Chiara Francini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chiara Francini nel 2014

Chiara Francini (Firenze, 20 dicembre 1979[1][N 1]) è un'attrice, conduttrice televisiva e scrittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Firenze e cresciuta a Campi Bisenzio, figlia unica, si è laureata all'Università degli Studi di Firenze in Lettere, con una tesi in italianistica sulla Retorica dell’Ermeneutica, con la votazione di 110 e lode.[5] La sua formazione artistica inizia al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino, diretto da Barbara Nativi. Sotto la sua direzione recita in Noccioline, un testo di Fausto Paravidino. Per due anni consecutivi è nello spettacolo Faccia da comico al Teatro Ambra Jovinelli di Roma, con la direzione artistica di Serena Dandini. Approda in televisione grazie a Marco Giusti, che le offre due ruoli fissi nei suoi programmi BlaBlaBla e Stracult; vengono poi Radio Sex di Alessandro Baracco, e Le ragazze di San Frediano, per la regia di Vittorio Sindoni; nel 2007 è "Marzia Meniconi", una delle protagoniste di Gente di mare 2.

Tra il 2007 e il 2008 è impegnata in quattro film: Leonardo Pieraccioni la vuole nel ruolo di Giustina in Una moglie bellissima, in cui canta due canzoni del musical Grease, facenti parte della colonna sonora del film; Francesco Patierno la sceglie per Il mattino ha l'oro in bocca; Spike Lee le affida il ruolo di Fabiola, una delle vittime della strage nazista di Sant'Anna di Stazzema nel film Miracolo a Sant'Anna. Nel 2009 partecipa alla miniserie TV Le segretarie del sesto, per la regia di Angelo Longoni, e al film Feisbum - Il film, episodio Gaymers, diretto da Emanuele Sana. Nel 2010 compare ancora sul piccolo schermo nella serie TV Tutti pazzi per amore 2, per la regia di Riccardo Milani.

È una delle protagoniste del film per il cinema Maschi contro femmine nel 2010 e di Femmine contro maschi nel 2011, entrambi per la regia di Fausto Brizzi, in cui interpreta Marta, una ragazza omosessuale. Nel 2011 co-conduce il programma televisivo Colorado; al cinema recita nel film La peggior settimana della mia vita, per la regia di Alessandro Genovesi; in televisione ritorna su Rai 1, col personaggio di Bea, in Tutti pazzi per amore 2. Partecipa inoltre al film C'è chi dice no, per la regia di Giambattista Avellino, e all'opera prima Cacao, per la regia di Luca Rea. Vince il premio Guglielmo Biraghi nel 2011, come attrice rivelazione dell'anno, assegnatole dal sindacato giornalisti cinematografici, nell'ambito del 68º Festival Internazionale del cinema di Venezia.[6]

Nel 2012 è testimonial di Dolce & Gabbana nella campagna mondiale uomo P/E 2012.[7] Sempre nel 2012 torna in TV, su Sky Cinema, con Un Natale per due, dove interpreta anche la Carmen di Bizet,[8] per la regia di Giambattista Avellino. Sempre nel 2012 torna al cinema con Buona giornata, per la regia di Carlo Vanzina. Nel 2013 è una delle protagoniste del film per il cinema Pazze di me di Fausto Brizzi. Dal 30 aprile dello stesso anno conduce il programma Aggratis!, trasmesso in diretta da Rai 2, in seconda serata.[9] Nel 2013 è protagonista del film Ti sposo ma non troppo, opera prima di Gabriele Pignotta. Ancora nel 2013 conduce il programma Fashion style in prima serata, ed è la protagonista dello spettacolo teatrale Ti ho sposato per allegria di Natalia Ginzburg, con la regia di Piero Maccarinelli per il quale riscuote ottime critiche, come quella di Franco Cordelli nel Corriere.[10]

Nel 2014 è fra i protagonisti del film corale Soap opera di Alessandro Genovesi. Sempre nel 2014 conduce in prima serata Colorado su Italia 1, insieme a Diego Abatantuono. Nel 2015 è stata la madrina di due festival: quello di Tavolara,[11] a luglio, e quello di Torino Film Festival a novembre.[12] Nel 2015 è una delle protagoniste della fiction Matrimoni e altre follie, per la regia di Laura Muscardin. Nel 2015-2016 è la testimonial femminile della compagnia telefonica 3 Italia. Per il cinema nel 2016 partecipa al film On Air - Storia di un successo, con la regia di Davide Simon Mazzoli e presta la voce a Matilda nel cartone animato Angry Birds - Il film.

Nel 2016 interpreta il personaggio di "Perla" nella fiction di Rai 1 Non dirlo al mio capo, per la regia di Giulio Manfredonia. Sempre nel 2016 viene scelta da Pippo Baudo per co-condurre con lui Domenica in. Nelle stagioni 2017 e 2018 è la protagonista femminile dello spettacolo teatrale Due, scritto da Luca Miniero e Smeriglia e diretto dallo stesso Miniero con più di 200 repliche e il plauso della critica.[13] Nel 2017 esordisce per Rizzoli con il romanzo Non parlare con la bocca piena, best seller, con otto edizioni e 45 000 copie vendute[14][15] e riscuote ottime critiche, come quella di Aldo Cazzullo.[16] Nel maggio del 2018 conduce sul canale La EFFE, Love me gender, in 4 puntate, in cui si guarda con gli occhi della Francini ai nuovi modi di esser famiglia, alle nuove forme d'amore ai tempi della gender equality. Il programma riscuote successo di pubblico e di critica, come quella di Antonio Dipollina su La Repubblica.[17]

Nel maggio del 2018 esce il secondo romanzo Mia madre non lo deve sapere per Rizzoli, ristampato dopo meno di un mese, che riscuote ottime critiche.[18] Nel settembre 2018 va in onda la seconda stagione di Non dirlo al mio capo, in prima serata su Rai 1 per la regia di Riccardo Donna, in cui torna ad interpretare il personaggio di "Perla". Da ottobre 2018 collabora come editorialista per il quotidiano La La Stampa. Ha pubblicato Martino e Nina, un racconto di Natale, sul settimanale Vanity Fair Italia. A giugno 2019 va in onda su La EFFE Love me stranger, (4 puntate), in cui Francini racconta l'amore, in tutte le sue sfaccettature, tra italiani e stranieri al giorno d'oggi; anche questo programma riscuote un buon successo di pubblico e di critica (Antonio Fagioli, Avvenire[19]).

Il 25 giugno 2019 esce Un anno felice (Rizzoli), il suo terzo romanzo, entrato subito nella classifica della narrativa tra i romanzi più letti, ristampato dopo meno di un mese e accolto con grande favore dalla critica (Mirella Serri su Tutto Libri,[20] Aldo Cazzullo su Io Donna[16]). Nel 2019 partecipa al film Martin Eden di Pietro Marcello, in concorso alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nelle stagioni 2019-2022 interpreta il ruolo di Antonia, protagonista del fortunato Coppia aperta quasi spalancata, celebre testo di Dario Fo e Franca Rame, accanto ad Alessandro Federico. Lo spettacolo riscuote successo di pubblico e di critica. Aldo Cazzullo così scrive: "Chiara Francini si conferma l'attrice più talentuosa della sua generazione".[21])

Nell’estate del 2020 debutta al Teatro romano di Fiesole come protagonista ne L’amore segreto di Ofelia di Steven Berkoff, la cui drammaturgia è affidata a Chiara Lagani mentre la regia a Luigi De Angelis, della compagnia Fanny & Alexander. Il 1º dicembre 2020 esce il suo quarto romanzo, Il cielo stellato fa le fusa (Rizzoli). Nel 2021 è una delle protagoniste della commedia Addio al nubilato, per regia di Francesco Apolloni, trasmessa su Amazon. Il film è stato per settimane uno dei più visti sulla piattaforma Amazon Prime Video. Al cinema nel 2021 è Annalisa, protagonista di Altri padri, opera prima di Mario Sesti, pellicola drammatica, che affronta un tema di grande attualità: quello dei padri separati. Il film viene presentato fuori concorso al 39º Torino Film Festival (TFF). Ottime sono le critiche.[22] Nel dicembre 2021 conduce, dal Cocoricò di Riccione, la cerimonia di premiazione degli Ubu, gli oscar del teatro italiano, trasmessa in diretta su Rai Radio Tre. Dal 2021 riveste il ruolo di giudice nella prima edizione di Drag Race Italia, in onda sulla piattaforma streaming Discovery+, e in chiaro, in prima TV assoluta su Real Time, a partire dal 9 gennaio 2022.

Nel 2022 è una delle protagoniste di Tre sorelle, trasmesso il 27 gennaio sulla piattaforma Amazon Prime Video per la regia di Enrico Vanzina.[23] Dal 9 dicembre 2021 firma la rubrica Forte e Chiara su Specchio de La Stampa.[24] Dall'aprile del 2022 diventa testimonial, insieme a Lillo, di Gocciole Pavesi. A luglio 2022 debutta al Napoli Teatro Festival col monologo Una ragazza come Io, scritto dalla stessa Chiara Francini per la regia di Nicola Borghesi.[25] Il 26 agosto 2022 sul quotidiano La Stampa firma un editoriale sulla vicenda di Aldo Braibanti.[26] Il 10 febbraio 2023 è co-conduttrice nella quarta serata del 73º Festival di Sanremo, al fianco di Amadeus e Gianni Morandi. Nel corso della serata, in un monologo, l'attrice si racconta e racconta le donne tra carriera, orologio biologico e sensi di colpa.[27] Il 2024 si apre con il ritorno sul grande schermo nel film, diretto da Leonardo Pieraccioni, Pare parecchio Parigi, per la prima volta a fianco di Nino Frassica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Sei p. in cerca d'autore, regia di Giampaolo Morelli (2003)
  • L'inferno secondo noi, regia di Giovanni Giacobelli (2005)
  • Bulli si nasce, regia di Massimo Cappelli (2007)
  • Questione di gusti, regia di Pappi Corsicato (2009)
  • I really love..., regia di Nicola K. Guarino (2009)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Cioccolata, regia di Marcella Ermini (2001)
  • Cemento, regia di Stephan Oertili (2001)
  • Noccioline, regia di Barbara Nativi (2002)
  • Romeo e Giulietta, regia di Francesco Tarsi (2002)
  • Gli amori di William, regia di Michele Panella, Sandra Garuglieri e Simona Arrighi (2002)
  • Il pittore di Madonne o nascita di un quadro, regia di Barbara Nativi (2002)
  • E se Dante fosse stato un cantautore, regia di Sandro Dieli (2002)
  • Antonio e Cleopatra, regia di Francesco Tarsi (2003)
  • Scene pauliste, regia di Debora Dubois (2004)
  • Festival amore mio, direzione artistica di Serena Dandini (2004)
  • Sogno di una notte di mezza estate, regia di Francesco Tarsi (2004)
  • Maledetta Primavera show, regia di Fabrizio Angelini (2004)
  • Faccia da comico, direzione artistica di Serena Dandini (2005)
  • Naftalina, regia di Stefano Messina (2006)
  • Ti ho sposato per allegria, regia di Piero Maccarinelli – protagonista (2013)
  • Due, regia di Luca Miniero – protagonista (2016-2018)[28]
  • Coppia aperta quasi spalancata di Dario Fo e Franca Rame, regia di Alessandro Tedeschi – protagonista (2019-in corso)
  • L'amore segreto di Ofelia di Steven Berkoff, drammaturgia di Chiara Lagani, regia Luigi De Angelis – protagonista (2020-in corso)
  • Una ragazza come Io di Chiara Francini, regia Nicola Borghesi – protagonista (2022)

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Altre esperienze[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Testimonial[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Rubriche[modifica | modifica wikitesto]

  • Forte e Chiara su Specchio de La Stampa, (dicembre 2021 - in corso)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
  1. ^ In alcune fonti viene riportato come anno di nascita il 1976.[2][3][4]
Fonti
  1. ^ Giorgio Dell'Arti, Chiara Francini, su cinquantamila.corriere.it (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2014).
  2. ^ (EN) Chiara Francini, su IMDb, IMDb.com.
  3. ^ (FR) Chiara Francini, su allocine.fr.
  4. ^ (ES) Chiara Francini, su interfilmes.com. URL consultato il 3 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  5. ^ a b c d e Biografia, su moviement.it (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2014).
  6. ^ Premio Biraghi al lido di Venezia, su cinemonitor.it. URL consultato l'8 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2017).
  7. ^ Chiara Francini, bella col cervello: piace agli uomini e sta simpatica alle donne, su style.it (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2016).
  8. ^ Francini: Belen è l'esotismo io sono il Rinascimento, in La Stampa, 11 agosto 2011 (archiviato il 5 novembre 2013).
  9. ^ #Aggratis!, su aggratis.rai.it. URL consultato il 6 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  10. ^ Se il realismo è come una beffa (PDF), su chiarafrancini.com, Corriere della Sera, 22 gennaio 2014. URL consultato il 6 agosto 2020.
  11. ^ Festival di Tavolara: la madrina Chiara Francini!, su ciakmagazine.it, 16 luglio 2015. URL consultato il 6 agosto 2020.
  12. ^ Chiara Francini madrina del Torino Film Festival, su lastampa.it, 10 novembre 2015. URL consultato il 6 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2015).
  13. ^ Chiara Francini, debordante soubrette sul palcoscenico del Manzoni. Con un intimidito Raoul Bova. E si salvi chi può, su lospettacoliere.it, 9 febbraio 2018. URL consultato il 6 agosto 2020.
  14. ^ UN TALENTO FUORI DAL COMUNE: CHIARA FRANCINI ACCENDE L’AREZZO PASSIONI FESTIVAL
  15. ^ Chiara Francini: «Io, cresciuta ed educata da ottantenni. Matteo Renzi, un ex compagno di scuola», su corriere.it, 12 maggio 2017. URL consultato il 6 agosto 2020.
  16. ^ a b Chiara Francini e il suo primo romanzo: «Scrivo per allegria», su iodonna.it. URL consultato il 6 agosto 2020.
  17. ^ Con "Love me gender" la normalità scandalosa delle nuove famiglie, su ricerca.repubblica.it, 7 giugno 2018. URL consultato il 6 agosto 2020.
  18. ^ Quello che gli uomini non dicono, su pressreader.com. URL consultato il 6 agosto 2020.
  19. ^ L'amore al tempo del multiculturalismo, su avvenire.it, 17 maggio 2019. URL consultato il 6 agosto 2020.
  20. ^ Devota fino alla follia. Melania lascia Firenze per sfiorire in Svezia, su lastampa.it, 22 giugno 2019. URL consultato il 6 agosto 2020.
  21. ^ Quello che gli uomini non dicono, su pressreader.com. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  22. ^ Aldo Cazzullo, Chiara Francini e la donna che sa essere cattiva, su iO Donna, 18 dicembre 2021. URL consultato il 2 marzo 2023.
  23. ^ Per Vanzina son tutte belle le donne del cinema, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 2 marzo 2023.
  24. ^ Forte-e-Chiara, su La Stampa. URL consultato il 2 marzo 2023.
  25. ^ Roberto Trovato, UNA RAGAZZA COME IO - regia Nicola Borghesi, su www.sipario.it. URL consultato il 2 marzo 2023.
  26. ^ "Dalle lettere inedite di Braibanti il ritratto di un'Italia omofoba", su La Stampa, 25 agosto 2022. URL consultato il 2 marzo 2023.
  27. ^ Adnkronos, Sanremo 2023, il potente monologo di Chiara Francini tra paure e speranze delle madri mancate, su Adnkronos, 11 febbraio 2023. URL consultato il 21 febbraio 2023.
  28. ^ Claudia Izzo, Autoironica, bella e colta: Chiara Francini al Giffoni Film Festival, su salernonews24.com, 23 luglio 2016. URL consultato il 6 agosto 2020.
  29. ^ Assegnati i premi "Renzo Montagnani" 2010, su cinemaitaliano.info, 16 giugno 2010. URL consultato il 6 agosto 2020.
  30. ^ Torrino d'oro, premi per Renzi, Bundu, Pasqual e Gucci, su archivio.gonews.it, 6 luglio 2012. URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).
  31. ^ Il «Premio Simpatia» a bellezze, registi e attori, su iltempo.it. URL consultato il 29 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305943260 · ISNI (EN0000 0004 2503 0310 · SBN LO1V393241 · LCCN (ENno2013139363 · WorldCat Identities (ENlccn-no2013139363