Big E Langston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ettore Ewen)
Big E
Big E nel marzo 2015
Big E nel marzo 2015
Nome Ettore Ewen
Ring name Big E
Big E Langston
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Tampa
1º marzo 1986 (30 anni)
Altezza dichiarata 180 cm
Peso dichiarato 129 kg
Allenatore Florida Championship Wrestling
Debutto 2009
Federazione WWE
Progetto Wrestling

Ettore Ewen (Tampa, 1º marzo 1986) è un wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove si esibisce con il ring name di Big E (precedentemente Big E Langston) ed è l'attuale detentore del WWE Tag Team Championship insieme a Kofi Kingston e Xavier Woods come membro del New Day.

Big E ha inoltre vinto l'NXT Championship e l'Intercontinental Championship. Prima di arrivare alla WWE è stato un campione nazionale di powerlifting che ha segnato diversi record nazionali e statali.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

World Wrestling Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

Florida Championship Wrestling (2009–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Ewen firma un contratto con la WWE nel 2009 debuttandovi nel 2010 nella Florida Championship Wrestling (FCW); compete in match di coppia.

NXT (2012–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di NXT del 18 luglio, viene mandato in onda un promo proprio su Ettore Ewen, che sarà prossimo al debutto nel roster con il ring name sarà Big E Langston. Nell'edizione di NXT del 1º agosto, Langston fa il suo esordio in WWE, sconfiggendo Adam Mercer. Inizia una breve rivalità con Camacho, con tutti match vinti dal colosso Langston. Il 10 gennaio sconfigge Seth Rollins in un No Disqualification match e conquista l'NXT Championship. Il 23 gennaio, dopo aver battuto Axl Keegan, viene sfidato dal rientrante Conor O'Brian per l'NXT Championship. Il match si tiene nell'edizione pre-WrestleMania di NXT, dove Langston mantiene il titolo. Dopo aver battuto anche Brad Maddox e Damien Sandow per la difesa del titolo perde il NXT Championship contro Bo Dallas il 14 giugno 2013.

Alleanza con AJ Lee e Dolph Ziggler (2012–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Langston ha fatto il suo debutto nel roster principale della WWE il 17 dicembre 2012 a Raw, quando ha attaccato John Cena per poi allearsi con AJ Lee e Dolph Ziggler diventando la loro bodyguard.[1] Il 7 aprile 2013 a WrestleMania 29, Langston e Ziggler hanno perso contro il Team Hell No (Daniel Bryan e Kane), in un match valido per i WWE Tag Team Championship.[2] Langston ha combattuto il suo primo match singolo a Raw la notte seguente, sconfiggendo Bryan.[3]

Dopo che Ziggler ha subìto una concussione nel mese di maggio, Langston ha combattuto nella best-of-five series contro il rivale di Ziggler, Alberto Del Rio per il World Heavyweight Championship, in cui Del Rio ha vinto la serie sul 3-2.[4] Il 10 giugno a Raw, Langston si è rivelato essere l'ammiratore segreto della Divas Champion Kaitlyn; ciò si è rivelato essere un piano di AJ Lee in modo da umiliare Kaitlyn.[5] Langston e la Lee hanno continuato ad imitare Kaitlyn nelle settimane seguenti, fino a quando AJ Lee ha vinto il Divas Championship a Payback.[6] Nella puntata di Raw del 14 luglio, Ziggler ha terminato la sua relazione con AJ Lee, il quale ha portato Langston ad attaccarlo più tardi nella stessa sera.[7] iL 29 luglio a Raw, Langston è stato sconfitto da Ziggler per squalifica dopo che la Lee ha interferito attaccando Ziggler.[8] nel rematch della settimana successiva, Langston ha sconfitto Ziggler in seguito a una distrazione da parte di AJ Lee e Kaitlyn.[9] Il 18 agosto a SummerSlam, Langston ed AJ Lee sono stati sconfitti da Ziggler e Kaitlyn in un mixed tag team match, terminando la loro faida.[10] Dopo la sconfitta, Langston ha terminato la sua alleanza con AJ Lee iniziando a combattere da solo.

Intercontinental Champion (2013–2014)[modifica | modifica wikitesto]

Big E nel novembre 2013

Nella puntata di SmackDown del 18 ottobre viene sconfitto da CM Punk. A fine match, Paul Heyman sbeffeggia Langston mentre Curtis Axel e Ryback cercano di aggredire Punk, ma Big E si schiera dalla parte di quest'ultimo, salvandolo ed effettuando un Turn Face. Nella puntata di Raw del 21 ottobre, sconfigge in coppia con CM Punk gli uomini di Paul Heyman, Curtis Axel e Ryback. Più tardi in serata, viene annunciato che Big E affronterà Curtis Axel il 27 ottobre nel KickOff di Hell in a Cell con in palio l'Intercontinental Championship. Ad Hell in a Cell, viene annunciato che Axel ha subito un infortunio e durante il kickoff, Langston sfida Dean Ambrose in un match valido per il WWE United States Championship vincendo per countout. Nella puntata di Raw successiva al PPV, avviene il Rematch tra Langston e Ambrose per lo United States Championship ma il match termina in squalifica in favore di Langston a causa dell'interferenza di Roman Reigns e Seth Rollins, ma il match viene trasformato in un 6-man tag team match dove insieme agli Usos sconfigge lo Shield. Nella puntata di Raw del 4 novembre viene scelto a votazione come sfidante del campione WWE Randy Orton, perde il match dopo un'ottima prestazione.

Nell'edizione di Raw del 18 novembre 2013 Big E Langston sconfigge Curtis Axel laureandosi Intercontinental Champion. A Survivor Series mantiene il titolo sconfiggendo nel rematch Axel. Nella puntata di WWE SmackDown del 6 dicembre sconfigge Fandango[11]. A TLC Big E Langston mantiene il titolo intercontinentale sconfiggendo Damien Sandow[12]. Nella puntata di RAW del 30 dicembre sconfigge Fandango dopo un match con in palio l'Intercontinental Championship. Alla Royal Rumble Langston partecipa al royal rumble match con il numero 29 ma viene eliminato da Sheamus.[13] A Elimination Chamber Big E sconfigge Jack Swagger mantenendo l'Intercontinental Championship.[14] Nella puntata di WWE Main Event del 26/03/14 Big E mantiene il titolo intercontinentale sconfiggendo Dolph Ziggler. A WrestleMania XXX partecipa alla Battle Royal dedicata alla memoria di André The Giant non riuscendo a vincerla. Ad Extreme Rules perde il titolo ai danni di Bad News Barrett.[15] Nell'edizione di Raw successiva al PPV viene sconfitto da Bad News Barrett non riuscendo a conquistare il titolo intercontinentale. A Payback viene sconfitto da Rusev. Nella puntata di Raw del 20 giugno sconfigge Damien Sandow. A Money in the Bank viene sconfitto di nuovo da Rusev. Il 25 luglio a SmackDown perde contro i RybAxel insieme a Kofi Kingston e si unisce alla stable di Xavier Woods. Il 16 settembre a Main Event, viene sconfitto da Seth Rollins.

The New Day (2014–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The New Day.
Big E (al centro) come membro del New Day

Nella puntata di SmackDown del 28 novembre debutta nella stable New Day insieme a Kofi Kingston e Xavier Woods sconfiggendo Curtis Axel, Heath Slater e Titus O'Neil; nella puntata di SmackDown del 12 dicembre sconfigge Goldust. A TLC: Tables, Ladders & Chairs, insieme a Kofi Kingston, sconfigge Gold & Stardust. Alla Royal Rumble prende parte al Royal Rumble match entrando con il numero 20, ma viene eliminato da Rusev. Nella puntata di Raw del 9 marzo insieme a Xavier Woods sconfigge i WWE Tag Team Champions, Cesaro e Tyson Kidd. La settimana successiva, a Raw, in coppia con Kofi Kingston viene sconfitto da Cesaro e Kidd.

A WrestleMania 31 Big E e Kingston prendono parte al Fatal Four-Way Tag Team match valido per i WWE Tag Team Championships, che includeva anche gli Usos e i Los Matadores, non riuscendo a conquistare i titoli. Il 20 aprile, a Raw, Big E e Kingston vincono un match contro i Lucha Dragons (Kalisto e Sin Cara) e diventano i primi sfidanti ai titoli di coppia detenuti da Cesaro e Tyson Kidd. A Extreme Rules conquistano il WWE Tag Team Championship sconfiggendo Cesaro e Tyson Kidd. A Payback Big E e Kingston difendono nuovamente il titolo in un match contro i campioni uscenti e si confermano a Elimination Chamber, dove battono in un Elimination Chamber match Cesaro e Tyson Kidd, i The Prime Time Players, i Los Matadores, gli The Ascension e i Lucha Dragons.

A Money in the Bank perdono i titoli per mano dei Prime Time Players; in quest'occasione i campioni erano Big E e Woods, poiché Kingston aveva già partecipato, durante il pay-per-view, al Ladder match con in palio la valigetta del Money in the Bank. A Battleground non sono riusciti a battere i campioni di coppia dei Prime Time Players. Hanno partecipato al Fatal Four-way match il 23 agosto a SummerSlam con in palio i titoli di coppia che comprendeva anche i detentori Prime Time Players, i Lucha Dragons e i Los Matadores e il New Day è riuscito a rivincere i titoli. Dopo aver sconfitto i Prime Time Players nella puntata di Raw del 14 settembre,[16] Big E e Kingston hanno iniziato una faida con i rientranti Dudley Boyz (Bubba Ray e D-Von Dudley), che hanno affrontato in tre diverse occasioni: a Night of Champions[17] e a WWE Live from Madison Square Garden,[18] dove hanno perso entrambi i match per squalifica e pertanto sono rimasti campioni; a Hell in a Cell, invece, Big E e Kingston hanno sconfitto i Dudley Boyz.[19] Big E ha avuto l'opportunità di conquistare lo United States Championship affrontando il campione John Cena il 5 ottobre a Raw ma il match è stato vinto da quest'ultimo. Alle Survivor Series, insieme a King Barrett e Sheamus, il New Day è stato sconfitto in un Survivor Series elimination tag team match dagli Usos e i Lucha Dragons e Ryback.[20] Big E e Kingston hanno difeso con successo il titolo anche a TLC: Tables, Ladders and Chairs, dove hanno sconfitto gli Usos e i Lucha Dragons in un triple threat tag team ladder match.[21] Dopo aver difeso con successo il titolo in match separati contro i Lucha Dragons (nella puntata di SmackDown! del 22 dicembre)[22] e gli Usos (alla Royal Rumble),[23]

Il 15 febbraio Big E ha sconfitto Mark Henry dopo che questi, nella puntata di Raw dell'8 febbraio, aveva abbandonato i New Day in un match contro i Dudley Boyz e gli Usos, causando la loro sconfitta. A partire da Fastlane, durante il Cutting Edge Peep Show condotto da Edge e Christian i membri della New Day hanno iniziato a prendere in giro quelli della League of Nations (Alberto Del Rio, King Barrett, Rusev e Sheamus), effettuando di fatto un turn face: ciò ha portato i membri della League of Nations a interrompere il segmento.[24] Big E e Kingston hanno difeso con successo il titolo anche nella puntata di Raw del 7 marzo, quando hanno sconfitto AJ Styles e Chris Jericho.[25] Nel mese di marzo i membri del New Day hanno continuato a prendere in giro quelli della League of Nations attraverso dei video parodia[26] e le due fazioni si sono sfidate in un tag team match valido per il WWE Tag Team Championship a Roadblock, dove Big E e Kingston hanno sconfitto Sheamus e Barrett,[27] ripetendosi anche la sera dopo a Raw, quando Big E e Woods hanno sconfitto Rusev e Del Rio, il che ha portato la League of Nations ad attaccare il New Day al termine del match,[28] con la rivalità tra le due fazioni che è culminata a WrestleMania 32 (il 15 marzo era stato annunciato un handicap match tra le due fazioni e non era chiaro se il WWE Tag Team Championship fosse in palio o no),[29] dove Big E, Kingston e Woods sono stati sconfitti da Sheamus, Del Rio e Rusev in un match non titolato,[30] rifacendosi però nella puntata di Raw successiva, quando Big E e Kingston hanno nuovamente difeso con successo il titolo contro Sheamus e Barrett.[31]

Chiusa la faida con la League of Nations, il New Day ne ha iniziata una con i debuttanti Vaudevillains (Aiden English e Simon Gotch), i quali hanno sconfitto (a tavolino) Enzo Amore e Colin Cassady a Payback il 1° maggio, diventando i contendenti n°1 ai titoli di coppia. Il New Day ha dunque iniziato a prendere in giro i Vaudevillains nella puntata di Raw del 16 maggio e questi due hanno attaccato il trio. Il 22 maggio a Extreme Rules Big E e Woods hanno difeso con successo i titoli contro i Vaudevillains.[32] Nella puntata di Raw del 30 maggio Kingston e Big E hanno sconfitto i Vaudevillains per squalifica a causa dell'intervento di Karl Anderson e Luke Gallows ai loro danni. Infatti, nella puntata di Raw del 6 giugno, il New Day ha affrontato il The Club (composto oltre che da Gallows e Anderson anche da AJ Styles) in un 6-man Tag Team match ma è stato sconfitto. Il 19 giugno a Money in the Bank Kingston e Big E hanno difeso con successo i titoli in un Fatal 4-Way Tag Team match che includeva anche Karl Anderson e Luke Gallows, Enzo Amore e Big Cass e i Vaudevillains.[33] Il 19 luglio il New Day ha raggiunto e superato il record del regno più lungo come campioni con 337 giorni; il precedente primato apparteneva a Paul London e Brian Kendrick (331 giorni).

Con la Draft Lottery avvenuta nella puntata di SmackDown del 19 luglio, il New Day è stato trasferito nel roster di Raw e con tutto il gruppo anche i WWE Tag Team Championships.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • I Can't Keep Still dei KPM Music (1º agosto 2012-24 aprile 2013)
  • I Need Five di Jim Johnston (24 aprile 2013-8 novembre 2013)
  • I Need Five V2 di Jim Johnston (8 novembre 2013-22 luglio 2014)
  • New Day, New Way di Jim Johnston (28 novembre 2014-presente; usata come membro del New Day)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Florida Championship Wrestling

Pro Wrestling Illustrated

Rolling Stone

  • WWE Wrestlers of the Year (2015) con Kofi Kingston e Xavier Woods[34]

Wrestling Observer Newsletter

WWE

NXT

1 Big E difende il titolo con entrambi sotto la Freebird Rule.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RAW NEWS: "Big" NXT debut concludes Raw, teased MITB cash-in, Punk-Rock hype, full list of returns & Slammy winners, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  2. ^ CALDWELL'S WWE WRESTLEMANIA 29 PPV RESULTS, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  3. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 4/8, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  4. ^ Caldwell, James, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/3 (Hour 2), Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  5. ^ Caldwell, James, Caldwell's WWE Raw Results 6/10 (Hour 3), Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  6. ^ Johnson, Mike, Complete WWE Payback PPV Coverage, PWInsider. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  7. ^ Benigno, Anthony, World Heavyweight Champion Alberto Del Rio def. Dolph Ziggler, WWE. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  8. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/29 (Hour 2): World champ Del Rio vs. Christian, Ziggler faces Big E. Langston & A.J. snaps again, Rhodes-Sandow feud continues, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  9. ^ CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 8/5 (Hour 3): The Shield vs. Cena & Bryan & Orton main event, Ziggler vs. Big E., Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  10. ^ CALDWELL'S WWE SSLAM PPV RESULTS 8/18 (Hour 3), Pro Wrestling Torch. URL consultato il 24 dicembre 2015.
  11. ^ CUPACH'S WWE SMACKDOWN BLOG 12/13: Final TLC PPV hype with apologies, guest commentary, panhandling Santas, more!, pwtorch.com.
  12. ^ KELLER'S WWE TLC PPV REPORT 12/15: Ongoing coverage of Cena vs. Orton unification match, Bryan and Punk battle long odds, pwtorch.com.
  13. ^ Batista won the 30-Man Royal Rumble Match, wwe.com. URL consultato il 27 marzo 2014.
  14. ^ Intercontinental Champion Big E def. Jack Swagger, wwe.com. URL consultato il 27 marzo 2014.
  15. ^ Bad News Barrett def. Big E to become the new Intercontinental Champion, wwe.com. URL consultato il 10 maggio 2014.
  16. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE Tag Team Champions The New Day def. The Prime Time Players, su wwe.com, WWE, 14 settembre 2015. URL consultato il 14 settembre 2015.
  17. ^ (EN) John Clapp, The Dudley Boyz def. WWE Tag Team Champions The New Day by Disqualification, su wwe.com, WWE, 20 settembre 2015. URL consultato il 20 settembre 2015.
  18. ^ (EN) WWE.com Staff, The Dudley Boyz def. The New Day by Disqualification, su wwe.com, WWE, 3 ottobre 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  19. ^ (EN) Kara A. Medalis, The New Day def. The Dudley Boyz (WWE Tag Team Championship Match), su wwe.com, WWE, 25 ottobre 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  20. ^ (EN) Jeff Laboon, Ryback, The Usos & The Lucha Dragons def. The New Day, Sheamus & King Barrett (Traditional Survivor Series Elimination Match), su wwe.com, WWE, 22 novembre 2015. URL consultato l'8 marzo 2016.
  21. ^ (EN) James Wortman, WWE Tag Team Champions The New Day def. The Usos and The Lucha Dragons in a Triple Threat Ladder Match, su wwe.com, WWE, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  22. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE Tag Team Champions The New Day def. The Lucha Dragons, su wwe.com, WWE, 22 dicembre 2016. URL consultato l'8 marzo 2016 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2016).
  23. ^ (EN) Kevin Powers, WWE Tag Team Champions The New Day def. The Usos, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  24. ^ (EN) Greg Adkins, The New Day courts controversy on 'The Cutting Edge Peep Show', su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  25. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE Tag Team Champions The New Day def. Chris Jericho & AJ Styles, su wwe.com, WWE, 7 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  26. ^ (EN) Anthony Benigno, The New Day presents: The League of Nations' plot against The New Day, su wwe.com, WWE, 3 marzo 2016. URL consultato il 3 marzo 2016.
  27. ^ (EN) John Clapp, WWE Tag Team Champions Big E & Kofi Kingston def. Sheamus & King Barrett, su wwe.com, WWE, 12 marzo 2016. URL consultato il 13 marzo 2016.
  28. ^ (EN) Anthony Benigno, The New Day def. Alberto Del Rio & Rusev, su wwe.com, WWE, 14 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  29. ^ (EN) John Clapp, The New Day vs. The League of Nations, su wwe.com, WWE, 15 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  30. ^ (EN) Michael McAvennie, The League of Nations def. The New Day (Non-Title Match), su wwe.com, WWE, 3 aprile 2016. URL consultato il 4 aprile 2016.
  31. ^ (EN) John Clapp, WWE Tag Team Champions The New Day def. Sheamus & King Barrett, su wwe.com, WWE, 4 aprile 2016. URL consultato il 4 aprile 2016.
  32. ^ (EN) John Clapp, WWE Tag Team Champions The New Day vs. The Vaudevillains, su WWE.com, WWE, 2 maggio 2016. URL consultato il 06 maggio 2016.
  33. ^ (EN) James Caldwell, 6/19 WWE MITB PPV Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 19 giugno 2016. URL consultato il 20 giugno 2016.
  34. ^ (EN) WWE Wrestler(s) of the Year: The New Day, su rollingstone.com, Rolling Stone, 14 dicembre 2015. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  35. ^ (EN) Dave Meltzer, Wrestling Observer Newsletter: 2015 awards issue w/ results & Dave’s commentary, Conor McGregor, and much more, in Wrestling Observer Newsletter, vol. 10839593, 22 gennaio 2015, p. 46.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]