Giuseppe Morabito (criminale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giuseppe Morabito (boss))

« ...Ben più importante della cattura di Provenzano »

(Roberto Centaro, Presidente della Commissione parlamentare antimafia[1])
Giuseppe Morabito

Giuseppe Morabito (Africo, 15 agosto 1934) è un mafioso italiano, boss della 'Ndrangheta calabrese.

È stato per numerosi anni latitante in quanto capo della cosca Morabito. Giuseppe Morabito è noto anche come u tiradrittu (dal dialetto calabrese: spara dritto, buona mira), soprannome che eredita dal padre. Fu considerato il numero uno della 'ndrangheta, che secondo la commissione parlamentare antimafia è anche più importante dell'ex superlatitante Bernardo Provenzano capo di Cosa nostra[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1952 viene denunciato per occupazione arbitraria di immobili e danneggiamento, porto abusivo di armi, violenza privata e lesioni personali.

Nel 1967 viene accusato di essere mandante della "strage di Locri", venendo assolto nel 1971.

Con lui negli Anni '70 nasce una sorta di alleanze per la gestione del narcotraffico tra i Barbaro di Platì, i Pelle di San Luca e i Pisano-Pesce-Bellocco di Rosarno del versante tirrenico.

Negli Anni '80, dopo la "faida di Motticella" tra le cosche Morabito-Mollica e Speranza-Palamara-Scriva con oltre 50 morti, diventa capo della locale di Africo. Per la faida Morabito non viene giudiziariamente interessato. È mediatore della "faida di Roghudi", ruolo questo smentito in sede giudiziaria.

La prima ordinanza di custodia cautelare risale al 1992 per associazione di tipo mafioso per traffico di stupefacenti.

Da allora Morabito continua a interessarsi del traffico internazionale di droga con i suoi figli. Il fratello e il figlio Giovanni vengono arrestati anch'essi per questo. L'altro figlio Domenico Morabito invece muore a 39 anni nel 1996 ucciso dalla polizia.

Morabito viene arrestato il 18 febbraio 2004 dopo 12 anni di latitanza a Santa Venere, vicino Cardeto, un piccolo paese dell'hinterland aspromontano reggino, in un'operazione congiunta dei carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale e dello Squadrone Eliportato Cacciatori. Viene catturato nell'operazione anche il genero Giuseppe Pansera, medico gastroenterologo. Alla cattura il boss dichiara: "Trattatemi bene" e non oppose resistenza alcuna e aggiunse anche rivolgendosi ai carabinieri: Se non mi prendevate voi, non mi prendeva nessuno[2].

È nonno del calciatore Giuseppe Sculli, con precedenti per calcioscommesse e uscito pulito dalle inchieste per associazione mafiosa, tentato omicidio e traffico di stupefacenti.

Il 26 aprile 2010 a Melito di Porto Salvo viene arrestato suo figlio, Rocco Morabito di 50 anni, attuale capo della cosca.[3][4]

Il 5 marzo 2013 a Locri viene arrestato per associazione a delinquere e riciclaggio anche il genero Francesco Sculli (funzionario del Comune di Bruzzano Zeffirio e padre del calciatore Giuseppe) con il figlio Rocco Morabito e il boss Rocco Aquino (già in carcere).[5][6][7]

Legami con Cosa nostra[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che avesse rapporti con i capi di Cosa nostra siciliana. Alcuni pentiti rivelarono anche della presenza ad Africo di Totò Riina durante la sua latitanza[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN279015376 · ISNI: (EN0000 0003 8495 7450 · LCCN: (ENno2012132514
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie