Kim Rossi Stuart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kim Rossi Stuart nel 2007 al Tokyo International Film Festival

Kim Rossi Stuart (Roma, 31 ottobre 1969) è un attore e regista italiano.

Scoperto dal grande pubblico per aver interpretato il ruolo di Anthony Scott ne Il ragazzo dal kimono d'oro e Romualdo nelle miniserie Fantaghirò, ha recitato in numerosi film d'autore, tra cui i più noti sono Al di là delle nuvole, Pinocchio, Le chiavi di casa, Romanzo criminale, Piano, solo, Questione di cuore, Vallanzasca - Gli angeli del male e Anni felici. Nel 2005 esordisce alla regia con il film Anche libero va bene, di cui è anche sceneggiatore e interprete.

Nel corso della sua carriera ha vinto un David di Donatello, cinque Nastri d'argento, tre Globi d'oro, tre Ciak d'oro e tre Premi Flaiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma da Giacomo Rossi Stuart, un attore di film di genere nativo di Todi, e di Klara Muller, un'ex modella e scrittrice di origini per metà tedesche e per metà olandesi[1]. Ha tre sorelle, tra cui Valentina, anch'ella attrice.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce sul grande schermo a soli cinque anni in Fatti di gente perbene, per la regia di Mauro Bolognini. A 14 anni gli viene affidato dal regista Marcello Aliprandi il suo primo ruolo da protagonista, nella mini-serie tv I ragazzi della valle misteriosa (1984). Nel 1987 viene scelto per interpretare Anthony Scott ne Il ragazzo dal kimono d'oro, che avrà un sequel l'anno dopo. Kim raggiunge però il grande successo popolare nelle miniserie tv Fantaghirò di Lamberto Bava, con Alessandra Martines. Nel frattempo Kim studia recitazione alla scuola di Beatrice Bracco e poi con Francesca De Sapio insieme a molti altri attori[2][3].

Nel 1994 riscuote apprezzamenti con Senza pelle di Alessandro D'Alatri e Cuore cattivo di Umberto Marino, mentre nel 1995 è la volta di Al di là delle nuvole, diretto da Michelangelo Antonioni e Wim Wenders. Lo si vede in seguito di nuovo protagonista di una serie TV in due parti Il Rosso e il Nero, tratto dall'omonimo romanzo di Stendhal. Dopo aver girato Poliziotti (1995) di Giulio Base e I giardini dell'Eden (1998) di Alessandro D'Alatri, la Ballata dei Lavavetri, viene scelto da Roberto Benigni per la parte di Lucignolo in Pinocchio (2002). La consacrazione arriva però con Le chiavi di casa di Gianni Amelio, che vince un Nastro d'argento, e con Romanzo Criminale (2005), film di Michele Placido, che prende spunto dalla storia della Banda della Magliana; in quest'ultimo film è il Freddo, uno dei capi della banda che si innamora di una ragazza perbene, interpretata da Jasmine Trinca. Romanzo criminale è presentato al Festival di Berlino, dove ottiene ampi consensi.

Kim Rossi Stuart riceve al Quirinale dal presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, il "Premio Vittorio De Sica" nel 2006

Sempre nel 2005 eordisce alla regia con il film]Anche libero va bene, presentato al Festival di Cannes. In seguito, alla fine del 2006 gira il film Piano, solo, regia di Riccardo Milani, tratto dal libro di Walter Veltroni, Il disco del mondo - Vita breve di Luca Flores, dedicato al musicista Luca Flores. Nel 2009 interpreta Questione di Cuore di Francesca Archibugi, accanto ad Antonio Albanese, formando una coppia irresistibile di due persone completamente diverse che si conoscono in un reparto di rianimazione a seguito di un infarto. Passa con incredibile verità dal tono drammatico alla commedia, rivelandosi come uno degli attori più eclettici del cinema italiano. Riceve nomination ai David di Donatello e ai Nastri d'argento. Nel 2010 interpreta il ruolo di Renato Vallanzasca nel film Vallanzasca - Gli angeli del male, diretto da Michele Placido[4], uscito il 21 gennaio 2011, per il quale vince il nastro come miglior attore.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

In teatro ha esordito nel 1987 al Piccolo Teatro di Milano nel Filottete di André Gide, regia di Walter Pagliaro, successivamente lo ricordiamo in ruoli impegnati quali Edmund nel Re Lear di Shakespeare (1994), con la regia di Luca Ronconi, poi primo protagonista italiano, accanto a Turi Ferro e diretto da Antonio Calenda, dell'intenso testo di Éric-Emmanuel Schmitt Il visitatore (1996) (solo recentemente ripreso in teatro dal giovane attore amatoriale Marco Predieri), e ancora in un fortunato Amleto (1998-1999), di nuovo con la regia di Calenda e protagonista di Macbeth nel (2000), sotto la guida di Giancarlo Cobelli.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2005 è vittima di un grave incidente motociclistico a Roma, dal quale si ristabilisce dopo pochi mesi.

Nel novembre 2011 diventa per la prima volta padre, grazie alla compagna Ilaria Spada[5]. La coppia si sposa nel marzo 2019, e nel luglio dello stesso anno viene alla luce il secondogenito;[6] nel febbraio 2022 nasce la terzogenita della coppia.[7]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Kim Rossi Stuart nella miniserie televisiva Il generale (1987)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kim Rossi Stuart: «Anche libero va bene» Archiviato il 22 febbraio 2016 in Internet Archive. style.it
  2. ^ Salvatore Esposito, Non volevo diventare un boss: Come ho realizzato i miei sogni grazie a Gomorra, Rizzoli, 10 novembre 2016, ISBN 978-88-586-8670-6. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  3. ^ Scilla Santoro, Kim Rossi Stuart: fascino, talento e rigore gli ingredienti del suo successo, su cinefilos.it, 22 settembre 2013. URL consultato il 10 ottobre 2020.
  4. ^ Kim Rossi Stuart diventa il "bel Renè", su ansa.it, 15 gennaio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  5. ^ Nato il figlio di Kim Rossi Stuart e Ilaria Spada, su vanityfair.it, 28 novembre 2011. URL consultato il 28 novembre 2011.
  6. ^ Ilaria Spada e Kim Rossi Stuart si sono davvero sposati: matrimonio in gran segreto vicino a Rieti, su oggi.it, 4 marzo 2019. URL consultato il 6 marzo 2019.
  7. ^ Chiara Oltolini, Ilaria Spada: «Tutto merito del giardiniere», su vanityfair.it, 15 aprile 2022.
  8. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro 1986, su books.google.it. URL consultato il 1986.
  9. ^ a b Nastri d’argento 2021, ecco tutti i vincitori, su rollingstone.it. URL consultato il 22 giugno 2021.
  10. ^ a b I vincitori dei "Ciak d'Oro" 2007, su cinemaitaliano.info. URL consultato il 05/06/07.
  11. ^ Ciak d'Oro, valanga di premi per Moretti e Martone, su lastampa.it. URL consultato il 17/06/11.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN164016642 · ISNI (EN0000 0001 1458 2396 · SBN UBOV486829 · LCCN (ENno2003084424 · GND (DE14250002X · BNF (FRcb14028594m (data) · CONOR.SI (SL66683491 · WorldCat Identities (ENlccn-no2003084424