Anatolij Byšovec

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anatolij Byšovec
Svetoch.jpg
Nome Anatolij Fëdorovič Byšovec
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia (dal 1991)
Altezza 176 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1973 - giocatore
2007 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1963-1973 Dinamo Kiev 139 (49)
Nazionale
1966-1972 URSS URSS 39 (15)
Carriera da allenatore
1982-1985 URSS URSS Under-21
1986-1988 URSS URSS olimpica
1988-1990 Dinamo Mosca
1990-1991 URSS URSS
1992 CSI CSI
1992-1993 AEL Limassol
1994-1995 Corea del Sud Corea del Sud
1995-1996 Corea del Sud Corea del Sud olimpica
1997-1998 Zenit S. Pietroburgo
1998 Russia Russia
1998-1999 Šachtar
2003 Marítimo
2005 Tom' Tomsk
2006-2007 Lokomotiv Mosca
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Seul 1988
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Anatolij Fëdorovič Byšovec (in russo: Анатолий Фёдорович Бышовец?; Kiev, 23 aprile 1946) è un allenatore di calcio ed ex calciatore sovietico, dal 1991 russo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Da calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Da calciatore ha militato nella Dinamo Kiev dal 1963 al 1973, giocando 139 gare e segnando 49 reti e vincendo 4 Scudetti sovietici (1966, 1967, 1968 e 1971) e 2 Coppe dell'URSS (1964 e 1966), mentre con la maglia della Nazionale di calcio dell'Unione Sovietica ha collezionato 39 partite e 15 reti tra il 1966 e il 1972, giocando la Fase Finale dei Mondiali 1970.

Calciatore promettente e tra i più talentuosi del suo periodo,[1] era un giocatore di classe, ma incostante e negli anni della Dinamo Kiev nasce una rivalità con il compagno di squadra Valeri Lobanovski,[1] rivalità che continuerà anche durante le rispettive carriere d'allenatori.[1] Fermato continuamente dagli infortuni, la promettente[1] carriera di Byšovec finisce a soli 27 anni a causa di un grave infortunio al ginocchio.[1]

Da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Da tecnico ha esordito nel 1982 sulla panchina della Nazionale sovietica giovanile e, successivamente, ha allenato la squadra olimpica sovietica alle Olimpiadi 1988, vincendo la medaglia d'oro, e la Dinamo Mosca dal 1988 al 1990.

Dopo Italia'90 è diventato CT della Nazionale A, vincendo le qualificazioni ad Euro'92 ma, dopo lo scioglimento dell'URSS (25 dicembre 1991), divenne selezionatore della Nazionale di calcio della Comunità degli Stati Indipendenti fino agli europei, conclusi con l'eliminazione al primo turno.

In seguito alla scomparsa dello stato sovietico decise di prendere la cittadinanza russa anziché quella ucraina (cosa che fecero anche alcuni calciatori) e dal 1994 al 1995 ha allenato la Nazionale di calcio della Corea del Sud e quella Olimpica ad Atlanta'96, mentre all'inizio del 1998 è stato selezionatore della Nazionale di calcio della Russia, dopo la mancata qualificazione a Campionato mondiale di calcio 1998.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Dinamo Kiev: 1966, 1967, 1968, 1971
Dinamo Kiev: 1964, 1966

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

URSS: 1988

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]