Luca Flores

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Flores
Nazionalità Italia Italia
Genere Jazz
Periodo di attività 1974-1995
Strumento pianoforte

Luca Flores (Palermo, 20 ottobre 1956Montevarchi, 29 marzo 1995) è stato un pianista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Palermo il 20 Ottobre 1956, ultimo di 4 fratelli, nel 1959 si trasferisce con la famiglia in Mozambico. Qui inizia a suonare il pianoforte all'età di 5 anni. Rientrato in Italia nel 1966 trascorre un periodo a Roma e poi in Portogallo, per approdare a Firenze nel 1972, dove si diploma al liceo scientifico nel 1975. Studia al Conservatorio Luigi Cherubini ottenendo il 5° anno di organo e il diploma in pianoforte con 10 e lode nel 1981.

Il suo incontro con il jazz è dei primi anni 70: frequenta i circoli fiorentini come l'Andrea del Sarto dove conosce la nascente comunità di musicisti jazz italiani. Esordisce a livello nazionale nel "Tiziana Ghiglioni Sextet" (con Tiziana Ghiglioni, Maurizio Caldura Nuñez, Luca Bonvini, Franco Nesti, Alessandro Fabbri) con il quale registra il primo LP, "Streams" (1984). Insieme a Gianni Cazzola forma il quintetto "Matt Jazz Quintet" (con Maurizio Caldura Nuñez, Alessandro Di Puccio, Marco Vaggi). Con questi gruppi prende parte ai maggiori festival italiani. Successivamente forma il "Luca Flores Trio" (con Lello Pareti e Piero Borri).

Milita anche nei gruppi di Chet Baker, Massimo Urbani, Fulvio Sisti, Bruno Marini, Giko Pavan, Tiziana Simona.

Collabora inoltre con artisti quali, fra gli altri, Bruno Tommaso, Lee Konitz, Sal Nistico, Paolo Fresu, Gianni Basso, Paolo Damiani, Claudio Fasoli, Furio Di Castri, Riccardo del Fra, Al Cohn, Steve Grossman, Al Grey, Bobby Watson, Bob Mover, Kenny Wheeler, Dave Holland, David Murray, Nicola Stilo, Enrico Rava, Muhal Richard Abrams, Tony Scott, Riccardo del Fra, Tullio de Piscopo, Fabio Morgera, Michelle Bobko, Barbara Casini, Riccardo Bianchi, Lillo Quaratino, Roberto Gatto, Stefano Cocco Cantini.

Svolge dal 1979 al 1987 attività d'insegnamento a Firenze presso l'istituto Andrea del Sarto, ripresa nel 1993, e partecipa a Siena a seminari come insegnante di piano dal 1985 al 1987, periodo in cui ha avuto assiduamente a lezione tra gli altri anche Stefano Bollani. Ha avuto come maestri Roberto Pichini, Marco Vavolo, Enrico Pieranunzi e Franco D'Andrea.

Fuori dall'Italia si è esibito in Francia, Germania, Svizzera, Paesi Bassi, URSS.

Nell'Ottobre 1987 esplode la malattia mentale che lo accompagnerà per il resto della vita, portandolo a episodi di autolesionismo, fra cui il ferimento di una mano e di un orecchio e la conseguente perdita dell'udito da questo. Il disagio mentale lo porterà alla scelta estrema: il 29 Marzo 1995, 10 giorni dopo aver registrato 5 brani musicali al Planet Sound Studios di Firenze, muore suicida nella sua casa di Montevarchi.

Dediche[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Il disco del mondo (Rizzoli), di Walter Veltroni - Rizzoli, 2003: Contiene il DVD "Il disco del mondo" diretto e prodotto da Roberto Malfatto;
  • Angela, Angelo mio io non sapevo, di Francesca de Carolis, basato sul racconto dell'ultima compagna di Luca Flores, Michelle - Stampa Alternativa, 2007

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Italian Jazz Awards - Il primo Oscar Italiano della Musica Jazz Made in Italy votato dal pubblico, ideato e prodotto da ACM-Andrea Causi e dedicato alla memoria di Luca Flores
  • Premio Speciale LUCA FLORES - assegnato al miglior solista nell'ambito del Barga Jazz Contest
  • Concorso Luca Flores - concorso nazionale di esecuzione pianistica jazz (2008-2010)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Barberini gli dedica il brano “Flores Por Luca” nel CD “quattroquinti project” – pubblicato nel 1998 da Splasc(h) Records
  • Fabio Morgera gli dedica il brano "Flores" nel CD "Slick" (1999) - Red Records
  • Tiziana Ghiglioni gli dedica il CD “So Long Flores”, con liriche inedite di Diego Palazzo -Tiziana Ghiglioni e di Luca Flores, e musiche di Luca Flores. Pubblicato nel 2004 - Splasc(h) Records
  • Simone Cristicchi nel 2010 dedica a Luca Flores un pezzo musicale, intitolato "Quattro minuti e 28 secondi", inciso sul disco Grand Hotel Cristicchi
  • I Diaframma nel 2010 gli dedicano il video del brano "Io sto con te"
  • Marco Vavolo gli dedica il CD "Concerto per Luca" con la composizione originale "Marco Vavolo per Luca" - PromoRec, 2010
  • Dino Rubino gli dedica il brano “Flores” nel CD “ROAMING HEART” (2015), Tuk Music.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

A proprio nome[modifica | modifica wikitesto]

  • 1986 Sharp Blues - Splasc(h) Records
  • 1987 Where Extremes Meet - Splasc(h) Records
  • 1990 Sounds And Shades Of Sound - Splasc(h) Records
  • 1993 Love For Sale - Splasc(h) Records
  • 1995 For Those I Never Knew (piano solo) - Splasc(h) Records (postumo)
  • 2003 MATT JAZZ QUINTET LIVE - Concerti di Trescore Cremasco (1984) e Siena (1985) - Splasc(h) Records
  • 2007 Concerto registrato a Firenze, 4/11/1994 - abbinato al CD della colonna sonora del film Piano, Solo - Sony-BMG

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1984 Streams, Tiziana Ghiglioni sextet - Splasc(h) Records
  • 1986 Riddles, Bruno Marini, Luca Flores - Splasc(h) Records
  • 1986 Barga Jazz Live, Barga Jazz Festival - 1° concorso di arrangiamento e composizione per orchestra jazz - PIRAS Edizioni Musicali
  • 1987 Easy To Love, Massimo Urbani quartet - Red Records
  • 1987 Dreams, Giko Pavan Group - Splasc(h) Records
  • 1989 Coriandoli, Tiziana Simona e Riccardo Bianchi - Splasc(h) Records
  • 1987 Barga Jazz Live, Barga Jazz Festival - 2° concorso di arrangiamento e composizione per orchestra jazz - Splasc(h) Records
  • 1987 A Night At The Sha-li-mar, Chet Baker quartet - Philology
  • 1988 Chet Baker's Last Recording as Quartet, Chet Baker quartet - Timeless
  • 1995 Body And Not Soul, Roberta Pierazzini quartet - SAM jazz
  • 2005 (registrato 1985) - Luca Flores suona la musica di Fabio Turchetti - incontronotte records

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Walter Veltroni, Il disco del mondo: Vita breve di Luca Flores, musicista, Milano, Rizzoli, 2003. Contiene il DVD Il disco del mondo diretto e prodotto da Roberto Malfatto

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN8436164 · LCCN: (ENno2004013713