Giampaolo Morelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giampaolo Morelli nel 2010

Giampaolo Morelli (Napoli, 25 novembre 1974) è un attore, sceneggiatore, conduttore televisivo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il diploma di maturità classica conseguito presso il Liceo San Tommaso d'Aquino di Napoli, si iscrive a un corso di laurea in giurisprudenza e, a soli cinque esami prima della tesi di laurea, si trasferisce a un corso di laurea in psicologia. Dal 2009 è legato sentimentalmente a Gloria Bellicchi dalla quale ha avuto due figli, nati rispettivamente nel 2013[1] e nel 2016.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a lavorare nel mondo dello spettacolo facendo cabaret, teatro e il prestigiatore a Napoli. Successivamente lascia gli studi e decide di dedicarsi all'attività di attore, trasferendosi a Roma. In questi anni inizia a comparire nel cast di svariate serie televisive, tra cui Distretto di Polizia su Canale 5, Butta la luna su Rai 1, e Il Capitano su Rai 2. La notorietà arriva a metà degli anni 2000 grazie al ruolo di Coliandro nella serie L'ispettore Coliandro, che ricopre tuttora.

Nel 2009 conduce, insieme ad Elena Di Cioccio, il programma Stracult, sempre su Rai 2. Nel 2005 recita da protagonista nel film, di cui ha scritto la sceneggiatura, Piano 17, diretto dai Manetti Bros. Tra gli altri suoi lavori per il grande schermo, ci sono South Kensington di Carlo Vanzina, in cui ha il suo primo ruolo da protagonista in una produzione cinematografica, Paz! e Amatemi, entrambi di Renato De Maria, Dillo con parole mie di Daniele Luchetti, e L'uomo perfetto di Luca Lucini. L'anno seguente è a teatro con Gino non si tocca più, commedia da lui scritta e diretta insieme a Gianluca Ansanelli.

Nel 2010 presta la voce al bandito Flynn Rider nel film Rapunzel - L'intreccio della torre. L'anno dopo partecipa assieme a Francesca Inaudi al videoclip del brano Il mio secondo tempo di Max Pezzali; il 25 febbraio 2011 esce inoltre il suo primo romanzo, Un bravo ragazzo, con la prefazione di Carlo Lucarelli. Nella primavera seguente Morelli torna in televisione con due serie televisive, Baciati dall'Amore su Canale 5 e La donna della domenica su Rai 1, quest'ultima remake dell'omonimo film diretto nel 1975 da Luigi Comencini, in cui Morelli veste i panni che furono di Marcello Mastroianni. Nel marzo dello stesso anno è inoltre conduttore di Lady Burlesque, talent show di Sky Uno dedicato al burlesque.

Il 5 febbraio 2013 esce il suo secondo romanzo, 7 ore per farti innamorare, e nello stesso anno porta in scena il suo adattamento teatrale insieme a Carolina Crescentini. In televisione, nel 2016 conduce i programmi Le Iene su Italia 1, al fianco di Ilary Blasi e Frank Matano, e Fan Car-aoke su Rai 1.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Sei p. in cerca d'autore, regia e sceneggiatura di Giampaolo Morelli – cortometraggio (2003)
  • Piano 17, regia dei Manetti Bros., sceneggiatura di Giampaolo Morelli (2005)
  • Il bastardo e l'handicappato, regia e sceneggiatura di Giampaolo Morelli – cortometraggio (2005)
  • Song'e Napule, sceneggiatura di Giampaolo Morelli e Manetti Bros. (2014)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando eravamo repressi (1998)
  • Gino non si tocca più (2006)
  • Sette ore per farti innamorare (2013)
  • Un bravo ragazzo (2013-2014)

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Un bravo ragazzo. Storia di un giovane prestigiatore, erotomane, dislessico e disadattato (2011)
  • 7 ore per farti innamorare (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniela Bellu, Giampaolo Morelli papà: due settimane fa è nato Gianmarco, su gossipblog.it, 28 agosto 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90373552 · ISNI (EN0000 0004 4462 2899 · SBN IT\ICCU\TO0V\518776 · GND (DE1072320665