Commissario Rizzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Commissario Rizzo
Commissario Rizzo.png
Fulvio Pepe interpreta il commissario Rizzo nella serie televisiva Romanzo criminale
UniversoRomanzo criminale
Lingua orig.Italia
Interpretato daFulvio Pepe nella serie televisiva
SessoMaschio

Il commissario Rizzo è un personaggio della serie televisiva Romanzo criminale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il commissario Rizzo è un commissario di polizia, in servizio alla Questura di Roma.

Funzionario integerrimo ma ottuso ed arrivista, è benvisto e benvoluto da colleghi, superiori e magistrati, tanto da essere comandato a dirigere, durante gli anni di piombo, l'ufficio politico della capitale.

Egli prende in antipatia il collega Nicola Scialoja, dopo che questi ha espresso delle riserve sull'operato delle forze dell'ordine il giorno della morte della manifestante Giorgiana Masi, bollandolo come il comunista, non perdendo occasione di ripeterlo pubblicamente in ogni circostanza che lo consente. Tale comportamento influenza anche l'opinione del giudice Fernando Borgia, il quale, durante il sequestro del Barone Rosellini, dopo un'azione avventata da parte di Scialoja, toglierà a quest'ultimo il caso per affidarlo proprio a Rizzo, ritenuto da lui più "collaborativo".

Nel corso del tempo la sua carriera proseguirà e, qualche anno dopo, verrà messo a capo della squadra narcotici, dove, dopo essersi scontrato nuovamente con Scialoja a seguito del trattenimento in carcere di Gigio, fratello del Freddo, da parte di questi, si lascerà convincere a collaborare con lui nelle indagini sulla banda della Magliana, dapprima facendone pedinare i componenti ed il palazzo che Patrizia, amante del Dandi, ha adibito a bordello, e successivamente perquisendo insieme il palazzo del Ministero dell'industria, dove verrà rinvenuto il deposito di armi della banda.

Le indagini porteranno anche all'identificazione di Donatella, ex amante di Nembo Kid, ucciso a Milano durante l'attentato a Roberto Rosone e nuova collaboratrice della banda, ed il rapporto tra i due funzionari si appiana ma la pesante interferenza dei servizi segreti porterà le indagini a bloccarsi e Rizzo deciderà di abbandonarle, salvo, alcuni anni dopo, consegnare all'ispettore Canton, vecchio collaboratore di Scialoja, un'intercettazione che rivela il luogo di latitanza del Freddo, autorizzandolo a consegnarlo a Scialoja, rimasto invalido a seguito di un'aggressione da parte di alcuni scagnozzi del Dandi e confinato nell'ufficio visti della Questura. Ultimo, e forse tardivo, attestato di stima nei confronti del collega.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Dal romanzo scritto da Giancarlo De Cataldo, Romanzo criminale, dove tuttavia il commissario Rizzo non è presente, è stato tratto il film del 2005 Romanzo criminale, diretto da Michele Placido, nel quale il personaggio non compare. Nel 2008, il regista Stefano Sollima realizza la serie televisiva Romanzo criminale dove questi è interpretato da Fulvio Pepe.