I giardini dell'Eden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I giardini dell'Eden
Titolo originale I giardini dell'Eden
Paese di produzione Italia
Anno 1998
Durata 95 min
Genere drammatico
Regia Alessandro D'Alatri
Soggetto Alessandro D'Alatri, Miro Silvera
Sceneggiatura Alessandro D'Alatri
Fotografia Federico Masiero
Montaggio Cecilia Zanuso
Musiche Pivio e Aldo De Scalzi
Scenografia Luca Merlini
Interpreti e personaggi

I giardini dell'Eden è un film del 1998 di Alessandro D'Alatri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gli oscuri anni di apprendistato di Gesù, o Jeoshua, dai dodici ai trent'anni. Quando ha dodici anni, Jeoshua viene portato dai genitori al tempio di Gerusalemme dove parla con i sacerdoti. Crescendo diventa un falegname e si vede morire il padre Joseph e parte per un viaggio. Arriva a Gerusalemme e viene a contatto con alcuni zeloti che stanno organizzando una rivolta contro i romani, ma riparte e si unisce ad una carovana di mercanti pagani che raggiungono le regioni più lontane dell'impero romano. Così viene a contatto con usi e religioni diverse, imparando qualcosa.

Dopo avere affrontato il deserto, entra nella comunità degli esseni vicino Qumran dove incontra il cugino Giovanni. Comincia a studiare le Sacre Scritture e insieme al cugino viene espulso dalla comunità. Allora parte alla volta della Giudea dove comincia a compiere miracoli e ad attirare piccoli gruppi di persone. Dopo essersi fatto battezzare dal cugino, divenuto predicatore al fiume Giordano, viene tentato dal diavolo contro il quale lotta. Ritorna quindi in Galilea e comincia a raccogliere i primi discepoli, decidendo di andare per le vie della Palestina ad annunciare il messaggio di amore e fratellanza tra gli uomini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema