Gabriele Pignotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gabriele Pignotta

Gabriele Pignotta (Roma, 12 ottobre 1977[1]) è un regista, attore, autore televisivo, commediografo e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma dalla relazione fra Carlo Pignotta e Dina Nicastro. Gabriele, terzo di tre figli maschi (Gianluca e Flavio Pignotta), ha una figlia, Alice, di due anni avuta dalla sua compagna Simona Attolini avvocato.

Pur coltivando da sempre la passione per il teatro ed il cinema si laurea in “Sociologia della formazione e della gestione delle risorse umane” e diventa formatore e ideatore di attività di out-door training per numerose multinazionali collaborando per diversi anni con Servizi Internazionali S.r.l.

Molto presto, come unica strada professionale sceglierà la carriera artistica, attraverso la quale riesce ad esprimere a pieno le sue idee, la sua visione, la sua essenza e soprattutto la sua ironia.

Inizia la sua carriera artistica come attore di teatro, per poi scoprire il talento artistico per la scrittura e la regia. Dopo i primi anni di teatro arriva la televisione nel 1995 inizia la sua carriera televisiva collaborando alla scrittura del programma su Rai Uno Navigator, di Raffaella Carrà e Sergio Japino, successivamente nel 1996 collabora sempre alla scrittura dei testi, questa volta per un programma su Italia Uno Eurotrash, condotto da Elenoir Casalegno e Segreti e Bugie di Japino e Carrà condotto da Michele Cuccuzza e Katia Ricciarelli.

Nel 2002 debutta in teatro con una commedia da lui scritta, diretta ed interpretata, Maschio non mi somigli affatto, grazie alla quale, nello stesso anno entra come ospite comico fisso nel programma su Rai Due Al posto tuo condotto da Alda D'Eusanio con cui collabora anche l’anno successivo.

Nel 2004 scrive una nuova commedia, sempre diretta ed interpretata, Una notte bianca, con cui riscuote molto successo e inizia a farsi strada negli ambienti teatrali prima romani e poi nazionali. Sempre nel 2004 entra a far parte del cast di Sabato italiano, programma in onda su Rai Uno condotto da Pippo Baudo.

Nel 2005 per La7, è membro del cast di Settima Dimensione condotto da Sabrina Nobile con la partecipazione di Massimiliano Bruno, in onda ogni giovedì per dieci settimane in prima serata. Sempre nel 2005 scrive e interpreta la sit com “I & G”, otto puntate andate in onda su Canal Jimmy (piattaforma SKY).

Nel 2006 torna a teatro con Scusa sono in riunione, commedia scritta, diretta ed interpretata. Spettacolo attualmente in riallestimento per una grande tournée nazionale con Vanessa Incontrada. Nello stesso anno è autore e conduttore di due programmi televisivi per Sky: Shake it e The soup.

Dal 2007 inizia a dedicarsi maggiormente al teatro, dove trova il contesto più idoneo per esprimere la sua creatività. In questi anni scrive, dirige ed interpreta numerose commedie di successo tra cui: Ti sposo ma non troppo, Se tutto va male divento famoso, Mi piaci perché sei così (commedia interpretata al fianco di Vanessa Incontrada)

Dopo aver girato diversi cortometraggi tra il 2013 e il 2014 fa il suo ingresso nel mondo del cinema, scrive il soggetto e la sceneggiatura del film di Carlo Verdone Sotto una buona stella, e nello stesso anno adatta il suo testo teatrale Ti sposo ma non troppo, portandolo al cinema e firmandone la regia, la sceneggiatura ed interpretando il ruolo da protagonista maschile al fianco di Vanessa Incontrada. Nello stesso anno scrive soggetto e sceneggiatura per il film Un Natale stupefacente di Wolfango De Biase.

Nel 2015 firma la regia, il soggetto e la sceneggiatura di un documentario, Pequeños Hermanos da lui stesso girato durante un lungo viaggio in Sud America. Nello stesso periodo scrive e dirige una campagna televisiva contro la violenza sulle donne per tre anni consecutivi. Nascono così Un'altra storia (con Claudia Gerini, Alessandra Mastronardi, Ksenia Rappoport, Giorgio Pasotti, Adriano Giannini e Fabio Troiano), Ancora un'altra storia (con Raoul Bova, Ambra Angiolini, Vinicio Marchioni, Chiara Francini, Rolando Ravello e Milena Mancini) e infine L’amore che vorrei (con Michelle Hunziker, Michela Andreozzi, Claudia Potenza e Mia Benedetta). Tutti i progetti sono prodotti da Rai Cinema e Onemorepicture.

Nello stesso anno torna a teatro con una nuova commedia, Contrazioni pericolose, sempre scritta diretta ed interpretata da lui con Siddartha Prestinari e Fabio Avaro.

Nel 2017 scrive e dirige una nuova commedia con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia, Non mi hai più detto ti amo, che riscuote un grandissimo successo di pubblico e critica registrando sold out nei principali teatri nazionali.

Sempre nel 2017 prende parte come attore alla commedia Ostaggi, scritta e diretta da Angelo Longoni con Michela Andreozzi, Pietro Genuardi, Silvana Bosi e Jonis Bascir.

Nel 2018 entra a far parte del cast di Che disastro di commedia, versione italiana di “The Play That Goes Wrong”, successo planetario dello spettacolo in scena in tutto il mondo con la regia di Mark Bell.

Durante l’anno firma inoltre la regia del primo fantasy italiano Otzi e il mistero del tempo con Michael Smiley, Diego Delpiano, Alessandra Mastronardi, Amelia Bradley, Judah Cousin, Vinicio Marchioni, Deirdre Mullins, vincitore del Giffoni Film festival 2018

Nella stessa estate è autore e regista per le semifinali di Miss Italia in onda su La7.

Nel aprile 2019 firma la sua ultima opera teatrale, che lo vede da solo sul palco, Toilet, attualmente in cartellone nelle due più importanti rassegne teatrali estive La Versiliana e il Festival Teatrale di Borgio Verezzi.

Nel frattempo è il testimonial con uno spot pubblicitario ed un corto per La Fiera Auto e Moto d'Epoca di Padova e protagonista di uno spot Renault Clio

Nel gennaio 2020 debutta la sua commedia teatrale di grandissimo successo nazionale “Scusa sono in riunione ...” scritta diretta ed interpretata da Gabriele Pignotta al fianco di Vanessa Incontrada.

In preparazione lo spettacolo “La Favola Mia “ di e con Giorgio Panariello di cui Gabriele firma la regia.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Il primo giorno di primavera (2013)
  • Ti sposo ma non troppo (2014)
  • Pequenos Hermanos – documentario (2015)
  • Un'altra storia – cortometraggio (2015)
  • Ancora un'altra storia – cortometraggio (2016)
  • L'amore che vorrei – cortometraggio (2017)
  • Ötzi e il mistero del tempo (2018)

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Il primo giorno di primavera, regia di Gabriele Pignotta (2013)
  • Sotto una buona stella, regia di Carlo Verdone (2014)
  • Ti sposo ma non troppo, regia di Gabriele Pignotta (2014)
  • Un Natale stupefacente, regia di Volfango De Biasi (2014)
  • Pequenos Hermanos, regia di Gabriele Pignotta – documentario (2015)
  • Un'altra storia, regia di Gabriele Pignotta – cortometraggio (2015)
  • Ancora un'altra storia, regia di Gabriele Pignotta – cortometraggio (2016)
  • L'amore che vorrei, regia di Gabriele Pignotta – cortometraggio (2017)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • La Favola Mia (2020) - regia, di e con Giorgio Panariello.
  • Scusa sono in riunione ... (2019) - testo, regia e attore protagonista con Vanessa Incontrada.
  • Toilet (2019) - testo, regia e attore protagonista.
  • Che disastro di commedia (2018) - attore protagonista, di Lewis Sayer Shields.
  • Ostaggi (2017) - attore protagonista, scritto e diretto da Angelo Longoni.
  • Non mi hai più detto ti amo (2017) - testo e regia con Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia.
  • Contrazioni pericolose (2015) - testo, regia e attore protagonista.
  • Mi piaci perché sei così (2009) - testo, regia e attore protagonista.
  • Se tutto va male divento famoso (2008) - testo, regia e attore protagonista.
  • Ti sposo ma non troppo (2007) - testo, regia e attore protagonista.
  • Scusa sono in riunione (2006) - testo, regia e attore protagonista.
  • Una notte bianca (2004) - testo, regia e attore protagonista.
  • Maschio non mi somigli affatto (2002) - testo, regia e attore protagonista.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gabriele Pignotta, in Il Giornale. URL consultato il 1º ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]