Il ragazzo dal kimono d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la serie televisiva del 1992, vedi Il ragazzo dal kimono d'oro (serie televisiva).
Il ragazzo dal kimono d'oro
Ragazzo kimono doro.jpg
Kim Rossi Stuart in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneItalia
Anno1987
Durata85 min
Rapporto1,66:1
Genereazione, drammatico
RegiaFabrizio De Angelis
SoggettoDardano Sacchetti, Fabrizio De Angelis
SceneggiaturaDardano Sacchetti, Fabrizio De Angelis
ProduttoreFabrizio De Angelis
Casa di produzioneFulvia Film
Distribuzione in italianoFulvia Film
FotografiaGiuseppe Pinori
MontaggioAlberto Moriani
Effetti specialiRene Abadeza
MusicheSimon Boswell
CostumiJoey Luna
TruccoFranco Di Girolamo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il ragazzo dal kimono d'oro è un film del 1987 co-sceneggiato, prodotto e diretto da Fabrizio De Angelis con lo pseudonimo di Larry Ludman. Il film, con protagonista Kim Rossi Stuart, è un'imitazione di Per vincere domani - The Karate Kid (1984) e diede origine a sua volta a un franchise composto da altri cinque film (di cui solo il primo, Il ragazzo dal kimono d'oro 2, uscito al cinema) e una serie televisiva, il tutto prodotto e diretto da De Angelis. La pellicola è stata distribuita nelle sale italiane a partire dal 3 settembre 1987.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Scott è un sedicenne che raggiunge Manila per rivedere il padre Paul. Laggiù conosce Maria, la cui famiglia, come tante altre, è intimorita dalla banda di Quino, un lottatore di arti marziali che da 5 anni è campione imbattuto dei tornei di karate; Anthony si accorge della bravura di Quino, ma non sa che è anche permaloso, ragion per cui i due arrivano presto allo scontro e Anthony ci lascia quasi la pelle; a salvarlo e curargli le ferite è il maestro Kimura, un eremita che vive nella foresta da quando si è reso conto che i suoi insegnamenti vengono usati da allievi come Quino per fare del male alla gente, anziché essere esercitati nelle competizioni sportive come un'arte della mente e del corpo. Kimura dice a Anthony che gli insegnerà il karate per volere degli dèi, in modo da permettergli di affrontare Quino per la seconda volta e vincere; la mossa più importante che Kimura gli insegna è il "colpo del drago". Una volta tornato dalla sua famiglia, Anthony è dunque pronto per affrontare Quino in un torneo e vendicarsi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cinema - Prime visioni a Roma (PDF), in L'Unità, n. 208, 1987, p. 24.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Esposito. Il drago feroce attraversa le acque. Piccola guida ai film d'arti marziali Editore Tarab, 1997 ISBN 88-86675-32-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]