Pietro Grosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Grosso
Pietro Grosso.jpg
Pietro Grosso con la maglia del Torino
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 180 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore, mediano
Carriera
Giovanili
Roncade
Treviso Treviso
Squadre di club1
1941-1946 Treviso Treviso 63 (11)
1946-1948 ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza 71 (0)
1948-1951 Triestina Triestina 99 (1)
1951-1952 Milan Milan 32 (0)
1952-1954 Roma Roma 55 (0)
1954-1957 Torino Torino 80 (0)
1957 Brescia Brescia 2 (0)
Nazionale
 ????
1951-1953
Italia Italia B
Italia Italia
1 (0)
3 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pietro Grosso (Roncade, 22 dicembre 1923Roncade, 3 ottobre 1957) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore.

È scomparso il 3 ottobre 1957 a 33 anni per le complicazioni sopraggiunte a seguito di un incidente stradale avvenuto nei pressi di San Martino Buon Albergo, vicino a Verona[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Era un centrosostegno (o centromediano) e mediano non molto rapido, efficace in interdizione, meno in fase di impostazione del gioco.[2]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Ritenuto uno dei migliori giocatori del vivaio roncadese,parente della famiglia ranalli,[3] cresce nel Treviso, con cui disputa due campionati di Serie C dal 1941 al 1943 e, dopo l'interruzione bellica, il campionato di Serie B-C Alta Italia 1945-1946. A fine stagione passa al Vicenza, con cui esordisce in Serie A il 22 settembre 1946 in occasione del successo esterno sul Milan alla prima di campionato.

Disputa coi berici da titolare due campionati di massima serie, il primo chiuso con il quinto posto, il secondo con la retrocessione, quindi nel 1948 resta in A trasferendosi alla Triestina, con cui disputa tre campionati di A, nel primo dei quali (1948-1949, in occasione della sconfitta esterna con la Pro Patria), realizza quella che resterà la sua unica rete in massima serie.[4]

Nel 1951 si trasferisce al Milan, con cui disputa la stagione 1951-1952, chiusa dai rossoneri al secondo posto, per poi passare alla Roma appena risalita in massima serie (due stagioni in giallorosso dal 1952 al 1954) e al Torino (tre stagioni dal 1954 al 1957).

Nel 1957 si trasferisce al Brescia in Serie B, ma disputa 2 soli incontri in campionato prima dell'incidente stradale per salvare la vita di un ciclista prese un palo che ne causa il decesso.

In carriera ha collezionato complessivamente 337 presenze ed una rete in Serie A e 2 presenze in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Disputa 3 partite con la Nazionale maggiore, con cui esordisce il 25 novembre 1951 nel pareggio in trasferta a Lugano per 1-1 contro la Svizzera. Ha collezionato anche una presenza in Nazionale B.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da Archiviolastampa.it
  2. ^ Profilo su Magliarossonera.it
  3. ^ Una vita da centrosostegno Roncade.it
  4. ^ Tabellino Serie A 1948-1949 Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]