Giovanni Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Viola
Giovanni Viola.jpg
Giovanni Viola con la maglia della Juventus
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Altezza 179 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Ritirato 1959 - giocatore
1971 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-1945 Juventus Juventus
Squadre di club1
1945-1946 Juventus Juventus 2 (-?)
1946-1947 Carrarese Carrarese 33 (-?)
1947-1948 Como Como[1] 33 (-34)
1948-1949 Lucchese Lucchese 33 (-?)
1949-1958 Juventus Juventus 242 (-?)
1958-1959 Brescia Brescia 27 (-28)
Nazionale
1949-1950
1954-1956
Italia Italia B
Italia Italia
4 (-?)
11 (-15)
Carriera da allenatore
196? Juventus Juventus Giovanili
1969-1970[2] Barletta Barletta
1970-1971[3] Vigevano Vigevano
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giovanni Viola (San Benigno Canavese, 20 giugno 1926Torino, 7 luglio 2008) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha conquistato tre scudetti con la maglia bianconera della Juventus (anche se nella stagione 1957-1958 è stato la riserva di Carlo Mattrel ed è sceso in campo in una sola occasione). Con 242 partite disputate in campionato, è attualmente il quinto portiere più presente della storia juventina, dopo Combi, Zoff, Tacconi e Buffon.

Viola (accosciato, primo da destra) in Nazionale nel 1956

Ad inizio carriera ha disputato, in prestito dalla Juventus, anche un campionato di Serie A con la Lucchese, con la quale ha ottenuto un notevole ottavo posto in campionato.

Ha chiuso la carriera agonistica nel 1958-1959 col Brescia in Serie B.

Ha totalizzato 11 presenze in Nazionale. È stato convocato in azzurro in occasione dei Mondiali del 1954, scendendo in campo in occasione dello spareggio di Basilea contro la Svizzera, perso per 4-1. Nel maggio del 1955, per lo scontro di Torino con la nazionale jugoslava, viene preferito sia a Buffon (il Milan è in testa al campionato) che a Ghezzi (l'Inter è stata campione l'anno prima), mentre la Juve non solo è lontana dalla vetta, ma presenta una delle peggiori difese del torneo. La partita finisce 0-4, con i vari Vukas, Zebec, Boškov, Veselinović che dilagano. In nazionale prenderà parte ancora alla tournée in Sudamerica dell'estate 1956 difendendo la porta azzurra contro Argentina e Brasile, quindi uscirà dal giro.

Chiusa l'attività agonistica, è tornato alla Juventus con il ruolo di allenatore nel settore giovanile.[senza fonte]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1949-1950, 1951-1952, 1957-1958

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giocatori di Serie A e B autorizzati a cambiare società nella stagione 1947-48, Il Corriere dello Sport, 30 agosto 1947, pag.2
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 266
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 310

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 225.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]