Sergio Cervato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergio Cervato
Sergio Cervato nel 1955-56.jpg
Sergio Cervato con il tricolore dello Scudetto 1955-56
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1965 - giocatore
Carriera
Giovanili
1946-1947
1946-1947
Bianco e Rosso.svg Tombolo
Bolzano Bolzano
Squadre di club1
1947-1948 Bolzano Bolzano 17 (0)
1948-1959 Fiorentina Fiorentina 316 (31)
1959-1961 Juventus Juventus 62 (7)
1961-1965 SPAL SPAL 91 (7)
Nazionale
1951-1960 Italia Italia 28 (4)
Carriera da allenatore
1966-1967 Pescara Pescara
1967-1968 600px Azzurro Bianco e Azzurro.png Trani
1968-1970 Empoli Empoli
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sergio Cervato (Carmignano di Brenta, 22 marzo 1929Firenze, 9 ottobre 2005) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo le prime esperienze calcistiche nelle squadre del paese natale (Lampo di Carmignano e Carmenta), iniziò la carriera di calciatore come terzino sinistro nel Tombolo a 17 anni. Passò tra i dilettanti seguendo le sorti del Bolzano.

Cervato con la fascia da capitano della Fiorentina.

Nel 1948 girò l'Italia alla ricerca di una squadra professionistica. Privo del pollice della mano destra, amputato in seguito ad un incidente con un attrezzo agricolo in gioventù, fu scartato ad un provino della Sampdoria ed arrivò a Firenze, dove la Fiorentina lo prese. Rimase coi viola fino al 1959 (316 presenze e 31 reti in Serie A, 334 presenze totali). Era infallibile dal dischetto e le sue punizioni a pelo d'erba erano micidiali. Con la squadra toscana conquistò il primo scudetto nella stagione 1955-56, oltre ad una Coppa Grasshoppers e una Coppa dell'Amicizia italo-francese nella seconda parte del decennio. Perse la Coppa Italia 1958, giocò anche tutte le sette gare della Coppa dei Campioni edizione 1956-57, persa in finale con il Real Madrid, .

Nel 1959 passò alla Juventus, dove conquistò altri due scudetti giocando da centromediano sistemista (ovvero da centrale in una difesa a tre). Con la Juventus vinse anche la Coppa Italia 1958-59 e giocò altre due gare nella Coppa dei Campioni 1960-61.

Fu anche Nazionale ed esordì nel 1951, nella partita Portogallo-Italia 1-4. In azzurro accumulò 28 presenze e 4 reti, alle quali si aggiungono altre due gare giocate nel 1955 con la Nazionale B. Fu capitano della Nazionale in 6 gare oltre a 2 della Nazionale B.

Smise l'attività agonistica nel 1965 in Serie B con la SPAL di Ferrara, squadra a cui era approdato nel 1961, chiamato da quell'astuto dirigente che fu Paolo Mazza convinto, a differenza di tanti altri, che Cervato non fosse assolutamente finito. Cervato giunse a Ferrara assieme a Dell'Omodarme quale parziale conguaglio della comproprietà di Bozzao ed i fatti diedero ragione a Mazza; il patavino diventò l'indiscusso capitano della SPAL, giocando altri 4 campionati e fermandosi solo per un serio infortunio che ne compromise definitivamente il prosieguo della carriera.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Si dedicò successivamente all'attività di allenatore partendo proprio dalla formazione De Martino della SPAL, contribuendo a lanciare, tra gli altri, un giovane di sicuro talento, Fabio Capello. Allenò successivamente il Trani, il Pescara e l'Empoli e diresse le giovanili della Fiorentina, quindi si dedicò all'attività di osservatore, continuando la sua opera di talent scout e selezionando alcuni dei migliori giocatori della Fiorentina fino a che una lunga malattia lo costrinse a fermarsi. Da calciatore fu un difensore col vizio del goal - ne fece ben 45 e nel suo ruolo risulta secondo solo a Facchetti che ne realizzò 59 ma giocando 2 campionati in più - e fu formidabile sui calci piazzati - con 19 reti segnate su rigore è tuttora il miglior rigorista viola in assoluto. Altri 3 rigori li realizzò con la Juve e 2 con la SPAL per un totale di 24 calci di rigore trasformati in Serie A (su 32 tentativi). Grazie a ciò occupa la nona posizione nella classifica che raggruppa i calciatori con il maggior numero di rigori calciati[1]. Con 466 presenze in Serie A risulta il 20º calciatore con il maggior numero di presenze di tutti i tempi nella massima serie italiana. È morto a Firenze all'età di 76 anni.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Sergio Cervato in maglia viola

.

Carriera in cifre
Club Stagione Torneo Campionato Coppa Italia Coppe Europee Nazionale Totale
Gare Reti Gare Reti Gare Reti Gare Reti Gare Reti
Tombolo 1946-1947 Dilettanti  ?  ?  ?  ?
Bolzano 1947-1948 Serie B  ?  ?  ?  ?
AC Fiorentina 1948-1949 Serie A 18 0 18 0
AC Fiorentina 1949-1950 Serie A 36 2 36 2
AC Fiorentina 1950-1951 Serie A 37 4 3 0 40 4
AC Fiorentina 1951-1952 Serie A 28 1 2 0 30 1
AC Fiorentina 1952-1953 Serie A 31 2 3 1 34 3
AC Fiorentina 1953-1954 Serie A 33 3 3 0 36 3
AC Fiorentina 1954-1955 Serie A 18 0 2 0 20 0
AC Fiorentina 1955-1956 Serie A 33 5 6 0 39 5
AC Fiorentina 1956-1957 Serie A 30 5 7 0 4 2 41 7
AC Fiorentina 1957-1958 Serie A 27 4 9 0 2 0 38 4
AC Fiorentina 1958-1959 Serie A 25 5 2 0 2 0 29 5
1948-1959 AC Fiorentina 316 31 11 0 7 0 334 31
Juventus F.C. 1958-1959 Coppa Italia 2 3 2 3
Juventus F.C. 1959-1960 Serie A 34 6 3 2 3 1 40 9
Juventus F.C. 1960-1961 Serie A 28 1 2 1 2 0 32 2
1958-1961 Juventus F.C. 62 7 7 6 2 0 71 13
SPAL Ferrara 1961-1962 Serie A 32 5 32 5
SPAL Ferrara 1962-1963 Serie A 29 0 29 0
SPAL Ferrara 1963-1964 Serie A 27 2 27 2
SPAL Ferrara 1964-1965 Serie B 3 0 3 0
1961-1965 SPAL Ferrara 91 7 91 7
1948-1964 Serie A 466 45 466 45
1964-1965 Serie B 3 0 3 0
1951-1960 Nazionale A 28 4 28 4
1954-1955 Nazionale B 2 0 2 0
1948-1965 Totale 469 45 18 6 9 0 30 4 526 55

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni Nazionali[modifica | modifica sorgente]

Fiorentina:1955-1956

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Fiorentina: 1957
Fiorentina: 1958-1959

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sportweek, anno 3 - N. 127 - 7 settembre 2002, p. 96.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 87.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Dario Marchetti (a cura di), Sergio Cervato in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.