Briganti - Amore e libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Briganti - Amore e libertà
Paese di produzioneItalia
Anno1993
Durata95 min
Generedrammatico
RegiaMarco Modugno
SoggettoMarco Modugno
SceneggiaturaMarco Modugno, Furio Scarpelli
FotografiaClaudio Collepiccolo
MontaggioCarla Simoncelli
MusicheFabio Nuzzolese, Oscar Prudente
Interpreti e personaggi

Briganti - Amore e libertà è un film del 1993, presentato al concorso cinematografico di Venezia, diretto dal regista Marco Modugno, figlio del celebre cantante e attore, il film non fu mai distribuito.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientata a Castelluccio (Castelluccio Valmaggiore, provincia di Foggia) nel Regno delle Due Sicilie durante la fase di transizione del 1860 che vede i filoborbonici, chiamati Briganti dai patrioti italiani opporsi all'unificazione.

Si narra la storia di due fanciulli uniti dal destino, Giovanni e Costanza. Lei è figlia di un barone. La madre muore di parto, così viene affidata alla mamma di Giovanni. I due fanciulli crescono insieme e fra loro si crea una forte amicizia, che cresce fino a diventare amore. I due vengono scoperti mentre si scambiano il loro primo bacio, quindi lui viene cacciato di casa, abbandonato al suo destino, mentre lei viene rinchiusa in un monastero per chiedere perdono dei suoi peccati. Nel frattempo scoppia la guerra. Costanza torna a casa, ormai fatiscente, cadente. Il suo cuore è sempre legato a Giovanni che nel frattempo si era arruolato con l'esercito borbonico, e dopo alcune vicende era entrato in un gruppo di ribelli briganti, che sfuggivano alle rappresaglie dei garibaldini. Saputo che Costanza è uscita dal monastero torna a cercarla...

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema