui cognome deriva da quello del generale Lawrence Sullivan Ross, e gli affiancarono il personaggio di Mike Wazowski. È un grosso mostro muscoloso azzurro con pallini viola ed è il migliore spaventatore della Monsters & Co. dove lavora con il suo assistente e migliore amico Mike Wazowski. Sulley ha un talento per spaventare ed è sempre in competizione con il suo perfido rivale e collega Randall Boggs. Il successo del primo Monsters & Co. ha permesso alla Pixar di realizzare un prequel, Monsters University, che racconta come Sulley, all'inizio studente svogliato e arrogante, diventi rivale e, successivamente, migliore amico del piccolo Mike. Il personaggio è apparso in altri ambiti legati a Monsters & Co., come due cortometraggi, videogiochi, pubblicità, fumetti e ha ispirato un'intera linea di merchandising. Come il suo amico Mike, Sulley ha avuto una grandissima influenza nella commedia e nella cultura della Pixar, diventandone uno dei personaggi più popolari.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monsters & Co.[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monsters & Co..

Sulley lavora da tempo alla Monsters & Co. facendo squadra con l'amico Mike. Ormai è diventato il miglior spaventatore dell'azienda, e si contende questo titolo con Randall Boggs. Una sera, dopo il turno di lavoro, Sullivan porta inavvertitamente una bambina, che in seguito chiamerà Boo, nel mondo dei mostri. Insieme al suo amico Mike, Sulley decide di riportare la bimba nel suo mondo, ma il duo viene ostacolato da Randall Boggs e da Waternoose, il proprietario della Monsters & Co.. Waternoose rapisce Boo, mentre Sulley e Mike vengono esiliati nel mondo degli umani. I due amici riescono, fortunatamente, a ritornare alla Monsters & Co., salvare Boo e a sconfiggere i due antagonisti. Nel finale, con l'aiuto di Mike, Sulley rivoluziona il sistema di produzione di energia e i mostri diventano pagliacci e giocolieri che entrano nelle camere dei bimbi per farli ridere, dopo che la crisi energetica (di cui Sulley ha in realtà causato spaventi negativi dopo tanti anni) si è finalmente conclusa. Sulley diventa il nuovo direttore della centrale e, grazie a Mike, ricostruisce la porta di Boo (distrutta precedentemente dal CDA) e rivede la bambina.

La nuova macchina di Mike[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: La nuova macchina di Mike.

Nel 2002 è apparso nel corto animato della Pixar intitolato La nuova macchina di Mike (Mike's New Car) che lo vede protagonista, sempre affiancato dall'inseparabile amico Mike. In questo cortometraggio animato, Mike mostra a Sulley la sua nuova auto. I due mostri, però, hanno difficoltà a controllarla e finiscono per combinare una serie di danni. Nel finale del corto, Mike distrugge per sbaglio la sua nuova vettura, davanti agli occhi di Sulley[1].

Monsters University[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monsters University.

Sulley, figlio del grande spaventatore Bill Sullivan, aspira a diventare un grande spaventatore e di lavorare nella prestigiosa Monsters & Co. la centrale elettrica cittadina che ricava l'energia tramite le urla dei bambini dai loro spaventati, nel quale i mostri passano attraverso porte speciali che li conducono al mondo degli umani. Per realizzare questo sogno e seguire le orme della sua famiglia (ma soprattutto per non deluderla), Sulley si iscrive alla Facoltà di Spavento della Monsters University. Qui fa la conoscenza di Mike Wazowski e, immediatamente, i due entrano in competizione per essere ammessi al corso di spavento (infatti la preside li ha espulsi sia per aver distrutto un suo cimelio, ma anche per la mancanza di disciplina di Sulley e la mancanza dell'aspetto spaventoso di Mike). All'inizio è un giovane mostro spocchioso e negligente, ma dopo aver discusso con Mike nel mondo umano egli rivela che lui si comporta in questo modo soltanto per celare la sua insicurezza e al tempo stesso mette a nudo la sua coscienza (rivelando di aver ottenuto esiti negativi ad ogni esame , di essere stato espulso dal corso e soprattutto, di aver imbrogliato per non arrecare la delusione). Quando entrambi si chiariscono Mike e Sulley effettuano uno spavento incredibile per ritornare nel mondo dei mostri , e , sebbene ce l'abbiano fatta , le autorità hanno preteso la loro espulsione. Fortunatamente, i due rivali divenuti amici hanno realizzato il loro sogno dopo numerosi sacrifici.

Centro Feste[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Centro Feste.

In questo secondo cortometraggio animato del 2013, ambientato subito dopo gli eventi di Monsters University, Mike e Sulley fanno ritorno alla confraternita Oozma Kappa per organizzare una grande festa, finendo per spaventare una coppia di coniugi nella propria camera da letto.

Kingdom Hearts III[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kingdom Hearts III.

Sulley e Mike riportano Boo a Mostropoli per poterci giocare di nuovo insieme, in quel momento però arrivarono i tre visitatori: Sora, Paperino e Pippo, i quali pensavano che la bambina era in pericolo, ma una volta spiegato il malinteso, il gruppo si ritrovò attaccato dalle strane creature, e dopo aver messo al sicuro Boo, i cinque le affrontano. Paperino e Pippo ricordano che esse si chiamano Nesciens ed assieme a Sora, dicono di essere degli sterminatori di quelle creature moleste, nominandosi come i "Disinfestatori". Capendo il pericolo, Sulley decide di riportare Boo a casa, ma arrivati al reparto spaventi, vedono con orrore svariati Nesciens usare le porte per entrare in altri mondi per spaventare i bambini, mentre la porta di Boo, era stata portata in magazzino, e decidono di raggiungerla. Dopo aver attraversato una falsa porta di Boo, che li ha condotti alla fabbrica, Sulley e Mike scoprono che Randall era tornato grazie ad un enigmatico personaggio in soprabito nero, ed il mostro rivela loro che aveva intenzione di vendicarsi e di usare la tristezza come fonte energetica inesauribile, traumatizzando per sempre i bambini, per poi sparire. A quel punto avanzano per la fabbrica superando Heartless, Nesciens, meccanismi manomessi da Randall e porte chiuse (quest'ultime grazie alle risate di Boo), finché Randall non si ripresenta a loro, minacciandoli con un macchinario misterioso e pericoloso, il quale però non funziona e Randall dunque scappa furibondo. Usciti dalla fabbrica, il gruppo scopre con orrore che gli Heartless ed i Nesciens avevano scatenato un incendio, perciò aiutano gli Agenti del CDA a spegnerlo e a distruggere i vari nemici, per poi cercare di trovare la porta di Boo e tornare al magazzino del reparto spaventi. Randall però li attese per mandargli contro il proprio meccanismo, ora trasformato in un Nesciens: Grumo d'Orrore, che riescono a distruggere. Con i diabolici piani di vendetta di Randall mandati in fumo, Sulley e Mike lo esiliano dalla porta ricostruita per la seconda volta, mentre Sora la fa sparire magicamente chiudendola con il proprio Keyblade. Subito dopo trovano finalmente la porta di Boo, ma essa viene richiamata al reparto spaventi. Arrivati a destinazione scoprono che un tizio in soprabito nero li aspettava, e si presenta come Vanitas. Esso conferma di essere la fonte di tutti i Nesciens e di essersi alleato con Randall in modo che i suoi Nesciens potessero raccogliere urla e tristezza per ricostruire il suo cuore fratturato, ma rivela di avere ancora bisogno del cuore di Ventus, nascosto dentro Sora. Quindi Sulley spaventa il malvagio Vanitas per salvare il suo giovane amico, facendo anche mollare la presa il suo Keyblade, e con l'aiuto di Mike lo getta dentro una porta per Arendelle, in seguito butta la porta in altre porte per poi distruggere l'ultima porta. Con la situazione finalmente risolta, il duo e il trio salutano Boo che viene riportata nel suo mondo, subito dopo il caro Sora e gli altri salutano Sulley e Mike per riprendere la loro avventura. Giorni dopo, Sora, Paperino e Pippo fecero ritorno a Mostropoli e Sulley e Mike li aiutano a cercare un portale pericoloso comparso di recente. Il gruppo trova il portale e distruggono la Torre Demoniaca, evocata dal portale. Poi Sora e gli altri procedettero con il loro viaggio. Quando la battaglia finale contro il malvagio Maestro Xehanort e l'Organizzazione XIII giunse al termine, Sulley e Mike ripresero a giocare insieme a Boo, portandola ogni tanto nel loro mondo per poi riportarla a casa.

Monsters at Work[modifica | modifica wikitesto]

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel progetto originale di Monsters & Co., Sulley si chiamava Johnson, mentre il personaggio di Mike non esisteva[2]. Per questo personaggio vennero create varie storie, del tutto diverse dalla storia finale, ma in ognuna di esse egli cercava di salvare un essere umano giunto per errore nel mondo dei mostri[3][4] Quando il personaggio fu poi rinominato in Sullivan, in onore del generale Lawrence Sullivan Ross[5], gli autori della Pixar decisero di affiancargli una spalla: Mike Wazowski[6]. In origine, Sulley doveva portare degli occhiali ed era provvisto di tentacoli. Questi aspetti fisici furono, successivamente, scartati dagli animatori[5]. Il pelo di Sulley venne animato grazie ad un programma di computer molto sofisticato noto come FitZ. I peli del personaggio vennero animati indipendentemente l'uno dall'altro. La Pixar compose la pelliccia di Sulley con 3.200.000 peli, mentre nelle scene d'inseguimento il numero di peli aumentò a 14.500.000 peli[7].

Il 29 marzo 2011 la Pixar annuncia che Sulley sarà il protagonista del prequel di Monsters & Co., Monsters University[8], uscito nel 2013, e che esplora la storia di Sulley e il suo primo incontro con l'iniziale rivale Mike. Rispetto al primo film, in questa seconda avventura i personaggi di Mike e Sulley sono simili a quelli del film originale, ma più magri e ispidi, essendo molto più giovani[9].

Il prequel del film presuppone che Mike e Sulley si siano conosciuti all'università. Tuttavia, in Monsters & Co., Mike dichiara a Sulley "sei geloso del mio aspetto sin dalla quarta elementare", lasciando intuire che i due si conoscano prima dei loro anni all'università. Dan Scanlon, regista del secondo film, ha spiegato questa incongruenza tra le due pellicole dicendo:

«Abbiamo scelto il college perché volevamo assistere allo sviluppo della loro relazione quando erano adulti e non solo fare qualcosa che potesse ricordare, più o meno, i personaggi del primo film. Ambientare la storia all'Università ci permette di esplorare maggiormente concetti come la scoperta di te stesso, del posto che occupi al mondo. Era il posto perfetto per la storia, ma c'era quella frase là fuori. Abbiamo provato alcune versioni in cui s'incontravano da giovanissimi, e poi saltavamo avanti verso il college. Non volevamo fare Monsters Elementary, non avevamo alcun interesse in una roba del genere. Era diventata una cosa dove ci sembrava di perdere il focus della trama, lo sviluppo della loro amicizia"[10]

La voce del personaggio è di John Goodman, sia nel primo[11] che nel secondo film[12]. John Goodman e Billy Crystal (doppiatore di Mike) molto spesso registravano le voci dei loro personaggi nella stessa stanza, una cosa insolita nei film d'animazione, dove gli attori lavoravano pressoché da soli[4] In Italia, nel primo film, invece, la voce di Sulley è affidata ad Adalberto Maria Merli, mentre nel secondo e nel corto Party Central a Saverio Indrio[13].

Popolarità[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza di Sulley nella commedia e nella cultura è stata importante. È stato posizionato al 7º posto nella classifica dei 20 Migliori Personaggi della Pixar[14]. Il sito Ranker lo ha classificato al 3º posto nella classifica dei Migliori Personaggi della Pixar[15], mentre il sito Total Film lo ha classificato al 10º posto nella classifica dei 50 Migliori Personaggi della Pixar di tutti i tempi[16].

Un anno dopo l'uscita del primo film, Stanley Mouse ha intentato una causa contro la Pixar e la Disney in cui ha affermato che i personaggi di Sulley e Mike erano basati su alcuni disegni di Excuse My Dust, un film che aveva cercato di vendere a Hollywood nel 1998[17]. In risposta a questa accusa, la Disney ha risposto che i personaggi di Monsters, Inc. sono stati sviluppati in modo indipendente dai team creativi della Pixar e della Walt Disney Pictures, e che non violavano i diritti di copyright di nessuno[18].

Il personaggio compare in numerosi videogiochi e linee di giocattoli bastati sulla saga di Monsters & Co.. Nel 2002 è apparso in un manga di Monsters & Co. scritto e disegnato da Hiromi Yamafuji[19]. Nel 2009 è comparso in una mini-serie di quattro numeri che prosegue le avventure di Sulley e Mike dopo il primo film. Questa mini-serie si concentra sul lavoro quotidiano di Sulley e Mike, ostacolati da Randall e Waternoose, intenzionati a vendicarsi di loro, e di un bambino umano che si scoprirà essere Sid Phillips della saga di Toy Story[20]. Una versione automobilistica di Sulley compare nella serie Cars Toons[21]. Un ritratto di Sulley compare nel film Ribelle - The Brave.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mike's New Car - Pixar Short: Pete Docter, Roger Gould, Gale Gortney: Amazon Instant Video, in Amazon.com. URL consultato l'8 settembre 2013.
  2. ^ The Pixar Touch,  p. 196.
  3. ^ The Pixar Touch,  p. 197.
  4. ^ a b (EN) Monsters, Inc. (2001), su imdb.com, Imdb Official Site. URL consultato il 9 settembre 2013.
  5. ^ a b Monsters Inc, 2002 DVD, commento audio
  6. ^ The Pixar Touch,  p. 180.
  7. ^ The Pixar Touch,  p. 199.
  8. ^ (EN) CinemaCon: Pixar Attends Monsters University, in comingsoon.net, 29 marzo 2011. URL consultato l'8 settembre 2013.
  9. ^ D23: prima occhiata a Mike e Sulley in Monsters University!, in BadTaste.it, 22 agosto 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  10. ^ Come verrà risolto l'errore di continuità di Monsters University?, in BadTaste.it, 30 aprile 2013. URL consultato il 9 settembre 2013.
  11. ^ The Pixar Touch,  p. 198.
  12. ^ (EN) Silas Lesnick e Matt Murphy, D23 Expo: Director Dan Scanlon Talks Monsters University, in comingsoon.net, 20 agosto 2011. URL consultato l'8 settembre 2013.
  13. ^ Monsters University: tornano i simpatici mostri della Disney 28 agosto 2013
  14. ^ (EN) Top 20 Pixar Characters, in Empire Online. URL consultato il 10 settembre 2013.
  15. ^ (EN) James P. Sullivan, in Ranker.com. URL consultato il 10 settembre 2013.
  16. ^ (EN) Sulley, in Total Film.it. URL consultato il 10 settembre 2013.
  17. ^ (EN) Maggie Shiels, Monsters Inc faces 'copying' lawsuit, in BBC, 14 novembre 2002. URL consultato l'8 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2009).
  18. ^ (EN) Maria Alicia Gaura, Sonoma artist claims 'Monsters, Inc.' a rip-off, in San Francisco Chronicle, 9 novembre 2002. URL consultato l'8 settembre 2013.
  19. ^ (EN) Tokyopop licensed Monsters Inc. Manga 20 agosto 2002
  20. ^ (EN) Monsters, Inc.: Laugh Factory (Volume), in Comicvine.com, 1º gennaio 2010. URL consultato l'8 settembre 2013.
  21. ^ (EN) Sulley (Cars) Archiviato il 3 febbraio 2013 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]